RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 17 aprile 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
   
   

MOURINHO: "È ridicolo che debba giustificare una mia assenza. Ieri riunione dura con i giocatori"

MILAN-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "Alcuni giocatori devono obbligatoriamente dare di più. Siamo a 4 punti dalla Champions, ne abbiamo persi 8 senza la squadra per giocare. Non penso ci sarà Dybala domani"
Sabato 13 gennaio 2024
Il tecnico giallorosso in conferenza stampa alla vigilia della sfida di San Siro col Milan

"Inizierò da me stesso, mi scuso. Sono qui da due anni e cinque mesi in due anni e cinque mesi sono l'unica persona qui che non ha perso un unico minuto di una sessione di allenamento. Per me non ci sono malattie, non ci sono buon umori e mal umori, svegliarmi presto e tardi. Per due anni e mezzo non ho perso niente, neanche quando erano tutti malati. Due mesi fa avevo bisogno di un giorno per una situazione che non devo spiegare, l'ho spiegato alla proprietà e al direttore Pinto, in un momento così pieno di partite, di viaggi e di allenamenti abbiamo definito che il giorno che andava bene per non essere presente era un giorno dopo una partita. Sono stato fuori 15 ore, è ridicolo che debba giustificare questo, non accetto in nessun modo che la mia professionalità, la mia dignità, e il mio cuore per questo lavoro siano messi in discussione. Se c'è un esempio perfetto di professionalità sono io. Non ho mai mancato una partita, non con la Roma, sto parlando di 23 anni. Non sono mai stato malato (si fa il segno della croce, ndr), un allenamento di recupero per la gente che ha giocato, per sei giocatori che non hanno giocato, con l'allenatore assente in permesso, non mi sembra una cosa drammatica".




Come si riparte?
"La risposta è molto facile: la partita è finita e abbiamo perso, abbiamo fatto tante cose bene in accordo con le nostre limitazioni, altre cose non bene. Abbiamo analizzato ieri, abbiamo parlato, sempre alla ricerca di poter migliorare all'interno delle nostre limitazioni. Dal punto di vista personale riparto come riparto da 23 anni, partita analizzata, partita finita e prossima partita. Non c'è un'altra storia".

Che Milan affronterete?
"Una squadra che gioca per vincere lo Scudetto. Quest'anno la distanza in punti fra loro e le prime due non sarà facile da colmare, ma è quella squadra lì, che ha perso qualche giocatore importante per infortunio nella zona difensiva, centrocampo e attacco sono lì, Pulisic, Giroud, Leao, sono tutti lì. Hanno perso due difensori ma ne hanno presi altri due, Terracciano e Gabbia, per migliorare la situazione. Sarà una squadra che sicuramente vuole vincere dopo la sconfitta in Coppa, per loro era sicuramente un target. Metteranno tutto in questa partita, sanno le nostre difficoltà, tutti lo sanno, magari qualche giornalista non lo sa, neanche qualche commentatore, ma tutti sanno le nostre difficoltà. Andiamo là. Ieri ho parlato con i ragazzi non solo del gioco, ma anche dell'atteggiamento e non ho problemi, ho grande rispetto e lealtà nei confronti dei miei giocatori e per questo non c'è niente che qualche persona possa dire che io non ho detto. Per me è una cosa chiara, è la differenza fra le difficoltà e utilizzare le difficoltà che sono vere come un modo per giustificare qualcosa che potremmo fare di più. Questo non lo risparmio. Lo risparmio di fronte a voi, i nomi, so come funziona, che se un giocatore sbaglia individualmente la direzione è sempre quella di dare la colpa all'allenatore, ma nel mio rapporto diretto con loro non risparmio nulla. Migliore è il rapporto, meno devo risparmiare. Ieri riunione dura, specialmente per qualche calciatore. Difensivamente la squadra è stata perfetta, abbiamo preso gol da una rimessa laterale, non siamo neanche capaci di fare una rimessa laterale positiva e poi un rigore di un bambino di 18 anni con 55' di Serie A e un rigore che continuo a dire, non so se mi hanno capito, non ho mai detto non essere rigore, ma che lo è dei tempi moderni. I tempi moderni nell'arbitraggio sono inferiori nella protezione al gioco rispetto a 20 anni fa. Mai detto non fosse rigore. Nella riunione di ieri non ho risparmiato niente, poi però allenamento, 6 giocatori si sono allenati ed è difficile lavorare in campo e migliorare le cose. Però niente, il messaggio è rimasto lì, c'è gente che obbligatoriamente dal punto di vista individuale e isolato deve dare di più"

