facebook twitter Feed RSS
Domenica - 17 ottobre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Serie A, come stanno le sette sorelle

Mercoledì 25 agosto 2021
Impressioni d'agosto, strappate al primo vagito del campionato. Ha fatto un gran caldo, c'è il mercato di mezzo, i lavori in corso ingombrano la strada, è prestissimo per valutazioni sapide. Si intuisce però che tra le sette sorelle deputate e i restanti due terzi della serie A tira aria di differenze sostanziali, incolmabili. Due pareggi in 10 gare, vincono tutte e sette le favorite tranne la Juve, e quelle sette segnano 17 dei 36 gol totali (mai così tanti dalla prima di campionato del 1950), subendone appena 5. Il solco sacro è già tracciato, e non ci voleva Romolo.

JUVENTUS
Per unanime atto di fede della critica, in ossequio all'equazione-Allegri (se c'è lui arriveranno più punti che con Pirlo: sicuri?), la Juventus è la favorita. Ma si rimonta da sola due gol a Udine, Max pasticcia con i cinque cambi e lo ammette, Ramsey regista è un pio desiderio e un messaggio, poi c'è la grottesca grana di Ronaldo. Finora è costato 300 milioni, eppure ormai è ospite indesiderato da sbolognare a chicchessia, è il cerino in mano ad Agnelli. La sensazione è di un ambiente fragile e con fragili certezze, anche tecniche. Almeno Dybala promette risvegli.

INTER
L'Inter è parsa serena, nonostante un'estate antipatica e mossa. Molto ci ha messo il Genoa. Cerca attaccanti per assistere Dzeko (reggerà i ritmi di una stagione all'Inter? Bella domanda), teme ancora di perdere Lautaro, sotto sotto sospetta che senza Lukaku e Hakimi si sarà più deboli per forza. Da valutare alla lunga l'adattabilità di Calhanoglu a un ruolo che gli imporrà molte corse all'indietro contro avversari tosti. Handanovic pare flettersi. Parecchio dipenderà da come reagirà la squadra ai molti millibar di pressione in meno di Inzaghi, rispetto a Conte, e ai borbottii di San Siro quando le cose si faranno difficili.

ROMA
La Roma doveva partire forte, perché è l'unica con un impegno internazionale d'agosto e perché José lo vuole. Ha già una sua dignitosa struttura d'insieme, si slabbra poco, mostra fiducia. Cerca equilibri difensivi senza disperdere una goccia di talento offensivo, che è cospicuo con i due nuovi acquisti esotici, Eldor e Abramo. Se sul mercato troverà muscoli e personalità, ci si faranno i conti. Difficile pensare a un Mourinho che sogna di lottare per il quarto posto.

LAZIO
Al di là della vittoria di Empoli, in chiaroscuro, la Lazio potrebbe essere la più lenta delle 7 a decollare. Sarri impone una rivoluzione completa di mentalità: si passa dal sistema metrico decimale con metri e centimetri, al sistema imperiale britannico, con piedi, pollici e yard. Ma si può fare. Il Comandante vuole gente di gamba alla Basic, e pazienza se Luis Alberto non si allinea: un centrocampo con lui e Milinkovic insieme può non essere sostenibile, se lo spagnolo non aumenta l'intensità. Si attende il miglior Immobile, e un'ala dal mercato. Rimane debole in porta.

MILAN
Contro la Samp la sfanga, ma il Milan è tutto da chiarire. Ha pochi gol in canna: Giroud non è mai stato una mitraglia e Ibra, siamo seri, quanto può offrire a 40 anni? Di Kessié non v'è certezza, il mercato chiama, vedremo, e lì gireranno le cose pure per Pioli. Eppure il tutto ha l'aria di un progetto con diverse incognite. Maignan bel portiere, ma da proteggere.

