facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 17 ottobre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Ottavio Bianchi: "È la Roma che avrei voluto"

Giovedì 24 gennaio 2019
«Sono stanco, allo stadio non vado da 2 anni. Il calcio, dalla tribuna, non mi interessa più. Andare non è più una passeggiata. I tornelli e altro: basta. Meglio la tv, non mi perdo nemmeno una partita». Figuriamoci se Ottavio Bianchi, bresciano che vive a Bergamo, buca la prossima dell'Atalanta che domenica ospita la Roma. «Non parliamo, però, di sorpresa in questo torneo: contesto subito la definizione». A 75 anni, compiuti il 6 ottobre, è quello di sempre. Nella personalità e nello spirito. Con il carattere portato in campo da calciatore, l'autorevolezza usata da allenatore e la lucidità mostrata da dirigente.

Ok, la realtà Atalanta. Gasperini o il club, di chi il merito?
«Mettiamoci pure la città: pubblico del Nord che trasmette il calore del Sud. L'Atalanta ha sempre avuto una bella tradizione per il vivaio. Prima, però, con alti e bassi. Ora non più. C'ero 3 anni fa quando Gasperini, a rischio esonero, superò il Napoli. Vittoria meritata con diversi ragazzi al debutto. Da lì, il ciclo».

Vota, dunque, Gasperini?
«Il suo lavoro. Non è integralista, sa cambiare. Completo. Il gioco è ben definito. Si sminuisce l'Atalanta chiamandola provinciale. Fa ovunque la partita. Fisicamente sempre al top».

Gasperini fallì all'Inter. Piccolo se guida una grande?
«Non sono d'accordo. Uno deve avere garanzie dalla società. Poi sa dove usare un sistema e dove un altro. Ma se trova i lavativi, o li affronta o gli va dietro. Se i giocatori vanno però a cercare l'appoggio dai dirigenti, il tecnico si ritrova solo. E fine. L'Atalanta, comunque, è grande quanto le altre. Anzi, ha fatto meglio dell'Inter, del Milan e della Roma, pur stando sotto. Loro, partite con grandi ambizioni, sono lontanissime dal 1° posto. Big, da 60 anni, solo la Juve».

Definitivo?
«La maggior parte delle squadre vive sull'improvvisazione. Gasperini no. Non segue una moda. Non s'inventa niente. Pratico. C'è chi chiede solo calciatori pronti, lui riparte ogni anno con nuovi e gli insegna cosa fare in campo. Non con Messi e Ronaldo. Ma passa da Petagna a Zapata come se niente fosse. Da un centravanti che fa salire i centrocampisti a uno che va in profondità. Gomez da esterno lo accentra. Parte Caldara e lui lancia Mancini. Fa segnare i difensori come gli attaccanti».

Anche la Roma vende i migliori e si rinnova in ogni stagione. La squadra, però, non è sempre competitiva. Conosce bene la Capitale: dov'è il problema?
«L'ambiente. Se a Bergamo vendono qualcuno bravo, la gente non dice niente. Roma è Roma, non puoi sbagliare una partita. Ai giovani vanno concessi gli errori, li fanno pure i vecchi. E invece se non giochi bene una gara, sei bocciato. Pazienza zero».

La Roma adesso è più giovane. E più italiana.
«Come piace a me, è il mio calcio. Poi il campione lo vai a prendere all'estero. Ma la base deve essere indigena. Ora tutti si stupiscono di Zaniolo. Io, conoscendo la Capitale, mi preoccupo. Non va esposto mediaticamente. Se ha una calo, possibile per un giovane, può andare in panchina. Senza, però, aprire dibattiti in radio o televisione».

Come valuta Di Francesco?
«Bene con il Sassuolo. Con la Roma meglio in Europa: squadra più libera. È fondamentale che non si faccia condizionare e porti avanti il suo calcio. Io venni a Roma solo perché c'era Viola. Mi disse che ai tifosi e ai giornalisti avrebbe pensato lui. Io feci solo l'allenatore. Grande persona l'ingegnere, mi chiese la salvezza: per questioni politiche, la Roma avrebbe faticato. Mi fece nomi, cognomi e indirizzi. Arrivammo in finale di Coppa Uefa e vincemmo la Coppa Italia. Peccato lui non ci fosse più, sarebbe stato orgoglioso. Alzò la coppa la signora Flora, fu la mia stagione più bella».

