facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 2 agosto 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Amantino Mancini e quel tacco nel cielo del derby: "Indimenticabile"

Sabato 29 settembre 2018
Eh, bravo Pastore, bellissimi i due gol di tacco ma con la palla a terra sono buoni tutti. Io in quel derby la presi in aria...". Ride Amantino Mancini. Quella magia gli passa di nuovo davanti agli occhi. Era il 9 novembre del 2003. Punizione dalla destra di Cassano, taglio del brasiliano e tacco di destro al volo sul palo lungo. Quattordici anni prima, a Berlino, in quei minuti cadeva il muro e un popolo unito si abbracciava per strada. Quel giorno invece, solo una parte di Roma festeggiò. Quella giallorossa, quella che lo ribattezzò subito "il tacco di Dio".

"Quando vidi la palla in rete, mi misi a correre verso la Sud. Sentivo il boato e non capivo niente. Un ricordo indelebile", racconta in esclusiva a gianlucadimarzio.com. "Fu il mio primo gol in serie A, non potevo scegliere un modo migliore". Contro la Lazio allenata da Roberto Mancini, l'uomo a cui Alessandro Faioli Amantino deve il nome con cui oggi è conosciuto. "Fu Toninho Cerezo a chiamarmi così. Aveva giocato con Roberto alla Samp, disse che io gli assomigliavo e così da mansinho (mansueto) il mio soprannome divenne Mancini". Una "s" nella pronuncia al posto della "c" e due destini attraversati da prodezze con il lato b del piede.

Il Mancio sbalordì il mondo, beffando Buffon a Parma nel '99. Poi, il suo mondo si ribaltò all'Olimpico. Da carnefice a vittima.


Credo tanto in Di Francesco. È un grande tecnico e anche in un momento di difficoltà come questo, lui è la certezza su cui fare affidamento. L'anno scorso ha fatto vedere un calcio offensivo di grande livello, come piace a me. Da lui bisogna ripartire".

Eppure la classifica dice 8 punti in 6 gare. Bilancio magro per un club di vertice. "Purtroppo il livello della squadra si è abbassato rispetto all'anno scorso. Sotto ogni profilo: manca qualcosa a livello tecnico, agonistico e di esperienza. Fra tutte, credo che la partenza più difficile da assorbire sia quella di Alisson".

Problemi in campo e acque agitate in società. Anche a Londra sono arrivati gli echi delle polemiche legate all'uscita del libro di Totti. Con eleganza e con la classe che aveva sulla fascia, Mancini dribbla ogni polemica. Anche perché il caos di questi giorni riguarda persone a cui è legato a filo doppio: Franco Baldini e il capitano. "Voglio un gran bene e stimo tantissimo entrambi. Baldini è stato il primo a credere in me e gli sarò per sempre grato. Mi ha portato in Italia quando ancora nessuno qui mi conosceva. Francesco è stato un compagno splendido, uno dei più forti con cui ho giocato e un leader silenzioso nello spogliatoio. Un ragazzo timido e buono, il simbolo. Dovunque vai quando dici "Roma", la gente dice "Totti".

Luciano Spalletti. Un'altra frattura che Mancini ha vissuto da lontano. "Io ho imparato tantissimo dal mister. Mi fece giocare più avanzato e non dimenticherò mai le 11 vittorie della stagione 2005/2006. L'undicesima fu in casa della Lazio. Quasi bella come il gol di tacco".

In quella striscia, il 30 della Roma alzò sei volte le braccia al cielo. A fine anno in campionato furono il doppio. In totale, comprese le coppe, addirittura il triplo.

Giocò anche centravanti nel finale di stagione, complice il drammatico infortunio di Totti contro l'Empoli.

I trofei di squadra arrivarono nel biennio successivo: due coppe Italia e una Supercoppa. Poi il trasferimento all'Inter "dove ebbi Mourinho. Il carisma in persona. Sono ancora oggi legato a lui per gli insegnamenti di quelle stagioni". Un legame importante nato in un periodo difficile per Amantino. A Milano, su entrambe le sponde, non videro mai il giocatore lanciato da Capello "una persona che mi ha fatto capire come stare in campo" e sbocciato con Spalletti.

