RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Sabato - 2 marzo 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

Monchi ricorda la Roma: "Fu colpa mia, vi racconto la verità. Con Pastore ho sbagliato. Pallotta..."

Le parole dell'ex direttore sportivo giallorosso, tornato al Siviglia, a pochi giorni dalla finale di Europa League a Budapest contro i giallorossi: "Pallotta può dire quello che vuole, parlano i 10 trofei"
Sabato 27 maggio 2023
Furono mesi estremi: l'addio di Totti (e Spalletti), la semifinale di Champions, un mercato sfortunato, un addio traumatico. Quattro anni dopo Ramon Rodriguez Verdejo, che tutti conosciamo come Monchi, può vincere la sua settima Euroleague da direttore sportivo del Siviglia. Contro la Roma. Se non è un incrocio assurdo questo, è difficile trovarne di più strani.

Che effetto fa?
«La soddisfazione è in primo luogo per la mia squadra, che ha vissuto una stagione tribolata ed è arrivata a Budapest. In seconda analisi se avessi potuto scegliere l'avversaria nell'ultimo atto, per giocarmi ancora un titolo, avrei indicato la Roma».

La sua, tra la primavera del 2017 e quella del 2019, fu un'esperienza non banale. L'ex presidente Pallotta le attribuì molte responsabilità degli insuccessi tecnici e delle difficoltà economiche.
«A Pallotta sarò sempre grato per avermi portato alla Roma, che è un club più grande di quanto venga percepito da fuori. Non mi sentirete mai parlare male di lui né delle altre persone che hanno lavorato con me in quel periodo».

Però lei, Monchi, si dimise dopo la sconfitta di Champions a Oporto che determinò l'esonero di Eusebio Di Francesco. È vero che non aveva un piano B?
«Avevo anche quello C o D, è parte del mio mestiere. Il Siviglia in questa stagione ha cambiato due volte l'allenatore... Il punto è che per me Eusebio meritava di finire la stagione. Veniva dall'impresa contro il Barcellona e aveva accettato le cessioni importanti che la società gli aveva imposto: Salah, Rüdiger, Paredes, Mario Rui. Per me doveva solo ritrovare fiducia. La proprietà aveva altre idee, perciò pensai che fosse meglio lasciare ad altri la poltrona. E comunque non fu solo Di Francesco il motivo delle mie dimissioni: semplicemente non c'era più sintonia».

Per colpa di chi?
«Mia. Almeno al 95 per cento. Sarebbe facile oggi per me dire che non mi è stato permesso di lavorare come avrei voluto. Ma non sarebbe la verità. Non entro nei dettagli, mi chiede di Pastore o di altri acquisti che non erano giusti ma io non mi soffermo sul caso singolo. Dico solo che ho sbagliato, non ho saputo rispettare le aspettative che io stesso avevo».

Quale errore non rifarebbe?
«Cambierei sicuramente qualcosa. Ora forse mi riuscirebbe anche, con l'esperienza vissuta. All'epoca pagai la scarsa conoscenza della Roma e di Roma. Quei due anni comunque restano nel cuore: non dimentico i tifosi sotto casa a festeggiare dopo il 3-0 al Barça. E ho ancora tanti amici romanisti che mi hanno scritto dopo la semifinale vinta contro la Juventus. Purtroppo la passione non è bastata per dare ciò che avrei voluto. L'onestà non è mai mancata, la qualità a volte sì».

Tornato a Siviglia, ha subito ripreso confidenza con le vittorie. Nel 2020 la sua sesta Europa League passò anche per una vittoria sulla Roma. E per la finale contro l'Inter.
«Nella mia carriera sono arrivato 19 volte in finale. E 10 volte ho vinto. Non so quanti direttori sportivi abbiano questo curriculum senza aver mai guidato il Manchester City o il Chelsea. Il punto è che al Siviglia ho anche qualche bonus da spendere, come è successo quest'anno, perché ho una storia. Alla Roma, comprensibilmente, non avevano tempo da concedermi per rimediare agli errori».

Non le resta la tentazione di dimostrare il suo valore anche fuori da Siviglia?
«Dico la verità: sì. Non so se poi vorrò fare una nuova esperienza all'estero, perché qui sto benissimo. Ma il pensiero da qualche parte nella testa è rimasto».

A Trigoria ebbe il compito di comunicare a Totti che avrebbe smesso di giocare.
«E non riuscii a trattenere Spalletti, che a Napoli ha dimostrato tutto ciò che ho sempre pensato di lui. Quanto a Francesco, non sono stato io ad azionare la ghigliottina come lessi all'epoca. E con lui si creò da subito un ottimo rapporto. Ancora oggi ci sentiamo».

