facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 26 maggio 2022
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Per me è stata una grande partita. Ho visto una stanchezza che mi piace"

ROMA-NAPOLI 0-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "L'espulsione? Non ero contento per una decisione, ma l'arbitro ha diretto bene. I calciatori in tribuna? Messaggio importante, per me è difficile perdonarli ma proverò a recuperarli"
Domenica 24 ottobre 2021
MOURINHO A DAZN

Come vede il primo pareggio in campionato?
"Per me è stata una grande partita, ho avuto la sensazione che con tutta la pressione sia stata una gara di alto livello. Lo 0-0 mi sembra buono, come poteva essere 1-0 per noi o 0-1 per loro. La gara è stata dura per tutte e due le squadre, c'è stata intensità, tanta concentrazione, nessuna paura e rispetto da tutte le parti. Abbiamo chiuso le transizioni e i contropiede, è stata una partita di alto livello".

Bene la fase difensiva nelle ultime 3 partite, cos'ha cambiato?
"Meno male che non hai visto la partita di Bodo (ride, ndr). I due terzini stanno migliorando, la copertura diagonale di Cristante e Veretout è molto buona, uno si sente più a suo agio ad uscire. In questa partita era importante che Zaniolo e Mkhitaryan chiudessero gli spazi interni. Oggi per la posizione di Fabian Ruiz, che è molto importante nel loro motore offensivo, Pellegrini si è abbassato e invece del 4-4-2 difensivo oggi Abraham entrava tra i centrali. La partita è stata intensa, ho visto gente stanca: è la stanchezza che mi piace di gente che ha lavorato tanto. Loro giocano molto diretti su Osimhen, ci sono state tante transizioni oggi. E' stata dura, entrambe potevano vincere. Magari quasi unica con due allenatori espulsi."

Perché è stato espulso?
"Non ero contento per una decisione, ma non ho detto altro. Io e Spalletti siamo stati espulsi ma non penso che si possa dire che l'arbitro abbia diretto male, ha fatto un lavoro positivo ed equilibrato. Non andiamo a casa felici felici, però c'è la sensazione che il risultato sia giusto".

Avete provato a vincerla sino alla fine?
"Abbiamo fatto una ca**ta giovedì e avevamo un peso diverso, poi non è facile giocare contro il Napoli, questa è una partita dove devi essere umile e riconoscere la forza dell'avversario, volevano vincere ma anche noi. La verità è che è un pareggio per 0-0 ma in panchina c'è la sensazione che sia stata una partita logorante".

Cinque calciatori in tribuna?
"Mi hai lasciato in una situazione difficile... Sono cose di spogliatoio, sono messaggi che riguardano performance negative, è un messaggio per me importante. Ci sono partite e partite, sicuramente avete fatto dove avete fatto partite dove siete tornati a casa arrabbiati, però la partita rimane nella mia storia e mi rimane difficile perdonarli".

Conta di recuperarli?
"Certo, non hanno una croce davanti alla faccia".

Ti è piaciuta la Roma più oggi o contro la Juventus?
"Sono state due partite diverse, abbiamo dominato maggiormente contro la Juventus, più controllo nella palla ma abbiamo giocato meno in transizione perché la Juventus ti pressa meno rispetto al Napoli, con la Juventus mi è piaciuta la personalità e la capacità di dominare il gioco, oggi mi è piaciuta l'organizzazione e abbiamo controllato Osimhen che non è facile, abbiamo anticipato molto bene questo. Sono state due partite che mi danno la sensazione che la nostra squadra di 11-12-13-14 giocatori mi piace veramente e c'è materiale umano per lavorare e imparare. Abbiamo giocato con due delle tre-quattro squadre più forti d'Italia, solo un punto ma ce la siamo giocata".

Ha parlato di più in campo con Insigne...
"E' un ragazzo divertente, scherzavamo... E' molto pesante con l'arbitro, gli ho detto di giocare e lasciare l'arbitro tranquillo. Vado a casa con la sua maglia."

Ma parlavate in italiano o napoletano?
"Un po' di tutto (ride, ndr)."

