RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 26 febbraio 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

TOTTI: "Ho metabolizzato le tensioni del periodo legato al mio addio. Quando sono diventato..."

"Quando sono diventato dirigente, ho capito di essere ingombrante. Non avevo credibilità"
Martedì 04 luglio 2023
Francesco Totti e Alessandro Del Piero sono stati intervistati da Sky Sport 24 in occasioni delle celebrazioni della TV satellitare per i 20 anni di Sky Sport. Queste uno stralcio delle parole dell'ex capitano:

Tanti anni contro Del Piero ma sempre con la massima stima.
"Abbiamo passato diversi anni da avversari ma con il massimo rispetto e con amicizia. Il 2006 ci accomuna, è l'unica volta dove siamo riusciti a giocare veramente insieme".

Come sono stati gli esordi?
"Per noi era tutta una novità, sapevamo che di fronte a noi c'era un mondo diverso, cioè il nostro sogno di diventare giocatori e ci siamo riusciti".

Quanto ti ha stimolato il paragone con Del Piero?
"Ero contento di quello che faceva Alex, ma io ero contento per quello che facevo io. Pensavamo a fare il nostro meglio per la Roma e la Juventus. Ci siamo sempre portati rispetto, un rispetto vero tra due persone fuori dal campo".

C'è il rimpianto di aver giocato poco insieme a Del Piero?
"Sì".

Hai visto l'addio di Del Piero?
"Purtroppo stavo giocando, l'ho rivisto dopo. Non è facile trovare le parole per descrivere quello che stai passando, però potevo immaginare cosa potesse pensare dentro sé stesso".

Nel giorno del tuo addio, hai detto davanti al tuo pubblico di aver bisogno della tua gente. Un gesto umano e profondamente vero.
"Non sei mai pronto per quella giornata. C'è un inizio e una fine. Certo, rivedendo certe immagini mi fa venire voglia di rimettere gli scarpini e tornare in campo. Vedere le facce della gente, dei bambini, delle persone grandi... ho passato 20 anni con loro, è stato come vederli crescere. I tifosi sono stati la parte più importante di tutto, loro ci spingevano, mi aiutavano, mi sostenevano, mi facevano sentire un po' diverso da tutti gli altri. Ho avuto loro come forza, come spinta. È normale che ci sia un vuoto, non sai quello che ti attenderà. Eravamo abituati a una programmazione giornaliera, era tutto schematico. Svegliarti la mattina e fare cose diverse mi metteva ansia già prima che smettessi, nemmeno io sapevo cosa fare dopo. Ora si volta pagina sperando di trovare un'altra cosa che mi emozioni".

Hai superato le tensioni di quel periodo?
"Sì le ho metabolizzate. Ho voltato pagina, in quel momento istintivamente avresti voluto fare una cosa, poi ora un'altra. Sono cose che ti porta il percorso della vita, sono cose che capisci quando è finito tutto quanto".

Hai pagato la tua popolarità?
"Penso di aver fatto il mio e la gente mi ha fatto sentire diverso dagli altri, è stata una scelta loro. Chiaro che la squadra e la società mi abbiano aiutato a essere il giocatore che sono stato. Quando sono diventato dirigente (Totti specifica tra virgolette) ho capito di essere ingombrante, non avevo la possibilità di esternare il mio parere, la mia situazione ideale. Il problema è che dentro ad alcuni club ci deve essere chi capisce di calcio, con tutto il rispetto non devono esserci avvocati o commercialisti. Se io fossi la Juventus, un ragazzo come Del Piero è doveroso che sia dentro la società, proprio per quello che ha fatto, per la capacità calcistica che ha, stiamo parlando di uno che ha fatto la storia del calcio. Sa come gestire la situazione, come scegliere i giocatori. Questo mi domando, perché gente come Maldini e Del Piero è fuori?".

