RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 1 marzo 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

Cristante: "All'esterno forse mi sottovalutano. Vogliamo guadagnarci la Champions"

"Mourinho è un grande. Resto a Roma finché mi tengono"
Sabato 29 luglio 2023
ALBUFEIRA Cristante viene dalla terra di Pier Paolo Pasolini, il Friuli, ha mosso i primi passi nella squadra fondata dallo scrittore, il Casarsa. Si chiama Bryan, per via del papà canadese, cresciuto con la passione per le canzoni di Bryan Ferry. «Ma del Canada io non ho quasi nulla, ci ho vissuto solo tre anni, appena il tempo di imparare qualche parola in inglese dalla nonna». Italiana anche lei. «Partirono per il Canada per ragioni di lavoro, mio padre è nato lì. Io mi sento friulano al novanta per cento, italiano a tutti gli effetti».

Il Friuli terra di grandi calciatori, per non fare torto a nessuno, ne prendiamo tre a caso: Nereo Rocco, Fabio Capello e Dino Zoff. Lei ce l'ha un po' la tempra friulana.
«Si, siamo un popolo di lavoratori, dedito alla fatica, tosto, serio. Quando si tratta di mettere il cento per cento, ci siamo sempre».

Ha mosso i primi passi nel Casarsa, uno dei fondatori è stato Pasolini, pure lui per buona parte friulano.
«Ho visitato la sua casa, che oggi è un museo a lui dedicato».

Lei è un anti-divo, questo al giorno d'oggi è un problema o ne va orgoglioso?
«Sono fatto cosi, non mi piace stare al centro dell'attenzione, non amo i social. Mi viene naturale. Non penso sia un problema».

Come si pone, invece, davanti ai suoi colleghi più social?
«Ognuno fa ciò che vuole, mi rapporto con chiunque. Uno deve essere se stesso».

Essere "personaggio", però, aiuta.
«Io non sono stato penalizzato nella mia carriera. Magari qualche articolo in più aiuta, ma non ci do peso».

Essere leader della Roma è stata una conquista?
«Lo trovo normale, è una questione di età, di esperienza. Oggi posso prendermi responsabilità diverse, conosco meglio Roma, sento il bisogno di aiutare i più giovani, trasmettere una certa mentalità che è stata trasmessa a me».

Leader parlante o silenzioso?
«Parlo, eccome. Mi faccio sentire, sono un rompiscatole in campo. Mi trasformo quando gioco».

De Rossi disse: «Servono undici Cristante». Ci ripensa ogni tanto?
«Si, certo. Mi ha onorato, reso orgoglioso di giocare con lui e in questa piazza, che ha rappresentato al cento per cento. È stato l'emblema della passione, capace di trasmettere a noi giovani la passione per la maglia. Dire quelle parole il giorno del suo addio alla Roma ha avuto un peso. E lo ringrazierò sempre».

Da giovane era al Milan, poi la fuga al Benfica. Un'occasione persa?
«No, quell'esperienza all'estero mi ha formato. Ho capito il mondo che c'è fuori dall'Italia, una scelta che rifarei. Ho imparato il portoghese, ho fatto esperienza, ho conosciuto pure i posti dove siamo qui ora al lavoro. E si sta bene».

Le difficoltà ne ha avute, anche perché aveva solo 19 anni?
«Sono entrato in una cultura diversa, ho dovuto adattarmi. Capire un nuovo Paese, non era facile».

Poi, il ritorno in Italia è stato naturale.
«L'italiano sta meglio in Italia».

Bergamo il trampolino della sua carriera.
«Un ambiente serio, è stata una fortuna trovarsi lì. Basi solide, una presidenza italiana, a gestione familiare. Gasperini sapeva come valorizzare i giovani. Un'isola felice, insomma, dove è stato più semplice crescere».

Si è mai sentito sottovalutato?
«Ci sono due aspetti da considerare. All'esterno forse è così, mi sottovalutano; dentro gli spogliatoi e nel calcio mi sono sempre sentito trattato come meritavo».

Lei un ragazzo equilibrato, le è mai capitato di arrabbiarsi con qualche allenatore?
«Certo, è successo. Varie volte. Lo trovo normale».

Con Mourinho discute?
«Capita, anche se lui sa come prenderci. Diciamo che mi è successo meno».

L'approccio in una grande città come Roma?
«Ci sono pressioni diverse, all'inizio è stato difficile, poi è arrivato tutto quello che mi aspettavo: io metto sempre il massimo, diventa più semplice ritrovarsi. Oggi mi sono un po' innamorato di questa città, per le sue bellezze, per la passione della gente verso la Roma».

Cosa ha di speciale giocare con la maglia giallorossa?
«C'è un'atmosfera particolare, come vivere ventiquattro ore al giorno di calcio. Questo lo senti, più passa il tempo e più è così anche per un calciatore. Poi, cerco sempre di staccare quando sono a casa: ho la mia famiglia, gli amici, i miei cani».

Il monumento di Roma che porta nel cuore?
«Facile: il Colosseo».

