facebook twitter Feed RSS
Sabato - 19 ottobre 2019
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Allan: "Dalla favela alla favola scudetto con il Napoli: ora voglio battere la Roma"

Sabato 27 ottobre 2018
CASTEL VOLTURNO

Allan, chi vince domani?
«Ahi, qui a Napoli siamo scaramantici, non glielo dico». E via con le mani sulle parti intime, lui e i presenti nella sala stampa di Castel Volturno. Allan come un napoletano (acquisito) qualsiasi, quasi come Mertens, che da queste parti ormai chiamano Ciro. «Dries è irraggiungibile, lui vive la città in tutto e per tutto. E' napoletano autentico. Il più napoletano degli stranieri».

E lei?
«Io mi trovo benissimo, mio figlio Miguel parla il dialetto napoletano. Napoli mi ricorda Rio, mi sento un po' a casa: stessa allegria, stessa spensieratezza, il mare...».

Da Udine a Napoli, un trauma.
«Il vero trauma è stato da Rio a Udine. Ero giovane, all'inizio è stata dura, poi mi sono trovato alla grande. Quella, una fase importante».

Ora è leader del Napoli.
«Leader non lo so, gioco con compagni eccezionali, con un gruppo magnifico. Io cerco di fare del mio meglio, di combattere su ogni pallone».

Fino a meritare la Seleçao: è arrivata la convocazione.
«Sono anni che mi impegno, per me è una grande soddisfazione, sono felicissimo. Spero sia solo un punto di partenza. Per ora sono concentrato sul Napoli».

E sulla Roma, immaginiamo.
«In quattro anni qui, non l'ho mai battuta. Una maledizione, speriamo di invertire il trend».

Ma lo scudetto è davvero un obiettivo?
«Beh, perché no?».

La Juve è imbattibile.
«E' la più forte, poi ha anche Ronaldo, ma non imbattibile. E comunque ci dobbiamo provare».

Che ne pensa della Roma?
«Grandissima squadra, che ha perso punti e credo non voglia perderne altri».

Ha fermato Neymar, non avrà paura di Dzeko.
«Paura no, ma lo ritengo un grande calciatore. Completo di tutto, destro, sinistro, colpo di testa. Intelligente e poi qui ci ha segnato già abbastanza. Non basta Koulibaly per fermarlo, serve tutta la squadra».

Parliamo di un suo pari ruolo, De Rossi.
«Ecco, un altro grande calciatore. Un esempio. Uno che riesce a essere indispensabile nonostante l'età. Sarà una bella sfida là in mezzo».

Capello ha detto che ricorda Emerson: dal puma, lui, al leone, lei.
«Emerson è stato importante per la Roma, per la Seleçao, in Brasile è un mito. Magari poter fare solo un pezzetto della sua carriera».

Come vincere uno scudetto?
«Lo scorso anno l'abbiamo solo sfiorato. La città impazzirebbe».

Che allenatore è Sarri?
«Con la sua maniacalità, ci ha dato un gioco spettacolare. Era divertente stare in campo, avevamo sempre la palla. Si dominava il gioco».

E Ancelotti?
«E' un campione di vittorie. Ha un carattere diverso da Sarri, ci trasmette serenità. Lui è fatto così, ha formato un grande gruppo. Si gioca e si sorride».

Soprattutto non utilizza sempre gli stessi calciatori.
«Tutti si sentono dentro la squadra. C'è maggiore coinvolgimento anche per chi in passato era impiegato meno. L'alternanza è utile per restare sempre in condizione e per non perdersi per strada gli altri».

Anche in Champions, ci sembra, sia un Napoli di spessore.
«Anche qui c'è la mano di Ancelotti. Come sostiene lui, con la Champions sia da giocatore sia da allenatore, ha sempre avuto culo. Ecco, speriamo continui ad averne».

La Champions è un obiettivo?
«Ci sono squadre più forti di noi. Noi possiamo ambire a fare una Champions come la Roma lo scorso anno».

Altri allenatori italiani della sua carriera: Guidolin e Stramaccioni.
«Il primo mi ha accolto e insegnato le prime cose, ha creduto subito in me. Stramaccioni come carattere è simile ad Ancelotti».

Ma tra i quattro allenatori avuti, con chi andrebbe a cena? Ovvero chi è il più simpatico?
«Me li porto tutti, tanto pago io, alla faccia di chi dice che sono tirchio».

