RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Domenica - 3 marzo 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

La vera sconfitta è l'amore apatico

Martedì 18 dicembre 2018
I risultati confondono spesso le acque. Sembrano lanterne e sono lucciole. I tre punti di domenica sera sono tra le più ingannevoli lucciole della storia. Buone solo per adescare sempliciotti dal palato grosso. Boomerang puro. Fanno più male a chi li ha presi o a chi li ha persi? Qualcuno tra Trigoria e Boston si starà interrogando se non sia il caso piuttosto di maledire quel Di Bello da Brindisi, che ha scelto di accecarsi pur di non vedere? La risposta, la conoscete tutti. Di Francesco alla Roma continua ad esistere solo per inerzia, difetto d'immaginazione, eccesso di dubbio, mancanza di alternativa. Fate voi. Tutto meno che per convinzione. La sua vita in giallorosso è sul cornicione. Basta il primo soffio a buttarlo giù. Di Bello non ha soffiato. Non sappiamo perché, ma non l'ha fatto, e Difra è salvo. Fino al prossimo soffio.

Se togli il velo dei tre punti e la sbornia dei cinque gol, la serata di domenica all'Olimpico è stata lo specchio fedele della Roma di oggi: una disperante mediocrità. Una delle più tristi. Visivamente insostenibile già dalle tribune. In meno di trentamila, di cui nemmeno cinquemila paganti (gli standard del Frosinone, sotto l'Udinese), infreddoliti e ostili, dentro una serata gelida e dentro uno stadio inospitale. Hanno taciuto all'inizio e fischiato alla fine, i primi a fregarsene del risultato. Empatia con la squadra, zero. Empatia tra i giocatori, prossima allo zero. Empatia tra squadra e allenatore, non pervenuta. A furia di non sapere più chi è, la Roma non sa più nemmeno di dover essere. Vive di improvvisazioni e di palle inattive. Inattivo tutto. I giocatori tra loro non parlano, a malapena si conoscono. Abbiamo seguito la partita di Nzonzi. Non l'abbiamo perso di vista. Il suo monopasso, non si sa se più aristocratico o apatico. Impressionante. Il suo messaggio ai compagni e al mondo: io sono uno straniero, la cosa mi riguarda, ma fino a un certo punto.

Dico la parte per il tutto, Nzonzi per dire il resto. Monchi ha estirpato l'anima di questa squadra, prima ancora del talento, e l'ha ripopolata con una dozzina di giocatori che, al momento, non sono nemmeno una somma di singoli. La perdita d'identità collettiva. Questa è la vera sconfitta che si respira oggi nell'As Roma. Il deserto. Punti persi? Incalcolabili. Non ci credono i tifosi, non ci credono i giocatori e forse nemmeno la maggioranza dei dirigenti. Ci crede solo Eusebio, costretto a crederci, per carattere e per necessità. Ma la sua faccia, sempre più buia, è la faccia di un uomo dal destino segnato. E gli uomini, di tutto il pianeta, vogliono leader dalla faccia di luce, e se deve essere buio, che sia tenebra. La serata di domenica, fredda, cupa, mediocre, lunatica, ha "svelato" questa sconfitta come non mai, tra campo e spalti (non è un caso che il più sensibile di tutti, lo svedese Olsen, l'abbia somatizzata più di chiunque). La Roma di oggi ha solo il pubblico delle grandi occasioni (sempre più rare) e i calciatori dei match che contano (sulle dita di una mano).

Le cose accadono quasi sempre a nostra insaputa. Mentre cresceva una generazione di pettegoli e di tatticoinomani, una clonazione di massa, tra chiacchiere da bar e la gaia scienza dei numeri, l'erezione dello schema a fregola collettiva, si perdeva di vista l'essenziale. Ciò che fa del calcio la materia dei sogni. La possibilità per il tifoso d'identificarsi con questo o con quel modello eroico. La Roma ha, non so quanto scientificamente o maldestramente, smantellato proprio questo, l'arsenale onirico della squadra. Cito alla rinfusa, Salah, Alisson, Rüdiger, Nainggolan, Strootman, ci metto dentro anche Gervinho e Paredes, sostituendole con "stranieri", "malconci" e "indecifrabili". Con chi s'identifica oggi il tifoso giallorosso? In quale gesto, volto, suggestione della Roma di Monchi trova lo spunto per ancorare la sua spesa onirica, la sua voglia d'innamorarsi? De Rossi e poi il nulla. Cosa credete sia questa catapulta di massa nei confronti di uno come Zaniolo, talento schiumante ma pur sempre un ragazzo? Pura nostalgia di ciò che manca. Il calcio è questo delirio, o non è.

