facebook twitter Feed RSS
Sabato - 4 luglio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Salutando, Totti disse: "Ho paura". Adesso sappiamo perché...Dubbi e veleni che hanno divorato il re

Tutto quello che c'è da sapere sull'addio dell'ex capitano giallorosso dopo trent'anni di amore. Come nel "Ritratto di Dorian Gray" ad un certo punto deve essersi guardato allo specchio scoprendo di essere diventato ciò che aveva sempre detto di non voler essere
Domenica 16 giugno 2019
Il mondo ha denti d'acciaio, il sorriso ingannatore e il pugnale dietro la schiena. E se questa verità malinconica ognuno di noi la vive ben presto sulla propria pelle, se ti chiami Francesco Totti arrivi a scoprirla quando il tempo comincia a rubarti il respiro. Dietro l'addio alla Roma, in fondo, c'è anche questo. Trent'anni d'amore, vissuti nell'adorazione laica di una città, sono stati un anestetico formidabile verso il male di vivere che alla fine, in qualche maniera, cresce fino a presentarti il conto. Il capitano di una generazione, d'altronde, aveva iniziato a capirlo quando la sua parabola calcistica stava giungendo alla conclusione.

Lasciamo da parte Spalletti e le sue ombre, la rugginosità palese nel rapporto con la dirigenza, persino la sorprendente «ingratitudine» di una parte della tifoseria (sì, un tempo a Roma c'erano gli spallettiani) quando il fiato cominciava a diventare corto e i muscoli di vetro. Il tramonto della sua carriera di artista del calcio, sublimato in quell'addio che ha fatto il giro del mondo, lo aveva fiaccato nell'anima per quello che certificava: il senso della fine e la necessità di un rito di passaggio. Totti infatti due anni fa, in uno dei momenti più struggenti del suo discorso alla gente, lo aveva detto chiaramente: «Adesso ho paura». Niente poteva essere più sincero, niente poteva rendercelo più fratello.

Da quel giorno, chi lo ha osservato dall'esterno ha dovuto fare attenzione soprattutto ad una cosa: evitare i luoghi comuni. Si può essere ricchi, sposati con una bella moglie, avere una splendida famiglia e godere dell'affetto di tutti coloro che ti circondano, e nello stesso tempo scoprire come i timori che pensavi di aver addomesticato col semplice trascorrere del tempo, in realtà erano un grumo nero addensato nel pensiero, pronto a trasformarsi in un rancore sordo verso chi mostrava con sussiego la tua inadeguatezza verso la seconda parte della storia romanista, quella in giacca e cravatta. Chissà quante volte Francesco avrà riattraversato quella linea d'ombra che lo riportava con la memoria ai giorni del calcio giocato. Belli a prescindere, perché i problemi si risolvevano con un assist, un tacco, un tiro che scuoteva la rete e l'anima della città. Quello che a quasi tutti era impossibile, al Capitano veniva naturale. Niente a che vedere con ciò che è venuto subito dopo. Che fare? Un corso da allenatore? Sì, no, magari più tardi. Da direttore sportivo? Più avanti. E l'inglese che serve per parlare col mondo del calcio fuori dalle Alpi? Verrà anche quello. Il problema è che nella vita ciò che non afferri, viene preso da altri.

Gli uomini in grigio (copyright Ranieri), quelli che sanno far di conto, hanno conoscenze giuste, fanno un passo indietro e uno di lato. Non nascondiamolo: ovunque essi siano - Boston, Londra, Trigoria, ma anche Milan, Torino e Napoli - è gente di certo non immacolata, ma indispensabile a far funzionare qualsiasi club. Ciò non toglie comunque che - a dispetto delle fazioni - l'invisibile duello rusticano che ha diviso negli anni Totti e Baldini, giudicato a mente fredda sembra venato da una comune immaturità che stupisce.