Lo si dice di molti brasiliani, perché venendo dalla povertà rispettano la ricchezza e non sprecano denaro.
«Io sono un generoso. Certo, anche io vengo dalla povertà».

Ci racconti.
«Vivevo nelle favelas di Rio de Janeiro: casa piccola, piena di gente. Non c'era molto a disposizione per vivere».

In quelle situazioni si rischia di prendere brutte strade.
«E' vero, ma io e i miei fratelli siamo cresciuti mossi da principi sani. La scuola, l'educazione, il lavoro, e naturalmente il calcio...».

Il calcio...
«E' la mia vita, fin da bambino. Ero sempre per strada in quell'epoca, sempre con la palla tra i piedi. Poi ho cominciato a giocare in una squadra di calcio a cinque, che non era proprio vicino casa, anzi era dalla parte opposta della città: uscivo la mattina, andavo a scuola, poi gli allenamenti. Il lungo tragitto in pullman, tornavo a casa alle dieci di sera, distrutto. Tanto tempo per prendere quelle brutte strade non ne avevo. Poi è arrivato il Vasco e, dopo il mondiale Under 20 (giocava con Juan Jesus, ndi), è arrivata l'Italia. La vita è cambiata da lì».

E ora non resta che godersi il momento.
«Per vivere una favola fino in fondo. Vincere qui, sarebbe magnifico. Cominciando dalla partita con la Roma».
di Alessandro Angeloni
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Allegri - News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Gio. 06 dic 2018 
Capello: "Soltanto Suning può pensare di opporsi alla Juve"
"Nazionale? Abbiamo giovani di valore assoluto, ad esempio Zaniolo"
 Mer. 05 dic 2018 
Calciomercato Roma, Pellegrini: il Real rilancia e sfida lo United
Pellegrini è uscito momentaneamente di scena, e a testa alta, il 24 ottobre alla...
 Sab. 01 dic 2018 
Di Francesco in bilico, ma è tra i tecnici big in Europa
Nella classifica degli allenatori di club del 2018, stilata dall’Iffhs, la federazione internazionale di storia e statistica del calcio, l’attuale titolare della panchina giallorossa si è posizionato all’ottavo posto
 Ven. 23 nov 2018 
Calciomercato Roma, Rugani dice sì: ma la Juve frena
Il difensore non trova spazio con Allegri, però i bianconeri non vorrebbero lasciarlo andare
 Gio. 22 nov 2018 
La Roma nel futuro: ecco la pista Rugani
Ieri il procuratore del difensore della Juventus è stato a Trigoria. Non ha spazio con Allegri. E il ds Monchi si cautela in caso di addio di Manolas
 Mer. 21 nov 2018 
Ilenia Pastorelli, core de Roma: "Ma non perdono l'addio di Salah"
L'attrice romana in sala con ‘Cosa fai a Capodanno?’ ha un segreto di bellezza: "La lasagna de nonna!"
 Mar. 13 nov 2018 
Un campionato mai visto
Ma di questo passo dove andremo a finire? Ecco la domanda che accompagna le riflessioni...
 Lun. 12 nov 2018 
COVERCIANO - Allegri vince la Panchina d'Oro. Di Francesco: "La VAR? Va utilizzata nel modo giusto"
Quarto riconoscimento in carriera come miglior allenatore della Serie A per l'attuale tecnico della Juventus: primato assoluto, staccati Capello e Conte a quota tre
 Lun. 05 nov 2018 
Roma, l'identità di carta
Come se non bastassero Allegri, Spalletti, Ancelotti, Simone Inzaghi e Gattuso,...
 Gio. 01 nov 2018 
Pioli: "La Roma ha personalità e fisicità, sabato sfideremo una squadra di vertice"
"In passato avrei potuto allenare i giallorossi...”
 Lun. 22 ott 2018 
La Roma va indietro tutta
A casa Di Francesco. Nel calcio è così, se vi piace. Facile a dirsi e a farsi. Ed...
 Gio. 18 ott 2018 
I 22 giorni della verità
Il bello sta per venire. In Italia e in Europa. La Nations League, con il flop della...
 Mar. 16 ott 2018 