Come si rinforza una squadra che vuole sfidare la Juve?
«Ok i giovani, ma poi per vincere serve Batistuta. A Trigoria ne sanno qualcosa. ok Florenzi, Cristante, Pellegrini e Zaniolo. Poi, però... il colpo grosso. Ricordo che cosa mi spiegò invece Tapie, l'ex presidente del Marsiglia, invitandomi a Parigi da dirigente del Napoli: il campione puoi venderlo, ma due anni prima devi prendere il sostituto per farlo crescere accanto al big da cedere. E chiari con chi vuole partire: via a fine anno solo se fai una grande stagione. Ci guadagnano il club, il tecnico e il giocatore».

Batistuta, dunque. O Ancelotti, come ha fatto il suo Napoli. Giusto?
«Mossa perfetta: per sfidare la Juve, l'allenatore vincente. Con Sarri grande calcio, ma non è bastato. Ancelotti non ha sprecato quanto fatto dal collega. Ha, però, portato le sue idee. E sfruttato bene la rosa. Male che va ottiene quanto fatto dal predecessore...».

Dietro alla Juventus che ha pure Cr7 in più.
«Ronaldo ha cancellato ogni mio dubbio con il professionismo e l'umiltà, nonostante i privilegi economici e di prestigio».

Gattuso è 4°. Promosso?
«Sì, bravo. La sua stagione mi ricorda la mia carriera. Da navigatore solitario. Come lo capisco... Quando non sai se la società c'è o no. Solo al Como ho vissuto tranquillo. Poi, mai più. E a Napoli ho vinto da solo contro tutti. Urlando ai migliori».
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Messi - News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Gio. 14 mar 2019 
Riecco la strana coppia
L'oggi e il domani insieme. Dzeko e Schick a braccetto nel 4-4-2 è la mossa annunciata...
 Mar. 12 mar 2019 
Ranieri sale in cattedra al corso Uefa Pro: allievi Cerezo, Rivera e Zema
Claudio Ranieri sale in cattedra. La vittoria sull'Empoli di ieri, al suo ri-esordio...
 Lun. 11 mar 2019 
Panucci: "La Roma non mi ha mai contattato, Ranieri scelta giusta"
«Qui ho provato emozioni uniche» ha detto il ct dell'Albania a Radio anch'io Sport su Rai Radio 1. Sul derby di Milano dice: «Partita a sé. Icardi? Ci sta perdendo il movimento Inter»
 Ven. 08 mar 2019 
E Zaniolo scrive: "Grazie di tutto mister"
Lo hanno salutato prima negli spogliatoi, e poi sui social. Forse non credevano...
 Gio. 07 mar 2019 
Roma, lo scippo è servito al Var
Finale nero, figlio degli errori, di Dzeko (sotto porta), di Florenzi (che regala...
 Mer. 06 mar 2019 
Roma, nottata da incubo. Il Porto passa dopo 120'
Non basta il rigore di De Rossi. Tiquinho, Marega e il penalty di Alex Telles concesso col VAR esaltano i portoghesi
Roma&Eusebio: l'ultimo Porto
Pioggia e vento, davanti all'Atlantico. Anche il set sembra insomma studiato nei...
 Dom. 03 mar 2019 
Questura di Roma: "Daspo per tre tifosi. Ferito lievemente un agente"
Ecco quanto pubblicato dalla Questura di Roma: Stadio Olimpico. "Lazio - Roma" -...
 Sab. 02 mar 2019 
Esame Zaniolo. Manolas titolare
"Serve più cuore che gambe": come si fossero messi d'accordo, Inzaghi e Di Francesco...
 Gio. 28 feb 2019 
Roma-Juventus, Info Biglietti
ROMA-JUVE: DAL 1° MARZO IN VENDITA I TAGLIANDI DI TUTTI I SETTORI
 Dom. 24 feb 2019 
Attesa per l'orario "vero" del derby
L'eterna battaglia tra spettacolo e ordine pubblico prosegue. Non c'è turno di campionato...