*** *** ***


MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Tante cose positive. Cosa le è piaciuto di più?
"La partita. Secondo me una partita di alto livello, ed è possibile quando due squadre giocano ad alto livello. Partita tattica, fisica, con qualche difficoltà tecnica, ma su quel campo lì non è facile. C'è qualcosa che non si capisce, il campo è bello perché la sabbia è verde. È pieno di sabbia verde. Dalla tribuna sembra bello, ma lì... è duro. Però gran partita. Risultato magari corretto, ovviamente ci sono state delle opportunità per segnare e per vincere per entrambe, ma una partita in cui abbiamo finito tutti stanchi per l'intensità, la durezza, l'aggressività, la voglia di vincere e non accettare il pari. Quello che era diverso è che loro arrivavano al top, mentre noi dalla sconfitta a Torino e dal disastro di giovedì. Il controllo emozionale, la forza psicologica di entrare in campo col peso di quella sconfitta, questo mi è piaciuto. Abbiamo giocato partite difficili, penso che meritiamo più dei punti che abbiamo, ma siamo lì. Dobbiamo continuare a lavorare, mercoledì a Cagliari sarà dura".

Le due partite giocate alla pari con Juventus e Napoli danno consapevolezza?
"Mi piacerebbe avere oggi al minuto 70 due terzini freschi, veloci, intensi, per cambiare la partita e non li abbiamo. Mi piacerebbe avere altre cose che non abbiamo. Però l'ho detto ieri, non le abbiamo perché abbiamo speso tanti soldi per pulire di poter convertire tutto sulla costruzione. Abbiamo una rosa dicotomica, dobbiamo gestirlo. Se vuoi sapere chi gioca mercoledì a Cagliari, te li dico già: la stessa di oggi".

Oggi Gasperini ha sollevato un problema, ha detto di essere stato espulso senza motivo. Qual è la situazione?
"Di solito solo un allenatore viene espulso, l'altro è contento. Oggi siamo stati espulsi entrambi. Magari arrivo a casa, analizzo la partita e ho una visione diversa, ma la visione è che abbia fatto un lavoro positivo. Se sono l'arbitro vengo da me e mi dico di smetterla, la prima volta che mi ha visto mi ha ammonito, alla seconda volta non ho neanche protestato, mi sono girato. La performance dell'arbitro è una cosa diversa, mi è sembrato abbastanza, non ricordo episodi. Poi i gialli e i rossi... è una sua decisione".

Dopo aver giocato con Juventus e Napoli c'è qualche rimpianto?
"Sicuramente. Contro la Juventus non meritavamo di perdere per niente, oggi un punto è accettabile. Ma potevamo vincere, così come perdere. Abbiamo avuto più palle gol. Dal punto di vista dell'organizzazione siamo stati benissimo, non era facile costruire di più, non abbiamo mai accettato il dominio loro. Nel momento in cui si sentiva un po' la fatica e Luciano ha fatto i cambi, io non l'ho fatto perché se lo faccio la qualità si abbassa, seppur l'intensità si alzi. È stato un dialogo tra di noi in questo senso, un punto in queste due partite non va bene, ma dal punto di vista della costruzione della squadra e della mentalità nessuno di noi va a casa con la sensazione di un Napoli leader. Abbiamo preso un punto perché la partita è finita così, ma la mentalità non è stata quella. Con Cagliari e Milan avremo la stessa mentalità".

Quanto è stato difficile mandare i giocatori in tribuna?
"Dico sempre che non sono io a scegliere i giocatori, sono loro. È semplice. Il calcio è un mondo un po' crudele, per tutti, principalmente per gli allenatori. Per i giocatori anche. Non sono giocatori che hanno una croce, non sono finiti, no no. Domani è un altro giorno e domani si inizia da zero".

Ha trovato allenatori migliorati rispetto al passato? Vede una capolista più giusta tra Milan e Napoli?
"Non è importante. Sono pari. Guardi la classifica dello scorso anno e puoi capire le differenze, quali sono le squadre con più potenziale. È così. Per noi stare lì al quarto posto col pareggio di oggi è motivante. Siamo una squadra che ha dei limiti, che ha finito dove ha finito lo scorso anno. Continuiamo il nostro lavoro. Gli allenatori? L'ho ritrovati più vecchi. Quello dell'allenatore è un lavoro in cui smettiamo di migliorare quando smettiamo di lavorare. Non è una cosa che dipende dalla condizione fisica, è accumulo d'esperienza. Ranieri ha 70 anni, è più giovane di qualche ragazzo che conosco io. È un lavoro che quando decidiamo di smettere finisce. Sono molto contento di ritrovare tutti quelli che erano con me quando ero all'Inter e devo dire che sono molto contento di una nuova generazione di ragazzi italiani, giovani, che sono bravi e hanno cose diverse. Possiamo fare una Serie A bella, in queste 9 partite che abbiamo giocato se dimentico qualche partita in cui sono andato a casa non molto felice di qualche decisione, ho la sensazione che è un bel campionato. Gli 0-0 di 20 anni fa sono diversi da quelli di oggi. Nessuno all'estero era felice di guardarli, lo 0-0 di oggi sicuramente è di grande qualità".

