facebook twitter Feed RSS
Martedì - 30 novembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Roma, il pacchetto Mourinho

Sabato 23 ottobre 2021
Quando prendi José - così come quando decidi di affidarti a Conte - per dirla alla Marotta, porti a casa l'intero pacchetto. Lo prendi per crescere in fretta e cominciare - o tornare - a vincere, non per un posto tra il secondo e il quarto. Lo prendi perché è un gran para... fulmine e sai bene che dovrai soddisfarne le richieste: Mou, come Conte, conosce la formula della vittoria: tanta qualità più personalità. Inoltre non puoi ignorare il fatto che i meriti, alla fine, saranno i suoi e le colpe dell'eventuale insuccesso, prevalentemente tue: è nel prezzo del pacchetto.

Pochissimi allenatori sono stati capaci di imporsi in Italia senza i giocatori "importanti": il primo Conte (2011), ma è solo un esempio, aveva Buff on, Bonucci, Chiellini e Barzagli con dieci anni di meno (e, splendidamente organizzata, la Juve subì 20 gol in 38 partite); e poteva contare su Pirlo, Vidal e Marchisio. Capello riportò lo scudetto a Roma con Totti, Batistuta, Montella, De Rossi, Emerson, Samuel e insomma ai "tituli" si arriva con un'abbondante quantità di prime scelte.

O con i miracoli, che non accadono due volte. Quando i Friedkin assunsero il portoghese ci chiedemmo cosa l'avesse convinto ad accettare la proposta di una Roma "giovane e inesperta" che oltretutto navigava in acque tempestose. E non ci distrasse chi sostenne che Mourinho fosse da tempo in fase calante: anche al Tottenham non ebbe la possibilità di fare mercato, visto che il club aveva investito tutto sul magnifico stadio da un miliardo di euro. Mou insistette a lungo con Levy per alzare il livello poi, disilluso, alla vigilia della partita di Premier col Southampton programmata quattro giorni prima della fi nale di coppa di Lega col City, annunciò che non sarebbe ricorso al turnover, facendo irritare la società che gli aveva chiesto di risparmiare i titolari proprio in funzione della sfida con Guardiola. Il 19 aprile venne esonerato.

Dove voglio arrivare? L'1 a 6 con i norvegesi è un risultato inaccettabile e ingiustificabile, ma chi ha a cuore le sorti della Roma, rifletta sulle parole di chi, persi Dzeko e Spinazzola, parlò di mercato di reazione e nelle prime partite ha peraltro dimostrato di puntare su tredici giocatori. In un momento di crisi generalizzata come questo, dove la stessa Juve sta soffrendo la perdita di un fuoriclasse come Ronaldo e i ritardi di condizione di Dybala e l'Inter tenta con Dzeko e Dumfries di non far rimpiangere Lukaku e Hakimi, non servono sforzi ciclopici per rendere competitiva la Roma (a proposito: quando si ha poco da investire, occorre mettere i soldi nei posti giusti evitando operazioni alla Reynolds).

Conte ha lasciato l'Inter quando ha avuto la certezza che non ci sarebbero state le condizioni per migliorare la squadra. Mou non si arrenderà, più facile che si pieghino gli americani. Accontentandolo. Aggiungo che Mou non ha bisogno di un mental coach, come suggerisce la senatrice Binetti, e non spara mai a capocchia: ai tempi dell'Inter, dopo una sconfitta a Bergamo, si rivolse così ai suoi: «Il primo scudetto l'avete vinto in segreteria, il secondo senza avversari. Il terzo all'ultimo minuto. Siete proprio una squadra di merda».

Innumerevoli sono gli episodi in cui ha attaccato in pubblico squadra e singoli, ricordo Vitor Baia, Joe Cole e Carvalho, Balotelli e Arnautovic, Pedro Leòn, Casillas, Ramos, Pepe, Ronaldo... Qualcuno suggerisce - o addirittura pretende - di far pagare la figuraccia ai calciatori già frustati da Mou nel dopo partita ma sono sicuro che José ne difenderà (almeno in privato) la sprovvedutezza. Per conquistarne la fiducia. E mantenerne una valutazione decente per quando li manderà a quel paese. Crescere una squadra richiede molta pazienza. Soprattutto da parte della squadra.
di Ivan Zazzaroni
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 29 nov 2021 
Totti: "Il Pallone d'Oro non a Messi. Ecco a chi l'avrei dato"
L'ex capitano della Roma si racconta in un'intervista al quotidiano spagnolo "Sport"
Lorenzo Pellegrini: lesione al quadricipite della coscia destra. Tornerà in campo nel 2022
Lesione al quadricipite per Pellegrini: out 30-40 giorni
SERIE A - Designazioni 15ª Giornata di andata
SERIE A TIM - Designazioni 15ª Giornata di andata
Abraham nuovo rigorista? Ecco le gerarchie di Mourinho
Il centravanti inglese contro il Torino stava per calciare il penalty, poi il dietrofront di Chiffi per fuorigioco
Carattere Roma: col Torino decide l'ottavo gol di Abraham
Tre punti, belli come il sole in una giornata brutta, fredda, piovosa, dentro una...
Roma-Torino 1-0, la moviola: rigore su ElSha, ma il Var pesca Abraham-offside
Partita non complicata per Chiffi, che pure riesce a sbagliare diverse decisioni...
Con questo Smalling la Roma alza il muro
Torna Smalling, la Roma alza il muro. Sarà una coincidenza, forse. Ma con il difensore...
A tutto Abraham
La Roma resta agganciata al quinto vagone del treno scudetto: decide una micidiale...
Mourinho fa il gioco dei nove per una Roma da Champions
La loro amicizia è nata fuori dal campo: una playlist, un consiglio per lo shopping,...
Roma, che cuore. Ora sai vincere anche soffrendo
Il destro di Abraham entra direttamente in classifica. E tiene in alto la Roma che,...
Un mostro di nome Abraham
Così lo ha invocato meno di una settimana fa Mourinho: più spietato, più cattivo,...
Pellegrini e Belotti: lo stop è doppio
Non è un momento facile per il capitano della Roma. Lorenzo Pellegrini ieri sera...
Roma-Torino 1-0, Le pagelle dei Quotidiani
Smalling svetta, Zaniolo trascinatore
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>