NAPOLI
L'immobilità del Napoli sul mercato è la storia dell'estate: unico ingaggio Juan Jesus (omissis). L'acquisto vero è Spalletti. Con l'hombre vertical delle panchine, lentamente si migrerà verso un arrocco difensivo diverso da Gattuso e via negli spazi con Osimhen e Insigne. Ma serve un centrocampista, almeno. Chissà. De Laurentiis è ancora infuriato per quello strano Napoli-Verona di maggio, e non ha torto a farlo pesare ai giocatori. Intanto col tenero Venezia hanno dimostrato di essere quadrati, tenaci.
ATALANTA
Si dice che dopo 3-4 anni un allenatore esaurisca la sua influenza su un gruppo. Gasperini è al sesto anno di Atalanta, e non è un uomo semplice, l'aneddotica gronda di esempi. Nessuno come Gasp migliora i giocatori che ha, pochi li stressano come lui. L'Atalanta ha cambiato portiere, è sempre lei in apparenza. Alcuni le chiedono lo scudetto, sembra un'enormità. Intanto, a Torino ha vinto come le grandi, senza meritarlo e nel recupero.
di Andrea Sorrentino
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Mercato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 02 set 2021 
Diawara, Villar, Reynolds e Borja a caccia di chance
Rimandati a dopo la sosta. Ma non bocciati. O meglio: a disposizione fino a gennaio....
Mou con Smalling dopo la sosta
La Roma crede in Smalling e Smalling crede nella Roma. Il feeling nato due anni...
Stadio e investimenti per Mou. Sì a un nuovo partner per la Roma
Caccia alla possibile new entry che potrebbe rilevare il 40% del club, ma che dovrebbe intervenire poco nella governance
 Mer. 01 set 2021 
Calciomercato Roma, l'Al Rayyan non molla Nzonzi
Pronto un nuovo affondo del club qatariota
TIAGO PINTO: "Rinnovo Pellegrini non sarà un problema, continuiamo a cercare soluzioni per esuberi"
LA CONFERENZA STAMPA DI TIAGO PINTO: "Xhaka il rimpianto del mercato. Mourinho determinante nelle trattative"
L'Eintracht ha dato una mail sbagliata alla Lazio: il dispetto nel caso Kostic
Da Kostic a Cabral fino alle discussioni con Tinti per Zaccagni. Gli ultimi giorni...
Effetto Mourinho sui nazionali: da Trigoria sono partiti in 14
L'effetto dell'elisir si avverte a tutti i livelli: nell'entusiasmo della gente;...
Roma forte. E il vero colpo sarà Zaniolo
Chi si accontenta gode. È la filosofia alla quale dovrà fare riferimento Mourinho...
A Mou manca il botto finale
Il mercato della Roma si è chiuso senza il botto finale. Fino a gennaio José Mourinho...
Puniti Nzonzi, Santon e Fazio
Chiusura mercato senza sussulti per la Roma con il solo Olsen allo Sheffield e Ciervo...
Piano Friedkin: oltre 40 milioni risparmiati sugli ingaggi
Dopo un anno di studio i Friedkin hanno concepito la loro prima vera Roma, tenendo...
La Roma cede ma restano tre grandi nodi
L'abbondanza di centrocampisti ha frenato l'ultimo acquisto. La Roma ha cercato...
Calciomercato Roma, Nzonzi vuole onorare il suo ultimo anno di contratto
L'estate di Steven Nzonzi è stata ricca di rifiuti: dal Benfica, al Qatar fino ad...
 Mar. 31 ago 2021 
Ottanta voglia di Mou: la Roma ha investito per il suo Special One
Tanti i milioni di euro spesi dai Friedkin per accontentare il portoghese: Da Rui Patricio a Vina, da Shomurodov ad Abraham
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Olsen allo Sheffield
E' fatta per il passaggio di Robin Olsen allo Sheffield United
Calciomercato Roma, pugno di ferro con esuberi: Tiago Pinto proverà a piazzareli sui mercati aperti
Calciomercato Roma, nessun reintegro per i giocatori fuori rosa. Tiago Pinto proverà a piazzare Nzonzi, Santon e Fazio sui mercati ancora aperti
La Squadra 2021-2022
CALCIOMERCATO Roma, UFFICIALE. Ciervo alla Sampdoria
Riccardo Ciervo ceduto a titolo temporaneo con diritto di riscatto e controriscatto...
CALCIOMERCATO Roma, UFFICIALE: Devid Bouah al Teramo
Nuova avventura, dopo l'esperienza al Cosenza, per Devid Bouah: il terzino classe...
CALCIOMERCATO Roma, UFFICIALE: Mory Bamba al Leixoes
Il giovane esterno d'attacco classe 2002 Mory Bamba, di proprietà della Roma, lascia...
CALCIOMERCATO Roma, UFFICIALE: Alessandro Logrieco all'Empoli
Dopo Nicolò Evangelisti, anche Alessandro Logrieco si è trasferirito all'Empoli....
CALCIOMERCATO Roma, UFFICIALE: Nicolò Evangelisti all'Empoli
Nicolò Evangelisti all'Empoli: è fatta a titolo definitivo. La Roma avrà una percentuale...
CALCIOMERCATO Roma, domani la conferenza stampa di Tiago Pinto
Domani pomeriggio alle ore 15:30, conferenza stampa di Tiago Pinto per commentare...
Calciomercato Roma, Villar ai margini: Mou non lo "vede", lui vuole restare
Il talentuoso 23enne spagnolo, 59 partite in giallorosso in 18 mesi, nell'ultimo turno è finito in tribuna. Nonostante le offerte dall'Italia e dalla Spagna, è però deciso a provare a rimontare le gerarchie
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>