Tornando alla finale: cosa è cambiato rispetto all'ottavo di Duisburg di tre anni fa?
«Sono squadre diverse da allora. All'epoca noi andavamo come treni, loro meno. Mi aspetto una bella partita, equilibrata. E spero che giochi Dybala, perché i grandi calciatori devono essere tutti presenti. L'unico dubbio è sul possesso palla: la Roma di solito lo lascia all'avversario, noi pure. Magari il pallone resterà a lungo tra i piedi dell'arbitro Taylor».

Chi vince?
«Ovviamente mi auguro che tocchi di nuovo a noi. Negli ultimi due mesi siamo andati forte. E l'Euroleague per il Siviglia è come una magia, nata con un gol in semifinale di Antonio Puerta che ora ci guarda dall'alto: la data la ricordiamo tutti, è il 27 aprile 2006. Era il centesimo minuto. La prima coppa nacque lì».

State aiutando i tifosi con un contributo economico per raggiungere Budapest.
«Lo meritano. Sono stati straordinari. Inoltre l'Ungheria è molto lontana dall'Andalusia, non è facile per noi spostarci dall'altra parte dell'Europa. Anzi, adesso mi faccia andare: oltre a cercare i giocatori per l'anno prossimo, devo trovare i voli per accontentare tutte le richieste».
di Roberto Maida
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Pallotta - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 10 feb 2024 
Friedkin e Zhang: spesi 1,6 miliardi. I conti torneranno?
È una sfida da 1,6 miliardi di euro. A tanto ammontano gli investimenti di Friedkin...
 Gio. 08 feb 2024 
Scarpa (Repubblica): "La trattativa Friedkin-Arabia esiste, non è presunta. Può succedere di tutto"
Le parole del giornalista: "Bisogna vedere fino a che punto si spingeranno gli arabi. Se il Campidoglio dovesse poi autorizzare la costruzione dello Stadio, il pacchetto Roma diventerebbe ancora più appetibile"
 Mar. 23 gen 2024 
Petrachi: "Alla Roma non ha funzionato la mia distanza con Pallotta. Feci un mercato straordinario"
L'ex direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi (giallorosso nella stagione...
 Ven. 19 gen 2024 
De Rossi, ora i tifosi aspettano il ritorno di Totti. L'ex capitano in attesa della chiamata
Il tecnico giallorosso ha parlato in conferenza stampa dell'ex numero 10: «Ci siamo sentiti, presto staremo insieme»
 Gio. 18 gen 2024 
Totti in attesa del ritorno alla Roma con De Rossi: tutti i dettagli
Il capitano per eccellenza è un’opzione. I Friedkin hanno già valutato di richiamare Francesco: lui spera che ora sia la volta buona
La Roma e i Friedkin, dal ds al fairplay: tutte le strategie dopo Mourinho
Cosa sta succedendo nel club dopo l'addio dell'allenatore portoghese tra campo e scrivania
 Mer. 17 gen 2024 
Roma, ora il sogno è il ritorno di Totti
Quando una bandiera tira l’altra: Daniele De Rossi con l’ex dieci è più di un’idea
 Mar. 16 gen 2024 
Mandava in panchina Guardiola, ora in panchina va lui: De Rossi e la Roma, una grande storia d'amore
Daniele pronto a tornare da tecnico nella squadra della sua vita, quella in cui Capello lo lanciò 19enne preferendolo a Pep. Nel 2019 l'addio triste: "Io volevo ancora giocare, la società no". Era un arrivederci...
 Mar. 28 nov 2023 
Il figlio di Dino Viola: "Pallotta? Una delle pagine più nere della Roma"
L’ex dirigente giallorosso non fa sconti alla vecchia proprietà, esalta Mourinho e ricorda la sua squadra degli anni d’oro
 Gio. 19 ott 2023 
In Procura i manager della Roma
Ricostruire le fasi del mercato della Roma 2017-2021 attraverso i documenti archiviati...
 Ven. 13 ott 2023 
"Cafu chiede alla Roma e a Qatar 12 milioni": il motivo risale all'epoca Pallotta
Il brasiliano, prima dell'arrivo dei Friedkin, stipulò un accordo con il club giallorosso. Ma le cose non sono andate benissimo
 Ven. 29 set 2023 
Ricapitalizzazioni, delisting, squadra: quanto hanno messo i Friedkin nella Roma
La proprietà americana ha portato circa 800 milioni nella cassa della società e si ritrova nei bassifondi della classifica tra contestazioni e scetticismo. Ora la qualificazione in Champions è fondamentale. E i rinnovi di Mourinho e Pinto non sono sul tavolo
