RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 26 febbraio 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

SANCHES: "È un momento di maturità per me, abbiamo giocatori di qualità"

"Mi sento più maturo, a Roma cerco stabilità. Aouar quello che mi piace di più"
Sabato 16 settembre 2023
Uno dei nuovi arrivati in casa Roma in estate, Renato Sanches, si racconta in un'intervista ai microfoni di DAZN, nel format "1VS1". "È un momento di maturità per me, un momento in cui avere un po' di stabilità. Ho già vinto diversi titoli in Germania, Francia, Portogallo ma credo di essere arrivato ad un punto della carriera in cui sono più maturo per poter riuscire a far vedere il mio calcio", le dichiarazioni del centrocampista portoghese.

"La prima all'Olimpico? È andata benissimo perché ho visto che lo stadio è davvero pieno, c'è un ambiente molto bello. Per ogni giocatore è sempre importante sentire l'appoggio dei tifosi. Penso che con una tifoseria del genere venga molto più semplice volere ogni vittoria e dare tutto per la squadra".

"Abbiamo diversi tipi di giocatori con caratteristiche diverse, credo sia importante avere una squadra che abbia tanta varietà a centrocampo, abbiamo giocatori con molta qualità e sono convinto che questo sia davvero un bene affinché il mister abbia diverse scelte tattiche. È sempre più facile quando hai un allenatore portoghese, è la nostra lingua, è più semplice capire quello che lui vuole e quello che mi chiede come giocatore, sentire l'appoggio dell'allenatore e parlare la stessa lingua è sempre molto importante perché percepisci le cose in un modo differente ed entra molto più velocemente nella testa del giocatore", ha continuato.

Gli mostrano uno scatto mentre esulta con la maglia del Portogallo: "Era la finale degli Europei 2016. Per me, come per tutti i portoghesi, è stato un momento molto speciale, io avevo 18 anni. È stato un anno molto speciale per me: ho vinto il campionato portoghese e l'Europeo, è stato un anno perfetto per me ed è andato tutto benissimo, grazie a Dio".

Pensi che sia arrivato troppo presto nella tua carriera il fatto di aver vinto un titolo europeo a 18 anni?
"No, credo che dovesse capitare in quel momento e così è stato. Credo che non possiamo scegliere il nostro momento, come quando arrivano momenti meno belli della vita e possiamo solo affrontarli. Credo che in tutti i momenti felici della nostra vita non possiamo metterci a pensare troppo, dobbiamo solo ringraziare, goderceli, essere riconoscenti allo stesso tempo. Non possiamo mai sapere cosa succederà il giorno dopo, quindi credo che fu un momento molto speciale per me e tutto è successo al momento giusto, ecco doveva succedere ed è successo".

Qui a Roma ritrovi un po' di Portogallo con Pinto, Mourinho e Rui Patricio. Cos'è il calcio per voi portoghesi?
"L'Italia assomiglia al Portogallo in questo senso: c'è molta adrenalina, molta carica, si vive molto il calcio, credo che abbiamo qualcosa in comune perché anche in Portogallo si vive molto il calcio, siamo molto appassionati. Ritrovare qui persone portoghesi che mi possono spiegare com'è il club è davvero una bella fortuna perché ti permette di integrarti prima ed imparare molto più velocemente".

Anche qui c'è un derby che accende la capitale, cosa ti aspetti da quelle due partite?
"Un derby è sempre un derby. Lazio e Roma giocano entrambe nello stesso stadio. In Portogallo siamo abituati a dire che lo giochi per vincerlo e credo che tutti vogliamo vincere, soprattutto in quelle partite perché sono le partite della città e quando rappresentiamo la nostra città dobbiamo sempre vincere".

Raccontaci della tua cultura.
"Mia mamma è nata a Capo Verde, mio padre a Sao Tomé e Principe ma quando era molto giovane si è spostato a Capo Verde e ha incontrato mia madre. Non ero mai stato a Capo Verde prima dello scorso anno".