Oggi ha 38 anni ed è un loro collega. Stima quelli che "attaccano alti, che vogliono sempre tenere la palla nella metà campo offensiva". Studia e segue i giovani talenti. Mercoledì ne ha visto uno che conosce da tempo esordire con la maglia giallorossa: Luca Pellegrini. "Il futuro terzino sinistro della Roma. Un ragazzo che ha superato due gravi infortuni e che mi piace tantissimo". Un altro lo ha visto, dal vivo, al Bernabeu. "Zaniolo mi ha impressionato. Ha gamba e personalità. Se Di Francesco lo ha lanciato in un palcoscenico del genere, vuol dire che si fida già molto di lui".

Da lunedì Mancini inizierà il Master Uefa Pro, l'ultimo passo formale prima di essere un allenatore per qualsiasi categoria. Prima però deve passare il weekend. E un derby che guarderà un po' da tecnico, un po' più da tifoso. "Vincerà la Roma 2-1. Segnerà Dzeko. E magari il mio amico Daniele: un altro simbolo di Roma".

Sicuro e spavaldo, come in quel folle doppio passo a Lione. Fra qualche ora è Roma-Lazio. Pastore finora ha segnato due volte sotto la Nord. Il "tacco di Dio" è custodito nell'altra area. Sotto gli occhi di chi c'era 15 anni fa e sogna un altro boato.
di Claudio Giambene
Fonte: gianlucadimarzio.com
COMMENTI
Area Utente
Login

