facebook twitter Feed RSS
Sabato - 16 novembre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Roma, Sarri o Gasperini: pronto il rilancio di Pallotta

Mercoledì 08 maggio 2019
Oggi le condizioni non ci sono, ma penso un giorno, prima o poi, io andrò ad allenare la Roma». È il colpo di grazia, senza se e senza ma, per la proprietà Usa e per il presidente giallorosso James Pallotta. Perfido scherzo del destino: lo certifica proprio Antonio Conte. Che, nell'intervista a Walter Veltroni pubblicata ieri dalla Gazzetta dell Sport, firma la bocciatura definitiva al progetto sventolato a vuoto da Boston. E all'attuale rosa che, non c'è da stupirsi, non ritiene adeguata per sfidare le big della serie A.

IMMAGINE CALPESTATA - Il vincente, insomma, non può dire sì al perdente, la sintesi dell'ex allenatore del Chelsea. Conte, però, è andato oltre, scoperchiando anche l'ultimo bluff, cioè la comoda tesi, portata avanti negli ultimi 7 anni dai dirigenti del club giallorosso, di quanto l'ambiente romano (media e tifoseria, in primis) possa aver influito sulla mancanza di successi. «Mi sono innamorato di Roma frequentandola nei due anni in cui sono stato ct della Nazionale. All'Olimpico senti la passione da parte di questo popolo che vive il calcio con un'intensità particolare, che per la Roma va fuori di testa. Che vive per la Roma. Un ambiente molto passionale, che ti avvolge». L'allenatore sposa la piazza e scarta, dunque, il progetto. «Vale per qualsiasi squadra. Io devo avere la percezione di poter battere chiunque. Devo sentire che vincere è possibile. Altrimenti, senza problemi, posso continuare a restare fermo». Passo e chiudo. Antonio, senza aver usato la Roma per mettere pressione ad altri club (preparatevi: presto sentiremo anche questo), si è disimpegnato privatamente e pubblicamente, mantenendo la parola data a Fienga nell'ultimo colloquio («entro 2 settimane, saprete la mia risposta»). Perché «oggi le condizioni non ci sono». Non aggiunge quando ci saranno. Non lo sa lui e nemmeno chi sta qui.

PERCORSO COMPLESSO - La curiosità è da accantonare alla svelta: adesso non interessa a nessuno dove allenerà Conte che aspetta la Juve ed è d'accordo con l'Inter. Meglio bianconero che nerazzurro, sussurrano a Trigoria per non subire l'affronto peggiore: Zhang più credibile e soprattutto più potente economicamente di Pallotta. Che, messo ko dall'ex ct azzurro, deve rialzarsi e anche in fretta dal tappeto, scegliendo la migliore exit strategy per riabilitarsi (solo parzialmente) agli occhi dei tifosi. Ripartendo proprio dal podio che ha accolto, fin dall'esonero di Di Francesco, sul secondo gradino Sarri e sul terzo Gasperini. Il piano C, nel caso fallisse il B, esiste: non Ranieri, ma Giampaolo. Che non convince Petrachi. Baldini, però, sì. Il suggeritore del presidente, per la verità, ha sempre votato per Sarri: avrebbe preferito lui anche a Conte. Ora tornerà alla carica con l'allenatore del Chelsea, suo grande amico. La stima è reciproca, ma Baldini non sa se può bastare. Sarri, già sicuro di giocare la prossima Champions, domani può conquistare anche l'accesso alla finale di Europa League. Recentemente ha ammesso in tv di trovarsi bene in Inghilterra. Testuale: «Voglio restare qui, la Premier mi intriga». In più guadagna 9 milioni. Se decidesse di dimettersi, li dovrebbe versare, come penale per liberarsi in corsa, alla società londinese. La Roma, dunque, non ha alcuna certezza sul buon esito della nuova (vecchia) negoziazione. L'alleato giallorosso è il pubblico di Stamford Bridge che ha scaricato il tecnico. E la spinta decisiva può venire indirettamente dalla Fifa che ha decretato lo stop al mercato del Chelsea (sessioni estiva e invernale). Penalizzato Abramovi: cessioni sì, acquisti no. Così Sarri teme di perdere i suoi campioni, a cominciare da Hazard, senza averne altri in cambio.

