facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 6 dicembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

De Gregori in concerto con la maglia del suo idolo Di Bartolomei

Si tratta di una t-shirt con l'immagine di Ago già scelta per la locandina dei suoi ultimi live. Il figlio dell'ex capitano della Roma ha commentato: "Su quella maglia non è Ago, ma un ragazzo della periferia di Roma che prova a comportarsi in maniera civile e a fare il suo lavoro con serietà e professionismo. Uno dei tanti romani che non sbraita, che non scoatta"
Sabato 16 novembre 2019
È stato il suo giocatore del cuore. È stato, soprattutto, un simbolo di lealtà e romanismo che Francesco De Gregori non può e non vuole dimenticare. Ecco perché qualche settimana fa il cantautore romanista si è presentato sul palco di un suo concerto a Milano con la maglia di Agostino Di Bartolomei, capitano della Roma degli Anni 80, che si è tolto la vita 25 anni fa. Non una maglia da gioco, quella indossata da De Gregori, ma una t-shirt con l'immagine di Ago già scelta per la locandina dei suoi ultimi live.

IL FIGLIO — A commentare la foto, che ha fatto il giro del web tra i tifosi della Roma (e non solo) ed è diventata virale nelle ultime ore anche Luca, il figlio di Di Bartolomei, su Twitter: "Caro Romanista (in riferimento al quotidiano che ha pubblicato l'immagine, ma non solo, ndr) sulla maglia di De Gregori non è "Ago". È un Ago. Su quella maglia c'è ragazzo della periferia di Roma che prova a comportarsi in maniera civile e a fare il suo lavoro con serietà e professionismo. Uno dei tanti romani che non sbraita, che non scoatta. Uno che non hai mai pensato di essere un esempio. Di Ago a Roma ce ne sono tanti: e più la comunicazione punterà modelli di romano prepotenti e volgari, come in queste settimane ci sono stati proposti da radio e tv, più Ago vedremo in giro". E poi, ancora, rispondendo ad un tifoso: "È un po' strano. Ma se è accaduto questo è soprattutto perché di Agostino a Roma ce ne sono tanti: romani normali - conclude Luca Di Bartolomei - che quotidianamente vivono rifuggendo lo stereotipo di coatto arruffone".
di Chiara Zucchelli
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 05 dic 2019 
Coppa Italia 2019/2020, domani il sorteggio per stabilire chi gioca in casa negli ottavi
Il sorteggio per gli ottavi di Coppa Italia 2019/2020 si terrà domani venerdì 6...
Roma, il titolo del club sospeso in Borsa per eccesso di rialzo
Il provvedimento fa seguito alle indiscrezioni di una cordata ceca interessata al progetto stadio di Tor di Valle e al possibile ingresso di nuovi soci
SMALLING risponde al Corriere dello Sport: "Titolo sbagliato e altamente insensibile"
Chris Smalling risponde al Corriere dello Sport. Il quotidiano sportivo romano...
Inter-Roma, una storia di armeni: Mkhitaryan sulle orme di Djorkaeff
L'ex interista segnò un gol capolavoro nel 1997, il romanista ha già segnato a San Siro: e quella foto da bambino...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>