Hai scelto di lasciare la Roma dopo due anni da dirigente.
"Non è stato semplice, ma erano mesi e mesi di fare questo passo. Non avevo credibilità, non mi sentivo parte del progetto. Facevo Romolo come si dice a Roma, stavo lì perché ero Totti. Per come sono fatto, voglio poter provare un po' di pepe, pensavo che potessi essere una risorsa in più per la società. Forse non ero pronto, forse non mi facevano stare al centro del tavolo nei momenti cruciali, però quando c'era un problema ero sempre pronto a intervenire. Per come sono fatto io, con la massima trasparenza ed educazione ho preso questa decisione. Avrei preferito morire che fare quella conferenza stampa, non avrei mai pensato di lasciare la Roma di mia iniziativa, era la mia famiglia".

Qual è stata la Nazionale più forte con cui hai giocato con Del Piero?
"A parte quella del 2006, direi quella del 2000. Avevamo vinto l'Europeo, era praticamente fatta".

Il Mondiale del 2006?
"Ci siamo uniti giorno dopo giorno, sapevamo di essere una squadra forte. È stato un mese di rispetto, di calore, un'unione forte che si respirava proprio. È stato bravo Lippi a mettere insieme un gruppo con così tanti campioni. Non pensavo di poter partecipare alla spedizione a causa del grave infortunio, però Lippi mi ha detto che mi avrebbe aspettato fino alla fine. Da lì mi è scattata una molla interna per recuperare e per giocare il Mondiale".

Quando avete capito di essere invincibili con quella Nazionale?
"Dopo la finale (ride, ndr). Penso partita dopo partita, i risultati arrivavano e aumentava la consapevolezza".

Avete litigato per la scelta del 10?
"Mai, sotto questo punto di vista c'è stato sempre il massimo rispetto".

Il rigore con l'Australia?
"Per me sarebbe stato il mio primo gol dopo l'infortunio, ho fatto quel tragitto di 60 metri e pensavo a come poterlo tirare, se fare lo scavino, il cucchiaio, il portiere era enorme. Avevo un po' di tensione, però ero sicuro di poter segnare perché se avessi sbagliato mi avrebbe ucciso (ride, ndr)".
COMMENTI
Area Utente
Login

