RomaForever.it
facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 23 febbraio 2024
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
   

MOURINHO: "Potevamo vincere facile per come abbiamo giocato. Se ci fosse stato Dybala..."

ROMA-ATALANTA 0-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "Se ci fosse stato Dybala sarebbe stato diverso. Zero critiche per Abraham. C'era un rigore netto su Zaniolo"
Domenica 18 settembre 2022
MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Partita nata male con l'infortunio di Dybala, cosa è successo?
"È andata male perché abbiamo perso una partita che potevamo vincere facile per come abbiamo giocato. L'infortunio di Dybala è muscolare, è dura per lui e per la squadra, è successo mezz'ora prima della partita. Se possiamo immaginare questo dominio nell'ultimo terzo, con tante palle gol create, si può fare un po' di speculazione, se Paulo avesse giocato sarebbe stato diverso. Si può dire, ma questa non è stata la partita perché Paulo non ha giocato. Chi ha giocato ha fatto abbastanza per vincere facile. Purtroppo non abbiamo segnato e per questo abbiamo perso. Non ci piace aver preso 0 punti, ma ci piace il gioco, lo spirito. Abbiamo un problema con Lorenzo che ha sentito tirare al flessore, sull'1-0 non è voluto uscire, ha voluto andare fino alla fine come capitano, come uno che voleva aiutare e questo è un problema per noi. Vediamo se 15 giorni sono sufficienti per recuperare Lorenzo e Paulo".

L'espulsione?
"Con Hateboer non è successo niente".

Al di là della partita in sé, vede Abraham con la stessa testa dello scorso anno?
"Tammy è un ragazzo straordinario, che vuole fare bene, che soffre quando non fa bene, che vive un momento fra il piccolo infortunio, partite che non sono uscite bene, sicuramente vive un momento poco felice. Gli attaccanti sono un po' così. Ma zero critiche, continua a essere lo stesso bravo ragazzo e professionista, non è qui in vacanza ma per imparare e migliorare. Arriverà, ci sono tanti giocatori che stanno attraversando un momento individuale buonissimo, lui non è a questo livello".

Negli ultimi anni l'Atalanta è stata sempre protagonista, oggi si è difesa tutto il tempo. Cosa ha studiato dei nerazzurri?
"Li abbiamo studiati come tutti gli avversari, hanno 5-6-7 anni insieme a Gasperini, ha cambiato un po', si è abbassata, ha avuto rispetto per noi, hanno giocato basso anziché pressare alto. Abbiamo lavorato tantissimo con Paulo ieri, oggi abbiamo dovuto giocare con Nemanja dall'inizio, aveva giocato 90 minuti contro l'Helsinki, era programmato che potesse entrare in una situazione di vantaggio per noi. Questo ha cambiato il compito di determinati giocatori. Abbiamo stradominato, stracreato e per questa ragione esco senza un feeling negativo coi miei giocatori. Non abbiamo messo la palla dentro la porta e abbiamo avuto tante possibilità per farlo. Abbiamo giocato qui con Monza e Cremonese, questa è stata la partita più facile, in cui abbiamo dominato. È stato tutto facile per i difensori, abbiamo creato tante palle gol ma il calcio può essere così".

Qual è il suo giudizio sui tre episodi di Zaniolo?
"Sono andato dall'arbitro per chiedergli perché non ha dato rigore nel primo tempo. Gli ho detto che voglio essere il migliore allenatore possibile, dicendo ai miei di non buttarsi se possono continuare l'azione, gli ho chiesto se sia impossibile dare un rigore se il giocatore non si butta per terra. Se mi risponde di sì, io cambio il mio allenamento coi miei giocatori e dico loro di buttarsi. Non mi ha risposto. Volevo una risposta obiettiva e il suo osservatore mi ha risposto educatamente che dipende dai criteri, ehm, non mi ha risposto".

Ora c'è la sosta che può essere importante per capire bene che macchina ha in mano o ha già le idee chiare?
"È una sosta in cui tanti giocatori vanno in nazionale, Paulo e Pellegrini sono infortunati. Possiamo recuperare El Shaarawy e Kumbulla che sono già fuori, lo vedremo. Sono due settimane in cui gente come Belotti, Camara hanno bisogno di lavorare per migliorare il livello fisico. Al di là di questo, niente, un po' di giorni liberi, non c'è molto da fare. Preferirei Lorenzo e Paulo in nazionale, avrebbe significato che non avrebbero lavorato con noi ma sarebbero stati pronti per la prossima. L'infortunio è meno positivo".

*** *** ***



MOURINHO A DAZN

Partita subito in salita con lo stop di Dybala, poi il pallone non è voluto entrare.
"Era la partita più facile da vincere in questa stagione. Contro Monza e Cremonese non abbiamo dominato per 90 minuti, oggi sempre. Si può immaginare Paulo (Dybala, ndr) cosa avrebbe fatto con così tante occasioni. Avrebbe potuto segnare, ma questo è immaginare. Grande partita nostra, tante palle gol, tanto dominio e controllo contro una squadra che si è difesa molto molto bene ed è una qualità, oltre al fatto che hanno avuto fortuna in alcuni momenti".

Cosa è successo durante l'espulsione?
"Niente con Chiffi e niente di particolare con Hateboer. Noi volevamo giocare e loro hanno battuto sapendo che non avrebbero potuto riprendere il gioco. Hanno buttato una palla lunga per Hateboer per perdere tempo e io volevo fermare questa azione, che aveva solo un obiettivo, ovvero perdere tempo. Con Hateboer non è successo niente".

C'era tensione accumulata?
"La squadra giocava benissimo, questa partita la Roma ha avuto ritmo, continuità e sono contento. Al di là di questo, non c'è nessun tipo di problema ma c'era un rigore chiarissimo su Zaniolo nel primo tempo. Ho cercato di parlare con Chiffi dopo la partita, se un arbitro mi dice che non c'è mai rigore se un giocatore non si butta, allora devo dire ai miei giocatori di buttarsi. Gli ho chiesto di dirmi il motivo perché non ha dato rigore, ma Chiffi non mi ha risposto obiettivamente".

Cosa le ha detto?
"Mah, ha detto che è una questione di interpretazione. Per me non è interpretazione, è rigore è basta. Il giocatore prosegue l'azione, poi viene trattenuto ed è rigore. Se dobbiamo fare il pagliaccio e dobbiamo far finta di stare in piscina, devo cambiare stile di allenamento. Se non posso entrare in campo, vengo espulso".

Teme una sanzione disciplinare? La reazione è stata importante.
"Importante? Io sono entrato in campo e se il regolamento dice che non si può fare mi butta fuori e non c'è più storia. Non inventare qualcosa che non è esistito".
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 22 feb 2024 
BEAUTYLEI | Crema Antiacne BIO 🌿 Combatte Brufoli e Punti Neri, Macchie
✅ 🌿 📃 💬 📃 🧾 ⬜ 🇮🇹...
EUROPA LEAGUE, Roma-Feyenoord, problemi fisici per Pellegrini e Llorente: dentro Aouar e Ndicka
Non arrivano buone notizie dal secondo tempo di Roma-Feyenoord, sfida decisiva per...
Roma-Feyenoord, rigore non concesso ad El Shaarawy: tifosi furiosi sui social
Episodio dubbio nell'area di rigore degli olandesi, con il giocatore di De Rossi steso da Beelen. Non interviene il Var
DE ROSSI: "Il coraggio va mostrato in casa e fuori. Il Feyenoord oggi ha più qualità"
EUROPA LEAGUE, ROMA-FEYENOORD, LE INTERVISTE PRE-PARTITA
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>