RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 18 aprile 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
   
   

La mamma di Zaniolo e l'addio alla Roma: "Nicolò abbandonato, società scorretta. Tutta la verità"

Francesca Costa racconta le verità della famiglia Zaniolo: «Mio figlio non è un traditore, ha giocato anche con una spalla rotta. Il club voleva venderlo a giugno, lui si è sentito fuori dal progetto. Il Bournemouth non gli ha mai offerto 5 milioni»
Lunedì 13 febbraio 2023
«Rinasceremo insieme dalla cenere, mi sento un nodo alla gola». Sono le parole di Cenere, la canzone che Lazza ha portato al secondo posto al Festival di Sanremo. Ieri Francesca Costa, la mamma di Nicolò Zaniolo, ha pubblicato su Instagram un video in cui proprio Lazza, dopo la sua esibizione all'Ariston, scende in platea per consegnare i fiori alla madre. Tra i primi a commentare il post, con decine di cuori, c'è stato l'ormai ex attaccante della Roma, oggi al Galatasaray. Un segnale, l'ennesimo, di quanto i due siano legati. Sono cresciuti insieme, Francesca e il suo primogenito: hanno 22 anni di differenza e un rapporto che decine di interviste non potranno mai svelare fino in fondo. Quello che, invece, la signora Costa accetta di provare a chiarire, è la sua versione della storia. Sua e della famiglia Zaniolo: Nicolò non parla perché in Turchia, in questo momento, ci sono cose ben più importanti di cui occuparsi, ma sua madre sì. Risponde per raccontare «come sono andate le cose. Mio figlio non è un pazzo o un traditore, è stato fatto passare per quello che non è. E' un ragazzo, avrà fatto i suoi errori come tutti, altri ne farà, ne faremo, ma non è quello che è stato dipinto in queste ultime settimane perché faceva comodo a qualcuno».



Partiamo dalla fine e cioè dal presente: come va a Istanbul?
«È una città meravigliosa, una scoperta. Prima di venire qui ci eravamo documentati e avevamo visto che era una delle 25 città più belle al mondo. Ma, oggettivamente, non pensavamo così tanto. È meravigliosa».

Adesso tornerete in Italia per qualche giorno.
«Sì, fino alla fine della settimana perché Nicolò ha qualche giorno libero e Benedetta (l'altra figlia, ndr) ha la scuola e una maturità da preparare. Poi, torneremo».

Anche lei?
«All'inizio sì, poi io resterò più a La Spezia e ci sarà mio marito con lui. Ma tornerò spesso».

E la casa di Roma?
«La stiamo liberando e organizzando il trasloco, non è facile. Ma la casa è di Nicolò, lui l'ha comprata e la terremo, magari affittandola. Devo anche risolvere la situazione animali...».

In che senso?
«Ho tre cani, non hanno ancora il passaporto per venire qui. Il gatto, invece, lo lasciamo più tranquillo a La Spezia».

Un trasloco improvviso, insomma.
«Dipende cosa intendiamo per improvviso. Nell'ultimo mese avevamo capito che a Roma era finita e che restare sarebbe stato impossibile, invivibile. Prima, invece, Nicolò, e quindi anche noi, pensavamo di fermarci a lungo».

Vogliamo ricostruire quello che è successo?
«Sì, almeno spero che venga messo un punto a tutto questo».

Partiamo dal 25 maggio: Tirana, Roma-Feyenoord, Nicolò segna il gol decisivo per la vittoria della Conference.
«Una gioia infinita, solo a parlarne mi vengono le lacrime. I brividi. Siamo stati felicissimi, un sogno che ci ripagava di tante amarezze e delusioni».

Poi?
«Poi succede che c'è la possibilità di pensare a cambiare aria, ne parliamo con la società che ci fa sapere una cosa: cinquanta o sessanta milioni, per loro, è il valore del ragazzo. Ma non arrivano offerte di quel tipo e lui resta, anche contento. Solo che si aspetta un rinnovo di contratto con cifre in linea con quella valutazione».