Juventus - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 31 dic 2023 
Caos allo Stadium: seggiolino lanciato dal settore romanista, ferito un tifoso. Cori razzisti contro
Incidenti all'Allianz alla fine della partita vinta dalla Juventus sui giallorossi: sangue sugli spalti dopo che un ragazzo è stato colpito, lancio anche di birre e accendini. Le immagini dell'accaduto già a disposizione degli inquirenti
Juve-Roma, il fermo immagine sul gol di Rabiot fa infuriare i tifosi: ma c'è un errore
Polemiche sui social per la posizione della gamba del francese che il Var ha confermato in posizione regolare
Juventus-Roma 1-0, Le Pagelle dei Quotidiani
18ªGiornata di Serie A
 Sab. 30 dic 2023 
CRISTANTE: "Partita decisa da un episodio, c'è delusione. Difesa? Io ci sono, ma speriamo arrivi..."
JUVENTUS-ROMA 1-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA CRISTANTE A DAZN Cominciate a sentire...
MOURINHO: "Ci è mancato solo il gol contro una squadra che si difende con un muro. Sono contento..."
JUVENTUS-ROMA 1-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "Sono contento della prestazione. 2024? Arrivare in Champions sarebbe fantastico con i nostri limiti"
Juventus-Roma 1-0, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Lukaku mai pericoloso. Dybala il più ispirato ma senza gol
Juve, Rabiot-gol e solito muro invalicabile: Roma battuta, Allegri avvicina l'Inter a -2
Un gol del francese regala tre punti ai bianconeri, rinviato lo scudetto d'inverno. Tredici risultati utili consecutivi
PAREDES: "Abbiamo fatto un buon primo tempo, ci è mancato solo il gol"
FINE PRIMO TEMPO, JUVENTUS-ROMA 0-0 PAREDES A DAZN Un buon primo tempo ma è mancata...
TIAGO PINTO: "Su Bonucci non voglio parlare. Renato Sanches sarà sempre il mio pupillo"
JUVENTUS-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, TIAGO PINTO: "“Sbagliato abolire il Decreto Crescita. Mercato? Stiamo lavorando per il difensore"
ZALEWSKI: "Arriviamo da una grande vittoria contro il Napoli, oggi ci servirà"
JUVENTUS-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA ZALEWSKI A DAZN Come arrivate alla fine...
Juventus-Roma - Le Formazioni UFFICIALI
18ªGiornata di Serie A
CALCIOMERCATO, ag. Dragusin: "Roma? Punta a club più importanti"
Florin Manea, agente di Radu Dragusin, ha parlato ai microfoni di SportIialia. Il...
ALDAIR, la carica per Juventus-Roma: "Forza ragazzi, forza giallorossi"
Questa sera la Roma chiuderà il proprio 2023 in casa della Juventus, con la speranza...
VERDONE: "Dybala fa godere quando è in forma. Prego per un miracolo della Roma a Torino"
Il regista di fede giallorossa: "Mourinho? È un attore nato. A Torino serve il miracolo"
Fattore Dybala: con la Joya in campo la Roma corre a velocità doppia
L'argentino a caccia del suo primo gol da ex nel vecchio stadio. Il recupero è stato prudente. I dati dicono che con lui i giallorossi viaggiavano a una media punti molto più alta
Juve-Roma, è la notte dei tituli
C’erano una volta Trap e Liedholm, oggi Allegri e Mourinho. Professionisti capaci di alchimie e di visioni tattiche diverse eppure uguali nella sostanza, con la vittoria nel Dna
Juve-Roma, ultima gara di N'Dicka poi la Coppa d'Africa: ecco quanto sarà fuori
Mou dovrà fare a meno di Evan proprio nel suo momento positivo. Intanto per Spinazzola arriva un'offerta dal Galatasaray
Juventus-Roma - Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
18ªGiornata di Serie A
 Ven. 29 dic 2023 
Roma, l'appello dei tifosi della Juventus: "Mourinho vogliamo indietro Dybala"
La squadra oggi è arrivata a Torino per la partita contro Vlahovic e compagni ed è stata accolta da una folla all'hotel
Juve "senza dignità", "70enne" Ranieri, espulsioni e... struzzi: Mou vs Signora, 15 anni di scontri
Un po' rivalità, un po' antipatia, forse anche rancore. Di certo il rapporto tra...
Ladri a casa di Zalewski a due giorni da Juve-Roma: portati via soldi e gioielli
È stato lo stesso calciatore giallorosso ad accorgersi del furto al suo rientro nell'abitazione: indagano i carabinieri della compagnia Eur
Juventus-Roma, Roma, i convocati di Mourinho
Ecco la lista completa dei giocatori che partiranno per la trasferta di Torino: c'è l'argentino, ex della sfida
TRIGORIA 29/12 - Rifinitura pre Juventus-Roma: Dybala e Mancini in gruppo
ALLENAMENTO ROMA - La rifinitura in vista della Juventus: presenti Dybala e Sanches. C’è Mancini
ALLEGRI: "Affrontiamo una squadra scorbutica con le nostre stesse ambizioni. Mou? Uno dei migliori"
JUVENTUS-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI: "Mou uno dei migliori allenatori, può non piacere ma contano i risultati"
MOURINHO: "Dybala verrà con noi a Torino. Renato Sanches? Situazione complicata per la rosa"
JUVENTUS-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: “Di Bonucci non parlo ma il cuore di un club sono i tifosi”
Friedkin blocca Bonucci. Roma su 3 nomi: Kehrer, Dragusin e Theate
Dan Friedkin ha detto no. Il trasferimento che avrebbe dovuto portare in giallorosso...
 Gio. 28 dic 2023 
Allegri può sorridere: Chiesa, Vlahovic e Locatelli ci saranno contro la Roma
Nella Juve due le assenze certe rispetto all’undici titolare di Frosinone: Alex Sandro e Cambiaso, il primo out per infortunio e il secondo per squalifica
Bonucci, la Roma dice no, affare saltato. Caccia a un altro difensore: tutti i dettagli
Colpo di scena nella trattativa, i Friedkin si ritirano
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>