facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 2 dicembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Per me è stata una grande partita. Ho visto una stanchezza che mi piace"

ROMA-NAPOLI 0-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "L'espulsione? Non ero contento per una decisione, ma l'arbitro ha diretto bene. I calciatori in tribuna? Messaggio importante, per me è difficile perdonarli ma proverò a recuperarli"
Domenica 24 ottobre 2021
MOURINHO A DAZN

Come vede il primo pareggio in campionato?
"Per me è stata una grande partita, ho avuto la sensazione che con tutta la pressione sia stata una gara di alto livello. Lo 0-0 mi sembra buono, come poteva essere 1-0 per noi o 0-1 per loro. La gara è stata dura per tutte e due le squadre, c'è stata intensità, tanta concentrazione, nessuna paura e rispetto da tutte le parti. Abbiamo chiuso le transizioni e i contropiede, è stata una partita di alto livello".

Bene la fase difensiva nelle ultime 3 partite, cos'ha cambiato?
"Meno male che non hai visto la partita di Bodo (ride, ndr). I due terzini stanno migliorando, la copertura diagonale di Cristante e Veretout è molto buona, uno si sente più a suo agio ad uscire. In questa partita era importante che Zaniolo e Mkhitaryan chiudessero gli spazi interni. Oggi per la posizione di Fabian Ruiz, che è molto importante nel loro motore offensivo, Pellegrini si è abbassato e invece del 4-4-2 difensivo oggi Abraham entrava tra i centrali. La partita è stata intensa, ho visto gente stanca: è la stanchezza che mi piace di gente che ha lavorato tanto. Loro giocano molto diretti su Osimhen, ci sono state tante transizioni oggi. E' stata dura, entrambe potevano vincere. Magari quasi unica con due allenatori espulsi."

Perché è stato espulso?
"Non ero contento per una decisione, ma non ho detto altro. Io e Spalletti siamo stati espulsi ma non penso che si possa dire che l'arbitro abbia diretto male, ha fatto un lavoro positivo ed equilibrato. Non andiamo a casa felici felici, però c'è la sensazione che il risultato sia giusto".

Avete provato a vincerla sino alla fine?
"Abbiamo fatto una ca**ta giovedì e avevamo un peso diverso, poi non è facile giocare contro il Napoli, questa è una partita dove devi essere umile e riconoscere la forza dell'avversario, volevano vincere ma anche noi. La verità è che è un pareggio per 0-0 ma in panchina c'è la sensazione che sia stata una partita logorante".

Cinque calciatori in tribuna?
"Mi hai lasciato in una situazione difficile... Sono cose di spogliatoio, sono messaggi che riguardano performance negative, è un messaggio per me importante. Ci sono partite e partite, sicuramente avete fatto dove avete fatto partite dove siete tornati a casa arrabbiati, però la partita rimane nella mia storia e mi rimane difficile perdonarli".

Conta di recuperarli?
"Certo, non hanno una croce davanti alla faccia".

Ti è piaciuta la Roma più oggi o contro la Juventus?
"Sono state due partite diverse, abbiamo dominato maggiormente contro la Juventus, più controllo nella palla ma abbiamo giocato meno in transizione perché la Juventus ti pressa meno rispetto al Napoli, con la Juventus mi è piaciuta la personalità e la capacità di dominare il gioco, oggi mi è piaciuta l'organizzazione e abbiamo controllato Osimhen che non è facile, abbiamo anticipato molto bene questo. Sono state due partite che mi danno la sensazione che la nostra squadra di 11-12-13-14 giocatori mi piace veramente e c'è materiale umano per lavorare e imparare. Abbiamo giocato con due delle tre-quattro squadre più forti d'Italia, solo un punto ma ce la siamo giocata".

Ha parlato di più in campo con Insigne...
"E' un ragazzo divertente, scherzavamo... E' molto pesante con l'arbitro, gli ho detto di giocare e lasciare l'arbitro tranquillo. Vado a casa con la sua maglia."

Ma parlavate in italiano o napoletano?
"Un po' di tutto (ride, ndr)."

