facebook twitter Feed RSS
Martedì - 26 ottobre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Ci sono interessi diversi dei club e delle Nazionali. Ho deciso di non essere negativo"

ROMA-SASSUOLO, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "Zaniolo è rinato. Pellegrini io lo voglio e lui vuole stare qui, il rinnovo è vicinissimo"
Sabato 11 settembre 2021
Terminata la sosta per le Nazionali, il campionato è pronto a ripartire. Per la terza giornata di Serie A, la Roma ospiterà domani sera (ore 20:45) il Sassuolo di Dionisi. José Mourinho - che domani taglierà il traguardo delle 1000 panchine - è intervenuto in conferenza stampa per presentare la sfida ai neroverdi. Di seguito le sue parole.

Rapporto Nazionale-Club è un problema antico. Soluzione?
"Non ne ho idea. Hai ragione, è un problema da tanti anni. Hai ragione anche quando dici che è difficile trovare una soluzione. Ci sono degli interessi diversi dei club e delle Nazionali. Anche delle diverse istituzioni. Ho deciso già da qualche tempo di non perdere tempo a pensare alla soluzione o a cose che non posso controllare. Nel nostro caso non è facile accettare che un giocatore ha giocato giovedì a mezzanotte (Vina, ndr) e che arriva a Roma sabato mattina. Magari siamo fortunati che sia solo uno, perché ci sono altri club che sono in una situazione più complicata. Ho deciso di non piangere e di non essere negativo."

Complimenti per le 1000 panchine. Zaniolo, a che punto è? Se lo aspettava già a questo livello?
"Intanto ringrazio la League Manager Association per essere entrato in quel club dei 1000. Grazie a Sir Alex Ferguson visto che le sue parole sono pesanti in senso positivo. Ringrazio anche Dionisi per le sue parole e complimenti a lui e alla nuova generazione di questi allenatori giovani. Zaniolo. Il club è stato cauto l'anno scorso perché già si parlava che lui si poteva allenare o giocare qualche partita, tipo l'ultima. Lui è stato molto maturo, ha aspettato il momento giusto. Non è entrato direttamente nel lavoro con la squadra quest'anno. Per diverse ragioni non potevo venire prima di luglio e qualche collaboratore è venuto prima e ci ha lavorato insieme. Tutto è stato fatto, anche con Paulo prima (Fonseca, ndr). L'evoluzione è stata molto tranquilla. Doveva andare al di là delle cicatrici emozionali che ci sono. Ha avuto il suo tempo. In questo momento è uno che ha completamente dimentica il problema che ha avuto. Ha fiducia nel suo corpo e sta bene. Penso che sia anche molto buono per lui. E' buono avere un nuovo Carles Perez. Il bravo Perez di Barcellona non l'ho mai visto a Roma e quest'anno è fiducioso, con voglia di giocare. Quando gioca, gioca bene. Avere loro per la stessa posizione è fantastico. Giocare da 9? Roberto (Mancini, ndr), non dà nessuna opinione sulle nostre idee e anche noi dobbiamo rispettare le sue."

La ruggine di Zaniolo è finita? Le ricorda qualche giocatore del passato?
"Nico è più facile per voi paragonarlo al Nico prima. Quando si fa un paragone si fa anche su un ragazzo che oggi è due anni più grande. Non c'è solo quello prima e dopo infortuni, c'è anche quello due anni più grande con tanto tempo di pensare che magari non ha mai avuto. E' un ragazzo con più maturità e c'è spazio per la sua evoluzione. Sarei molto scarso se non gli dessi nulla. Deve imparare, deve conoscere meglio il gioco, deve sapere quello è giocare contro una squadra che gioca in maniera diversa. Tante cose che arrivano con esperienza. Sta imparando bene, è super professionale. Qualche informazione ho cercato di prenderla e dicevano poca maturità e altro. Io posso dire soltanto il contrario. Il rosso preso non è stupido, è di un giocatore che vuole fare bene per la squadra e che si impegna in difesa. Il nostro rapporto è assolutamente aperto e lui si sente molto confortato con me. Non solo come allenatore e giocatore. Sono contento. Mi piace tanto fare paragoni, però un giocatore col suo potenziale non ce ne sono tanti."