Buffon - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 26 mag 2019 
L'ultima volta di De Rossi: all'Olimpico cori, striscioni, lacrime e bandiere
Ovazione per il capitano giallorosso, sceso in campo con i figli. Tante le dediche del suo stadio: “Nei giorni belli e in quelli tristi sei stato la bandiera dei veri romanisti”
 Sab. 25 mag 2019 
De Rossi, ultima scena. La partita più difficile è preparare un addio
L'ultimo protagonista di un'Italia bella e vincente lascia la Serie A. Daniele De...
 Ven. 24 mag 2019 
Mirante, domenica la prima da ex contro il "suo" Parma
Il portiere lasciò gli emiliani dopo il fallimento del 2014-2015, accasandosi al Bologna: da quel momento non ha più affrontato la sua ex squadra. All'andata era in panchina, ora è il titolare dei pali dei giallorossi
 Mar. 21 mag 2019 
Allegri, Roma e Buffon sondano. Ma il futuro per ora è un anno sabbatico
Ha detto: "Per ora penso a stare a casa”. Però la chiamata di un top club può cambiare i piani del tecnico ancora sotto contratto con la Juve
De Rossi, passerella in notturna poi gli Usa
La passerella finale sarà in notturna. Daniele De Rossi darà l'addio alla Roma domenica...
 Lun. 20 mag 2019 
Ciao De Rossi e Barzagli: la A resta senza campioni del mondo
Con l’addio del capitano della Roma e il ritiro del difensore della Juventus, il massimo campionato italiano rimane senza gli eroi di Berlino
 Sab. 18 mag 2019 
FourFourTwo non ha dubbi: Messi meglio di Cristiano Ronaldo, Totti più forte di Del Piero
Chi è stato più forte? Maradona o Pelé? E chi è più forte tra Messi e Cristiano...
 Mer. 15 mag 2019 
Marchisio: "Volevamo convincere Daniele a venire alla Juve, ma non è servito"
Claudio Marchisio, ex centrocampista della Nazionale italiana e della Juventus,...
De Rossi: arrivederci Roma
È un tempo infame per i Capitani a Roma. È come se avessero buttato giù dal Campidoglio...
 Mar. 14 mag 2019 
Da Maldini a Del Piero fino a De Rossi: le bandiere non sventolano più
Dal rossonero nel 2009 all'annuncio odierno del capitano giallorosso: negli ultimi dieci anni la Serie A ha perso le sue icone
 Lun. 13 mag 2019 
La seconda vita di Mirante: titolare con vista Champions
Acquistato per aiutare Olsen nell’inserimento, si ritrova inamovibile con Ranieri nella corsa al 4° posto. E da ex ha fermato la Juventus come un eroe
 Lun. 06 mag 2019 
Svincolati di lusso: ecco i possibili affari a parametro zero per luglio
Da Balotelli a Buffon, ecco i giocatori in scadenza di contratto YACINE BRAHIMI...
Conte esce allo scoperto: "Al 60% allenerò in Italia. La priorità è andare dove si può vincere"
L'ex tecnico del Chelsea ha ammesso: «Ci sono buone probabilità, ma non c'è stato ancora alcun contatto». E quanti aneddoti raccontati...
 Mer. 13 mar 2019 
Szczesny: "Totti una leggenda, figura più grande della Roma. De Rossi vero capitano della squadra"
L'ex portiere della Roma, ora alla Juventus, Wojciech Szczęsny, ha rilasciato...
 Mer. 06 mar 2019 
TOTTI: "Rispettiamo la decisione della difesa a tre, metteremo in campo tutto quello che abbiamo"
CHAMPIONS LEAGUE, PORTO-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, FRANCESCO TOTTI: “La squadra è tutta con Di Francesco. Questa gara è più importante del derby. Di Francesco è il mio mister, lo difenderò fino alla fine. Oggi conta solo la Roma"
Super Casillas: il fronte del Porto. Nessuno come lui
Può darsi che la Roma spezzi il suo cammino: per Casillas sarà comunque stata la...
 Gio. 14 feb 2019 
Roma, che spinta dagli italiani. E Monchi ne vuole di più
Contro il Porto ne sono scesi in campo 7, più Santon entrato nella ripresa: mai così tanti in Champions dalla Juve nel 2013. Il d.s. vuole puntarci ancora in futuro: "Si adattano prima"
 Mer. 30 gen 2019 
Paredes al Psg, l'ex Roma è diventato un top player
Avere a che fare con gli ex non è mai gradevole. Nel calcio, il classico gol dell'ex...
 Gio. 24 gen 2019 
È sempre più ItalRoma
L'ha detto e lo sta facendo. Il nuovo manifesto romanista di Monchi, ispirato anche...
 Mer. 09 gen 2019 
Osvaldo: "Io matto? Ora sto da Dio. Il calcio fa schifo, ma Totti..."
Da San Siro al Broadway Music di Orta Nova, dalla Bombonera al Pocoloco di Paganica. La differenza è tanta, ma Pablo Daniel Osvaldo ora è davvero felice.
 Mar. 08 gen 2019 
Buffon: "Io, giovane ultrà che faceva cazz... di ogni tipo. E quella canna..."
Il numero uno del Psg si racconta a Vanity Fair tra ricordi d'infanzia e situazioni al limite: "Come quella volta della manganellata della polizia"
 Ven. 04 gen 2019 
 Ven. 21 dic 2018 
La Juventus dei record parte da dietro: Chiellini e Bonucci, la coppia del no gol
Un punto per diventare Campione d'Inverno, 46 su 48 in classifica, miglior attacco...
 Gio. 20 dic 2018 
Juventus-Roma, un anno dopo la rivalità è sbiadita
Anche un anno fa la sfida si giocò alla vigilia di Natale, ma se allora i giallorossi avevano solo due punti meno dei rivali, stavolta il gap li vede distanti 22 lunghezze. Mentre Allegri si gode i gol di Ronaldo e una solidità difensiva rassicurante, Di Francesco è a un passo dall'esonero ed è costretto ad affidarsi alle riserve
 Lun. 03 dic 2018 
MANCINI: "Felice che Zaniolo giochi, ha tutto. Difficile rivedere De Rossi in Nazionale"
Roberto Mancini, CT dell'Italia, ha parlato a Radio Anch'io Lo Sport su Radio...
Pallotta e Totti tuonano: "Rocchi si deve vergognare"
Abbiamo scoperto chi è il rigorista della Roma. Ci sono volute 14 giornate di campionato...
 Ven. 26 ott 2018 
Esame Ancelotti: la Roma domenica a Napoli sfida un tecnico amatissimo dai tifosi
Poteva essere, e non è stato. Per tante ragioni e nonostante un amore profondo....
 Ven. 12 ott 2018 
Benzina verde per la Roma
Stavolta hanno esordito a braccetto, Luca Pellegrini e Nicolò Zaniolo, la quota...
 Lun. 08 ott 2018 
Trofeo Kopa 2018, i candidati per il Pallone d'Oro Under 21: presente Kluivert
Ci sono anche gli italiani Donnarumma e Cutrone, Mbappé il favorito
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>