La vera sconfitta della Roma, oggi, sta tutta qui. Enorme e tragica. Riaccendere il motore non sarà facile.
di Giancarlo Dotto
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Alisson - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Dom. 13 gen 2019 
Schick resta e gioca subito
Ricomincio da Schick. È un motto che riunisce i «boss» della Roma in questo inizio...
 Ven. 11 gen 2019 
La tragica onestà di Monchi
In quasi quarant'anni di mestiere non mi era mai capitato di leggere un'intervista...
 Gio. 10 gen 2019 
Da Lamela a Alisson, smantellata una Roma di stelle
La Top 11 delle cessioni eccellenti è una formazione di sogni e rimpianti: 373 milioni incassati dal club
 Mer. 09 gen 2019 
ALISSON: "Preferito Liverpool a Chelsea perché era in Champions. Dopo averla sfiorata con la Roma.."
Alisson Becker, portiere del Liverpool, ha rilasciato un'intervista alla rivista...
 Mar. 08 gen 2019 
Monchi non puo' perdere Manolas per la miseria di 36 milioni di euro
Il mercato della Roma, auspicato a Natale da Di Francesco ("Inevitabile fare qualcosa,...
 Lun. 07 gen 2019 
Flop Liverpool in Fa Cup, Klopp è già eliminato!
Il Wolverhampton affonda i Reds, già fuori dalla competizione. Non basta il gol di Origi per evitare la seconda sconfitta consecutiva dopo quella con il City in Premier: decidono le reti di Jimenez e Neves
Priorità all'ingaggio più che al profilo
A Miranda, in uscita da Appiano Gentile, indirettamente conferma la strategia di...
 Dom. 06 gen 2019 
Vacanze nella Capitale per l'ex Alisson: "Sempre bello essere qui"
Vacanze nella Capitale per Alisson Becker, l'ex portiere della Roma ceduto in estate...
Calciomercato: Miranda cambia aria e la Roma ci prova
Piace a DiFra, può arrivare solo in prestito. Ha offerte cinesi e arabe ma preferisce l’Europa
I paletti a Elliott e Suning: incatenati sul mercato dal fair play finanziario
Sospese tra la voglia di osare e i vincoli di regole stringenti. L'inverno di Inter...
 Ven. 04 gen 2019 
Capello: "Con i giovani bisogna osare"
«Ho finito, io. Nè allenatore nè dt. Nemmeno manager. Il mio calcio è solo da opinionista....
 Lun. 31 dic 2018 
Il 2018 in chiaroscuro della Roma
Un 2018 lungo 51 partite, dall'Atalanta al Parma, dalla crisi di gennaio alla crisi...
Giganti in Champions, deludenti in campionato: il 2018 dei DiFra boys
Chiudere gli occhi, pensare al 2018, e vedere materializzato il volto trasfigurato...
 Ven. 28 dic 2018 
Battesimo col cucchiaio. La romanità di Zaniolo
Poteva esserci modo più evocativo, per segnare il primo gol in Serie A? Se all'Olimpico,...
 Dom. 23 dic 2018 
Olsen travestito da Alisson, Manolas: "Ripartiamo da qui"
La Roma ritrova il suo muro. Il gol da 3 punti la Juventus lo fa lo stesso, la Var...
 Sab. 22 dic 2018 
Roma sempre meno Schick, ma Olsen studia da Batman
L'attaccante ceco non si riscatta all'Allianz: solo un tiro non irresistibile nel primo tempo. Tra le note positive c'è la prestazione del portiere svedese, reattivo e quasi miracoloso in almeno 6 occasioni
 Ven. 21 dic 2018 
Olsen, il riscatto passa per CR7
(...) Alisson Becker era senza ombra di dubbio bravo, tra i migliori al mondo, e...
 Gio. 20 dic 2018 
Juventus-Roma, un anno dopo la rivalità è sbiadita
Anche un anno fa la sfida si giocò alla vigilia di Natale, ma se allora i giallorossi avevano solo due punti meno dei rivali, stavolta il gap li vede distanti 22 lunghezze. Mentre Allegri si gode i gol di Ronaldo e una solidità difensiva rassicurante, Di Francesco è a un passo dall'esonero ed è costretto ad affidarsi alle riserve
 Mar. 18 dic 2018 
La Roma si aggrappa alla Champions per risalire in campionato
Rischia di trasformarsi in un mezzo disastro la stagione della Roma. La squadra...
 Dom. 16 dic 2018 
Roma-Genoa, la Curva Sud non tiferà per i primi dieci minuti: "Società di bugiardi e incapaci"
Comunicato Curva Sud: “Non chiediamo vittorie, ma chiarezza e rispetto. Siamo stanchi dopo anni di menzogne”
 
 <<    <      3   4   5   6   7