Si aspettava questo impatto di Abraham? Pellegrini ha accettato il suo consiglio sul contratto?
"Non sei stato tu che hai detto l'indirizzo di casa mia? No? Bravo. Pellegrini ogni giorno che passa è sempre più vicino a firmare il suo contratto. Io lo voglio tanto e lui vuole tanto rimanere con noi. La situazione è vicinissima alla sua fine e finire bene. E' molto vicino al rinnovo. Vuole veramente essere qui con noi, vuole essere parte del nostro progetto. All'inizio dovevo capire delle cose, dovevo conoscere i giocatori non solo nel gruppo. Anche quando Dzeko era qui non ho voluto decidere se fosse o meno il capitano. Dovevo capire delle cose di gruppo. Pellegrini è il nostro capitano, Mancini il secondo e Cristante il terzo. Deve essere il nostro capitano oggi per noi. Sono convinto che firmerà presto e sarà il nostro capitano per tanti anni con altri due bravi capitani insieme a lui. Impatto Abraham? Come giocatore si, poi c'è un dubbio su quel giocatore che nasce e cresce nel suo habitat naturale. Un ragazzo di Londra e tante volte loro non escono tanto e quando lo fanno c'è sempre la domanda sull'adattamento. Il dubbio è finito. Non è solo adatto, ma gli piace tanto. Già perfettamente integrato nella squadra, non solo calcistico ma anche umano. Ha i suoi amici. Ha una vita qui e una vita fuori con loro. Sono molto contento."

Che cosa ne pensa del Mondiale ogni 2 anni?
"Penserò ai Mondiali quando allenerò una Nazionale. Un giorno si, ma non ora. Quando avrò 80 anni me la rifarai."

Mourinho è un po' cambiato. Questa nuova generazione ha suggerito qualcosa?
"Non loro. Io sono diverso, come tutti noi lo siamo. Anche tu lo sarai, magari avevi più capelli prima (ride, ndr). E' un'evoluzione naturale delle cose. C'è una cosa troppo ovvia che sono i mezzi che abbiamo per l'analisi di gioco. Per forza arrivano dei cambi nelle idee. Io ho fatto l'analyst al Porto, al Barcellona e anche quando stavo con mio padre. Dovevo andare allo Stadio con fogli e penna. Così si faceva. Dopo si tornava a casa e magari se avevi un video dovevi mettere un VHS e riportavi tutto. Se fai un paragone con oggi a livello di analisi è un cambio tutto diverso. Questo implica i cambi di lavoro e di capire le cose. Non dico che oggi sia più facile, ma è diverso. Quando tu hai tante informazioni devi essere anche bravo a selezionarle e più bravo a fare la differenza tra l'informazione buona per te e quella che deve arrivare ai giocatori. Ieri una riunione di 8 minuti e anche oggi. Io col mio staff 8 ore martedì, 8 mercoledì e 8 giovedì. Il calcio è totalmente cambiato a questo livello. Se ci fermiamo sbagliamo."

Si sente di dire che il distacco con le squadre avanti è calato?
"Abbiamo giocato due partite, non 20. Dopo due gare la distanza dall'Inter non sono 29 punti. L'anno scorso eravamo dietro alla Juve di 19 punti o cose così e ora ne abbiamo 5 in più. Non significa niente, per me significa la nostra strada, quello che dobbiamo fare. Non mi preoccupa quello che fanno gli altri. Siamo in un momento dove pensiamo a noi, l'evoluzione come squadra. Magari a gennaio sarà tempo di guardare. Dove siamo noi, che hanno fatto gli altri. In questo momento non dobbiamo pensare a niente che non sia la prossima partita, giocare bene e cercare di vincere. Ho letto qualcosa di Allegri che mi è piaciuto tantissimo sui risultati. Il valore dei punti. Non possiamo scappare da questo. Siamo una squadra diversa da loro. Loro sono squadra con ambizione perfettamente definita, noi no. Noi siamo in crescita. La gente è felice che abbiamo vinto e anche io lo sono. Pensare già che siamo una squadra fantastica è un'altra cosa."

Come stanno Mancini, Pellegrini e Smalling?
"Tutti bene. Non c'è nessun bluff. L'unico poverino è Vina che è arrivato un'ora fa. Gli altri stanno tutti bene e recuperati. Domani sono a disposizione."

