facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 18 agosto 2022
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Siamo una famiglia. Adesso andiamo in finale e vogliamo vincerla"

CONFERENCE LEAGUE - SEMIFINALE DI RITORNO - ROMA-LEICESTER 1-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA
Giovedì 05 maggio 2022
MOURINHO A SKY SPORT

Una notte meravigliosa, lei ha vinto tanto ma ci si abitua a emozioni come queste?
"Mi scuso con lo studio, ma sono stanco e voglio andare a casa. È una vittoria della famiglia, non solo di quella che era in campo e in panchina ma di quella allo stadio. Questo è il nostro merito più grande: l'empatia, questo senso di famiglia. Abbiamo fatto una gara straordinaria, altri possono interpretarla diversamente, ma quando il tuo portiere fa due parate in 180' contro una squadra di Premier significa che abbiamo fatto qualcosa di buono. Non voglio dire tanto, ragazzi straordinari. Lunedì abbiamo una partita, ne abbiamo 3 in campionato, poi c'è la finale. Abbiamo fatto una traiettoria fantastica per arrivarci, lo abbiamo pagato con i punti in serie A. Ma andiamo in finale e vogliamo vincere."



Intensa battaglia...
"Certo, noi rischiamo nel modo di pressare ma non abbiamo la capacità per farlo per 90' soprattutto contro una squadra che gira palla e giocatori. Poi abbiamo cambiato 5-3-1-1, la linea dei 5 a controllare molto bene, uno sforzo incredibile dei centrocampisti. Senza Mkhitaryan era difficile avere palla, tanto lavoro da Zaniolo, Abraham...Posso definire solo questa storia della finale con la parola famiglia."

Tutti promossi, ma vorrei dedicare un pensiero ad Abraham e al suo spirito di sacrificio. È il simbolo della disponibilità dei suoi giocatori?
"Tammy lo sa, mi rifiuto di parlare bene di lui. Può fare meglio e lo sa. Ha un grande giocatore con potenzialità per essere ancora migliore. Faccio fatica ad accettare quelli che possono fare meglio."

Mi riferivo alla sua disponibilità...
"La deve avere in partita. Non solo con la Lazio o in Europa, voglio di più da Tammy. Ma sono d'accordo: lui e tutti gli altri, anche quelli in panchina, la sofferenza, l'appoggio, l'empatia, la famiglia...Se mi dai la possibilità voglio dire grande Real e grande Carletto, vinciamo la finale (ride, ndr)"

*** *** ***


MOURINHO A DAZN

Dopo 31 anni la Roma torna a giocarsi una finale europea, lei riesce ad emozionarsi.
"Scusi, ma sono stanco e voglio tornare presto a casa. Ci sono diversi livelli di aspettative, responsabilità e speranze. Ovviamente la storia della Roma è una storia di sofferenza, non vince tanto e il numero di finale non rispecchia la dimensione del club, per noi conta tanto. Per noi e il Feyenoord è la nostra Champions. Siamo una famiglia, non abbiamo fatto una stagione spaventosa, stiamo facendo il meglio possibile: 14 partite di Conference, tanti punti persi ma è una vittoria di famiglia. Abbiamo pareggiato e vinto con il Leicester, con Rui Patricio poco impegnato. Abbiamo giocato con tutto, con i tempi, con gli spazi, accettando anche di giocare bassi nel finale. Una squadra intelligente, li ringrazio per avermi reso felice."

L'abbiamo vista quasi commosso
"Non quasi, sono commosso. Vincere aiuta a vincere, il primo scudetto è uguale al secondo o al terzo, è sempre una ricompensa per il lavoro. Ma per una squadra che non vince mai, sempre trascinata da tanti tifosi... Come ho detto tempo fa, sono in una fase della carriera in cui non lo faccio per me stesso, ma per i miei giocatori, per i miei proprietari arrivati nel calcio da poco, per i tifosi. Mi emoziono per le emozioni degli altri."

Un messaggio ad Ancelotti?
"Gli ho mandato un messaggio ieri sera, Sono due messaggi in una, in Spagna tifo per il Real e sono amico di Ancelotti. Andiamo nelle nostre finali, vediamo se questi due giovani allenatori riescono a vincere qualcosa."

Si vince questa finale?
"Si."

*** *** ***


MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Si è sentito in famiglia questa sera? Come si prepara una finale con una squadra che non vince da 14 anni in un calcio che non vince dal 2010 in Europa?
"Il primo anno di preparare la finale è avere il rispetto del calcio italiano e anticipare l'ultima partita al venerdì. Il Feyenoord farà lo stesso e penso che noi meritiamo questa opportunità di preparare la finale nel miglior modo possibile. Non posso dire purtroppo, penso sia positivo avere tre partite di Serie A da giocare, abbiamo l'obiettivo di raggiungere l'Europa dal campionato e se lo faremo lo ci arriveremo con uno stato emozionale diverso. Andare a Tirana a giocare la finale sapendo se saremo già in Europa la prossima stagione non aiuterà, ma penso che il lavoro più importante sia stato fatto nel primo giorno. È il senso di squadra che abbiamo costruito già dal Portogallo, giorno dopo giorno giocatori, staff, tifosi, questa partita è stata vinta da tutti. Ho avuto la fortuna di giocare finali più importanti, con un prestigio diverso da questa, ma il senso di una gioia incredibile di tutti mi ha fatto sentire speciale".

