facebook twitter Feed RSS
Domenica - 17 ottobre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Alla scoperta di Abraham: i vestiti firmati, la musica rap e la collezione di sneaker

L'attaccante della Roma ama la Grecia e Dubai ed è fidanzato con Leah da quando aveva 18 anni. Il suo idolo è Drogba: "Avevo 9 anni, mi vide al freddo mentre aspettavo di andare al campo delle giovanili e mi accompagnò"
Lunedì 16 agosto 2021
Quando Tammy Abraham è sbarcato su Instagram, a vent'anni, lo ha fatto in occasione del debutto in prima squadra. L'ultima foto, ad ora, lo ritrae invece, quattro anni dopo, con la Supercoppa europea in mano. Non l'avrà vinta da protagonista, così come la Champions, ma intanto il neo numero 9 della Roma ha fatto parte di un gruppo arrivato sul tetto d'Europa. E questo, a livello di crescita e di personalità, può avere un peso. Perché la Roma sa di aver preso un giocatore importante, sa di aver fatto un investimento sul futuro (il più caro della sua storia), ma pure che avere nello spogliatoio giocatori abituati a vincere ha il suo peso. E Abraham, pur senza essere stato protagonista degli ultimi trionfi del Chelsea, un peso ce l'ha.

LA VITA — Tammy Abraham nasce il 2 ottobre 1997 a Camberwell, nel Sud di Londra, da papà inglese e mamma nigeriana. Tifa Arsenal ma la sua carriera si sviluppa tutta nelle giovanili del Chelsea. Ha un nome completo oggettivamente complicato (Kevin Oghenetega Tamaraebi Bakumo-Abraham) ma per tutti, da sempre, è Tammy, di professione attaccante. Anche suo fratello, conosciuto come Timmy, gioca a calcio, nelle serie minori inglesi. Tammy è la stella di casa, fidanzato con Leah da quando aveva 18 anni (mesi fa lei si scagliò contro il tecnico Tuchel per non averlo convocato in finale di FA Cup), amante della Grecia e di Dubai, dei vestiti firmati e della musica rap. Oltre 2 milioni di follower su Instagram, colleziona scarpe da ginnastica (nella sua casa di Londra ne ha centinaia di paia) e ha Nike come sponsor tecnico.




LA CARRIERA — Il Chelsea è sempre stato parte integrante della sua vita. Non è un caso che gli inglesi abbiano voluto mantenere un diritto di recompra, valido dal secondo anno a Roma, per 80 milioni. Se Abraham, davvero, esploderà, loro vogliono poterci ragionare. E la Roma spera che accada, magari avendo anche la forza, in futuro di trattenerlo. Perché Pinto crede nel giocatore e ci crede ancora di più José Mourinho che nel 2019, a proposito del mercato bloccato del Chelsea, ne parlò così: "Vuoi un giovane attaccante? C'è Tammy Abraham! Conosce il club ed è cresciuto qui. È pronto. Il Chelsea è stato criticato molte volte per i tanti giocatori in prestito, ma ora è arrivato il momento di farli giocare, hanno tante soluzioni come pochi altri". Peccato che Tuchel non fosse dello stesso avviso, tanto che Abraham, da settimane, aveva preso in considerazione l'idea di andare via: "E un po' - le parole del tecnico tedesco - lo capisco. Ha avuto poche opportunità, vuole giocare". Lo sapeva lui, lo sapeva Toni Rüdiger, uno che a Roma è stato poco ma ha lasciato bellissimi ricordi, tanto che ritorna appena può. Se Abraham, come lui, andrà a vivere a Casal Palocco, non si sa, per ora sta in albergo, ma i consigli del difensore tedesco sono stati ben accetti. Anche perché Tammy sa che si gioca molto.



I NUMERI — Abraham fa l'esordio in prima squadra nel Chelsea con Hiddink, poi va va in prestito al Bristol City: in Championship (la Serie B inglese) segna 26 gol in 48 presenze diventando nel gennaio 2017 il più giovane nella storia del campionato ad arrivare a 16 gol. L'anno dopo salto in Premier, ancora in prestito, stavolta allo Swansea, dove arrivano 8 gol in 39 presenze. Nel 2018-2019 torna in Championship all'Aston Villa, che porta alla promozione con 25 gol battendo il finale il Derby County di Lampard. Proprio lui lo rivuole al Chelsea e anche se la stagione comincia male col rigore decisivo sbagliato in Supercoppa Europea contro il Liverpool e le accuse dei tifosi, il tecnico si fida, e molto, del ragazzo. Non ha torto: 18 gol in 48 presenze, migliore del Chelsea in Champions e Premier. Con l'arrivo di Tuchel la storia cambia, ma lui arriva a Roma con 125 gol in 266 partite in carriera.