GRADUATORIA INVARIATA - Sull'allenatore dei Blues c'è l'ok di Petrachi che è favorevole pure all'eventuale ingaggio di Gasperini. La Roma, essendo l'Atalanta ancora la principale rivale nella corsa al 4° posto, non intende muoversi subito. Aspetterà almeno il prossimo turno di campionato e la finale di Coppa Italia. Il Milan si è già fatto avanti, ma è possibile che Di Francesco effettui nei prossimi giorni il sorpasso sul collega: l'ex tecnico giallorosso è stato a Milano anche ieri. A Trigoria, dove sono contrari ad accogliere qualsiasi straniero (ad esempio, Bielsa) venga in mente nelle prossime ore a Baldini, piace e molto Gasperini: è quello che più somiglia a Conte, soprattutto nel metodo di lavoro. L'allenatore nerazzurro, pur con l'obiettivo sempre più vicino di giocare la Champions con l'Atalanta, è ambizioso e vorrebbe dimostrare di essere competitivo anche sulla panchina di una big, pure per cancellare la (breve) esperienza negativa all'Inter.
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 15 nov 2019 
Pastore: "Ibrahimovic alla Roma? Perché no, è un grande. Ho un bel rapporto con lui e la famiglia"
Il trequartista argentino sullo svedese: "Abbiamo un bel rapporto con lui e la famiglia, in privato è un personaggio diverso rispetto a come si mostra in pubblico. Sarebbe bello riavere Ibrahimovic come compagno di squadra. Non vado via dalla Roma"
Bosnia Erzegovina-Italia 0-3, Bene Florenzi, 90' anche per Dzeko. Panchina per Zaniolo
Mancini da record: decima vittoria consecutiva. Italia show, tris alla Bosnia
Calciomercato Fiorentina, Pradè: "Florenzi? Aria fritta"
'Siamo contenti del lavoro di Montella, non capisco negatività'
Il papà di Kean: "All'Everton non sta bene, spero vada alla Roma! E con Zaniolo..."
Il padre di Moise: “Non ho capito perchè la Juventus lo ha ceduto. Se mio figlio mi dovesse dire che i giallorossi sono interessati a lui, darei la mia benedizione a questa operazione”
Roma-Brescia, Le Probabili Formazioni
13ªGiornata di Serie A
MKHITARYAN: "Via dall'Arsenal per Emery, mi faceva fare il mediano!"
enrikh Mkhitaryan, tornato in gruppo dopo il lungo stop per infortunio, ha parlato...
Kolarov centrale, un'idea in più per Fonseca
Il terzino con la Serbia ha giocato di nuovo al centro. Nella Roma permetterebbe al tecnico di lasciare Mancini in mediana e di spostare Spinazzola nel suo ruolo a sinistra
Under suona la carica: "Che gioia l'Europeo con la Turchia. L'infortunio è alle spalle, sono pronto"
L’attaccante vuole riprendersi quel ruolo di titolare perso dopo l’infortunio: “Mi sono fatto male prima di riuscire a fare buone prestazioni, ma ora è tutto alle spalle”
Dzeko: "Florenzi sta bene. Alla fine dobbiamo tutti rispettare le decisioni del mister"
"Giocherò altri due o tre anni, voglio farlo ad alti livelli"
CALCIOMERCATO Roma, Bruno Peres soluzione tampone a gennaio
In caso di partenza di Florenzi a gennaio, la Roma valuta alcune alternative per...