*** *** ***


MOURINHO A ROMA TV+

Le ultime prestazioni?
"Nel calcio contano i punti e noi ne abbiamo fatto 1 in tre gare. Il calcio, però, è anche costruzione ed è importante analizzare qualità, evoluzione, modo di giocare, la mentalità per questo tipo di partite. Con Juve e Napoli abbiamo giocare bene, senza paura, con il risultato sempre aperto portando sempre rispetto per l'avversario: per me due gare d'alto livello".

Spirito giusto?
"La gente parla del record negativo contro le top 4 squadre. Si è visto anche oggi che non c'è nessun complesso di inferiorità, siamo entrati per vincere, non ci siamo riusciti ma abbiamo fatto un'ottima gara contro una squadra forte".
COMMENTI
Area Utente
Login

Ranieri - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 25 mag 2022 
MOURINHO: "Abbiamo il dovere di provare a vincere la Conference. I tifosi? Siamo entrati in empatia"
A poche ore dalla finale di Conference League altre dichiarazioni di Josè Mourinho....
 Gio. 19 mag 2022 
Bernardeschi, Roma, Matic e Suarez: le ultimissime
Bernardeschi lascerà la Juventus. Mourinho vuole una vittoria contro il Torino. Matic saluta lo United. Le condanne per l'esame farsa di Suarez
 Mar. 17 mag 2022 
Pellegrini re di Coppa: così può superare anche Totti e De Rossi
Decisivo in semifinale, è l’uomo in più della Roma e il punto fermo di Mourinho: contro il Feyenoord vuole essere il primo...
 Ven. 13 mag 2022 
Panucci: "Roma, vinci la Conference. Poi servono 4-5 colpi"
L’ex giallorosso presenta la sfida contro il Feyenoord: “A Tirana stadio super. Non posso pensare che la squadra torni in Italia senza la coppa”
 Ven. 06 mag 2022 
Da "Mou sposami" a "A Tirana anche a nuoto": la festa romanista aspettando la finale
Ma la prima finale europea dopo 31 anni è celebrata in modo contenuto: per il popolo giallorosso il meglio deve ancora venire
Roma-Leicester, i quotidiani inglesi: "Mourinho fa ancora la storia, Abraham un gigante"
Le reazioni dei quotidiani britannici alla vittoria dello Special One contro le Foxes
Roma, l'estasi dei Friedkin: tutta la famiglia all'Olimpico, poi l'abbraccio a Mourinho
I proprietari presenti insieme a tutta la famiglia: la grande esultanza al gol di Abraham e alla fine della partita. Oggi l'abbraccio alla squadra
 Gio. 05 mag 2022 
Abraham di testa fa sognare la Roma: Mou in finale di Conference, sfiderà il Feyenoord
Il gol dell’attaccante regala il decisivo successo casalingo ai giallorossi nel ritorno della semifinale contro le Foxes, dopo l’1-1 dell’andata in Inghilterra. Trofeo in palio con gli olandesi il 25 maggio a Tirana
Roma-Leicester, da Totti a Ranieri: pioggia di Vip a sostenere i giallorossi
Dall'Olimpico o in televisione tanti personaggi famosi questa sera faranno il tifo per la squadra di Mourinho nella semifinale di Conference League
 Mar. 03 mag 2022 
Leicester, il piano di Rodgers: ecco la carta anti-Mourinho
La semifinale europea è un evento storico per il club inglese, anche se non paragonabile al titolo del 2016. In arrivo in città 3.500 tifosi
Roma, in città sale la tensione Leicester. E Abraham ha un motivo in più per segnare
Giovedì per la semifinale all'Olimpico attese oltre 65mila persone di cui 3500 tifosi ospiti, molti dei quali in arrivo domani. Mourinho, tolto Mkhitaryan, schiererà la formazione tipo, con l'attaccante inglese pronto a rispondere a Campbell che lo ha definito "troppo caro"
 Gio. 28 apr 2022 
MOURINHO: "Non sorrido, anche con tanta gente allo stadio, sarà difficile. Zalewski è importante..."
