RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Martedì - 23 aprile 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
   
   

DE ROSSI: "Svilar è forte supportato da Rui Patricio. Scrollati di dosso un po' di fatalismo"

EUROPA LEAGUE, ROMA-FEYENOORD 1-1 (5-3 d.c.r), LE INTERVISTE POST-PARTITA, DANIELE DE ROSSI: "Penso sia il modo più bello per vincere, molto romanista, al cardiopalma"
Venerdì 23 febbraio 2024
DE ROSSI A SKY

Complimenti. Ci sono tantissimi elementi: il gol meraviglioso di Pellegrini, il gioco, i rigori... da dove partire?
"È bello ricordare tutto. Era la mia prima notte europea a Roma in questa veste. È stato bello che sia finita così. Penso sia una vittoria meritata, soprattutto per quello fatto nel primo tempo. Penso sia il modo più bello per vincere, molto romanista, molto al cardiopalma però ci siamo scrollati di dosso un po' di fatalismo. Noi romanisti abbiamo alcuni modi di dire: mai ‘na gioia e altri che non si possono ripetere (ride, ndr), ma iniziamo a cambiare pagina anche da questo punto di vista. Non siamo brutti anatroccoli. Ogni tanto vinciamo pure noi, siamo forti. Sono contento, un grande stadio".

Avete trovato energie nel secondo supplementare. Svilar?
"È forte. Di testa è sereno. Lo era anche prima quando giocava meno. È supportato dalla squadra, da Rui Patricio, che è un uomo meraviglioso, lo sottolineo. Poi quando le cose le fai bene, capita anche che tirino il rigore dalla parte tua. Non è solo fortuna. C'è uno studio dietro, c'è la sua elasticità. I nervi, è stato davvero bravo".

Pellegrini?
"È giusto che si tolga queste soddisfazioni e che ci sia il suo nome su queste serate. Come ho già detto negli spogliatoi, dobbiamo giocare gli ottavi di finale. Quindi è presto per i festeggiamenti, però è bello ci sia il suo nome in partite così per il giocatore che è e per l'uomo che è. Ha vissuto momenti, neanche troppo lontani, in cui è stato messo in discussione sotto alcuni punti di vista e mi dispiace tanto perché lui è un esempio e un grande giocatore".

Ha un sapore diverso la tua corsa sotto la Sud di stasera?
"Non è un abbraccio, è un ringraziamento allo stadio. Il mio ruolo lo richiede. Mi vergogno pure a farlo, da giocatore era più automatico. Non vorrei esagerare, sono solo i playoff. Però questo stadio andava ringraziato. Ci hanno tirato su il pullman, non toccavamo terra quando siamo arrivati (ride, ndr). C'è un supporto, un amore gigante. È così da sempre. Cerco di essere il più freddo possibile, ma non devono pensare che io sia cambiato. Mi trattengo a non saltare sul cancello come facevo a 25 anni, anche perché non ce la farei".

A che punto sei del percorso?
"Sono stracontento per quello che vedo, calcolando che sono arrivato da poco. Tutte le squadre vanno perfezionate anche dopo anni che ci lavori. Dopo anni lavori più all'aspetto mentale, adesso dobbiamo lavorare sui concetti, sul non fare i danni e non stravolgere. Però diamo quei concetti che ci hanno permesso di fare anche il primo tempo di oggi, dove secondo me meritavamo di essere ampiamente in vantaggio".

La Roma non vinceva una gara ai rigori all'Olimpico dal 2002 in Coppa Italia contro la Triestina, chi calciò il primo rigore?
"Me lo ricordo sì. Non ricordavo fosse il primo, ma lo ricordavo. Per me nella mia testa quella era più importante di questa. Era una delle prime partite che giocavo e una delle prime dove dovevo decidere se alzare la mano o far tirare gli altri. È stata la prima conferma che ho dato a me stesso, al di là che l'ho segnato. Per me Roma-Triestina era la finale di Champions, perché ero un ragazzo della Primavera ed è stata anche quella una bella serata. Forse questa un pochino meglio. Parlando dei rigori, oggi avevamo pronti 6 rigoristi. E questo non è scontato. Tante volte per un motivo o per un altro, quando giocavo alcuni non se la sentivano ed era rispettabile. Oggi abbiamo lasciato fuori Angelino che lo voleva tirare, gli altri erano carichissimi. A Berlino lo voleva battere Buffon. È sempre un bel segnale quando tutti vogliono tirare".