7 partite nelle prossime 3 settimane. Ha pensato ad un turnover diverso rispetto alle prime 4? C'è un'alternativa a Karsdorp?
"Ancora non ci ho pensato perché non ho pensato a queste 7 partite. Davanti a me ho lo schermo con il calendario. Abbiamo tanto partite da giocare, ma non ho pensato nemmeno alle seconda. Domani non c'è turnover. Ti davo come esempio prima quando ho detto di Zaniolo e Carles Perez. Per me è opzione. Quando hai giocatori bravi nella stessa posizione è così. Karsdorp? C'è Reynolds, Ibanez può giocare terzino. No offensivo come fa Rick, però di stabilità. Abbiamo provato anche a sinistra."

Esperienza per la panchina. Si può trovare nei calciatori a disposizione?
"E' importante che io, il direttore e la proprietà siamo tutti d'accordo. Siamo tutti d'accordo. Ci sono delle circostanze dove non bisogna parlare dettagliatamente di questo. L'esperienza non si compra, in questo momento si può trovare. Dobbiamo pensare ai giocatori che abbiamo. Reynolds, Zalewski, Bove, Calafiori e anche per loro è un modo di crescere. La verità è che se noi paragoniamo la nostra rosa con le rose dei club che sono al top, c'è una differenza significativa. Io mi fido dei ragazzini e se devono giocare giocano. Vediamo che succede a gennaio."

La preoccupa di più del recupero fisico dei Nazionali o la concentrazione per preparare la partita?
"Nessuno di voi mi ha fatto una domanda sul Sassuolo. E' molto difficile e non lo dico solo per i risultati contro di loro della Roma. Lo dico per analizzare il loro modo di giocare. E' una squadra difficile. Dobbiamo giocare molto bene se vogliamo i tre punti. Vado con i giocatori che penso che facciano il meglio per noi. Non penso alla Conference League e altro. La situazione con la Nazionale Cristante e Micki hanno giocato 90 minuti pochi giorni fa ma stanno bene. Mancini, Pellegrini e Zaniolo sono recuperati. Dobbiamo cercare di vincere."

Come definirebbe i tifosi romanisti con una parola?
"Appassionati, facile."