Dopo la finale di Budapest aveva chiesto un supporto, una figura che potesse affiancarla in queste situazioni delicate. I tifosi per la prima volta sono molto arrabbiati con la squadra da quando c'è lei, com'è possibile che nessuno della società abbia detto qualcosa? E cosa si sente di dire lei?
"Io sono anche la società. Non sono un'alta carica, sono un allenatore ma sono la società. Mentre sono qui mi considero società, considero che le mie parole sono parole che la gente fuori vuole sentire, voglio essere sempre leale, corretto nel mio confronto con la società. Non è solo un dovere, è il mio modo di essere e in questo momento penso che le mie parole siano molto obiettive. Non so quanti derby ho giocato, 200, 150, sono state partite speciali, ho vinto, pareggiato, perso, sempre con un modo diverso di viverla. Ho sempre capito che per un tifoso del Chelsea giocare contro l'Arsenal non è la stessa cosa che giocare contro il Manchester City, che per un interista giocare contro la Juventus non è come giocare contro la Roma, ho capito cosa significa un derby. Il derby che abbiamo vinto è un derby pesante, ci sono derby con vittorie e sconfitte e derby con umiliazioni, il derby che abbiamo vinto è stata un'umiliazione, i derby che abbiamo perso li abbiamo persi per un dettaglio, per un errore che fosse arbitrale o personale, l'abbiamo fatto con la dignità di chi dà tutto, siamo usciti con la testa pulita, dando tutto nelle difficoltà. Abbiamo perso in 10 per 60' dando tutto fino all'ultimo secondo, anche col feeling che qualche giocatore doveva dare di più abbiamo finito la partita con due grandissime opportunità per pareggiare. L'orgoglio di essere romanista e l'orgoglio di lavorare per i romanisti è presente qui dentro, ma è in campo che devi mettere negli occhi della gente questo atteggiamento extra che va contro tutto e tutti. Capisco che la gente non sia contenta per qualche situazione che per me è fuori dal contesto, ma che alla fine non è. Perché non è uno sport individuale, è uno sport collettivo in cui la differenza di atteggiamento di uno influenza gli altri. La responsabilità è mia, è individuale dei giocatori, è la situazione che abbiamo che non ci permette di escludere qualcuno, se escludo qualcuno non so se domani vado con 15 o 16 giocatori. È una situazione multifattoriale che per me è difficile da far uscire da questi tanti fattori. Sempre per correttezza, quando parlo qui dentro penso sempre che rimanga qui dentro, a volte esce e non è vero quello che esce e a volte esce ed è vero, ma quando parlo penso sempre di parlare internamente con giocatori e staff. A volte parlo anche di me stesso, per chiedere ai giocatori di fare meglio, devo mettermi anche io in una posizione in cui possono dire lo stesso di me stesso e io stesso dall'alto della mia esperienza posso fare autocritica. Io ieri ho detto una cosa obiettiva, che potevo fare meglio in alcune partite. Ho identificato una partita in cui non ero contento con me stesso. Quando vado a partite in cui la mia sensazione è che ho il 100% di consapevolezza che il mio lavoro è fatto bene, mi sento tradito da situazioni individuali che puniscono la squadra. Questo periodo è molto molto difficile, noi abbiamo avuto due periodi difficili: le prime tre partite di campionato con 1 punto, giocatori non disponibili e infortunati, in questo momento abbiamo 4 punti di differenza dalla Champions e lì ne abbiamo persi 8 in cui non c'era la squadra per giocare, poi c'è questo periodo con tanti scontri diretti con un gruppo molto ridotto di giocatori. Se qualcuno non vuole intepretare questo come difficoltà vera non è giusto. La critica va bene, ma dimenticare la difficoltà del nostro momento è pazzesca. La partita che abbiamo vinto contro la Cremonese, come l'abbiamo vinta? Quali rischi abbiamo preso? Come ha finito la linea difensiva? Gioca Kristensen che è un terzino, gioca Mancini che non si allena da un mese, gioca Huijsen con 10 minuti di Serie A, Llorente magari può giocare ma è in dubbio, Mancini gioca al centro perché non ci sono altri. Se la gente vuole ignorare questa situazione non è giusto. È qui che devo difendere il gruppo, inclusa la gente che non è al livello atteso di prestazioni individuali. È un gruppo di gente che lavora, soffre quando il risultato non è quello atteso. Abbiamo perso il derby, abbiamo un campionato da giocare, siamo a quattro punti da un target che se non fossimo noi direbbero che è impossibile. Il potenziale delle squadre da top 4 non è paragonabile con noi. I tifosi della Roma sono i più incredibili che abbia mai visto, l'allenatore si chiama José Harry Mourinho Potter e alza le aspettative, stiamo lottando qualcosa che è molto difficile e nessuno ci dirà che non possiamo lottare. Col Milan saremo là, mi dispiacerà non essere in panchina, sarò in tribuna, in un habitat dove non sono benvenuto, ma sarò lì a cercare di fare il mio lavoro nel modo in cui posso farlo. Andiamo là con tutto quello che abbiamo e con la certezza che i ragazzi daranno tutto, perché anche loro soffrono quando il risultato non è positivo".