*** *** ***


MOURINHO IN CONFERENZA STAMPA

Tante cose positive. Cosa le è piaciuto di più?
"La partita. Secondo me una partita di alto livello, ed è possibile quando due squadre giocano ad alto livello. Partita tattica, fisica, con qualche difficoltà tecnica, ma su quel campo lì non è facile. C'è qualcosa che non si capisce, il campo è bello perché la sabbia è verde. È pieno di sabbia verde. Dalla tribuna sembra bello, ma lì... è duro. Però gran partita. Risultato magari corretto, ovviamente ci sono state delle opportunità per segnare e per vincere per entrambe, ma una partita in cui abbiamo finito tutti stanchi per l'intensità, la durezza, l'aggressività, la voglia di vincere e non accettare il pari. Quello che era diverso è che loro arrivavano al top, mentre noi dalla sconfitta a Torino e dal disastro di giovedì. Il controllo emozionale, la forza psicologica di entrare in campo col peso di quella sconfitta, questo mi è piaciuto. Abbiamo giocato partite difficili, penso che meritiamo più dei punti che abbiamo, ma siamo lì. Dobbiamo continuare a lavorare, mercoledì a Cagliari sarà dura".

Le due partite giocate alla pari con Juventus e Napoli danno consapevolezza?
"Mi piacerebbe avere oggi al minuto 70 due terzini freschi, veloci, intensi, per cambiare la partita e non li abbiamo. Mi piacerebbe avere altre cose che non abbiamo. Però l'ho detto ieri, non le abbiamo perché abbiamo speso tanti soldi per pulire di poter convertire tutto sulla costruzione. Abbiamo una rosa dicotomica, dobbiamo gestirlo. Se vuoi sapere chi gioca mercoledì a Cagliari, te li dico già: la stessa di oggi".

Oggi Gasperini ha sollevato un problema, ha detto di essere stato espulso senza motivo. Qual è la situazione?
"Di solito solo un allenatore viene espulso, l'altro è contento. Oggi siamo stati espulsi entrambi. Magari arrivo a casa, analizzo la partita e ho una visione diversa, ma la visione è che abbia fatto un lavoro positivo. Se sono l'arbitro vengo da me e mi dico di smetterla, la prima volta che mi ha visto mi ha ammonito, alla seconda volta non ho neanche protestato, mi sono girato. La performance dell'arbitro è una cosa diversa, mi è sembrato abbastanza, non ricordo episodi. Poi i gialli e i rossi... è una sua decisione".

Dopo aver giocato con Juventus e Napoli c'è qualche rimpianto?
"Sicuramente. Contro la Juventus non meritavamo di perdere per niente, oggi un punto è accettabile. Ma potevamo vincere, così come perdere. Abbiamo avuto più palle gol. Dal punto di vista dell'organizzazione siamo stati benissimo, non era facile costruire di più, non abbiamo mai accettato il dominio loro. Nel momento in cui si sentiva un po' la fatica e Luciano ha fatto i cambi, io non l'ho fatto perché se lo faccio la qualità si abbassa, seppur l'intensità si alzi. È stato un dialogo tra di noi in questo senso, un punto in queste due partite non va bene, ma dal punto di vista della costruzione della squadra e della mentalità nessuno di noi va a casa con la sensazione di un Napoli leader. Abbiamo preso un punto perché la partita è finita così, ma la mentalità non è stata quella. Con Cagliari e Milan avremo la stessa mentalità".

Quanto è stato difficile mandare i giocatori in tribuna?
"Dico sempre che non sono io a scegliere i giocatori, sono loro. È semplice. Il calcio è un mondo un po' crudele, per tutti, principalmente per gli allenatori. Per i giocatori anche. Non sono giocatori che hanno una croce, non sono finiti, no no. Domani è un altro giorno e domani si inizia da zero".

