facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 12 agosto 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Lui, la guerra e il bel gioco: Fonseca, via la maschera

Stima Guardiola, ama vincere giocando bene e ha conquistato 7 titoli in 3 anni con lo Shakhtar. Dal Mozambico alla guerra in Ucraina, la storia del candidato numero uno alla panchina della Roma
Mercoledì 05 giugno 2019
Uno dei suoi segreti è Max Nagorski, che non è un calciatore e neanche il suo match analyst. Max Nagorski è il traduttore di Fonseca da tre anni, la seconda ‘voce del coro' nata a Portimao, in Portogallo, a 5000km da una guerra che costringe lo Shakhtar ad allenarsi a Kiev. Max traduce tutto, dalle sessioni tattiche alle conferenze, ma non è facile: "Deve trasmettere le mie emozioni. Se sono contento dei miei deve dirlo in un certo modo, idem se sono arrabbiato".

Max lo accompagna ovunque e lo farà anche a Roma, forse la prossima tappa di un allenatore ambizioso e travolgente, anche nelle dichiarazioni: "Vincere non mi basta, amo farlo giocando bene". Il suo Shakhtar l'ha fatto per tre anni, ha vinto 3 campionati, altrettante Coppe d'Ucraina e una Supercoppa, isolando i rivali della Dinamo Kiev. Quelli che non allenerebbe mai: "Altrimenti mia moglie si arrabbia".

I due si sono sposati un anno fa sul lago di Como, forse l'Italia era destino, come la Roma: nel 2017 ha rischiato di farla fuori dalla Champions andando a vincere in casa per 2-1. Ma al ritorno Di Francesco strappa l'1-0 e passa ai quarti: "La Roma è stata cinica".

Paulo parlò così, tradotto da Max, accanto a lui anche dopo la vittoria contro il City per 2-1, in sala stampa, quando Fonseca si presentò con la maschera di Zorro per tenere fede a una promessa fatta a un giornalista ucraino: "Se andiamo agli ottavi di Champions vengo vestito così". Oggi è la prima ‘scusa' per ricordarsi di lui.

DIETRO ZORRO C'È DI PIÙ
Max era presente anche in settimana, in campo o in sala video, quando Paulo ha provato 20 volte lo stesso schema convinto di poter battere Guardiola: "Dovete crederci, dovete fidarvi". Così è stato, Shakhtar agli ottavi e Fonseca sotto i riflettori, tant'è che una tv portoghese ha deciso di documentare quei giorni insieme a lui con un bel reportage. Il suo credo, il suo calcio, i suoi dogmi e la sua filosofia: giocare bene.

Fonseca ammira Guardiola, stima Sarri e qualcuno l'ha paragonato anche a Mourinho, ma lui ha sempre dribblato il confronto: "E' un allenatore dell'altro mondo, magari un giorno mi piacerebbe essere come lui. Ma Mou è Mou". Paulo è un tipo pacato, elegante, tranquillo.

Lo era da calciatore ed è rimasto così da allenatore, anche se all'inizio non immaginava un futuro in panchina: "Non era nella sua testa". Meglio giocare. Lo raccontano i suoi ex compagni di Barreiro, la città in cui è cresciuto e dove gli U2, nel 2004, registrarono il video di un loro album diventato storia: "How to Dismantle an Atomic Bomb?".

DAL MOZAMBICO ALL'UCRAINA
Paulo Fonseca si è formato in Portogallo ma è nato in Mozambico, a Nampula, città di anacardi e poco calcio, colonia lusitana fino al '75.

A 14 anni si trasferisce a Barreiro e da casa sua vede Lisbona, sogna il grande salto ma resta fedele al club della sua città: "Un vicino mi portava a vedere le partite dello Sporting, ma il mio cuore era al 100% Barreirense". È rimasto tale ancora oggi, a 46 anni.

Nel 2005 smette di giocare, fa un po' di gavetta e sei anni dopo è già in seconda divisione con l'Aves, paesino di 8mila abitanti. Arriva terzo e sfiora la promozione, ma l'impresa è solo rimandata: nel 2013, con il Pacos de Ferreira, finisce ancora terzo e arriva in Champions League. Il miglior risultato del club in 60 anni di storia, e i cronisti iniziano a chiedergli quali sono i suoi segreti.

Il primo è la leadership: "Il modo in cui un allenatore risolve le cose fa la differenza. Dirigere influisce positivamente sui comportamenti, chi lavora con me sa che de essere parte attiva in questo processo". L'altro è il bel gioco. Offensivo, ordinato, un 4-2-3-1 con trequartisti tecnici e bravi a inserirsi, terzini alti e centrali di impostazione: "Studio e mi preparo". Analisi video e lezioni in aula ai giocatori, come se fossero a scuola.

