RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Domenica - 25 febbraio 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

Zaniolo, c'è l'Europa: ma ora è cosa seria

Lunedì 11 febbraio 2019
Glielo avranno detto, ovvio: Zaniolo saprà con certezza che anche Daniele De Rossi ha cominciato come lui, ovvero dalla Champions prima che dal campionato. La differenza è che Nicolò, la prima l'ha fatta subito da titolare, mentre Fabio Capello regalò a Daniele la gioia dell'esordio in una partita non utile per la classifica e facendolo entrare dopo 71 minuti di gioco al posto di Ivan Tomi (Roma-Anderlecht 1-1, 30 ottobre del 2001). Daniele poi, è stato battezzato in serie A il 25 gennaio 2003, quando a 19 anni scese in campo nella partita Como-Roma (2-0), quindi poco più di un anno dopo. Zaniolo, il battesimo del fuoco l'ha fatto al Santiago Bernabeu di Madrid, contro il Real. Non fu una bella serata, né per la Roma, né tanto meno per lui, che evaporò subito, ingoiato dalla giovane età e dalle problematiche della squadra. Non aveva responsabilità, tutto ciò che ha fatto è stato guadagnato. Era un periodo nero e Di Francesco aveva bisogno di dare un segnale: decise che fosse meglio un ragazzino inesperto che un anziano incapace di interpretare il lavoro nella maniera corretta. Dentro Zaniolo, dunque. A sorpresa. Solo una settimana dopo, l'esordio in A, contro il Frosinone. E da quel momento, piano piano, si è preso la maglia da titolare. E oggi vederlo in campo non è più una scoperta, una sorpresa, ma una certezza.

I TEMPI DEL BERNABEU Nicolò gioca non più per dare segnali ma perché è diventato un punto fermo. Il suo talento ha stregato l'allenatore e una buona parte della città, che lo ha indicato come il nuovo Totti. Calma. Non è un bene per lui metterlo a paragone con chi ha fatto la storia della Roma. Magari diventerà anche meglio del Capitano, ma perché anticipare i tempi e dirlo dopo appena 21 partite serie? Zaniolo oggi deve solo fare quel che sa fare: dare qualità, entusiasmo, corsa, tecnica e gol, non pensare al contratto. Tre reti fino a ora, tutti all'Olimpico e tutti in campionato: contro Sassuolo, Torino e Milan. Domani si torna a giocare all'Olimpico, ma in Champions, la competizione che lo ha battezzato e che nel tempo dovrà consacrarlo. Nicolò deve pensare al presente, non al futuro. Quel che si realizza oggi, lo ritroverà nello stipendio e nel curriculum. Segnare un gol al Porto significa proporsi con credenziali diverse, significa aver fatto un ulteriore salto in avanti. Quel gol in Champions, che ancora manca. Lo vuole, lo desidera, serve alla Roma.

IL RUOLO Questa competizione, come detto, Zaniolo l'ha presa subito di petto, ma poi si è adeguato alle gerarchie: titolare con il Real, sedici minuti con il Plzen, in panchina con il Cska Mosca, appena otto minuti nella trasferta in Russia per poi essere titolare nella sfida di ritorno con il Real all'Olimpico. Il girone si chiude con i trenta minuti finali di Plzen al posto di Pastore. Sì, di Pastore, il designato a essere l'uomo in più della Roma, in campionato e in Champions, invece tiene banco un ragazzo del 1999, che ha ammaliato il pubblico della Roma. E non solo. Zaniolo domani farà la mezz'ala, oppure l'esterno alto a posto di Schick. Un posto ce l'ha, ormai sembra scontato. L'importante che ci sia.
di A. Angeloni
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Roma-Porto - News