Ha trovato allenatori migliorati rispetto al passato? Vede una capolista più giusta tra Milan e Napoli?
"Non è importante. Sono pari. Guardi la classifica dello scorso anno e puoi capire le differenze, quali sono le squadre con più potenziale. È così. Per noi stare lì al quarto posto col pareggio di oggi è motivante. Siamo una squadra che ha dei limiti, che ha finito dove ha finito lo scorso anno. Continuiamo il nostro lavoro. Gli allenatori? L'ho ritrovati più vecchi. Quello dell'allenatore è un lavoro in cui smettiamo di migliorare quando smettiamo di lavorare. Non è una cosa che dipende dalla condizione fisica, è accumulo d'esperienza. Ranieri ha 70 anni, è più giovane di qualche ragazzo che conosco io. È un lavoro che quando decidiamo di smettere finisce. Sono molto contento di ritrovare tutti quelli che erano con me quando ero all'Inter e devo dire che sono molto contento di una nuova generazione di ragazzi italiani, giovani, che sono bravi e hanno cose diverse. Possiamo fare una Serie A bella, in queste 9 partite che abbiamo giocato se dimentico qualche partita in cui sono andato a casa non molto felice di qualche decisione, ho la sensazione che è un bel campionato. Gli 0-0 di 20 anni fa sono diversi da quelli di oggi. Nessuno all'estero era felice di guardarli, lo 0-0 di oggi sicuramente è di grande qualità".

*** *** ***


MOURINHO A ROMA TV+

Le ultime prestazioni?
"Nel calcio contano i punti e noi ne abbiamo fatto 1 in tre gare. Il calcio, però, è anche costruzione ed è importante analizzare qualità, evoluzione, modo di giocare, la mentalità per questo tipo di partite. Con Juve e Napoli abbiamo giocare bene, senza paura, con il risultato sempre aperto portando sempre rispetto per l'avversario: per me due gare d'alto livello".

Spirito giusto?
"La gente parla del record negativo contro le top 4 squadre. Si è visto anche oggi che non c'è nessun complesso di inferiorità, siamo entrati per vincere, non ci siamo riusciti ma abbiamo fatto un'ottima gara contro una squadra forte".
COMMENTI
Area Utente
Login