Quali sono le emozioni di Mourinho?
"Il pubblico ha giocato bene. L'emozione inizia ad andare nella direzione della partita contro la Fiorentina. Domani iniziamo a pensare alla Fiorentina. La situazione di Mkhitaryan ora si trasforma, non si deve rischiare. Quando giochi una finale le cose si trasformano un po', ma dobbiamo pensare a queste tre partite. Abbiamo la possibilità di ringraziare i tifosi nell'ultima partita all'Olimpico e adesso l'emozione va via progressivamente e pensiamo a queste quattro partite".

La sua sola presenza a Roma ha fatto sì che molti comprassero il biglietto aereo per Tirana. Quanto c'è di suo in questa finale?
"Penso che sia una domanda per i tifosi, per la proprietà, per Tiago, per i giocatori. Non voglio essere io a dire quello che ho dato. Ho dato lo stesso di tutti loro. Penso che ognuno di noi abbia dato esattamente lo stesso. I magazzinieri, i terapisti, i giocatori che giocano ogni partita, quelli che giocano di meno. La mia emozione, la mia gioia... con gli anni uno diventa meno egocentrico e più papà, per non dire nonno, che è ancora presto. Sono ancora contento per tutti loro. Ricorderò sempre la gente per strada, le signore con la bandiera nei balconi, i ragazzini per strada. Questo per me significa tanto. Roma è una città giallorossa. In un anno si sente facile, anche se si vive ai Parioli. Roma è una città giallorossa e sicuramente oggi e domani si vedrà per strada questa gioia. Ho dato il mio piccolo contributo e questo mi fa felice".

Complimenti, una serata speciale. Sembra che lei abbia versato una lacrima.
"Non lo escludo. Ho sentito quello che ha provato questa gente. Nello staff ho un romanista pazzo, in tanti anni che ha lavorato con me ho dovuto sentirlo ogni giorno, mi ha fatto capire bene il significato di questo club per la gente. Un club gigante che non ha una storia di trofei, rispetto alla dimensione sociale enorme che ha. Questo non è un trofeo, è una finale che significa tanto. So che cosa provano e queste sono le mie emozioni".

Quinta finale con quattro club, non era mai successo.
"Vediamo se riusciamo a vincerla, sarebbe ottimo. Posso sicuramente affermare che in ogni club che ho allenato ho raggiunto una finale, anche se non sempre l'ho giocata".

Stanco?
"Molto (ride, ndr)".

Cos'è stato più difficile nella preparazione della partita? Abraham voleva uscire...
"La situazione con Tammy è che anche stanco morto, sulle palle inattive difensive è un giocatore fantastico per noi. Noi difendiamo misti, nella sua zona è un giocatore fantastico. Per me è una situazione dura. Per cinque minuti in più c'è un corner per cui o vai in finale o all'extra time. Per questo esigo sempre un minuto in più. Ma il ragazzo era stanco, tutti loro hanno fatto uno sforzo straordinario. Loro hanno questo potenziale per cambiare la dinamica delle partite, questo ci ha obbligati ad abbassarci, non abbiamo voluto pressare tutti e tre i difensori loro, ma solo due. Siamo stati sempre molto organizzati e molto tranquilli, fino al momento in cui un giocaotre può sbagliare. Sono due gare da 180 minuti. Palla per loro non ha significato problema per noi, siamo stati sempre molto tranquilli. E andiamo a Tirana".
COMMENTI
Area Utente
Login