VIDEO ANALYSIS E DISTANZE
L'uomo di fiducia è Tiago Leal, ‘gli occhi di Paulo', un ragazzo cresciuto con il Porto di Mourinho e Football Manager, scoperto da Fonseca mentre commentava Stati Uniti-Portogallo nel 2014: "Guardò un mio video per caso e pensò che avevamo le stesse idee. Aveva appena firmato per il Pacos de Ferreira, mi convocò nel suo studio e parlammo due ore".

Da quel giorno è sempre stato accanto a lui. Prima al Porto, dove viene esonerato dopo 21 gare: "Il mio gioco non era adatto ai giocatori che c'erano". Poi al Braga, dove vince la Coppa di Portogallo nel 2016 e arriva ai quarti di Europa League, impressionando tutti per il gioco ragionato.

Infine lo Shakhtar, il cerchio che si chiude, tre anni fantastici con 7 trofei. 8 sconfitte in 94 partite di campionato. E una guerra destinata a graffiare ulteriormente i volti stanchi degli ucraini, come Kovalenko, Pyatov o Stepanenko, suoi fedelissimi: "Sarà difficile tornare a Donetsk, alleno lo Shakhtar e non ci sono mai stato, è triste. Lo stadio ha subito lievi danni e viene utilizzato dal nostro presidente come luogo di ristoro in città, alimenta un sacco di gente".

Lo Shakhtar si allena a Kiev e gioca a Kharkiv, a 300km da Donetsk: "Facciamo migliaia di voli, spostamenti, viaggi, per i giocatori è peggio".

Ma lui ha saputo tirar fuori orgoglio e qualità, valorizzando talenti come Marlos, Taison, Dentinho, Fred (oggi allo United), Facundo Ferreyra (Benfica) e soprattutto Ismaily, terzino-fantasista, il giustiziere del City a casa-Shakhtar nel 2017.

Quella maschera sfoggiata dopo la vittoria contro il City è un elogio a chi ci crede, oltre la promessa: "Da bambino ero povero, e per chi è così il costume di Zorro è il più semplice da creare a Carnevale". Dietro la maschera c'è di più e l'abbiamo capito, davanti si intravede la Roma, e accanto a lui non ci sarà sempre Max Nagorski.
Fonte: Gianluca Di Marzio
COMMENTI
Area Utente
Login