Juve - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 01 dic 2021 
Il Bologna vola altissimo: Svanberg castiga la Roma. E Mou perde Abraham per l'Inter
Decisiva la rete dello svedese. Skorupski para tutto. L'attaccante inglese e Karsdorp salteranno la sfida con l'Inter. La squadra di Miha aggancia la Juve in classifica
Restiamo vicini: la Roma al Dall'Ara per rimanere sul treno della Champions
Undici anni fa, vincere a Bologna (3-1) gli garantì il primo allungo per quello...
 Mar. 30 nov 2021 
La ricetta di Sinisa per fermare la Roma e vedere l'Europa
La città che non si esalta, dopo tre successi nelle ultime quattro partite, è paradossalmente...
Conta chi segna. Sul resto valgono le parole di Totò
Da sempre e per sempre, c'è un solo modo per vincere le partite: segnare un gol...
 Lun. 29 nov 2021 
SERIE A - Designazioni 15ª Giornata di andata
SERIE A TIM - Designazioni 15ª Giornata di andata
Carattere Roma: col Torino decide l'ottavo gol di Abraham
Tre punti, belli come il sole in una giornata brutta, fredda, piovosa, dentro una...
Roma, che cuore. Ora sai vincere anche soffrendo
Il destro di Abraham entra direttamente in classifica. E tiene in alto la Roma che,...
 Dom. 28 nov 2021 
Napoli travolgente: 4-0 alla Lazio e primo posto solitario
Gara decisa nel primo tempo: apre Zielinski, poi una doppietta da incorniciare del belga stendono la squadra di Sarri che fa davvero poco in tutta la serata. Nel finale, poker con un gran gol da fuori area di Fabian Ruiz
 Sab. 27 nov 2021 
PRIMAVERA 1 - Juventus-Roma 2-2
Nella 10ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
 Ven. 26 nov 2021 
Perquisizioni nelle sedi della Juventus. Procura ipotizza false comunicazioni e fatture inesistenti
La Procura indaga i movimenti di mercato del club degli ultimi tre anni ipotizzando il reato di falso in bilancio e false fatturazioni. Indagati Agnelli, Paratici e Nedved per falso in bilancio
 Gio. 25 nov 2021 
MOURINHO: "Zaniolo ha giocato bene, chiedo alla stampa di lasciarlo tranquillo e non dire bugie"
UEFA CONFERENCE LEAGUE, ROMA-ZORYA LUHANSK 4-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: «Potevamo fare meglio, era un girone da vincere. Zaniolo e Abraham sulla buona strada»
Tiro a segno Roma, secondo posto blindato: Zaniolo trascina, Abraham ne fa due
All'Olimpico 4-0 dei giallorossi agli ucraini dello Zorya: a segno anche Perez e Veretout sbaglia un rigore
 Mer. 24 nov 2021 
SERIE A - Designazioni 14ª Giornata di andata
SERIE A TIM - Designazioni 14ª Giornata di andata
Zaniolo rincorre Mourinho
Chi lo avrebbe mai detto. Nicolò Zaniolo costretto a rincorrere un posto da titolare...
 Dom. 21 nov 2021 
Mou riparte in emergenza
Una montagna (e la classifica) da scalare. La Roma riparte in emergenza dopo la...
 Sab. 20 nov 2021 
Florentino Perez: "La Superlega è libertà, trasparenza e solidarietà. Gli insulti del presidente..."
"Gli insulti del presidente della UEFA sono inaccettabili”
E Mourinho si aggrappa al "suo" Abraham per uscire dalla crisi
Si sentirà decisamente a casa guardandosi intorno, ammirando le tribuno molto "british"...
Trasferte da incubo? La Roma prova il bunker
C'è una lontananza da casa che, nel calcio, può fare tutta la differenza nel mondo....
 Ven. 19 nov 2021 
Mercato, Zakaria tra Juve, Inter e Roma. È il sogno di Mourinho per il centrocampo
Il nome di Denis Zakaria è destinato ad entrare di diritto nella top five dei nomi...
 Gio. 18 nov 2021 
Serena Salvione nuova direttrice commerciale
È in arrivo un nuovo direttore commerciale per la Roma. Si chiama Serena Salvione,...
 Mer. 17 nov 2021 
SERIE A - Designazioni 13ª Giornata di andata
SERIE A TIM - Designazioni 13ª Giornata di andata
Le scelte della Roma, Pinto frena sul mercato: "Non possiamo creare un instant team e Mou lo sa"
Roma, l'ora delle scelte: il gm ​Pinto frena sul mercato di gennaio
 Mar. 16 nov 2021 
Dalot è una scalata, Bereszynski si può fare. A centrocampo sale il titolo Grillitsch
Il casting per il terzino destro è tutt'altro che chiuso Diego Dalot è un'operazione...
 Lun. 15 nov 2021 
Calciomercato Roma, Vecino possibile alternativa per il centrocampo
È arcinoto come la prima scelta per rinforzare il centrocampo della Roma sia Denis...
 Dom. 14 nov 2021 
Calciomercato Roma, Tiago Pinto non molla Zakaria. Ma spunta un nuovo nome
Continua il corteggiamento del ds giallorosso che vuole il centrocampista svizzero, protagonista all'Olimpico contro l'Italia. Su di lui però c'è anche la Juve
 Sab. 13 nov 2021 
De Rossi: "La Roma non deve far stufare anche Mourinho"
Le parole dell'ex capitano giallorosso: "È uno dei più forti allenatori del mondo, dopo qualche sconfitta adesso stanno uscendo in tanti... Cerchiamo di non farlo stufare"
 Ven. 12 nov 2021 
Calciomercato Roma, Mourinho vuole un centrocampista: se salta Zakaria c'è una nuova idea
Tiago Pinto sta puntando un nome nuovo, sempre in Bundesliga
Retromarcia di Dazn: si andrà avanti con la doppia utenza. Giorgetti soddisfatto
La rivolta degli utenti sui social, le associazioni dei consumatori sul piede di...
 Gio. 11 nov 2021 
Calciomercato Roma, Zakaria in pole ma scatta l'asta. C'è un nome nuovo per la fascia
Sul centrocampista svizzero del Borussia Moenchengladbach c'è anche la Juve: l'affare non è facile
 Mer. 10 nov 2021 
Calciomercato Roma, proposto Ramsey in prestito gratuito
Roma, la Juve propone Ramsey a prezzo di saldo con il 60% dello stipendio pagato
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>