facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 9 luglio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Spinazzola:"L'arrivo alla Roma è un passo importante per la mia carriera, voglio onorarlo al meglio"

"Idolo? Ronaldo il Fenomeno, ma esultavo come Batistuta"
Lunedì 29 luglio 2019
Leonardo Spinazzola, nuovo terzino della Roma, ha rilasciato una lunga intervista. Queste le sue parole:

Partiamo dall'inizio. Chi era Leonardo Spinazzola da bambino?
«Ero calcio e poi ancora calcio. Dalla mattina alla sera giocavo con il pallone sotto casa. Abitavo a Foligno in un quartiere dove c'era una pista di pattinaggio che noi bambini della zona usavamo come nostro campo ufficiale. Si partiva alle 10, poi dopo il pranzo alle 16 tutti di nuovo giù per fare il torneo del pomeriggio. Giusto una pausa per la cena e alle 22 ero ancora in strada per partita e nascondino finale».

Con quale squadra hai iniziato a giocare?
«A 5 anni con una polisportiva che era vicino casa, la Virtus Foligno, con cui ho iniziato con la categoria primi calci e ho continuato fino ai 14».

Hai sempre voluto fare il calciatore o hai fatto anche altri sport?
«No, mai avuto dubbi. Ho sempre e solo amato il pallone!».

Chi era il tuo idolo da bambino?
«Ronaldo Nazario da Lima, il Fenomeno. Mi ricordo che a casa vedevo la sua cassetta VHS che mio padre mi aveva comprato in edicola, poi scendevo sotto casa e cercavo di provare i numeri e i gol che avevo appena visto. Ho seguito molto anche Rui Costa e Batistuta. Mi piaceva molto l'ex attaccante giallorosso: quando esultavo con la Virtus Foligno mimavo il gesto della mitraglia come lui... ho anche delle videocassette dove sono immortalato a esultare così».

Hai giocato sempre da terzino?
«No, da piccolo giocavo come attaccante e fino a 12 anni facevo anche gol, poi ho smesso! (ride, ndr)».

Chi ti ha fatto cambiare posizione in campo?
«La prima volta che mi hanno messo a fare il quinto a centrocampo ero a Siena in Serie B, però mi ricordo che già quando avevo 16 anni l'allora tecnico della Primavera Marco Baroni mi disse che per fare strada nel calcio avrei dovuto giocare terzino. Io inizialmente non ero d'accordo: volevo fare l'esterno alto, ma poi, piano piano, negli anni successivi mi sono abbassato. Dopo Siena, nella prima esperienza all'Atalanta con Colantuono sono tornato alto, ma, quando sono andato a Perugia nel 2015, mister Bisoli mi ha spostato terzino e poi di base sono rimasto lì anche nelle esperienze successive».

C'è stato un momento in cui hai pensato che non saresti riuscito a fare il calciatore?
«Il primo anno a Siena, quando sono andato via di casa a 14 anni: era dura vivere da solo lontano da famiglia e amici. Non solo questo: è che mi feci subito male alla caviglia e tra le altre cose dovevo fare un sacco di strada con le stampelle per andare e tornare da scuola. Poi quando ho ripreso l'attività, dopo qualche settimana mi sono stirato. In quel momento ho chiamato casa e ho detto: "Venitemi a prendere, torno. Non ce la faccio". Mia madre in quel momento, assieme a mio padre, fu decisiva: mi ha consigliato di stringere i denti e di continuare a provare... e aveva ragione. Da marzo in poi tutto andò molto meglio».

Sei stato mandato in prestito molte volte: avresti preferito un po' più di stabilità?
«Essendo acquistato da un club come la Juventus da giovane, era normale per me fare un po' di gavetta in società più piccole. All'inizio è stata dura trovare spazio. Poi dal 2015-16, dall'esperienza di Perugia in poi, ho trovato la continuità che mi serviva».

Come è cambiata la tua vita in questi ultimi anni di Serie A?
«A livello di visibilità è cambiata, questo sì. Ma io sono rimasto lo stesso Leonardo di sempre. Ovviamente dopo Bergamo e soprattutto quando sono arrivato a Torino la gente ha iniziato a riconoscermi di più quando sono in giro».

Nella tua crescita professionale, i due anni a Bergamo sono stati decisivi...
«All'Atalanta con Gasperini ho imparato a sostenere ritmi alti in campo. Lui ti fa lavorare in allenamento in maniera molto intensa, al punto che quando giochi la partita ti sembra quasi una passeggiata. Davvero, giochi le gare quasi come fossero uno scarico, perché durante la settimana lavori in maniera impressionante. Sa poi trasmettere bene quello che vuole in campo: in partita sai bene quello che devi fare. Certe idee di Gasperini, nel modo di interpretare e vedere il calcio, le ho ritrovate in mister Fonseca».

