facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 29 maggio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Ottavio Bianchi: "È la Roma che avrei voluto"

Giovedì 24 gennaio 2019
«Sono stanco, allo stadio non vado da 2 anni. Il calcio, dalla tribuna, non mi interessa più. Andare non è più una passeggiata. I tornelli e altro: basta. Meglio la tv, non mi perdo nemmeno una partita». Figuriamoci se Ottavio Bianchi, bresciano che vive a Bergamo, buca la prossima dell'Atalanta che domenica ospita la Roma. «Non parliamo, però, di sorpresa in questo torneo: contesto subito la definizione». A 75 anni, compiuti il 6 ottobre, è quello di sempre. Nella personalità e nello spirito. Con il carattere portato in campo da calciatore, l'autorevolezza usata da allenatore e la lucidità mostrata da dirigente.

Ok, la realtà Atalanta. Gasperini o il club, di chi il merito?
«Mettiamoci pure la città: pubblico del Nord che trasmette il calore del Sud. L'Atalanta ha sempre avuto una bella tradizione per il vivaio. Prima, però, con alti e bassi. Ora non più. C'ero 3 anni fa quando Gasperini, a rischio esonero, superò il Napoli. Vittoria meritata con diversi ragazzi al debutto. Da lì, il ciclo».

Vota, dunque, Gasperini?
«Il suo lavoro. Non è integralista, sa cambiare. Completo. Il gioco è ben definito. Si sminuisce l'Atalanta chiamandola provinciale. Fa ovunque la partita. Fisicamente sempre al top».

Gasperini fallì all'Inter. Piccolo se guida una grande?
«Non sono d'accordo. Uno deve avere garanzie dalla società. Poi sa dove usare un sistema e dove un altro. Ma se trova i lavativi, o li affronta o gli va dietro. Se i giocatori vanno però a cercare l'appoggio dai dirigenti, il tecnico si ritrova solo. E fine. L'Atalanta, comunque, è grande quanto le altre. Anzi, ha fatto meglio dell'Inter, del Milan e della Roma, pur stando sotto. Loro, partite con grandi ambizioni, sono lontanissime dal 1° posto. Big, da 60 anni, solo la Juve».

Definitivo?
«La maggior parte delle squadre vive sull'improvvisazione. Gasperini no. Non segue una moda. Non s'inventa niente. Pratico. C'è chi chiede solo calciatori pronti, lui riparte ogni anno con nuovi e gli insegna cosa fare in campo. Non con Messi e Ronaldo. Ma passa da Petagna a Zapata come se niente fosse. Da un centravanti che fa salire i centrocampisti a uno che va in profondità. Gomez da esterno lo accentra. Parte Caldara e lui lancia Mancini. Fa segnare i difensori come gli attaccanti».

Anche la Roma vende i migliori e si rinnova in ogni stagione. La squadra, però, non è sempre competitiva. Conosce bene la Capitale: dov'è il problema?
«L'ambiente. Se a Bergamo vendono qualcuno bravo, la gente non dice niente. Roma è Roma, non puoi sbagliare una partita. Ai giovani vanno concessi gli errori, li fanno pure i vecchi. E invece se non giochi bene una gara, sei bocciato. Pazienza zero».

La Roma adesso è più giovane. E più italiana.
«Come piace a me, è il mio calcio. Poi il campione lo vai a prendere all'estero. Ma la base deve essere indigena. Ora tutti si stupiscono di Zaniolo. Io, conoscendo la Capitale, mi preoccupo. Non va esposto mediaticamente. Se ha una calo, possibile per un giovane, può andare in panchina. Senza, però, aprire dibattiti in radio o televisione».

Come valuta Di Francesco?
«Bene con il Sassuolo. Con la Roma meglio in Europa: squadra più libera. È fondamentale che non si faccia condizionare e porti avanti il suo calcio. Io venni a Roma solo perché c'era Viola. Mi disse che ai tifosi e ai giornalisti avrebbe pensato lui. Io feci solo l'allenatore. Grande persona l'ingegnere, mi chiese la salvezza: per questioni politiche, la Roma avrebbe faticato. Mi fece nomi, cognomi e indirizzi. Arrivammo in finale di Coppa Uefa e vincemmo la Coppa Italia. Peccato lui non ci fosse più, sarebbe stato orgoglioso. Alzò la coppa la signora Flora, fu la mia stagione più bella».