Perché a volte fate fatica in uno dei due tempi?
"È vero che non teniamo i 90 minuti ai ritmi del primo tempo. Ma dipende anche dagli avversari. Questa era una squadra costruita per fare la Champions, ci può stare che loro prendano il pallino. Oggi siamo stati bravi, abbiamo speso tanto per le pressioni alte. Poi al 120' la cosa si moltiplica. Dobbiamo lavorare e capire perché non riusciamo a resistere e provare a tenere il campo anche mentalmente. Però al 120' ho visto uno scatto di tutti, Romelu aveva praticamente fatto gol ma il portiere ha fatto un miracolo. Benzina e voglia ce ne erano ancora".


*** *** ***


DE ROSSI IN CONFERENZA STAMPA


Prende la parola il figlio di Antonio De Bartolo: "Volevamo dirle grazie di esserci".
"Grazie, non sapevo niente della scomparsa di Antonio De Bartoli (giornalista noto tifoso romanista, ndr)".

È una vittoria quasi storica questa ai rigori, cancella un tabù, cosa può dare a livello mentale?
"Ai rigori puoi vincere o perdere, questa cosa doveva finire prima o poi. Abbiamo dato una spallata al fatalismo, a tutte queste espressioni che abbiamo come il mai ‘na gioia, abbiamo fatto più di 180' fatti nella maniera giusta, soffrendo a volte ma costruendo tante occasioni, il primo tempo dovevamo finirlo in vantaggio. La differenza poi la fanno i calciatori, avevamo 6-7 calciatori che volevano calciare il rigore, poi i rigori si possono sbagliare perché succede. Ero veramente sereno perché avevo visto i ragazzi super carichi, è sempre una responsabilità delicata".

Hai scelto tu i rigoristi?
"Sapevamo che sarebbero stati diversi dagli undici titolari, ieri abbiamo parlato con i giocatori, ieri per esempio Zalewski li aveva segnati tutti, immaginavano che ci sarebbe stato Zalewski e non El Shaarawy, Angelino e non Spinazzola, Aouar e non Pellegrini. Abbiamo dovuto eliminare per forza Angelino che ha un piede favoloso, sono contento per Zalewski che lo ha segnato, sono contento per Aouar. Avevo giocatori pronti, una panchina che ha spinto i compagni, ho un portiere che ha parato i rigori e uno che ha festeggiato come se li avesse parati lui, il calcio finisce ma gli uomini restano e Rui Patricio è un grande uomo".

L'abbraccio con Lukaku che significato ha? Le condizioni degli infortunati?
"Il rapporto è meraviglioso, è un professionista incredibile, ha corso come un dannato, al 121' ha rischiato di portarci agli ottavi direttamente, forse così è stato più emozionante, per lui sarebbe stato meglio di finirla qui. L'abbraccio è stato emozionante, inizio ad affezionarmi ai ragazzi, mi hanno bene umanamente e dal punto di vista del tecnico, mi hanno dimostrato che quello che faccio è credibile, si fidano, vanno a 2.000 in allenamento, ho abbracciato Lukaku e tutti, poi siamo ai sedicesimi di finale, è presto per i DVD. Penso che abbiamo vinto meritatamente. Llorente ha un trauma cranico ma penso non sia niente di grave, poi dobbiamo controllare un paio di giocatori, Pellegrini sentiva il solito flessore un po' duro e contratto, abbiamo visto anche Aouar che secondo me è entrato bene e con qualità. Va più forte in partita che in allenamento, abbiamo bisogno di queste gare, magari non sono giocatori che fanno gridare alla sorpresa, ma Aouar si allena sempre bene mi piace più quando entra che in allenamento".