MI MANDA DIDIER — Centravanti di grande fisicità, supera il metro e 90, all'occorrenza può giocare anche largo e ha buone doti tecniche, ha incontrato i colori giallorossi nel 2014-2015 quando nella Champions giovanile ha battuto la Roma di Pellegrini, con il Chelsea, segnando uno dei 4 gol con cui si imposero gli inglesi. Ama giocare nello stretto, dice di sentire "molto la porta" e si ispira a Drogba. Come calciatore e come uomo: "Avevo 9 anni, Didier mi vide al freddo mentre aspettavo di andare al campo delle giovanili e mi accompagnò personalmente. Quello lo fece diventare il mio eroe". Oggi sogna di seguire le sue orme e sogna anche la Nazionale, con vista sui Mondiali del Qatar. Ha un anno e mezzo, e un allenatore che lo adora, per riuscirci.
di Chiara Zucchelli
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Pellegrini - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Mer. 01 set 2021 
Effetto Mourinho sui nazionali: da Trigoria sono partiti in 14
L'effetto dell'elisir si avverte a tutti i livelli: nell'entusiasmo della gente;...
 Mar. 31 ago 2021 
Zaniolo, Pellegrini, Calabria: forze nuove per il Mancio
Se si esclude Chiellini, gli altri azzurri potrebbero aspirare tutti all'Europeo...
Il mantra di José: difesa, carisma e feeling con il tifo
A Trigoria c'è un solo uomo al comando. La sua maglia è giallorossa e il suo nome...
La strada giusta. Il salto in alto della squadra di Mou: 5 punti in più del campionato scorso
Adesso si può dire: la Roma è tornata squadra. L'evoluzione è evidente. Mourinho,...
La cura Mou rilancia Pellegrini: leadership e nuovo contratto
La cura Mourinho ha trasformato in cigno l'anatroccolo che faticava a crescere in...
L'ultimo sforzo: la Roma insegue il regista che manca
La Roma festeggia la risoluzione del contratto di Pastore. Il club risparmierà circa...
 Lun. 30 ago 2021 
Pellegrini show, la Roma si gode un capitano da applausi
La squadra diverte, lui illumina e ritrova anche la Nazionale. Doppietta da incorniciare: “Sento qualcosa di nuovo nella mentalità”
Mourinho condottiero di una Roma spavalda. Pinto a Milano: vuole regalargli il centrocampista
Josè Mourinho è il protagonista indiscusso del film prodotto da Dan Friedkin. Il...
Nzonzi segue la partita del PSG dal ristorante di lusso. Ma la Roma è in campo
Lontana dagli occhi e anche dal cuore. Steven Nzonzi fino ad oggi ha rifiutato tutte...
Mourinho festeggia sul treno: "Niente di meglio di una pizza" (VIDEO)
Lo Special One ha caricato sul suo account ufficiale un divertente video nel viaggio di ritorno verso la Capitale dopo la vittoria con la Salernitana
Pazienza e rigore tattico: la Roma di Mou fa sul serio
Missione compiuta. La Roma sale a 6 punti, centra la quarta vittoria in quattro...
Per i nazionali si aspetta l'ok alla quarantena-soft
Si svuotano i centri sportivi, i giocatori partono per le nazionali, ma oggi si...
La scommessa Tammy e Lorenzo il predestinato. Ecco i pilastri di Mou
Il poker è servito. Quattro partite, quattro vittorie e la Roma ora può sedersi...
Salernitana-Roma 0-4, Le Pagelle dei Quotidiani
2ªGiornata di Serie A
 Dom. 29 ago 2021 
Roma, successo da grande a Salerno: paziente, matura e spietata. In stile Mou
La Roma fa la grande all'Arechi. Cioè si comporta da big. E sulla sofferenza di...
MOURINHO: "Oggi era impossibile non vincere. Gli obiettivi? Friedkin non ha fretta, io sì"
SALERNITANA-ROMA 0-4, LE INTERVISTE POST-PARTITA JOSE' MOURINHO: "Stiamo costruendo un bel gruppo, non dico che vorrei avere più qualità, ma più esperienza"
PELLEGRINI: "Abbiamo vinto una partita non semplice. Guardiamo partita dopo partita"
SALERNITANA-ROMA 0-4, LE INTERVISTE POST-PARTITA PELLEGRINI A DAZN Mourinho ha detto...
Salernitana-Roma 0-4, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Pellegrini in cattedra, prima gioia Abraham. Veretout fa il bomber
Vola la Roma di Mou: non solo Pellegrini. Travolta la Salernitana
Dopo un primo tempo di resistenza granata, i giallorossi si scatenano nella ripresa e bissano il successo della prima giornata con la Fiorentina. A segno pure Veretout e Abraham
Allenatore e mental coach
Chi ha deciso e investito ha visto giusto: la Roma di Mourinho è una bella novità...
 
 <<    <      3   4   5   6   7