CONFERENCE LEAGUE, LEICESTER-ROMA 1-1, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "Ogni romanista avrebbe firmato per il pari, 5-6 mesi fa avremmo perso. Non sorrido, sarà difficile anche al ritorno"
Fateci sognare: la Roma a Leicester per il sogno finale
Aeroporto di Fiumicino, vigilia dell'andata della semifinale di Conference League,...
 Mer. 27 apr 2022 
MOURINHO: "Meritiamo la finale, momento duro per noi ma siamo motivati"
UEFA CONFERENCE LEAGUE, LEICESTER-ROMA, LA COFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "Il campionato che ha vinto Ranieri con il Leicester è il titolo più speciale di tutti"
 Sab. 16 apr 2022 
Ranieri: "Roma in finale con i tifosi. Zaniolo un giocatore decisivo"
Roma-Leicester in semifinale di Conference League è la sua partita: ha allenato nella capitale la sua squadra del cuore e vinto uno storico titolo in Premier con le Foxes
 Lun. 28 mar 2022 
Infortuni in calo: la svolta con Mou
Mancano ancora due mesi pieni alla fine della stagione ma un risultato la Roma lo...
 Sab. 26 mar 2022 
Roma, il progetto top club dei Friedkin: da Mourinho a Pinto, i dettagli
La società sta lavorando per diventare stabilmente competitiva: le strategie di mercato, l'interazione tra i dipartimenti, sempre con l'avallo dell'allenatore
 Sab. 12 mar 2022 
L'ex Roma Julio Sergio e la battaglia insieme al figlio malato: "Nuovi progetti"
L’ex romanista ha pubblicato su Instagram una foto col piccolo Enzo, di 12 anni, in un letto d’ospedale: dal 2020 combatte contro un tumore cerebrale. Tra i tanti commenti, quello della Roma con un cuore. Immediata la risposta del portiere: “Siete fantastici, grazie”
Roma-Sergio Oliveira, il riscatto passa dal campo
Il centrocampista portoghese, dopo aver deciso l'andata degli ottavi di Conference League contro il Vitesse, deve convincere Mourinho anche in campionato contro l'Udinese
 Ven. 25 feb 2022 
La Spezia, altro settore ospiti sold out: i cuori giallorossi battono con Mou
La sensazione di accerchiamento può persino produrre dei vantaggi. Uno su tutti:...
 Mer. 23 feb 2022 
Mou-Pinto, a pensar male ci si abitua
Evidentemente erano pronti, carichi. Talmente allineati, come piace dire a Pinto,...
 Gio. 03 feb 2022 
 Lun. 24 gen 2022 
Coppa d'Africa, Diawara eliminato da Darboe: ora a Trigoria per il mercato
La Guinea del centrocampista ha perso nell'ottavo di finale contro il Gambia del suo compagno di squadra in giallorosso
 Mer. 19 gen 2022 
La maledetta Coppa Italia
Vuoi vedere che la maledizione è cominciata proprio da José Mourinho? Perché da...
 Mer. 22 dic 2021 
Chiudere bene: Mou chiede un altro sforzo ai suoi fedelissimi
Un altro sforzo prima del riposo. E' quello che José Mourinho chiederà oggi pomeriggio...
 Mar. 14 dic 2021 
Juventus, esame farsa Suarez: caso archiviato
Archiviato il caso Suarez dalla FIGC, perché "non sono emersi elementi sufficienti...
 Mar. 09 nov 2021 
Roma, che delusione: non solo gli arbitri, l'attacco fa flop e i baby sono al palo
I Friedkin stanno con il tecnico e faranno mercato, ma vogliono progressi. Zaniolo non decolla e gli altri giovani si sono svalutati
 Dom. 07 nov 2021 
Bryan è l'ancora: lui gioca sempre
La Roma si affida a Cristante per non naufragare. Nella Capitale è così dai tempi...
 Mer. 27 ott 2021 
Sacramento il precoce: conquistò Mou a 19 anni
Si sono conosciuti dodici anni fa, quando Joao Sacramento mandò a Mourinho un'analisi...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>