Cosa hai imparato nel tuo anno alla Juventus?
«Tanto, in campo e fuori. Come diceva Allegri, per stare lì devi essere un campione anche mentalmente. Ti alleni con tanti fenomeni, che lo sono in campo ma soprattutto nella testa. Ho imparato soprattutto quale livello di attenzione ci vuole tutto l'anno in allenamento e in gara, che alla fine è quello che fa la differenza».

La partita che finora ricordi con più piacere in carriera?
«Ovviamente per importanza il 3-0 all'Atletico Madrid lo scorso anno nel ritorno degli ottavi di Champions League a Torino, ma non è stata quella la mia miglior prestazione della carriera. Con l'Atalanta ho fatto delle gare migliori. Una su tutte? La sfida a Dortmund al Signal Iduna Park contro il Borussia in Europa League nel febbraio 2018. Quella è stata la mia prima bella esperienza europea».

Chi è il tuo migliore amico nella vita?
"Siamo un gruppo di quattro amici che ci conosciamo da una vita: io, Marco, Luca e Dino. Giocavamo insieme da piccoli alla Virtus Foligno e siamo rimasti legati. Mi sono venuti a trovare dovunque ho giocato. Adesso poi che sono qui a Roma sono più vicini e li vedrò ancora più spesso».

Nel calcio a chi sei più legato?
«A Rafael Toloi e a Gianluca Mancini, che ho ritrovato qui a Trigoria dopo che abbiamo giocato insieme non solo a Bergamo ma anche a Perugia. Già in Umbria avevamo legato molto, a Bergamo eravamo anche compagni di stanza nelle trasferte. Sono contento che sia arrivato anche lui alla Roma».

Qual è una giornata tipo di Leonardo Spinazzola?
«La mattina presto porto fuori Yago, il mio labrador, poi da quando è nato mio figlio Mattia, è lui che riempie le giornate a me e mia moglie Miriam: è uno spettacolo. Dopo gli allenamenti facciamo spesso delle passeggiate tutti insieme, con famiglia e cane».

Come spendi il tuo tempo libero?
"Prima giocavo tanto alla PlayStation: da quando vivo con mia moglie ovviamente no, non è carino. Vediamo spesso insieme le serie TV e sentiamo molta musica. Siamo andati recentemente insieme al concerto di Beyoncé a Milano, che è stato stupendo: lei è un'artista meravigliosa. Anche mio figlio Mattia, che al momento ha solo 14 mesi, si mette a ballare davanti alla tv quando sente la musica».

Quanto ti ha cambiato la paternità?
«Tantissimo. Prima ragionavo ancora da ragazzo, ma con l'arrivo di Mattia mi sento addosso una responsabilità diversa. Non sono mai stato un pazzo fuori dal campo, ma adesso mi sento più tranquillo e soprattutto sono più felice».

Quanti tatuaggi hai?
«Ho il simbolo dell'infinito che ho fatto insieme a mia moglie e poi ho un tatuaggio maori sul braccio destro, che ha al suo interno diversi simboli che rappresentano la famiglia, l'amore, la forza e la fortuna. Ora dopo la nascita di mio figlio ne voglio fare un altro sull'altro braccio che sia legato in qualche modo a lui».

Finora hai 7 presenze in azzurro: cosa vuol dire per te indossare la maglia dell'Italia?
«Da bambino guardavo le partite della Nazionale incollato alla TV: ora giocarci, sapere che sono io lì dall'altra parte dello schermo e che tutti gli italiani mi guardano, è bellissimo. L'esordio in azzurro è stato davvero speciale, ad Amsterdam, nella gara poi vinta contro l'Olanda: quel momento mi ha dato ancora più autostima».

Quanto è importante per te l'obiettivo degli Europei?
«È importante per tutti, per il calcio italiano, per noi giocatori, per ogni tifoso del nostro paese. Io non ho mai giocato una competizione del genere, nemmeno nelle giovanili, quindi sono ancora più motivato».

Ora sei un giocatore della Roma: come rappresenta per te?
«Per me è sempre stata una grande società e una grande piazza, con grandi giocatori e squadre allestite per fare bene. Giocare all'Olimpico è poi sempre bellissimo, per lo stadio, per i tifosi e per il calore della gente. Questo è un passo importante della mia carriera e voglio onorarlo al meglio».