Hai superato anche l'ultima interrogazione per essere allenatore della Roma?
"Gli esami non finiscono mai, ne ho uno ogni tre giorni. Non mi sento sotto esame, faccio il mio lavoro e ai ragazzi parlo di volontà, chiedo loro di scattare al 100% della velocità, se ci pensi è follia, io dico loro di scattare e se hai questa volontà le cose ti vengono meglio in campo e nella vita. Io devo scattare, non sto a pensare quanto durerà, se 4 mesi o di più, questo lavoro mi piace tanto, già mi scoccia pensare al Torino, lavoro anche per serate come questa. Non è che dobbiamo riempire subito il Circo Massimo, ma dobbiamo godercela un po'. Mi piace condividere questa gioia con i ragazzi e i tifosi, contento che siano felici".
COMMENTI
Area Utente
Login

Allenamento - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 21 apr 2024 
Lukaku, obiettivo Bayer Leverkusen: il piano per averlo in Europa League
Romelu Lukaku deve smaltire qualche piccolo problema muscolare. La Roma lavora per recuperarlo in vista dell'Europa League.
 Ven. 19 apr 2024 
Rinnovo De Rossi: tutti i dettagli del contratto che verrà firmato dal tecnico
Dan e Ryan Friedkin hanno voluto dimostrare la loro piena fiducia nell’allenatore a poche ore dalla grande sfida di Europa League contro il Milan all'Olimpico
 Gio. 18 apr 2024 
Roma-Milan, Cafu: "Sarà una partita molto bella. De Rossi alla Ferguson"
Cafu, ex sia della Roma che del Milan, ha parlato del match in programma stasera all'Olimpico
 Ven. 12 apr 2024 
La Roma pensa già a Udine: le ultime sull'allenamento di oggi
Dopo la vittoria di San Siro la squadra si è spostata nel centro sportivo del Monza per la ripresa degli allenamenti. Domani di nuovo in campo, poi il viaggio a Udine
 Lun. 08 apr 2024 
De Rossi, cappellino "speciale" dopo il Derby: allenamenti tra novità e sorrisi
Daniele De Rossi dirige la squadra con il tipico cappellino ASR, indossato anche all'Olimpico dagli ultras giallorossi. Sorrisi e tranquillità dopo una vittoria pesantissima.
Pellegrini con il figlio a Trigoria: "Campione di papà". FOTO
Capitan Pellegrini porta il figlio a Trigoria: le foto diventano virali!
 Ven. 05 apr 2024 
Roma, senti Loris Boni: "Proposi Haaland ai giallorossi"
Loris Boni, ex centrocampista della Roma, rivela che Haaland poteva finire alla Roma da giovanissimo: lo segnalò proprio lui a Monchi.
Giovannelli: "Il gol nel derby è stato il più importante della mia vita"
Le sue parole: "Di gol ne facevo pochi, 16 in tutta la carriera, media di uno all'anno"
Roma-Lazio, Celik favorito su Karsdorp a destra. Dybala titolare
Sono pochi i dubbi di formazione di De Rossi a poco più di 24 ore dal derby
Roma-Lazio, De Rossi ha motivato l'intera squadra con questa frase
Il tecnico giallorosso a lavoro non solo sull'aspetto tecnico, ma anche su quello mentale
 Gio. 04 apr 2024 
Le ultime da Trigoria: Kristensen torna a essere disponibile, ancora fuori Azmoun
Ecco cosa trapela dall'ultimo allenamento dei giallorossi
 Mer. 03 apr 2024 
Roma, che bella notizia per De Rossi: Spinazzola si allena in gruppo
L'esterno sarà disponibile per il derby di sabato contro la Lazio
 Mar. 02 apr 2024 
La Roma torna ad allenarsi in vista del derby: le ultimissime da Trigoria
Tornati questa notte nella Capitale i giallorossi non hanno perso tempo e hanno iniziato già oggi la preparazione verso il derby di sabato con la Lazio