 Mer. 27 set 2023 
Aouar you? L'algerino è sparito dopo l'infortunio: domani col Genoa per convincere Mourinho
Aouar you? La domanda, con tanto di consapevole storpiatura, nasce spontanea. Perché...
 Gio. 14 set 2023 
Roma, si cerca un nuovo sponsor per decollare e aumentare i ricavi
I Friedkin vogliono una collaborazione lunga per il brand sulla maglia. Intanto da Enel arrivano 4 milioni
 Mar. 05 set 2023 
Ferrero: "Nel 2020 stavo per acquistare la Roma. Non avrei puntato su Mourinho"
L'ex presidente della Samdporia racconta di aver provato ad prelevare la società giallorossa: "La gestione Pallotta era traballante. Il mio sogno è poi svanito, ma apro comunque le porte per il futuro"
 Gio. 20 lug 2023 
Sostenibilità, una condanna per la Roma
Dall'acquisizione del club giallorosso i Friedkin hanno investito oltre 800 milioni...
 Mar. 20 giu 2023 
Il tentato omicidio, la camera 510, le figlie, i film e... quello che non sai di Rudi Garcia
Dieci anni fa il nuovo allenatore del Napoli scopriva l'Italia: ecco il suo lato più privato
 Gio. 01 giu 2023 
La grande amarezza: ma la Roma dei Friedkin non si ferma qui
La gara dei giallorossi è cambiata con l’uscita di Dybala, nella ripresa il Siviglia ci ha creduto di più. Poi delusione e lacrime
 Gio. 18 mag 2023 
Rosella Sensi: "Ricordo quel Bayer-Roma nel 2004"
L’ex presidentessa ricorda una stagione difficile e la sfida con i tedeschi: «Malgrado tutto c’era grande affinità di intenti»
 Mar. 09 mag 2023 
Taddei contro Sabatini: "Mi diceva che Pallotta non contava niente". E su Totti...
"Ho rifiutato Juve, Lazio e Inter per vestire questa maglia poi Sabatini infranse la promessa di rinnovo fatta da Pallotta Contento per Spalletti"
 Ven. 05 mag 2023 
PALLOTTA si congratula con Spalletti: "Complimenti al mio amico Luciano, sei stato un grande..."
L'ex presidente della Roma James Pallotta si è congratulo con Luciano Spalletti...
 Mer. 19 apr 2023 
CRISTANTE: "La Roma ora ha una grande società dietro. Sto bene, sono pronto"
EUROPA LEAGUE, QUARTI DI FINALE, RITORNO - ROMA-FEYENOORD, LA CONFERENZA STAMPA DI BRYAN CRISTANTE: “Vogliamo portare a casa la partita”
 Lun. 10 apr 2023 
Pallotta ricorda Roma-Barcellona ma i tifosi: "Comprati la Lazio..."
L’ex presidente sui social viene impallinato dai followers che non hanno dimenticato le cessioni della sua gestione
 Ven. 07 apr 2023 
Roma e Lazio, occhio alle chat: ipotesi plusvalenze gonfiate del 30-50%
Sequestrati una decina di computer e 15 cellulari. Pallotta dice che è tutto regolare, mentre Lotito rassicura la squadra. Gli esiti sportivi dopo l’estate
Plusvalenze, la sorpresa dei Friedkin e la reazione di Pallotta
La Roma aspetta novità. L'ex presidente giallorosso: «Nelle nostre trattative non ci sono mai stati problemi»
 Gio. 06 apr 2023 
Rabbia tifosi. "Ma i Friedkin dov'erano quando hanno preso la Roma?". "Lazio vittima per salvare..."
“Lazio vittima per salvare la Juve”. Delusione, frustrazione e sarcasmo dei tifosi di Roma e Lazio per le notizie sull’inchiesta plusvalenze. E molti: “Se guardiamo i giocatori non ci sono valutazioni gonfiate”
Plusvalenze Roma, sotto indagine "in particolare il periodo di Pallotta"
Agli atti dell'indagine ci sono alcune intercettazioni relative alle cessioni dei calciatori Luca Pellegrini e Leonardo Spinazzola avvenute a ridosso del 30 giugno del 2019
Plusvalenze: cosa è stato sequestrato a Lazio, Roma e Salernitana
Perquisizioni nelle sedi dei club: le procure di Tivoli e Roma indagano sugli affari dei biancocelesti con i granata e su quelli giallorossi
 Mer. 05 apr 2023 
Terremoto su Roma e Lazio: indagati i Friedkin, Pallotta, Lotito e Tare
Le indagini sono ancora in corso, il cuore dell’inchiesta è l’iper valutazione dei calciatori a bilancio
 Sab. 01 apr 2023 
Spinazzola: 30 anni di allegria ritrovata
Un anno fa cercava di ripartire dopo l’infortunio: oggi Leonardo è tornato un punto fermo per Mourinho e per la Nazionale
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>