Forse per questo in Francesco, negli suoi 24 mesi vissuti da dirigente, la voglia di evasione è stata evidente. C'è una partita da giocare, dell'erba da calpestare, un cucchiaio da servire? Dalla Russia al Qatar, lui ha risposto presente, perché probabilmente quello è stato l'unico modo per acquietare quel senso di frustrazione che gli si agitava nel petto. Non è escluso che abbia peccato d'ingenuità, credendo davvero che sarebbe bastato indicare la bravura o meno di un calciatore - come se fosse uno scout di alto livello - per materializzare un percorso da direttore tecnico. Non è andata così, e persino i suoi stessi tifosi non hanno mai avuto certezze sulla sua grandezza da manager, anche se tutti di sicuro hanno pensato: visti i risultati degli altri, almeno lasciate provare lui.

Quel giorno non è mai arrivato. Come nel «Ritratto di Dorian Gray» ad un certo punto Totti deve essersi guardato allo specchio scoprendo di essere diventato ciò che aveva sempre detto di non voler essere: solo una bandiera buona da sventolare ai sorteggi e in tv. Troppo poco per uno che voleva essere grande con la Roma, scoprendo però che, se da calciatore almeno conosceva la strada, da dirigente avrebbe dovuto impararla. Col rischio di sbagliare, naturalmente, e vedendo così incrinare agli occhi della sua gente quel senso di perfezione che trent'anni di calcio finora non sono riusciti a scalfire. Se è vero che gli eroi muoiono tutti giovani, forse la gioventù di Francesco termina davvero solo adesso. Davanti ha mille possibilità, ma anche tante sirene ingannevoli e feroci. Noi però restiamo ottimisti. Un capitano, in fondo, non perde mai la rotta. E allora, chi meglio di lui?
di Massimo Cecchini
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Qatar - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 13 giu 2020 
Dzeko dà la carica "Club fantastico". Kluivert in partenza
Ieri Edin Dzeko ha partecipato ad una diretta Instagram con Qatar Airways, sponsor...
 Ven. 12 giu 2020 
Dzeko: "La cavalcata Champions è indimenticabile"
L'attaccante bosniaco: "La gara contro il Chelsea la migliore della mia carriera"
 Dom. 17 mag 2020 
Lo voglio gratis: caccia grossa allo svincolato
Che sfide per i parametri zero! Inter e Roma le più attive
 Mar. 05 mag 2020 
Benatia: "Potevo tornare a Roma, ci sarei andato a piedi"
Nel corso di Casa Sky Sport, Mehdi Benatia ha parlato anche del suo periodo...
 Dom. 12 apr 2020 
Hector Moreno shock: "Alla Roma ho capito di non saper difendere"
Era stato il primo acquisto di Monchi, dopo sei mesi è stato ceduto al Real Sociedad
 Mar. 07 apr 2020 
 Lun. 06 apr 2020 
Che affari a parametro zero! Gotze proposto a Roma e Milan
Sarà un mercato alla ricerca del miglior colpo a parametro zero: la pandemia infatti...
 Gio. 02 apr 2020 
Pedro e Lovren, la Roma ci riprova
Petrachi già lavora sui possibili sostituti di Smalling e Mkhitaryan: erano già stati trattati in passato
 Mer. 01 apr 2020 
CORONAVIRUS, l'idea di alcuni club europei: Apertura e Clausura per i campionati sino al 2023
La rivoluzione per ripartire dopo il Coronavirus. È questa la proposta di diversi...
 Gio. 26 mar 2020 
Sponsor: i contratti s'allungano
Avanti senza alcuna frizione. Ad inizio settimana il Ceo Fienga, il Coo Calvo e...
 Mar. 17 mar 2020 
Europeo rinviato e scudetti d'estate, oggi la decisione della Uefa

Priorità ai campionati. Anche sforando la data del 30 giugno. Il pressing è forte...