CALCIOMERCATO Roma, Antonucci nel mirino della Fiorentina
Calciomercato in uscita, potrebbe dire addio Mirko Antonucci. L'attaccante classe...
Ufficiale Roma, Fienga nominato amministratore delegato della società e membro del CdA
Il consiglio di amministrazione della AS Roma si è riunito nella giornata di ieri...
Calciomercato Roma, nel mirino il giovane Gvardiol, piace anche Olmo
La linea-guida del mercato, fatta trapelare i primi di settembre dal club, non cambia....
Arrivano i nostri. Ecco Pellegrini e Mkhitaryan
La pioggia cade incessante su Roma da giorni e lo farà anche nelle ore a venire,...
E ora Pau Lopez va all'assalto della Spagna: "Sono pronto"
Dovrebbe essere questa sera a Cadice contro Malta o al massimo lunedì prossimo al...
Florenzi, lotta Samp e Viola. Kean chiama l'amico Zaniolo
In fondo tutto è stato molto semplice. Alcuni giorni fa Fonseca ha chiamato Florenzi...
Pallotta dove sei? A Roma manca da oltre 500 giorni e il vice Baldissoni a un passo dall'addio
Cinquecento (e passa) giorni senza te. La Roma e Pallotta non si incontrano nella...
La Roma a caccia del vice Dzeko: Petrachi prepara il piano per Kean
La linea-guida del mercato, fatta trapelare i primi di settembre dal club, non cambia....
L'ex allenatore di Kean: "Niente balotellate, può giocare con Dzeko"
Anche Alessandro Dal Canto, ex allenatore di Moise Kean nella Nazionale italiana...
 Gio. 14 nov 2019 
Bonucci: "Dzeko è un fenomeno. Cristiano Ronaldo? Ci confronteremo"
Così il capitano degli Azzurri: "Quando torneremo a Torino ci sarà modo di parlare. Il suo obiettivo è migliorarsi e vincere tutto con la Juve. La Bosnia? Bello misurarsi con Edin e Pjanic"
Mancini: "Zaniolo per me è un centrocampista puro"
Il ct azzurro in conferenza stampa alla vigilia del match in casa della nazionale di Dzeko: "Faremo del nostro meglio perché vogliamo vincere". Poi, sul ruolo di Zaniolo: "A noi è utile come centrocampista puro"
Sadiq, gol in Serbia e cuore a Roma: "Datemi fiducia e segno, ma il vero fenomeno ha smesso..."
L'attaccante del Partizan: "Qui sto da Dio, 10 gol e 9 assist. Mi bastava avere una chance, ma sogno l'Olimpico. Walter stravedeva per me, Rudi mi spronava sempre"
Mamma Zaniolo: "Quanti cori contro di me allo stadio. Ma i peggiori sono i ragazzini sui social"
La signora Francesca Costa è stata bersaglio di insulti allo stadio di Parma: "Per me questi cori vanno messi sullo stesso piano di quelli razziali e di discriminazione territoriale. Mio figlio ha risposto sul campo"
Pastore: "Con Fonseca mi alleno meglio, mi manca solo il gol. E dopo la sosta..."
Il centrocampista argentino: “Posso dare di più. Anche la squadra: vedrete quando riprenderà il campionato”
CALCIOMERCATO, ag. Hysaj: "Piace alla Roma, ma non so nulla di uno scambio con Florenzi"
Elseid Hyasj negli ultimi mesi è stato accostato più volte alla Roma. Il terzino...
Florenzi per Hysaj: scambio fra Roma e Napoli
Ipotesi di mercato per gennaio, ma De Laurentiis chiede 25 milioni per l'esterno albanese
Roma, più vittorie senza palla
Nel calcio si può vincere in tanti modi e con tanti sistemi diversi, ma gli ultimi...
Pastore, colpi di magia. Ora manca solo il goal
L'ultimo mese ha restituito a Pastore tutto quello che gli avevano tolto, arrivato...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>