Tagliavento: "Le parole di Allegri dopo Inter-Juve? Sono state travisate"
L'arbitro torna sulle polemiche dettate dal saluto con il tecnico bianconero: «Quando ci si incontra a fine partita ci si saluta, è capitato anche con tanti altri»
 Lun. 15 ott 2018 
Da Vidal e Pastore fino a Malcom: quelli che il mercato ha fatto flop
Da protagonisti assoluti di calciomercato ad acquisti misteriosi di questa prima...
 Mar. 09 ott 2018 
Da Monaco a Londra, mezza Roma in giro per il mondo: e Pastore è a Trigoria...
La pausa per gli impegni delle Nazionali permette di riposare agli uomini di Di Francesco. Dzeko sceglie Monaco, Fazio è a Londra. Solo Pastore rimane a Trigoria
 Sab. 06 ott 2018 
Quella frase racconta il mondo juventino
Max Allegri che sbraita contro un suo giocatore (Bernardeschi?), reiterando a pieni...
 Lun. 24 set 2018 
La prova del fuoco
Aveva chiesto il fuoco dentro, se l'è ritrovato addosso. Ora Di Francesco ha bruciature...
 Mar. 18 set 2018 
The Champioons, si riparte. Juve, sei da coppa. Roma, fai la Roma. Napoli-Inter è dura
[...] Nel nome di CR7 comincia la nuova Champions, il più grande spettacolo dopo...
 Lun. 17 set 2018 
MONCHI: "Il tifoso della Roma è tremendamente emotivo. La cessione di Salah è stata inevitabile..."
Il DS giallorosso Monchi ha parlato al portale El Mundo: Tutto ciò che hai...
 Dom. 16 set 2018 
Roma, un pranzo con i vecchi amici
Il flash back, mai come in questo caso, è obbligatorio: vale la pena ripartire dal...
 Sab. 15 set 2018 
DI FRANCESCO: "Una giornata triste per me e per i romanisti, Maria Sensi era una seconda mamma"
ROMA-CHIEVO LA CONFERENZA STAMPA DI EUSEBIO DI FRANCESCO: "Col Chievo la partita più importante del ciclo, Florenzi quasi certamente titolare"
 Ven. 14 set 2018 
La Roma sale sulla giostra
Di Francesco sfrutta la rosa extralarge e prepara la rotazione per i prossimi match: domenica il Chievo e mercoledì il Real
 Mar. 04 set 2018 
Garcia: "Resto tifoso della Roma. Contro la Lazio mi mancherà la Sud"
«Sono felicissimo di ritornare a Roma, dove ho ancora tanti amici, anche se, ovviamente,...
 Sab. 01 set 2018 
Parma-Juventus 1-2: gol di Mandzukic, Gervinho e Matuidi
Ancora a secco Cristiano Ronaldo. Traversa di Stulac, palo di Douglas Costa. Dybala in campo soli 10', i bianconeri sono in testa a punteggio pieno
 Ven. 31 ago 2018 
Esame di riparazione, per Milan e Roma è già ora di reagire
Detonatori delle fake news e dei livori più assurdi, i social hanno alimentato in...
 Gio. 30 ago 2018 
Champions con 4 italiane? L'ultima volta fu un trionfo
È dalla stagione 2009-10 che non arriviamo al sorteggio con 4 squadre. Un buon auspicio: quell'anno la Coppa andò all'Inter, e anche stavolta abbiamo le carte in regola...
Ecco i sorteggi, tutti a caccia del Real. Il Liverpool declassato in terza fascia
Grimaldi Forum di Montecarlo, ore 18: ricomincia la Champions League. Si riparte...
 Sab. 25 ago 2018 
Juventus-Lazio 2-0: in gol Pjanic e Mandzukic. Ronaldo ancora a secco
I bianconeri vincono la prima della stagione allo Stadium grazie ad una perla del bosniaco e ad un gol del croato. Cristiano Ronaldo cerca ancora il primo gol in Serie A
Amici, rivali, simili. Quando Di Francesco votò per Gasperini
Il loro destino si è spesso incrociato in questi anni. Un po' quando hanno portato...
 Ven. 24 ago 2018 
ALLEGRI: "Con la Lazio partita complicata. Bonucci va rispettato. CR7 in panchina? Potrà succedere"
Il tecnico alla vigilia della sfida contro la Lazio: «Partita complicata. Leonardo va valutato per quello che fa in campo»
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>