 Sab. 30 mar 2024 
De Rossi, senti "Il Principe": Gannini 'svela' il segreto per continuare a vincere
Daniele De Rossi sorprende tutti sulla panchina della Roma, o quasi. C'era chi già sembrava pronto a scommettere su di lui: Giuseppe Giannini, per tutti "Il Principe", carica l'ex centrocampista.
Lecce-Roma, l'ora di Baldanzi: può essere il vice Dybala
La partita contro il Lecce diventa l'occasione perfetta per dimostrare di essere il vice della Joya
Il parere di Nainggolan: "Con De Rossi la Roma gioca un bellissimo calcio"
L'ex centrocampista giallorosso duro su Mourinho
Roma, come sta Dybala? Le ultime sulle sue condizioni fisiche
L'attaccante argentino farà di tutto per rientrare fra i convocati a Lecce
 Gio. 28 mar 2024 
Roma, Abraham in campo contro il Lecce: il grande ritorno dell'attaccante
Tammy Abraham potrebbe giocare uno scampolo di partita contro il Lecce: cresce l'entusiasmo dei tifosi
 Mer. 27 mar 2024 
Roma, piove sul bagnato: allenamento sotto il diluvio per i giallorossi
I giallorossi preparano la trasferta di Lecce. De Rossi alle prese con i dubbi di formazione.
 Mar. 26 mar 2024 
Roma, tutto pronto per il rientro in campo di Lukaku
L'attaccante giallorosso scenderà in campo con il suo Belgio e poi tornerà a Trigoria per preparare la sfida di Lecce
 Lun. 25 mar 2024 
L'idea di De Rossi: far giocare Abraham insieme a Lukaku
Manca poco al ritorno in campo dell'inglese
 Sab. 23 mar 2024 
De Rossi, un amore infinito: in allenamento non resiste e calcia, "Mozart" non perde il tocco
Daniele De Rossi sempre più parte della nuova Roma, il mister non dimentica i fasti da giocatore e in allenamento regala qualche perla per Dybala e Abraham. Il piede è ancora quello.
 Ven. 22 mar 2024 
La confessione di Angeliño: "Di Roma mi piace tutto, voglio restare a lungo"
Le parole d'amore del terzino giallorosso
 Gio. 21 mar 2024 
L'iniziativa della Roma per la Giornata Mondiale della Sindrome di Down
In una giornata speciale, i giallorossi rimasti nella Capitale hanno accolto i ragazzi della "Locanda dei Girasoli", passando del tempo con loro.
Smalling-Renato Sanches, dopo la sosta arriva la chance
Due rinforzi alla ripresa per De Rossi: l’inglese e il portoghese provano a invertire la rotta
 Dom. 17 mar 2024 
Dybala out, ma torna Lukaku (con Azmoun)
Dybala no, Lukaku sì. La Roma arriva alla sfida con il Sassuolo (ore 18.00) con...
 Gio. 14 mar 2024 
DE ROSSI: "La qualificazione basta per fare i complimenti ai ragazzi, ma potevano gestire meglio"
BRIGHTON-ROMA 1-0, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, DANIELE DE ROSSI
 Mer. 13 mar 2024 
BOVE: "Gioco meno? Sono tranquillo, in allenamento vedo progressi e in campo do sempre il massimo"
EUROPA LEAGUE, ROMA-BRIGHTON LA CONFERENZA STAMPA DI EDOARDO BOVE
DE ZERBI: "Con questa Roma devi fare una partita ottima per vincere 5-0. Dobbiamo crederci"
EUROPA LEAGUE, BRIGHTON-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI ROBERTO DE ZERBI: "All'andata abbiamo avuto le stesse occasioni della Roma"
Roma in partenza per Brighton: assente Lukaku, il belga resta nella Capitale
Domani alle ore 21 andrà in scena al Falmer Stadium la sfida tra Brighton e Roma,...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>