Cosa ha Mourinho di speciale?
«Sa tutto prima degli altri. Ha la visione giusta delle situazioni, sa cosa fare e come comportarsi sempre. È un grande».

Tra dieci anni come si vede?
«Non ci ho ancora pensato. Di sicuro vorrei avere qualche trofeo in più in tasca».

La questione Arabia. Lì ci si va perché si fa calcio o è solo questione di soldi?
«In questo momento il calcio arabo non è paragonabile al nostro. Bisogna vedere come si evolve o se resta una questione legata a una sola estate. Oggi se mi offrissero di andarci, direi di no. Voglio competere qui. In avanti, chissà, è tutto da verificare».

Il suo ruolo, dopo averne ricoperti tanti, qual è?
«Nei due di centrocampo, il play. Fare il trequartista è stata una cosa estemporanea, anche divertente, ma è un ruolo che non sento totalmente mio».

La Roma con Mou atto terzo riparte dalla rabbia di Budapest?
«Sì. Vogliamo andare avanti nelle coppe e guadagnarci la Champions».

Che serve per trattenere Mou?
«Questo va chiesto a lui».

L'ultimo campionato non è andato bene, colpa solo degli arbitri?
«No, penso che le ragioni siano anche altre. Ad aprile eravamo terzi e in lotta per ogni competizione, ma gli infortuni arrivati tutti insieme ci hanno creato problemi. Io facevo il difensore, i ragazzi della Primavera erano titolari, avevamo un solo attaccante. Non è stato facile».

Budapest è ancora un brutto ricordo per via dell'arbitro, però.
«Ci sono stati episodi controversi, ma ormai è andata».

La Champions, questione necessaria per la prossima stagione.
«L'obiettivo principale è quello».

Per lo scudetto, invece?
«È difficile. A gennaio sapremo qualcosa di più. Sperare non costa. Dobbiamo tornare a giocare la Champions. Vorrei tanto vincerne una».

Più del Mondiale?
«Mah, non saprei. Vincere la Champions con il tuo club forse dà qualcosa in più. Ma al
Mondiale bisogna andare, stavolta non possiamo fallire, non ci sono scuse».

Ha mai pensato di perdere Mancini dopo la mancata qualificazione in Qatar?
«No, anche se so che nella testa di un allenatore a volte girano certi pensieri. Il suo non è un compito facile».

Pochi italiani convocabili, ad esempio.
«Sì, e poi tante partite. I momenti per costruire una Nazionale sono sempre pochi. Ma ora con Mancio volgiamo toglierci altre soddisfazioni».

Un aggettivo per i tre nuovi romanisti.
«Aouar tecnico. Kristensen potente. Ndicka grande forza e un bel sinistro».

Insomma, la Roma si sta migliorando, anche se manca qualcosa?
«Quelli che sono arrivati fino a ora sono bravi e ci daranno una grossa mano».

Lungo ritiro in Algarve, ci sembra che ci si diverta anche, no?
«Siamo un bel gruppo, l'ambiente è tranquillo. Si gioca a carte, Mancini, Spinazzola, Belotti sono i più accaniti. Io mi dedico al ping pong, le mie sfide con Bove».

Dybala è uno che sposta?
«È un fuoriclasse. Quando sta bene, ci fa la differenza».