Rinnovo che non arriva.
«No, mentre ad altri suoi compagni i contratti vengono fatti. Ma non è solo un problema di soldi».

E di cosa? Di rendimento?
«Neppure. Nicolò, con il passare delle settimane, inizia a rendersi conto di non far più parte del progetto. Capisce che a giugno c'è la possibilità di andar via, di essere venduto. E la luce si spenge».

Come?
«Hanno raccontato che si è rifiutato di giocare per la Roma, che è un traditore, lo hanno preso per pazzo senza magari raccontare di quando ha giocato con le infiltrazioni per la spalla rotta. Non c'è stata correttezza nei suoi confronti da parte della società. Invece lui è stato male davvero: quando, a gennaio, non è stato convocato contro la Fiorentina era debole, tremava. Tutti i medici hanno riscontrato questa verità. Non so se fosse influenza o stress, ma mio figlio non stava bene».

Poi, però, non ha più giocato.
«Una decisione presa con l'allenatore che non lo vedeva a posto. Ed era vero: Nicolò non stava bene, la luce si era spenta. E per un giocatore come lui questo fa tutta la differenza del mondo. Anche nei confronti dei tifosi. Anzi, questo è un aspetto a cui tengo molto».

Prego.
«Né io, né mio figlio, né nessuno della mia famiglia ce l'ha con i tifosi. Noi saremo sempre grati ai romanisti, sempre rispettosi, questo voglio che sia chiaro. Le critiche ci stanno, ma non è colpa loro. Hanno creduto a quello che gli è stato raccontato».

Nicolò, però, ha strappato la maglia contro il Genoa.
«Altra bugia. Ma vi pare che si strappa la maglia? L'ha allargata come gesto di frustrazione per una sua prestazione non brillante e si è strappata. Niente di più. Lui la maglia della Roma l'ha solo baciata».

Cosa è successo con i tifosi che sono venuti sotto casa?
«Abbiamo fatto una denuncia contro ignoti, vedremo. Io dico una cosa: se fossero stati dieci ragazzini, magari un po' scemi e sopra le righe, non ci saremmo agitati tanto. Se ci siamo agitati è perché venivamo da giorni in cui ci veniva scritto di tutto: insulti, minacce di ogni tipo. Eravamo molto spaventati, la situazione era diventata insostenibile».

Perché Zaniolo ha prima detto no e poi sì al Bournemouth?
«Voglio chiarire un aspetto: Nicolò si sarebbe ridotto l'ingaggio, o avrebbe chiesto gli stessi soldi della Roma, per il Milan o il Tottenham. Ma quelle società non hanno trovato l'accordo con il club giallorosso. A quel punto c'era il Bournemouth: non è vero che ci hanno offerto cinque milioni a stagione, ma quando mai».

Nicolò però si è rifiutato di incontrare i manager inglesi.
«Io sono nel calcio da tempo, anche mio marito faceva il calciatore: le trattative le fanno gli agenti. E infatti il procuratore di mio figlio li ha incontrati».

Prima ha detto no, poi sì.
«Questo è vero, ma quando li abbiamo richiamati loro avevano preso già un altro».

E a questo punto compare il Galatasaray.
«Una scelta che è stata quasi immediata perché ci hanno fatto sentire subito fiducia e sostanza. Volevano Nicolò, volevano chiudere, non è stato difficile metterci d'accordo».

E adesso inizia la vostra nuova vita.
«La vita è quella di Nicolò, non la mia, di mio marito. Perché anche questa è una cosa da specificare: noi lo supportiamo, ci confrontiamo, siamo i suoi genitori. Ma le scelte sono le sue, sempre».

I compagni della Roma si sono fatti sentire?
«Poco, solo tre di loro. Però, lui ha sempre avuto un bel rapporto con tutti, peccato».