Le tue prime impressioni sulla squadra e i compagni?
«Siamo un gruppo nuovo. C'è un'aria positiva. Ci sono molti giovani, motivati, che stanno lavorando bene e con lo spirito giusto. Ci vuole tempo, visto che siamo una squadra molto diversa, con un allenatore nuovo. Ma, ripeto, nei miei compagni e nello staff vedo molto entusiasmo, carica e grande motivazione».

Che impressione ti ha fatto Paulo Fonseca?
«Come detto, in lui rivedo delle idee che ho già conosciuto in campo ai tempi di Bergamo. Mi piace questa sua visione del calcio. Il Mister è una persona molto diretta in campo, sa quello che vuole vedere e riesce a trasmetterlo. Vuole la difesa molto corta e stiamo studiando movimenti anche nuovi per me. Poi anche in attacco gli esterni alti devono essere bravi a svolgere più compiti. Lavora molto sui singoli reparti».

Hai un messaggio per i tifosi della Roma?
«Dobbiamo stare tutti uniti, abbiamo lo stesso obiettivo, il bene della Roma. Il nostro lavoro è quello di giocare al meglio con l'obiettivo di vincere sempre. Poi ci si può riuscire o meno ma bisogna puntare a quello. E per farlo bisogna lavorare al massimo in allenamento. Ecco, io a loro posso dire che l'impegno in questa direzione sarà massimo».
Fonte: As Roma
COMMENTI
Area Utente
Login