Quanto starà alla Roma?
«Finché mi tengono. Clima e città fantastici. Ora dobbiamo solo ricaricarci e provare a vincere qualcosa. Con la Champions come obiettivo primario».
di Alessandro Angeloni
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Primavera - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 16 dic 2023 
Più fiducia nei giovani, l'esempio di Mou e Gasp non rimane isolato
I giovani, utilizzati con frequenza, hanno la possibilità di mettersi in evidenza e maturare esperienze importanti.
 Ven. 15 dic 2023 
L'ascesa di Pisilli: dai giovanissimi alla prima squadra. Mourinho ha lanciato un altro "bambino"
L'ingresso in campo, il gol e le lacrime. La storia di Niccolò Pisilli è una di...
 Gio. 14 dic 2023 
MOURINHO: "Secondi per colpa nostra. Pisilli? Sono scappato per non piangere"
EUROPA LEAGUE 2023/2024 - ROMA-SHERIFF 3-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "Paghiamo la partita orribile di Praga, giocando due gare in più. Questa è una rosa che deve giocare il meno possibile"
Roma, è il giorno degli esami per Belotti e Renato Sanches
I cinque gol segnati in questo inizio di stagione non sono serviti al Gallo per convincere l’allenatore a dargli spazio: nelle ultime quattro partite di campionato non ha giocato neanche un minuto
 Mer. 13 dic 2023 
TRIGORIA 13/12 - Out Pellegrini, Paredes, Mancini e Cristante, differenziato per Spinazzola
ALLENAMENTO ROMA - Il capitano della Roma non si è allenato, insieme a lui mancano all’appello anche altre pedine importanti per la prima squadra
 Lun. 11 dic 2023 
PRIMAVERA 1 - Roma-Atalanta 3-2
Nella 13ª giornata del Campionato Primavera, la Roma di Federico Guidi si appresta...
 Mer. 06 dic 2023 
Smalling, il paziente inglese: no all'operazione, torna tra altri due mesi?
Chris, per ora, non vede luce. Se continuerà a così non rienterà neppure a gennaio
PRIMAVERA TIM CUP - Roma-Cesena 1-0, giallorossi ai quarti di finale
Dopo il buon pareggio per 1-1 in campionato in casa dell'Inter, la Primavera di...
 Dom. 03 dic 2023 
PRIMAVERA 1 - Inter-Roma 1-1
Dopo il successo di misura contro l'Hellas Verona, la Primavera di Federico Guidi...
 Ven. 01 dic 2023 
 Mer. 29 nov 2023 
Roma, con la panchina lunga è un'altra storia
Mourinho ritrova gli infortunati e come nella vittoria con l’Udinese può contare sul grande supporto dei cambi a gara in corso
 Lun. 27 nov 2023 
PRIMAVERA 1 - Roma-Verona 1-0
Chiusa la pausa per gli incontri validi per le nazionali, la Primavera di Federico...
 Mar. 21 nov 2023 
Il Tre Fontane si rifà il look: dalle luci all'Hospitality. Tutte le novità
Le parole di Elisabetta Bavagnoli, Head of Women's Footbal: "L'attenzione da parte dei Friedkin è sotto gli occhi di tutti"
 Sab. 18 nov 2023 
La Roma oltre Smalling: i nomi dei difensori che Pinto sta cercando
La lunga assenza del difensore inglese obbliga i giallorossi a tornare sul mercato a gennaio, Fair Play Finanziario permettendo...
 Ven. 17 nov 2023 
Da Tahirovic a Matic, quanto faticano gli ex Roma senza Mourinho. Solbakken? Sparito
Lontano dalla capitale non sanno emergere. Matic, 5 gialli in 10 gare al Rennes Ibañez fra buone gare ed errori clamorosi
 Mer. 15 nov 2023 
TRIGORIA 15/11 - Squadra in campo: tanti Primavera aggiunti al gruppo
ALLENAMENTO ROMA - La squadra di Mourinho, anche senza nazionali, prosegue a lavorare. Regolarmente in campo il capitano e Renato Sanches. I due puntano a recuperare la miglior condizione in vista della ripresa con l'Udinese
 Mar. 14 nov 2023 
 Dom. 12 nov 2023 
PRIMAVERA 1 - Cagliari-Roma 0-2
Reduce dalla beffarda sconfitta nel turno precedente contro la Juventus, la Primavera...
 Mer. 08 nov 2023 
PAGANO: "Se Mourinho mi darà altre occasioni mi farò trovare pronto. Non pensiamo al derby"
EUROPA LEAGUE 2023/2024 - FASE A GIRONI SLAVIA PRAGA-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI RICCARDO PAGANO
 Lun. 06 nov 2023 
TRIGORIA 06/11 - Inizia la preparazione per lo Slavia: in campo chi ha saltato il Lecce
ALLENAMNETO ROMA - I giallorossi iniziano una settimana delicata che prevede la trasferta di Praga e il derby contro la Lazio. Anche Tiago Pinto in campo ad assistere alla seduta
Cristian Totti, la festa per i 18 anni con mamma Ilary Papà Francesco c'è... solo in foto
Tanti amici e una mega torta a più strati per la festa del primogenito di casa Totti-Blasi
 Dom. 05 nov 2023 
PRIMAVERA 1 - Roma-Juventus 1-2
Dopo il successo di lunedì pomeriggio in casa del Monza, la Primavera di Federico...
 Lun. 30 ott 2023 
PRIMAVERA 1 - Monza-Roma 2-3
La Primavera di Federico Guidi torna in campo questo pomeriggio alle 14:30 nella...
 Ven. 27 ott 2023 
TRIGORIA 27/10 - Ripresa in vista di Inter-Roma: Smalling out dal campo, c'è Azmoun
ALLENAMENTO ROMA - Personalizzato per Kumbulla. Presente il classe 2005 Cichella
Il bambino Cherubini da San Basilio e il retroscena: "Ciao Lazio, meglio la Roma"
Il ragazzo dello stesso quartiere di Ultimo andò a Formello ma dopo un anno chiese di tornare indietro. E ieri ha esordito in prima squadra
 Dom. 22 ott 2023 
Roma-Monza, il club celebra i 50 anni in giallorosso di Conti: ovazione dell'Olimpico
Le parole del Ceo Lina Souloukou: "È un immenso onore per tutti noi ringraziarti per tutto quello che hai fatto"
 Sab. 21 ott 2023 
MOURINHO: "Smalling non ci sarà domani, nemmeno Dybala. Llorente sarà a disposizione"
ROMA-MONZA, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "Spero di recuperare Sanches per il prossimo match. Scommesse? Mi fido dei miei calciatori"
PRIMAVERA 1 - Roma-Milan 0-0
Conclusa la pausa per gli impegni delle nazionali, la Primavera di Federico Guidi...
Ricomincia la scalata di Zalewski
Nicola Zalewski è pronto a intraprendere una battaglia legale che sarà l'ennesimo...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>