Cosa vi resta di Roma?
«Una città meravigliosa, una squadra che abbiamo amato tanto e dei tifosi che hanno trattato mio figlio nel migliore dei modi. Sempre. Sostenendolo nei momenti peggiori, anche se quando leggo: "La Roma lo ha aspettato" mi viene un po' da sorridere. E' normale che lo aspettasse, era un tesserato del club. Si è fatto male giocando, mica andando a sciare. E poi ci resta un legame di quelli eterni, fortissimi (il piccolo Tommaso, figlio di Nicolò, ndr). Roma, per noi, sarà sempre speciale».

Come risponde a chi dice che Zaniolo prima era depresso e poi è andato al Galatasaray tutto sorridente?
«Nicolò non stava bene per la situazione che si era venuta a creare intorno a lui, anzi che è stata creata intorno a lui. È chiaro che cambiando aria e iniziando una nuova avventura ora sta meglio. Per quanto, ora viviamo in una terra che è stata devastata da un terremoto. Le cose importanti della vita sono queste e noi siamo veramente tutti provati da quello che è successo in Turchia. Nicolò, e noi nel nostro piccolo, cercheremo di fare la nostra parte per poter essere ancora più utili».

Che farete adesso?
«Cerchiamo casa, ne abbiamo viste alcune, qualche soluzione che ci piace c'è. Il tutto, lo ripeto, col massimo rispetto per chi qui sta vivendo l'inferno e una casa non ce l'ha più». Rinascere dalla Cenere, come canta Lazza.
di Chiara Zucchelli
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Zaniolo - News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Gio. 23 feb 2023 
Pellegrini, Abraham e El Shaarawy nella top 16 europea
Ci sono ben 3 giocatori della rosa attuale nella top 16 all time dei cannonieri...
 Mar. 21 feb 2023 
Zaniolo e Icardi al mare insieme: ecco cosa sta succedendo
Si avvicina sempre di più il debutto dell'ex Roma con il Galatasaray. Intanto si trova insieme all'ex Inter: il motivo
Sciamano Mourinho: il cerchio magico della Roma rafforza il gruppo
Il discorso dopo la vittoria contro il Verona è servito al tecnico per cementare il legame con la squadra, che lo ha sorpreso in positivo anche con le alternative. E ora c'è il Salisburgo
Mourinho alza il muro: la squadra è con lui ma l'addio non è tabù
Le parole dello Special scuotono i tifosi e il club
 Sab. 18 feb 2023 
Roma, la desolazione della panchina: Mourinho senza riserve
Le seconde linee non spostano gli equilibri della partita quando vengono impiegate. Da Svilar a Camara fino a Solbakken: gli acquisti non rinforzano la rosa
 Mar. 14 feb 2023 
Se a Trigoria il colpevole è sempre Pinto
Circondato. Da una parte mister Dan e mister Ryan che staccano assegni mensili tra...
Roma, l'Europa League vale 30 milioni: ecco perché l'impegno con il Salisburgo va onorato
Arrivare fino in fondo regalerebbe infatti una somma oscillante tra i 25 e i 30 milioni, soltanto di introiti Uefa, ai quali aggiungere gli inevitabili sold out dell'Olimpico che ogni volta portano in dote altri milioni
 Lun. 13 feb 2023 
Mamma Zaniolo dopo l'intervista si sfoga su Instagram: ecco le sue parole
Francesca Costa torna sul divorzio tra il figlio e la Roma e dopo aver raccontato la verità della famiglia, ribadisce il concetto sui social, rivolgendosi a chi non crede alla sua versione
 Dom. 12 feb 2023 
Zaniolo al Galatasaray, le commoventi parole della mamma Francesca su Instagram
Dopo aver chiuso l'avventura con la Roma, Nicolò è concentrato sulla sua nuova vita. Con la madre accanto
Roma, la formula qualità unica scelta possibile
Mourinho si affida ai giocatori migliori scherando una squadra offensiva
 Sab. 11 feb 2023 
MOURINHO: "Partita difficile, campo orribile. Non dirò nulla di negativo ai miei"