Senti che hai radici che ti legano a Capo Verde?
"Sono portoghese, ma è chiaro che ho una parte importante di me che è africana, perché lo è la mia cultura, il cibo, la musica, tutto questo l'ho preso dalla mia famiglia ed è chiaro che per me è un orgoglio avere origini africane".

Sei stato accostato a Seedorf, in quale caratteristica ti rivedi?
"Credo che dal punto di vista fisico possiamo avere qualcosa in comune, la conduzione palla, i passaggi. Seedorf è un giocatore che ho ammirato molto. So che devo ancora migliorare molto e imparare per arrivare al suo livello, lui è stato un giocatore straordinario per me, l'ho ammirato molto. Non l'ho visto tante volte dal vivo perché ero ancora molto molto piccolo, ma è un giocatore che ho amato molto e che ho studiato parecchio su Youtube".

Hai vinto tanto in carriera, cosa ti hanno insegnato questi trofei?
"Vincere titoli è qualcosa che ogni giocatore ricerca sempre, perché quando finisci la tua carriera e rivedi quello che hai vinto e che sei riuscito a conquistare pensi che sia valsa la pena di fare tutti gli sforzi che hai fatto. Ma credo che indipendentemente dai risultati la cosa più importante sia imparare. Potersi confrontare con culture e paesi diversi, incontrare persone diverse mentre giochi a calcio e vinci dei trofei, ti permette di imparare molto e vedere la vita in un modo diverso perché il calcio passa davvero velocemente e allo stesso tempo quando sei lì che ti alleni e giochi sembra non passare mai, ma realmente la carriera passa in fretta e non puoi essere certo del futuro. E la cosa più bella è vincere e godere al meglio ogni momento perché non si hanno mai certezze sul domani e la cosa più importante è sempre avere brave persone al nostro fianco tra colleghi, allenatori. Alla fine della nostra carriera questo è quello che conterà: le persone che hai conosciuto, gli amici che ti sei fatto, i titoli che hai vinto, insieme a questo ovviamente vincere resta fondamentale".

La prima cosa che hai voluto vedere di Roma?
"Lo Stadio Olimpico".

Il tuo idolo da bambino?
"Ronaldinho".

Cosa volevi fare da grande?
"Quando ero piccolo? Volevo fare il calciatore".

Il giocatore che ti piace di più nella Roma?
"Aouar".

Il primo pensiero quando ti svegli al mattino?
"Oggi c'è allenamento".

L'obiettivo personale di questa stagione?
"Fare una buona stagione e aiutare la squadra a conquistare titoli, sono i nostri obiettivi".

La tua migliore qualità?
"Dare tutto".

Come descriveresti il Renato Sanches che vedremo in questa stagione?
"Ho 26 anni e sono già passato in diverse squadre. È un momento di maturità per me, un momento in cui avere un po' di stabilità. Non cambiare troppe volte squadra è importante e sono felice di aver giocato in tutte le squadre dove sono stato perché ho fatto davvero molta esperienza. Ho già vinto diversi titoli in Germania, Francia, Portogallo, sono sempre situazioni dove vai ed impari, ma credo di essere arrivato ad un punto della carriera in cui sono più maturo per avere un po' più di stabilità e per poter far vedere il mio calcio".