Dybala c'è?
"Penso di no".

L'anno scorso Dybala ha giocato il 50% dei minuti, quest'anno il 57% in campionato e il 24% in Europa League. Mercoledì ha detto che ha sentito che qualcosa nella testa dei giocatori era cambiato al sapere che sarebbe uscito. Com'è possibile risolvere questo problema? È un problema di testa o anche tecnico?
"Trovare le soluzioni per giocare senza Dybala non è la stessa cosa trovare la soluzione per giocare senza Haaland per Guardiola, perché lui ha Alvarez. Se per Pochettino non gioca Sterling, gioca Mudryk, per Klopp se non gioca Diaz gioca Jota e se non gioca lui gioca Nunez, non è la stessa cosa. La Roma vive una situazione dal punto di vista del settlement agreement per cui ha delle grandi limitazioni e questo si vede in campo, durante la stagione quando succede qualche tipo di problema non c'è modo di nasconderlo. La Roma ha fatto uno sforzo economico per avere Smalling, non ha Smalling e non può averne un altro. La Roma ha fatto uno sforzo economico per avere Renato Sanches e non c'è e non possiamo avere due Renato Sanches perché i paletti non ti permettono di avere un altro giocatore della stessa posizione che sia disponibile. Dybala è un giocatore veramente speciale, che negli ultimi anni ha giocato in una squadra con altri giocatori speciali. Quando non giocava lui giocava un altro, a volte stava in panchina e a volte entrava, non abbiamo un altro con le sue caratteristiche. La partita contro la Fiorentina sembrava da 3-0 dopo 20 minuti, quando è andato via abbiamo perso quella connessione lì, che non fanno ne Belotti, né El Shaarawy, né Joao Costa, che sarà convocato domani. Se qualcuno non vuole capire che la Roma senza Paulo Dybala è una Roma diversa non posso dire molto di più".