Champions League - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 11 ago 2020 
Il Lipsia ha scaricato Schick: l'attaccante torna alla Roma
Il Lipsia non ha esercitato il diritto di riscatto per Patrick Schick e ora la trattativa...
 Dom. 09 ago 2020 
PEDRO saluta il Chelsea: "Un onore giocare per questo club e vincere titoli"
Accostato con insistenza alla Roma, l'attaccante spagnolo Pedro ha scritto un lungo...
 Sab. 08 ago 2020 
Juve, Pirlo è il nuovo allenatore al posto di Sarri: è ufficiale
Juve, Pirlo è il nuovo allenatore al posto di Sarri: è ufficiale I bianconeri hanno scelto di affidare la panchina all'ex centrocampista, presentato pochi giorni fa come tecnico dell'Under 23: ha firmato un biennale
Garcia batte la Juve e fa festa con i romanisti: "Amici, ce l'abbiamo fatta!"
Garcia batte la Juve e fa festa con i romanisti: "Amici, ce l'abbiamo fatta!"
 Ven. 07 ago 2020 
Calciomercato Napoli, Veretout e Giuntoli a cena nello stesso ristorante
Nella giornata di ieri Jordan Veretout, centrocampista della Roma, era a Napoli...
 Gio. 06 ago 2020 
DZEKO: "Sono deluso, non siamo mai stati in partita. Dobbiamo farci tutti qualche domanda"
EUROPA LEAGUE, SIVIGLIA-ROMA 2-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA DZEKO A SKY SPORT Dzeko,...
Roma, otto anni di Pallotta tra l'utopia stadio e zero titoli
Dal suo arrivo nel 2012 la società ha aumentato il proprio valore ma ha fatto lievitare anche debiti e costi di gestione. L'apice è stata la semifinale di Champions League conquistata nel 2018
 Mer. 05 ago 2020 
FONSECA: "La squadra è motivata, Pellegrini in mediana è un'opzione, Zaniolo giocherà dall'inizio"
EUROPA LEAGUE, SIVIGLIA-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: "Smalling era molto importante per noi, ma chi ci sarà al suo posto farà bene. Cambia poco giocare una gara secca rispetto ad andata e ritorno"
 Mar. 04 ago 2020 
Perez: "Siviglia squadra forte, ma in uno scontro diretto in campo neutro può succedere di tutto"
Carles Perez, attaccante della Roma arrivato dal Barcellona lo scorso gennaio, ha...
Roma, Ibanez presente e futuro
Non solo Roger Ibanez è entrato nella nuova lista per l'Europa League ma ha orientato...
 Sab. 01 ago 2020 
Juventus-Roma 1-3, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Perotti, notte da bomber. Zaniolo illumina, bel debutto per Calafiori
 Ven. 31 lug 2020 
Il Siviglia si allena ma niente partitella
Il Siviglia tira un sospirodi sollievo. Lunedì scorso era risultato positivo Gudelj,...
 Gio. 30 lug 2020 
SARRI critico sul calendario: "Vediamo se sabato è il caso di schierare l'Under 23"
Il tecnico della Juventus Maurizio Sarri nel dopo gara di Cagliari ha parlato anche...
 Mar. 28 lug 2020 
Lipsia, Schick: "Voglio restare per giocarmi il titolo in Bundesliga"
Patrik Schick non si nasconde e, nel corso di una intervista rilasciata a Bild...
Auguri a Pedro il vincente: a 33 anni è pronto alla nuova sfida con la Roma
Oggi l'ex blaugrana, 29 trofei conquistati in carriera, festeggia il compleanno. Il club giallorosso è pronto ad accoglierlo e arricchirsi della sua esperienza
 Sab. 25 lug 2020 
Gonalons: "In Italia molta tattica, felice di rimanere in Spagna"
Maxime Gonalons, ex centrocampista della Roma riscattato dal Granada dopo la salvezza...
 Lun. 20 lug 2020 
CONTE: "Il calendario dell'Inter è folle e ci mette in difficoltà"
ROMA-INTER 2-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA, ANTONIO CONTE: "Si parla di campionato non all'altezza, allora cosa si deve dire di Milan, Napoli e Roma che partivano per arrivare in Champions?"
 Ven. 17 lug 2020 
Pedro pensa già alla Roma: cerca casa e non gioca col Chelsea
L'attaccante spagnolo al termine della stagione si trasferirà nella Capitale
Dzeko, i motivi del broncio: l'addio alla Roma è vicino
Il capitano potrebbe essere sacrificato per il piano di ridimensionamento. Mercoledì sera non ha esultato, è deluso. Su di lui Inter e Juve
 Gio. 16 lug 2020 
Roma e Nike, fine d'un matrimonio che non ha mai convinto Pallotta
Risolto il contratto tra il club giallorosso e il suo sponsor tecnico. Per il futuro, in pole c'è Under Armour
 Mer. 15 lug 2020 
Schick si sposa e pensa al Milan. L'agente: "Rangnick lo conosce bene..."
Sabato l'attaccante ceco si spooserà a Praga. Pavel Paska lo lancia in rossonero: "Il tecnico lo voleva già al Lipsia..."
 Ven. 10 lug 2020 
Dzeko: "Sorteggio non facile, ma prima dobbiamo superare il Siviglia. Gli scontri diretti possono.."
"Gli scontri diretti possono essere un'opportunità"
CHAMPIONS LEAGUE, Sorteggio quarti, semifinali e finale
Sorteggio quarti, semifinali e finale di UEFA Champions League Quarti di Finale...
 Mer. 08 lug 2020 
Femminile, la Roma riparte con nuova linfa
Carica e determinazione. Le ragazze dell'As Roma femminile ripartono con lo stesso...
 Mar. 07 lug 2020 
Milan-Juventus 4-2, pazzesca rimonta dei rossoneri
Bianconeri in controllo per 60’, poi un rigore assegnato con la Var apre le porte al ribaltone. A segno Rabiot, Ronaldo, Ibra, Kessie, Leao e Rebic
 Dom. 05 lug 2020 
Roma, triste spareggio al San Paolo
La Roma si prepara a scendere in campo questa sera alle 21:45 contro il Napoli di...
 Mer. 01 lug 2020 
La Roma trema, Zaniolo adesso non è più incedibile
sacrifici: se arriva l’offerta giusta anche il gioiello può partire
 Lun. 29 giu 2020 
Roma, i tifosi: "Squadra spenta, forse aveva ragione Petrachi. Umiliati dalla Lazio"
I romanisti dopo il ko contro il Milan non salvano nessuno: “Inutile nasconderlo, anche Fonseca sta facendo molti errori”
 Sab. 27 giu 2020 
FONSECA: "Kluivert è pronto per giocare. Sono ottimista per questa parte della stagione"
MILAN-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: "Il Milan che affronteremo domani sarà più forte del Milan che abbiamo visto all'Olimpico. Rebic ha qualità, ma non dobbiamo preoccuparci solo di lui"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>