Come si rinforza una squadra che vuole sfidare la Juve?
«Ok i giovani, ma poi per vincere serve Batistuta. A Trigoria ne sanno qualcosa. ok Florenzi, Cristante, Pellegrini e Zaniolo. Poi, però... il colpo grosso. Ricordo che cosa mi spiegò invece Tapie, l'ex presidente del Marsiglia, invitandomi a Parigi da dirigente del Napoli: il campione puoi venderlo, ma due anni prima devi prendere il sostituto per farlo crescere accanto al big da cedere. E chiari con chi vuole partire: via a fine anno solo se fai una grande stagione. Ci guadagnano il club, il tecnico e il giocatore».

Batistuta, dunque. O Ancelotti, come ha fatto il suo Napoli. Giusto?
«Mossa perfetta: per sfidare la Juve, l'allenatore vincente. Con Sarri grande calcio, ma non è bastato. Ancelotti non ha sprecato quanto fatto dal collega. Ha, però, portato le sue idee. E sfruttato bene la rosa. Male che va ottiene quanto fatto dal predecessore...».

Dietro alla Juventus che ha pure Cr7 in più.
«Ronaldo ha cancellato ogni mio dubbio con il professionismo e l'umiltà, nonostante i privilegi economici e di prestigio».

Gattuso è 4°. Promosso?
«Sì, bravo. La sua stagione mi ricorda la mia carriera. Da navigatore solitario. Come lo capisco... Quando non sai se la società c'è o no. Solo al Como ho vissuto tranquillo. Poi, mai più. E a Napoli ho vinto da solo contro tutti. Urlando ai migliori».
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Messi - News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Mer. 18 mar 2020 
Monchi: "Ho ancora i miei difetti e i miei pregi. C'è del lavoro dietro per generare plusvalenze"
L'ex direttore sportivo della Roma Monchi, ora al Siviglia, ha parlato ai microfoni...
 Mar. 17 mar 2020 
Coronavirus Roma, allo Spallanzani 184 positivi e 323 dimessi. "Dato confortante, +20% di casi"
Sono in totale 184 i pazienti positivi al Coronavirus ricoverati presso l'ospedale...
COMUNICATO UEFA - EURO2020 rinviato a giugno del 2021
Ceferin: "La salute è la priorità, stiamo pensando a delle opzioni per concludere i campionati"
Coronavirus, l'assessore D'Amato: "Chiusure anche oltre il 3 aprile"
Il responsabile della sanità regionale: «Dalle strutture private altri letti. Previsto un aumento di casi del 30%. Da oggi faremo più tamponi»
 Lun. 16 mar 2020 
Coronavirus, 49 nuovi casi a Roma, due vittime
Coronavirus, l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato fa il punto...
Coronavirus Roma, Spallanzani: "151 positivi, 31 in più di ieri, 322 dimessi"
Coronavirus, Roma si sveglia con la notizia della chiusura dell'aeroporto di Ciampino...
 Dom. 15 mar 2020 
Coronavirus, 49 nuovi casi a Roma, una vittima a Tor Vergata
Coronavirus, l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato fa il punto...
Coronavirus, bollettino medico Spallanzani: numeri in aumento, ma comunque contenuti. 120 positivi
L'Ospedale Spallanzani ha diramato quest'oggi il proprio bollettino medico. I pazienti...
Coronavirus Roma, caos supermercati "Pronti a scioperare"
Mentre i romani si mettono ordinatamente in coda ai supermercati per fare la spesa,...
 Ven. 13 mar 2020 
Coronavirus, a Roma 54 casi in un giorno. Lazio, 288 positivi in totale. Morta anziana al Casilino
Coronavirus, la situazione nel Lazio spiegata dall'assessore alla Sanità e l'Integrazione...
CORONAVIRUS, ufficiale: sospesa anche la Premier League
LONDRA (INGHILTERRA) - La Premier League rimarrà ferma fino al 4 aprile. La...
 Gio. 12 mar 2020 