Prima ha parlato di delusione verso alcuni singoli e che se potesse sostituirli, lo farebbe. Ci saranno scelte importanti dopo il Derby, qualcuno resterà fuori, oppure giocheranno sempre gli stessi? Qualcuno verrà punito?
"Non è la parola giusta punizione. La squadra non sarà la stessa. Paulo non gioca e non è la stessa. Farò qualche cambio, ma non esiste né l'intenzione di punire né mettere attenzione su un singolo. C'è l'intenzione di costruire un puzzle fisico, tattico e mentale che ci permetta di competere là. La squadra più tattica di solito è la squadra con meno capacità a livello tecnico, perché quando quello è alto sviluppi principi per far esprimere il potenziale ai giocatori. Noi ora ci concentriamo sul nostro gioco e sul dettaglio che può fare la differenza. Siamo una squadra che va verso una strada definita, sono i principi sui quali lavoriamo in campo. Siamo pochissimi. Azmoun è fuori, Paulo è fuori, però niente, io sono qua con voi perché non lo sarò dopo la partita. Durante la prossima settimana non sarò qui e sono qua per rispondere per qualche domanda ed esprimere ai tifosi quello che avete detto prima. Se c'è bisogno di qualcuno che possa dare spiegazioni ai tifosi sono io".





COMMENTI
Area Utente
Login

Juventus - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 09 mar 2024 
Calciomercato Roma, Lukaku e la frase sul futuro: cosa voleva dire e perché è una buona notizia
Il belga apre alla possibilità di restare in giallorosso ma serve un profilo basso e tanta diplomazia: i dettagli di una trattativa complessa
 Ven. 08 mar 2024 
Dybala miglior giocatore di febbraio: ha battuto tre big
Il campione argentino si piazza davanti a cinque top player della Serie A: ecco quando riceverà il premio
 Gio. 07 mar 2024 
DE ROSSI: "Non ho fatto nulla di speciale, abbiamo giocatori che altri si sognano"
ROMA-BRIGHTON 4-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, DANIELE DE ROSSI: "Abbiamo preparato la gara mettendoci il doppio del tempo. Il rinnovo è l'ultimo dei pensieri"
 Mer. 06 mar 2024 
Designazioni Arbitrali 28ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 28ª GIORNATA
Dybala: "Forse in un'altra vita ero romano. Roma è un sogno diventato realtà" (VIDEO)
Le parole della Joya: "Roma è magica, quando ero bambino in Argentina la vedevo solo attraverso i film"
 Mar. 05 mar 2024 
Serbia, i pre-convocati di Stojkovic: Svilar torna dopo tre anni
Il commissario tecnico della nazionale serba ha diramato le pre-convocazioni per gli impegni di fine marzo
 Dom. 03 mar 2024 
SERIE A, Napoli-Juventus 2-1, gli azzurri salgono al 7° posto
Il posticipo domenicale di Serie A regala una vittoria di prestigio al Napoli che...
 Sab. 02 mar 2024 
Huijsen fa dieci presenze: per la Roma c'è lo sconto della Juventus
I giallorossi hanno ottenuto una riduzione sul prestito oneroso del difensore olandese classe 2005
 Ven. 01 mar 2024 
LOTITO: "Oggi viste situazioni incresciose, ci faremo valere in tutte le sedi opportune"
Lotito furioso: "Superato ogni limite, manca l'affidabilità del sistema. Ci faremo sentire"
SERIE A, Lazio-Milan 0-1, i padroni di casa finiscono in otto
La ventisettesima giornata di Serie A si è aperta con il big match tra Lazio e Milan,...
AZMOUN e lo scherzo a Dybala. Gli ruba il telefono e scatta un selfie: "Sono bellissimo"
La coppia Azmoun-Dybala è ormai diventata virale. I due regalano da diversi mesi...
 Gio. 29 feb 2024 