Allegri - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 03 giu 2020 
CONTE: "Possiamo ripartire, ma la distanza e le mascherine restano misure necessarie"
Il premier in conferenza stampa nel cortile di Palazzo Chigi: "Dal 4 maggio i dati sui contagi da coronavirus sono incoraggianti. Se possiamo ripartire è perchè abbiamo accettato i sacrifici."
 Lun. 01 giu 2020 
Calendario Serie A, ecco come si calcolerà l'algoritmo in caso di stop anticipato
Vertici federali al lavoro sul piano C con proiezione su 38 gare della media punti in casa e in trasferta: è il modello inglese. Oggi premierebbe Verona e Torino
 Gio. 30 apr 2020 
Fonseca: "Trigoria perfetta, perché niente allenamenti?"
Alleate nella lotta per la ripresa del campionato. La Roma segue la Lazio di Lotito...
 Dom. 26 apr 2020 
Nainggolan: "Tornerei alla Roma, mi mancano le serate. Totti il più forte"
Il centrocampista del Cagliari: "Sono andato via dalla Capitale per cose fatte a mia insaputa e per rispettare soprattutto me stesso"
 Gio. 23 apr 2020 
Spinazzola: "Non vedo l'ora ritornare ad allenarmi. Qualificazione Champions dura, me è l'obiettivo"
Leonardo Spinazzola, terzino della Roma, è intervenuto a Sky Sport, dove...
 Gio. 26 mar 2020 
El Shaarawy: "Ritorno a Roma? Mi sentivo in famiglia, ma non parlo di mercato"
Stephan El Shaarawy ha rilasciato un'intervista a Sky Sport 24 raccontando...
 Ven. 13 mar 2020 
Coronavirus, Totti e Vieri scherzano in quarantena: "È dura stare a casa" (VIDEO)
Vecchi amici di Nazionale, anche se in campionato non hanno mai giocato con la stessa...
 Mar. 10 mar 2020 
Serie A, ci sono 4 ipotesi: "Non assegnarlo, play off scudetto o..."
Terminato il consiglio straordinario in Figc: altri 13 giorni per le sorti della stagione in corso. Presenti fisicamente in via Allegri Gabriele Gravina, Claudio Lotito e Francesco Ghirelli
 Dom. 08 mar 2020 
Ramsey scioglie l'Inter, Dybala la condanna: la Juve vince e torna in testa
Il gallese e l’argentino, appena entrato, segnano i gol decisivi nella ripresa. La squadra di Conte non demerita ma sparisce nel finale. Sarri di nuovo primo a +1 sulla Lazio
 Ven. 06 mar 2020 
Zeman: "Ritornare alla Roma? Dipende dai programmi e da che si può fare. Spero che la Lazio vinca.."
Il tecnico boemo: “Spero che la Lazio vinca il campionato, anche se la Juve ha la rosa più forte”
 Sab. 22 feb 2020 
Dove c'è il caos, lì regna Lotito
[..] Lotito è il presidente della Lazio che in classifica sta tra la Juve - una...
 Gio. 13 feb 2020 
Var, Gravina chiede maggiore uso dell'on field review. "Figc pronta a sperimentare il challenge"
«Da questo week-end, il Var deve essere usato di più». L'imput è forte e arriva...
 Mer. 12 feb 2020 
Roma, mezza rosa sott'osservazione: conferma in bilico
Fine febbraio, al massimo inizio marzo: Dan Friedkin non intende aspettare oltre...
Roma, il patto con Fonseca e le voci su Allegri
Il tecnico portoghese non è in discussione, forse è una delle poche certezze. Ma il futuro di ogni allenatore è legato ai risultati
 Mar. 11 feb 2020 
Fonseca ora rischia: media punti come Di Francesco e il suo modulo è naufragato
C'è un posto in Italia dove ogni allenatore (chi prima chi dopo) viene inghiottito....
 Lun. 10 feb 2020 
Roma, la domenica di relax di giocatori e tecnico fa scaldare i tifosi
Alcuni giallorossi si sono fatti fotografare al mare, in discoteca o allo zoo. E su social e radio qualcuno polemizza : "Noi stiamo male e loro sono sereni". Oggi ripresa degli allenamenti
 Mar. 04 feb 2020 
MANCINI: "Col Sassuolo la partita più brutta". SPINAZZOLA: "Per far felici i tifosi servono i fatti"
Evento UTR, presenti Gianluca Mancini e Leonardo Spinazzola
 Ven. 31 gen 2020 
Giallorossi mai ko con il Sassuolo
La prima sfida contro il Sassuolo, nel novembre 2013, non andò bene (finì 1-1)....
 Dom. 26 gen 2020 
Pallotta-Lotito: non c'è partita. Due modi opposti di essere presidenti
Lotito e Pallotta. Pallotta e Lotito. Due volti perfetti per rappresentare questo...
 Mer. 22 gen 2020 
Lazio, sfogo social di Immobile: "Sul cadavere dei leoni festeggiano i cani"
Lazio sconfitta sul campo dal Napoli in Coppa Italia ma unita contro le ironie e...
 Lun. 20 gen 2020 
Branchini: "Lo scambio Spinazzola-Politano non si farà più"
Il procuratore parla della complicata vicenda di mercato tra Roma e Inter. Poi su Allegri: "Dice che sta intensificando i corsi di inglese..."
 Ven. 10 gen 2020 
Cobolli Gigli: "A Roma la Juve deve tirare fuori gli attributi. Conte grande allenatore ma..."
"Conte è un grande allenatore ma alla lunga distrugge il calciatore. I soldi di De Ligt li avrei spesi per prendere Guardiola al posto di Sarri. Allegri? Fatto fuori da Paratici e Nedved."
 Dom. 22 dic 2019 
Roma, la beata gioventù: Pellegrini e Zaniolo show da Champions
Il brindisi al Franchi, sotto il settore ospiti, con 3500 tifosi giallorossi zuppi...
 Mar. 10 dic 2019 
Roma, se il gol non è facile: serve uno alla Kean
La difesa è ok, con quindici reti incassate (come Lazio e Juve) è peggiore solo...
 Ven. 15 nov 2019 
Il papà di Kean: "All'Everton non sta bene, spero vada alla Roma! E con Zaniolo..."
Il padre di Moise: “Non ho capito perchè la Juventus lo ha ceduto. Se mio figlio mi dovesse dire che i giallorossi sono interessati a lui, darei la mia benedizione a questa operazione”
 Gio. 14 nov 2019 
Mandzukic, Kessie, Politano & Co.: tanti i partenti per sistemare i conti
Perin; Demiral, Rugani, Juan Jesus; Florenzi, Kessie, Emre Can, Ghoulam; Politano,...
 Mer. 13 nov 2019 
A lezione da Falcao: "Il nuovo progetto della Roma mi convince, bisogna seguire Fonseca
Zitti tutti, parla Paulo Roberto Falcao. E ne ha per tutti, soprattutto per Cristiano...
 Lun. 11 nov 2019 
FONSECA parteciperà all'Elite Club Coaches Forum. Tre gli italiani invitati
Paulo Fonseca parteciperà oggi all'Elite Club Coaches Forum, l'annuale riunione...
 Mer. 02 ott 2019 
Nainggolan, Olsen, Pellegrini alla riconquista di Roma
Sedotti, poi venduti, scaricati dal club giallorosso, si stanno riscattando a Cagliari. E domenica...
 Mer. 11 set 2019 
Roma, Fonseca il quarto tecnico più pagato della Serie A
C'è un uomo solo al comando: Antonio Conte. Quegli undici milioni netti all'anno...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>