Coronavirus Roma: sette arresti e 43 denunciati. Morto 58enne senza patologie: vittime salgono a 10
Bar e ristoranti chiusi, in strada solo qualche runner. Mancherebbero mascherine in alcuni ospedali. Attivati 72 posti letto per il trattamento residenziale intensivo per persone non autosufficienti. Chiese chiuse ai fedeli fino al 3 aprile
 Mer. 11 mar 2020 
Coronavirus, Inter in quarantena
Daniele Rugani è risultato positivo al Covid 19, la malattia generata dal Coronavirus....
 Sab. 07 mar 2020 
Primavera: i giallorossi cercano riscatto contro l'Inter
Per la Roma Primavera è il momento di reagire e difendere ad ogni costo il quinto...
 Ven. 06 mar 2020 
Coronavirus, termoscanner e niente bambini in campo: così riparte la serie A
Niente interviste flash in campo, non ci saranno nemmeno le riprese negli spogliatoi
 Gio. 05 mar 2020 
Trigoria blindata per il Coronavirus: le disposizioni anti contagio
Lo staff giallorosso ha predisposto misure cautelari di natura igienico-sanitaria all'interno del Fulvio Bernardini
 Mer. 04 mar 2020 
Serie A a porte chiuse fino al 3 aprile, date e orari dei recuperi
Lo sport chiude al pubblico per un altro mese. Juve-Inter e le altre gare rinviate nell'ultimo turno recuperate nel prossimo weekend. La Roma gioca contro Samp, Siviglia e Milan senza tifosi
TRIGORIA 04/03 - Diawara parzialmente in gruppo, differenziato per Pellegrini
Esercizi sulla velocità e focus tattico.
 Sab. 29 feb 2020 
A Siviglia duemila tifosi, prezzi dei voli già alle stelle
I prezzi dei voli per Siviglia per assistere all'andata degli ottavi di finale di...
 Ven. 28 feb 2020 
Europa League, alle 13 c'è il sorteggio: Roma e Inter, c'è il derby da evitare
Nell’urna dell’Uefa non ci sono teste di serie. Il pericolo numero uno per le italiane agli ottavi è lo United
 Gio. 27 feb 2020 
Europa League, le possibili avversarie di Roma e Inter
Manchester United, Bayer e Siviglia agli ottavi di finale. Avanti anche Olympiakos, Basilea, Lask Linz e Wolfsburg. Eliminazione per Arsenal, Porto, Ajax e Sporting. Domani il sorteggio a Nyon
 Mer. 26 feb 2020 
Roma, Friedkin in arrivo e Fonseca si gioca il futuro: il bivio è doppio
Un fine settimana, forse qualcosa di più. Siamo in una fase calda della stagione:...
 Sab. 22 feb 2020 
Allo Stadio finale
In giro per il mondo con la Roma sempre in testa. Dan Friedkin è già al lavoro insieme...
 Gio. 20 feb 2020 
CRISTANTE: "È evidente che non siamo nella nostra miglior fase, era importante non prendere gol"
ROMA-GENT 1-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA CRISTANTE A SKY SPORT Oggi lavoro importante...
 Mer. 12 feb 2020 
Nela: "Ho visto la morte in faccia"
La lotta contro il tumore, il passato in giallorosso, l'esperienza in società come...
 Ven. 07 feb 2020 
Giovani e brillanti: chi ferma le ali di Roma e Bologna?
Nell’anticipo di stasera sfida sugli esterni. Da una parte Under e Kluivert, dall’altra Orsolini e Barrow
 Gio. 06 feb 2020 
Roma, il futuro di Fonseca è tra le panchine (avversarie)
Cosa hanno in comune Roberto De Zerbi (Sassuolo), Siniša Mihajlović e Gian...
 Mer. 05 feb 2020 
Polveriera Barça, i tifosi temono addio Messi. E Setien dice: "Avrei preferito tenere Carles Perez"
Il titolo di Sport, quotidiano vicino alle vicende del club, rende l'idea dell'aria...
 Ven. 31 gen 2020 
CALCIOMERCATO Iturbe-Genoa, salta tutto all'ultimo: è la seconda volta in cinque anni
L'ex giallorosso, che pure ha già effettuato le visite mediche, non vestirà la maglia...
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>