Doping Pogba, arriva il commento di Dybala: le parole che emozionano i tifosi
Il messaggio di vicinanza della Joya al suo ex compagno ai tempi della Juve, squalificato quattro anni: i dettagli
Designazioni Arbitrali 27ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 27ª GIORNATA
Incassati 49 milioni nel 2023. Brighton, 45mila biglietti venduti
Il popolo giallorosso è già pronto per riempire ancora una volta l'Olimpico anche nella sfida contro gli inglesi di Europa League
Roma, De Rossi suona la carica: "Avanti tutta"
La sua prova del nove è a Monza, dove incrocia l’amico Palladino: i due hanno partecipato allo stesso corso per diventare allenatori
 Mer. 28 feb 2024 
SERIE A, Inter-Atalanta 4-0, brutta sconfitta per Gasperini e i suoi, Roma a due punti
Buone notizie per mister De Rossi e i suoi. Nella gara valida per il recupero della...
Vlahovic fa un puzzle del Colosseo, i tifosi: "Ti manca Dybala?"
L'attaccante della Juve ha postato sul suo account Instagram una foto di fianco a un modellino del monumento scatenando i commenti social
 Mar. 27 feb 2024 
I vertici degli arbitri hanno truccato la classifica? La clamorosa indiscrezione de Le Iene
Può essere che i vertici degli arbitri abbiano dichiarato il falso in un verbale sulla vicenda riguardante i voti e classifiche truccate? E che poi sia stato tenuto nascosto ai tifosi? Secondo i documenti inediti raccolti da Filippo Roma, sarebbe andata proprio così. Tutti i dettagli
 Lun. 26 feb 2024 
Roma-Torino 3-2, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Tripla Joya per De Rossi, Smalling subito padrone della difesa
 Sab. 24 feb 2024 
Quinta squadra in Champions: ci siamo quasi. La situazione aggiornata
L'Italia è un testa nel ranking stagionale Uefa: tutti gli scenari possibili
 Ven. 23 feb 2024 
Serie A: Anticipi e Posticipi dalla 28ª alla 30ª giornata
Nella giornata odierna la Lega Serie A ha comunicato le date e gli orari degli anticipi...
 Gio. 22 feb 2024 
Designazioni Arbitrali 26ªGiornata di Serie A
SERIE A TIM - DESIGNAZIONI 26ª GIORNATA
 Mer. 21 feb 2024 
Roma, la carica di Dybala prima del Feyenoord: "Tutto per De Rossi e i tifosi"
Paulo rilascia una lunga intervista in Arabia: da Messi a Ronaldo, da Scaloni ad Allegri e Mourinho, passando per il futuro, ecco le sue verità
Huijsen può giocare nella Spagna: ufficiale il cambio di nazionalità
Il difensore giallorosso potrà vestire la maglia delle "furie rosse" per certificazione attraverso un decreto reale
"La Spagna attende l'ok per convocare Huijsen della Roma in Under 21"
La rivelazione di AS sul difensore di proprietà della Juve: "La RFEF ha avviato da mesi le procedure necessarie per il via libera del governo"
 Mar. 20 feb 2024 
Roma, la Spagna innamorata di Huijsen: la mossa a sorpresa della Federazione
La Roja da tempo ha messo gli occhi sul giocatore nato in Olanda ma cresciuto a Marbella
 Lun. 19 feb 2024 
Huijsen, sorpresa a Roma: chi è il giocatore della Juve che è venuto a trovarlo
Il giovane difensore ha riabbracciato il suo ex compagno. Passeggiata in centro tra sorrisi e relax
Calciomercato Roma, ecco la richiesta della Juventus per Huijsen
Huijsen fra Roma e Juventus: eurogol e futuro incerto. Come funziona il prestito, progetti e richiesta economica
UBALDO RIGHETTI: "Allegri lascerà la Juve, gli piace la Roma. Tira in ballo Antonio Conte"
Il contratto di Massimiliano Allegri con la Juventus scadrà nel 2025, ma il suo...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>