Come esulterai al tuo primo gol con la Roma?
"Aspettiamo il weekend..."
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 25 feb 2024 
Clamoroso: collaboratore di Juric infiltrato a Trigoria, interviene la polizia. Non è la prima volta
Michele Orecchio, che già lo scorso anno era stato pizzicato da un collaboratore di Mourinho, controllava di nascosto l'allenamento in vista della partita con il Torino
Costacurta, sgradevole battuta su De Rossi in tv. Poi ritratta: "Ho detto una str..."
L'ex campione del Milan, ora opinionista a Sky, non ci va tenero con Daniele e Gilardino. Più tardi chiarisce: tutti i dettagli
TRIGORIA 25/02 - Rifinitura alla vigilia del Torino: Pellegrini in gruppo. Ancora out Llorente
ALLENAMENTO ROMA - Il capitano è tornato regolarmente in gruppo dopo il differenziato di ieri. Assente invece il centrale spagnolo
Azmoun, allenamento extra: il fisioterapista scelto da due compagni della Roma
L'attaccante di De Rossi si allena anche a casa per farsi trovare pronto per gli impegni di Serie A ed Europa League
PRIMAVERA 1 - Roma-Genoa 3-0
Dopo essere stati eliminati dalla Coppa Italia, la Primavera di Federico Guidi torna...
De Rossi e De Zerbi, chi sono le figlie Gaia e Elisabetta amiche a Londra
Il tecnico della Roma, in conferenza stampa, ha parlato dell’amicizia con il tecnico del Brighton prossimo avversario in Europa League. Svelando un retroscena
DE ROSSI: "Qualche strascico fisico c'è. Torino peggior squadra da affrontare dopo 120' di gioco"
ROMA-TORINO, LA CONFERENZA STAMPA DI DANIELE DE ROSSI: "Se scendiamo in campo ancora ubriachi di felicità, ho fatto un lavoro pessimo"
Manca solo Lukaku
Il nuovo stile di gioco ha penalizzato l’attaccante di proprietà del Chelsea, la squadra non è più al suo servizio come succedeva con Mourinho
Abraham vede la fine: ecco quando potrebbe tornare
L’attaccante inglese dopo il grave infortunio al ginocchio attende l’ok del chirurgo che lo ha operato. De Rossi lo aspetta
 Sab. 24 feb 2024 
Svilar: "Notte in bianco dopo i rigori parati. Possiamo fare qualcosa di speciale. Ricorderò..."
“Ricorderò per sempre la corsa sotto la Sud. Sento il supporto della società”
Andrea Delogu pazza della Roma: "Il mio sogno è avere un altro Totti"
In occasione della partita contro il Feyenoord, la Roma ha intervistato Andrea Delogu....
PREMIER LEAGUE, Brighton-Everton 1-1: Dunk salva De Zerbi al 95'
Pareggio in extremis per il Brighton contro l'Everton nel match valido per la ventiseiesima...
TRIGORIA 24/02 - Out Llorente e Pellegrini. C'è Smalling
ALLENAMENTO ROMA - Il capitano ha svolto un lavoro differenziato mentre per lo spagnolo sono stati disposti alcuni giorni di riposo
Quinta squadra in Champions: ci siamo quasi. La situazione aggiornata
L'Italia è un testa nel ranking stagionale Uefa: tutti gli scenari possibili
Retroscena Roma: la frase di Lukaku a Svilar dopo il rigore parato con il Feyenoord
L'attaccante belga, disperato per l'errore dal dischetto, ha abbracciato il portiere e gli ha sussurrato una frase di ringraziamento
Rotterdam, cambia la descrizione della città su Wikipedia: "Perde spesso con la Roma"
Nelle righe introduttive un utente ha aggiunto un chiaro riferimento alle sfide tra i giallorossi e il Feyenoord, ricordando in modo ironico un coro di moda tra i sostenitori: "La Roma si e il Feye no"
Prima del Torino la Ceo Souloukou premierà N'Dicka: i dettagli
Il difensore ivoriano classe 199 9 verrà omaggiato in occasione del match contro i granata: il motivo
Llorente dimesso, Abraham torna dopo il Monza
Sospiro di sollievo per lo spagnolo dopo la brutta botta alla testa subita giovedì scorso nello scontro con Ueda del Feyenoord
Lavoro, testa e coraggio: così Svilar si è preso la Roma
Dai momenti difficili al Benfica fino al grande rilancio a Trigoria. La sua crescita è atletica e mentale
 Ven. 23 feb 2024 
Serie A: Anticipi e Posticipi dalla 28ª alla 30ª giornata
Nella giornata odierna la Lega Serie A ha comunicato le date e gli orari degli anticipi...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>