 
 <<    <      1   2   3   4       >   >> 
 
 Mar. 12 feb 2019 
Roma, sognando le notti magiche
Il sogno, dopo l'avventura fantastica nell'edizione passata, è come se non finisse...
Roma-Porto, Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
CHAMPIONS LEAGUE, ANDATA OTTAVI DI FINALE
 Lun. 11 feb 2019 
KARSDORP, problema muscolare: a rischio il match contro il Porto
Brutte notizie per la Roma. Di Francesco perde probabilmente uno degli uomini più...
MARCANO: "Sarà particolare giocare da ex. Importante non incassare gol, soprattutto in casa"
"Stiamo acquisendo gara dopo gara maggiore consapevolezza nei nostri mezzi"
CONCEICAO: "Il Porto affronterà come deve la gara di domani perché vogliamo raggiungere..."
"Vogliamo raggiungere il nostro obiettivo. Noi siamo contenti di affrontare la Roma e la Roma è contenta di affrontare noi"
DE ROSSI: "Spero che domani la frattura possa ricomporsi, preferisco quelli come Kolarov che altri"
ROMA-PORTO, LA CONFERENZA STAMPA DI DANIELE DE ROSSI: "I compagni mi hanno fatto sentire importante come mai prima in carriera. Continuo a giocare finché starò bene"
DI FRANCESCO: "Possiamo riportare entusiasmo, dobbiamo essere ambiziosi"
ROMA-PORTO, LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Olsen in dubbio fino a domattina"
Roma-Porto, i convocati di Conceiçao
Out Marega e Corona squalificato
PELLEGRINI: "La Roma può diventare una delle squadre più importanti in Europa"
"Col Porto sarà una battaglia da fare insieme ai nostri tifosi”
Julio Sergio, Doni, Mirante: il ballo dei "debuttanti"
Non sarà un esordio assoluto nella competizione: era stato in campo anche a Plzen,...
Clinica Champions: i valori distorti dai tanti infortuni
Quando la Champions muta geneticamente (debutterà anche il Var) è sempre un'altra...
Arriva il Porto: è il derby di Conceiçao. Le sfide con la Lazio e la replica a Totti
La sfida l'aveva già accesa subito dopo i sorteggi degli ottavi, il 17 dicembre...
Conceiçao senza Marega, Herrera pericolo n°1
Senza Marega (5 gol nella prima fase) e lo squalificato Jesus Corona, il Porto di...
La carica dei 50 mila: Olimpico, tregua per l'Europa
I dettagli verranno messi a punto oggi, con il tavolo tecnico e le ultime riunioni...
Dragoni senza attaccanti, ma la loro forza è la difesa
Due pareggi e appena un gol realizzato nelle ultime due partite di campionato, quello...
Coppa e tulipani: Karsdorp e Makkelie, è Champions orange
Confidare nei Paesi Bassi per «entrare in Porto col vessillo» e continuare a sognare...
 Dom. 10 feb 2019 
KLUIVERT: "Pressione per il cognome? Voglio renderlo più grande"
"Adoro giocare a calcio e lo faccio liberamente, questo è uno dei miei punti di forza. De Rossi mi ha aiutato molto"
ROMA-PORTO, domani Di Francesco e De Rossi in conferenza stampa, a seguire la rifinitura
Domani alle 13:45, presso la sala stampa di Trigoria, Eusebio Di Francesco presenterà...
CHAMPIONS LEAGUE 2018/2019 - Roma-Porto: Designazione Arbitrale
La Uefa ha reso note le designazioni arbitrali per l'andata degli Ottavi di Finale...
In 50.000 per sognare un tesoretto da 15 milioni
Ci sono almeno 10,5 milioni per provare a sbarazzarsi del Porto, ma potrebbero arrivare...
Dzegol, la promessa del numero uno: "Roma, ora ci penso io"
Guardate la classifica, quella che ricorda i 10 cannonieri storici della Roma. Se...
 Sab. 09 feb 2019 
ROMA-PORTO, lunedì la conferenza stampa di Di Francesco, a seguire quella di Conceiçao
Il percorso di avvicinamento alla sfida di Champions League tra Porto e Roma si...
CENGIZ UNDER: "Un orgoglio stare alla Roma, possiamo tornare in semifinale. Totti mi chiama bomber"
Il turco si racconta: “Vogliamo i quarti di Champions, spero di poterla vincere un giorno. Quando ho visto Totti per la prima volta era molto nervoso”
Roma-Porto: storia della partita
Il Porto non ha mai perso contro la Roma e nell'ultima occasione ha centrato una vittoria eclatante allo Stadio Olimpico.
TRIGORIA 09/02 - Lavoro di scarico per chi ha giocato ieri
ALLENAMENTO ROMA - Lavoro individuale programmato per Manolas, Pellegrini e De Rossi
Roma, adesso l'ora delle risposte
Prendiamola così. Una bella doccia calda, a nove giorni dal sentirsi morta e sepolta...
Anche Schick si è fermato: allarme attacco
La maledizione degli infortuni muscolari continua, stavolta è Schick a tornare in...
 
 <<    <      1   2   3   4       >   >>