COMMENTI
Area Utente
Login

Juve - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Lun. 25 ott 2021 
Roma: mancato rispetto del Fair Play Finanziario, ma le sanzioni al momento sono sospese
Il club, in rosso come Inter e Juve a causa del Covid, ha sforato i parametri Uefa: le sanzioni non sono però automatiche, in attesa della revisione delle norme (con l’allargamento dei paletti) che dovrebbe essere discussa entro l’anno
Roma, i 5 "epurati" fuori da tutto. Fino a quando? Ecco cosa può succedere
Social, disponibilità a partire e basta musi lunghi in allenamento: la nuova sfida di Villar, Kumbulla, Diawara, Reynolds e Mayoral. Ma per Mourinho "perdonare è difficile"
SERIE A - Designazioni Arbitrali 10ª Giornata di Andata
SERIE A TIM - Designazioni 10ª Giornata di andata
 Dom. 24 ott 2021 
SPALLETTI: "Giallorossi hanno giocato una grande partita. Cori dei tifosi? Ho ricordi bellissimi..."
ROMA-NAPOLI 0-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, LUCIANO SPALLETTI: "I cori dei tifosi? Ho ricordi bellissimi di questo stadio e di questo pubblico"
MOURINHO: "Per me è stata una grande partita. Ho visto una stanchezza che mi piace"
ROMA-NAPOLI 0-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, JOSE' MOURINHO: "L'espulsione? Non ero contento per una decisione, ma l’arbitro ha diretto bene. I calciatori in tribuna? Messaggio importante, per me è difficile perdonarli ma proverò a recuperarli"
Roma-Napoli, Mourinho deluso: fuori alcune riserve, dentro tre Primavera
Il tecnico portoghese vuole convocare tre giovani che fanno la spola tra Primavera e prima squadra al posto di chi ha particolarmente deluso contro il Bodo
 Sab. 23 ott 2021 
MOURINHO: "I Friedkin e Pinto hanno ereditato tanta m***a. Ora ridono con le tasche piene"
ROMA-NAPOLI, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "I Contro il Napoli gioca la stessa squadra che ha giocato con la Juve. La proprietà ha dovuto rimediare agli errori di altri e alcuni ora ridono con le tasche piene"
Roma, il pacchetto Mourinho
Quando prendi José - così come quando decidi di affidarti a Conte - per dirla alla...
Roma, Zaniolo accelera: manca l'ultimo test per il Napoli
A sei giorni dall'infortunio di Torino, il centrocampista giallorosso spinge per mettersi a disposizione: i medici restano cauti
Pinto ascoltato in Procura Figc per il caso dell'inno allo stadio
Prima audizione in Procura Federale per Tiago Pinto e Maurizio Lombardo in merito...
 Ven. 22 ott 2021 
ROBERTO MANCINI: "Come diceva Boscov: sempre meglio perdere una volta 6-1 che sei volte 1-0"
Da Inter-Juve e Roma-Napoli a Italia-Svizzera. Ha parlato di tutto Roberto Mancini,...
Banfi in tackle: "Mou ha rotto con lo spogliatoio. Bodo? Sono stato male"
L'attore, tifoso giallorosso, ha espresso parole molto dure verso il tecnico portoghese
Corso Uefa, ufficializzati gli allenatori: Del Piero e De Rossi tra i migliori
I due ex capitani di Juventus e Roma sono stati tra i più bravi della classe nel corso per diventare nuovi tecnici
Dzeko: "Tante cose non mi sono piaciute a Roma, molte persone mi hanno deluso"
"Difficile vincere se ogni volta vendi i giocatori più importanti”
 Gio. 21 ott 2021 
Bodo Glimt-Roma 6-1, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Nessuna sufficienza, disastro molto poco Special. E 400 tifosi delusi
TIAGO PINTO: "Io e Mourinho siamo allineati, cercate sempre un problema inesistente"
UEFA CONFERENCE LEAGUE - BODO-ROMA, LE INTERVISTE PRE-PARTITA, TIAGO PINTO: "Basta parlare dei cambi, è un problema che non esiste. La mentalità vincente si costruisce ogni partita. Juventus? Non voglio più parlare di arbitri”
Bodo Glimt-Roma: dove vederla in diretta TV, orario, canale e diretta streaming
UEFA CONFERENCE LEAGUE, FASE A GIRONI: 3ª GIORNATA
Zaniolo verso il recupero: Mou lo manda in campo contro il Napoli di Spalletti
Come previsto, Nicolò Zaniolo non è partito con i compagni per la Norvegia ed è...
 Mer. 20 ott 2021 
MOURINHO: "La partita sarà dura. Dovremo fare qualche rotazione, alcuni hanno piccoli problemi"
UEFA CONFERENCE LEAGUE, FASE A GIRONI, BODO/GLIMT-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI JOSE' MOURINHO: "Sull'arbitro di domenica sono felice di non aver detto nulla. Zaniolo potrà giocare contro il Napoli"
SERIE A - Designazioni Arbitrali 9ª Giornata di Andata
SERIE A TIM - Designazioni 9ª Giornata di andata
Roma, l'Europa di Mourinho si chiama Napoli
L'allenatore giallorosso deciso a preservare i titolari per il big match contro la capolista all'Olimpico
Cesari: "Fermerei Orsato più per quello che ha detto che per gli errori"
Fosse per lui, avrebbe fermato Orsato più per quello che ha detto che per quello...
Roma, Zaniolo come stai? Fragilità e paure di un ragazzo che lavora per tornare grande
Le cadute fanno male, poi ci si rialza. Se le cadute sono due di fila, magari ci...
Veretout c'è: il rigorista rimane lui
Il primo rigore sbagliato con la maglia della Roma. Una incidente di percorso per...
Roma, la panchina trascurata: Mou ha preso alla lettera il piano di costruzione triennale
I fatti: José Mourinho, contro la Juventus, ha utilizzato solo due delle cinque...
Il miglior Nicolò è la forza di Mou
"Tutto qua, ‘sto Mourinho?". Dal bar virtuale, che comprende i bar veri, il web...
Bodo Glimt e Napoli, Mou lancia il Faraone
Tra la polemiche per l'arbitraggio con la Juve e il Napoli di Spalletti c'è il ghiaccio...
 Mar. 19 ott 2021 
Roma, Olimpico da record. In 40mila contro Napoli e Milan
Il ko contro la Juventus non arresta la corsa al biglietto per i prossimi due impegni...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>