LECCE-ROMA 1-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "Rispetto agli altri anni c'è un'altra mentalità. L'arbitro ha fatto il suo lavoro, ma manca il secondo giallo a Strefezza"
PINTO: "Zaniolo? Non possiamo lamentarci e trovare scuse. Mourinho leader riconosciuto da tutti"
LECCE-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, TIAGO PINTO: "Zaniolo? Non possiamo lamentarci e trovare scuse"
Zaniolo valore dimezzato da Karsdorp a Vina quanti sprechi
Nei giorni in cui la Uefa comunica la lista delle società che hanno più debiti con...
Sergio Oliveira: "Zaniolo al Galatasaray, la scelta migliore, potrà lottare per lo scudetto"
Il centrocampista portoghese promuove la scelta dell'ex giallorosso di trasferirsi in Turchia.
 Ven. 10 feb 2023 
Sisma e polemiche: prima di sognare Zaniolo scopre la forza del dolore
Nicolò sceglie la 17 in onore di un tifoso e aiuta subito i terremotati, ma sui social Galatasaray è criticato per il costo dell'affare
Mourinho resta in silenzio e aspetta i Friedkin
Il tecnico giallorosso preferisce evitare le domande sulla conferenza di Pinto
Zaniolo, solo tre compagni gli hanno mandato un messaggio: ecco chi sono
I retroscena dell'addio "privato" alla Roma, dopo l'ufficialità del passaggio al Galatasaray: una prova dell'insofferenza nei suoi confronti dallo spogliatoio giallorosso
 Gio. 09 feb 2023 
Zaniolo in lista Uefa, il retroscena sul suo inserimento last minute
La Roma aveva lasciato fuori Nicolò, poi l'ha messo dentro per un motivo ben preciso
Zaniolo, prime parole da giocatore del Galatasaray. Sceglie il numero 17: il motivo che commuove
Nel post pubblicato sui profili del club turco l'ex Roma mostra il suo speciale nuovo numero di maglia e dedica un pensiero alla Turchia devastata dal terremoto: ecco cosa ha detto
Rosella Sensi a Zaniolo: le parole di fuoco dell'ex presidente
Una lettera social pubblicata su Instagram e indirizzata direttamente all'ex attaccante giallorosso: "Non hai capito il vero valore della Roma"
Meeting con la Uefa, la Roma vola a Nyon
Si tratta di una verifica periodica necessaria ad accertare il rispetto dei paletti sui conti imposti alla fine dell’estate. Presente Tiago Pinto
Roma, via al tour de force con le punte contate. Wijnaldum: "Ogni giorno mi sento più forte"
La partenza di Zaniolo lascia a Mourinho meno scelte davanti
Roma, amichevole estiva col Galatasaray: il ricavato sarà devoluto ai terremotati
Il passaggio di Nicolò Zaniolo al Galatasaray ha un risvolto utile per il sociale....
Calciomercato Roma, ecco l'attaccante che Tiago Pinto aveva in pugno per sostituire Zaniolo
il nome del giocatore che i giallorossi avrebbero preso se Nicolò fosse andato al Bournemouth
 Mer. 08 feb 2023 
Zaniolo saluta la Roma: "Eternamente grato". Ma il club non ricambia...
Nicolò ha postato un messaggio d'addio al club giallorosso: "Mi hai dato una chance che ho provato a cogliere con tutto me stesso, sudando per la maglia ogni volta che l’ho indossata". Solo un freddo comunicato da parte della società
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Zaniolo al Galatasaray
UFFICIALE: NICOLÒ ZANIOLO CEDUTO AL GALATASARAY
Calciomercato Roma, chi sono Akman e Demir: i due talenti opzionati del Galatasaray
Alla scoperta dei due talenti del Galatasaray opzionati dalla Roma: Efe Akman e Yusuf Demir
Zaniolo-Galatasaray, cifre e dettagli dell'accordo. Roma, opzionati Demir e Akman
Cifre e dettagli del trasferimento di Zaniolo al Galatasaray: la Roma opziona anche due giovani talenti turchi
TIAGO PINTO: "Zyech? Ci abbiamo parlato ma avremmo preso un altro..."
A Trigoria torna a parlare, in conferenza stampa, il general manager dell'area sportiva...
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>