Serie A - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 28 giu 2022 
La Roma baby in vendita: da Villar a Calafiori, Pinto prova a cedere i giovani per fare cassa
Una rosa intera da piazzare altrove e un tesoretto da accumulare per gli acquisti....
 Lun. 27 giu 2022 
 Ven. 24 giu 2022 
 Gio. 23 giu 2022 
Zaniolo-Roma, avanti anche senza rinnovo. Ma se arriva l'offerta giusta...
Nell'incontro tra Pinto e l'agente del giocatore Vigorelli, nessun accordo per il prolungamento del contratto. I rapporti restano cordiali, ma con 55 milioni il giovane talento può partire
Frattesi: Roma e Sassuolo cercano l'intesa con le contropartite tecniche
Si lavora per inserire alcuni giocatori nell'affare: i giallorossi hanno detto no a Bove proponendo Volpato
Il Monza vuole Villar e Borja Mayoral: trattativa con Roma e Real Madrid
Galliani si è già mosso con il club giallorosso per arrivare al centrocampista, adesso parlerà con gli spagnoli per il centravanti
 Mer. 22 giu 2022 
Mancini, pronto il rinnovo con la Roma: stipendio da senatore
Mourinho, la squadra e i tifosi lo riconoscono ormai come leader: il vice capitano giallorosso si allena anche in vacanza e non vede l’ora di ripartire
Berardi pronto a lasciare il Sassuolo: la moglie svela il futuro
Il calciatore neroverde, accostato anche a Juve e Roma, ha dichiarato: "Mi piace abitare a Modena ma..."
 Mar. 21 giu 2022 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Reynolds al KVC Westerlo
Tramite un comunicato pubblicato sul proprio sito, la Roma ha annuciato la cessione...
Calciomercato Roma, Milanese alla Cremonese
750mila euro e 30% della futura rivendita ai giallorossi
Volpato: "Totti è un padre, segno come lui. Mourinho il migliore allenatore possibile"
"Futuro? Vinco l’Europeo, poi si vede”
 Lun. 20 giu 2022 
Roma, boom di abbonamenti: 34500 per la Serie A, già 4mila per le coppe
Grande risposta dei tifosi anche per il pack delle partite di Europa League e Coppa Italia
Mourinho va di corsa: in Algarve quattro amichevoli per volare
Il tecnico giallorosso vuole la squadra pronta per l’inizio del campionato: probabilmente saranno in tutto nove test prima del 14 agosto
Zaniolo, vale la pena? La Roma valuta pro e contro di una scelta difficile
Il potenziale di Nicolò, i numeri di Guedes e Berardi: cosa succede?
Calciomercato Roma, Calafiori andrà in prestito: c'è (di nuovo) il Cagliari
Svestitosi del rossoblù ligure, potrebbe ora trovare quello isolano. Riccardo Calafiori...
Il calendario venerdì alle 12: la Serie A parte sabato 13 agosto
Venerdì prossimo, 24 giugno, è il Calendario-Day: sarà in quel giorno che tutti...
 Dom. 19 giu 2022 
Calciomercato Roma, Mourinho strizza l'occhio a Douglas Luiz
Il brasiliano via dall’Aston Villa, ma il prezzo è alto. Sabitzer e Aouar le alternative. Bove resta: finora respinte tutte le offerte
Roma, nuovi Zalewski crescono: ecco i giovani talenti in rampa di lancio
Oltre al nazionale polacco, anche Felix, Volpato e Bove hanno conquistato la fiducia di Mourinho: tra presente e futuro, sono tante le speranze in erba a Trigoria
CALCIOMERCATO Roma, a Mourinho piace Dany Mota del Monza
Un altro portoghese nel mirino ma stavolta viene dalla Serie B. Mourinho avrebbe...
Calciomercato, la Roma offre Zaniolo in Premier
Una cifra record. Superiore ai 60 milioni di euro. Per la precisione 62.5. Ecco...
 Sab. 18 giu 2022 
Calciomercato Roma, la lista di Mourinho: tutti gli obiettivi
Da Guedes a Douglas Luiz e Frattesi, ecco i nomi accostati ai giallorossi tra trattative...
Calciomercato Calafiori, sul giocatore ci sono Cremonese, Salernitana e Basilea
Riccardo Calafiori potrebbe lasciare la Roma. Cremonese, Salernitana e Basilea lo hanno richiesto in prestito
 Ven. 17 giu 2022 
La Roma celebra l'anniversario dello scudetto. Rosella Sensi: "Grazie papà"
Ventuno anni fa vittoria del campionato con Totti, Montella e Batistuta mattatori e protagonisti di una cavalcata incredibile
 Gio. 16 giu 2022 
Calciomercato Roma, quattro squadre su Calafiori
Si muove il mercato attorno a Riccardo Calafiori, terzino classe 2002 di proprietà...
Calciomercato Roma, Milanese verso la Cremonese a titolo definitivo
Le ultime sul mercato della Cremonese: fatta per Milanese della Roma
Calciomercato Roma, ceduto Reynolds in prestito al Westerlo
La Roma ha ceduto il terzino americano Bryan Reynolds al Westerlo, in Belgio
 Mar. 14 giu 2022 
 Lun. 13 giu 2022 
Calciomercato Roma, stretta per Frattesi, chiusura in settimana
Roma, dopo Matic è il turno di Frattesi: chiusura in settimana
Calciomercato Roma, Pruzzo: "Zaniolo quest'anno lo terrei, se si rilancia con Mou vale molto di più"
L'ex bomber: "Lui può segnare almeno 10-12 reti in una stagione"
Roma, Mertens congelato per due motivi. Doppio colpo per Mourinho
Nello scorso campionato, giallorossi noni per reti segnate: il tecnico portoghese chiede un attaccante e una mezzala che dia un supporto offensivo
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>