 Dom. 17 feb 2019 
Roma, un girone di vite
La sconfitta devastante, una prima ipotesi di esonero e crisi aperta sulla via Emilia;...
 Ven. 15 feb 2019 
Roma, Dzeko testimonial da Champions
La notte di martedì si è illuminata con le 2 reti di Zaniolo. Quella doppietta,...
 Gio. 14 feb 2019 
MANOLAS: "Siamo tutti leader in squadra. Vogliamo passare contro il Porto. Stimo Sergio Ramos"
Queste le parole di Kostas Manolas, difensore della Roma, in un'intervista pubblicata...
 Mer. 13 feb 2019 
È la Roma di Zaniolo
Nel segno di Zorro e della rabbia per quello che poteva essere. Nel segno di uno...
 Mar. 12 feb 2019 
Roma, Dzeko tuttofare trascina la squadra
Quanto lo abbiamo pensato, tutti. Dzeko sta aspettando le notti Champions. Detto,...
Quattromila tifosi del Porto, forte allerta in città
Cinquantamila spettatori, di cui 4mila portoghesi, una cornice di pubblico importante,...
 Lun. 11 feb 2019 
Conceiçao senza Marega, Herrera pericolo n°1
Senza Marega (5 gol nella prima fase) e lo squalificato Jesus Corona, il Porto di...
La carica dei 50 mila: Olimpico, tregua per l'Europa
I dettagli verranno messi a punto oggi, con il tavolo tecnico e le ultime riunioni...
 Ven. 08 feb 2019 
PORTO, Conceiçao nei guai: perso anche Jesus Corona
Il Porto perde un altro pezzo in vista della sfida contro la Roma in Champions League....
 Gio. 07 feb 2019 
Sanabria: "Totti? In partitella lo vedevo e pensavo: 'Quanto è forte...'"
Un canterano rimane tale per sempre. E se poi nella vita, dopo esserti allenato...
Monchi-DiFra: un asse di fiducia
Il patto tra Monchi e Di Francesco è visibile in campo. In partita, ad essere più...
 Mer. 06 feb 2019 
Stadio, illecito amministrativo per Eurnova
Un'accusa per «illecito amministrativo» che rischia di influire negli accordi per...
 Lun. 04 feb 2019 
Ora ci vuole un fortino per difendere Zaniolo
Il gol da Champions del Milan è stato confezionato da Paqueta e Piatek, quelli che...
 Dom. 03 feb 2019 
La grande frenata. Mercato, Europa al risparmio: -30%
Il colpo dell'inverno... non si muoverà da casa. Sì, Christian Pulisic, 20enne ala...
 Sab. 02 feb 2019 
GATTUSO: "Dobbiamo cavalcare l'onda dell'entusiasmo. Mercato? Siamo più forti"
ROMA-MILAN, LA CONFERENZA STAMPA DI GENNARO GATTUSO: “Di Francesco fa bene da anni, dobbiamo stare attenti. Zaniolo è una fortuna per il calcio italiano”
Florenzi, aspettando il top player smarrito
Ripensare oggi al paragone fatto tre anni fa da Walter Sabatini tra Florenzi e Dani...
 Gio. 31 gen 2019 
Di Francesco in bilico. Roma, dove i tecnici finiscono tutti allo stesso modo
Il tecnico dopo il 7-1 di Firenze è al centro della crisi e sembra destinato a fare la stessa fine di tanti predecessori, anche illustri, negli ultimi 15 anni
È il terzo k.o. per 7 a 1 subìto dal 2007: una maledizione
La maledizione del 7-1 colpisce ancora. Non era mai successo in coppa Italia dove...
 Mer. 30 gen 2019 
È la Coppa delle sorprese. Juve abbattuta da Zapata. Atalanta: 3-0 e semifinale
La squadra di Gasperini vola (ora troverà la Fiorentina) eliminando i bianconeri. Da Cancelo a De Sciglio, quanti errori. Espulso Allegri. Problemi fisici per Chiellini e Ilicic
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>