 Lun. 16 mar 2020 
Quante novità nella nuova maglia della Roma...
La nuova maglia giallorossa è ispirata a quella della stagione ’79-’80 e presenta diverse tonalità di rosso
 Dom. 08 mar 2020 
Euro 2020: l'Uefa tira dritto. Ma c'è il rischio porte chiuse o rinvio
Per l'Uefa si gioca regolarmente a giugno, ma l'emergenza può cambiare il calendario fino al 2022
 Sab. 22 feb 2020 
Allo Stadio finale
In giro per il mondo con la Roma sempre in testa. Dan Friedkin è già al lavoro insieme...
 Ven. 31 gen 2020 
Calciomercato Serie A, la top 20 di gennaio
Dall'Inter a Napoli, Roma, Juve...ecco i principali acquisti della sessione invernale...
CALCIOMERCATO Parma, D'Aversa: "Gervinho? Non lo vedo da tre giorni, credo che sia stato ceduto"
Il tecnico del Parma, Roberto D'Aversa: "Gervinho? Non è convocato perché negli...
 Gio. 19 dic 2019 
Alisson non dimentica il passato: "Forza Roma sempre!" (VIDEO)
Il portiere del LIverpool è rimasto molto legato al club giallorosso che lo ha lanciato nel calcio europeo
 Mar. 26 nov 2019 
Roma,oltre Friedkin i grandi investitori: tre fondi esteri valutano i conti, le offerte entro Natale
Escono gli arabi, ed entrano i grandi investitori finanziari internazionali ad allenarsi...
 Gio. 21 nov 2019 
Pallotta valuta il club 800 milioni con un extra legato al nuovo stadio
James Pallotta valuta la As Roma 800 milioni che, al netto dei 270 milioni di debiti,...
 Mer. 20 nov 2019 
Bellinazzo: "Interesse di Friedkin concreto. Pallotta potrebbe pensare ad una cessione"
Il noto esperto di Calcio e Finanza Marco Bellinazzo, ha rilasciato un'intervista...
 Lun. 28 ott 2019 
Assemblea degli Azionisti. Palma: "Vi dovevate dimettere. Ci siamo liberati di Totti e De Rossi"
Staderini: "L'interesse del gruppo americano è reale?". Fienga: "Questa strategia non dà risultati? Non è vero, può non dare stabilità". Baldissoni: "Il ponte dei Congressi fuori dal progetto stadio"
 Lun. 14 ott 2019 
Nazionale: Chiesa e D'Ambrosio ko, saltano il Liechtenstein. Chance per Zaniolo
L'annuncio di Mancini, a qualificazione ottenuta: adesso parte l'operazione giovani....
 Dom. 13 ott 2019 
La Roma cerca lo sponsor per Trigoria
Un nome per Trigoria. Da stampare, magari, anche sulle maglie di allenamento. Si...
 Gio. 10 ott 2019 
Collina: "Var non spegne entusiasmo. Magari tra qualche anno ci saranno altre tecnologie"
Pierluigi Collina, capo commissione arbitri FIFA, ha parlato durante il Festival...
La Roma ai raggi x
Perché la Roma ha chiuso il bilancio 2018/19 in perdita di 24,29 milioni di euro?...
 Lun. 07 ott 2019 
Moviola Serie A, Kalinic su Pisacane: fallo ma Massa non fischia mai
In Roma-Cagliari resta il dubbio sul giallo a Cigarini: entra a forbice su Diawara ma non la chiude mai. Discutibile.
 Sab. 05 ott 2019 
El Shaarawy vuole tornare in Italia
La gabbia dorata della Cina e quel pensiero: come tornare in Europa?
 Mer. 02 ott 2019 
Con la Grecia torna Zaniolo. Balotelli può attendere
Balotelli può attendere. E anche per Castrovilli l'appuntamento è rimandato. Torna...
 Mar. 10 set 2019 
Dzeko, festa per il figlio. Pastore, idea per il Qatar
Party a tema in casa Dzeko per i due anni del filgio Dani con Edin che ne ha approfittato...
 Gio. 05 set 2019 
Pallotta non molla: altri soldi nella Roma
Non molla. Anzi, rilancia. Mentre il progetto stadio non vede ancora la luce, le...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>