facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 17 settembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Spinazzola: "Sono state ore pesanti. Mourinho mi ha detto che mi aspetta"

Spinazzola: "A Monaco ho finito le lacrime. Ora sono distrutto, ma non smetto di sorridere"
Mercoledì 14 luglio 2021
Il riconoscimento della Roma arriva all'ora della pennichella, meritatissima, della Freccia Azzurra. Subito dopo pranzo e prima della pioggia. La foto in vetrina, al momento di ufficializzare la nuova maglia, è quella di Leonardo Spinazzola. È la più grande, in copertina. Poi arriveranno anche le altre dei titolari a disposizione di Mourinho. Ma il primo pensiero del club giallorosso è per il suo campione d'Europa. «Sono giorni fantastici per me», ammette Spina anche se già smania da convalescente. È ancora nella Capitale, nella villa di Casal Palocco. Accanto ha la moglie Miriam, pugliese conosciuta da ragazzino nella sua Foligno e sempre presente all'Olimpico per le tre partite della prima fase dell'Europeo, il primogenito Mattia, 3 anni e la maglia azzurra numero 4 del papà sempre addosso, e Sofia che è nata solo quattro mesi e mezzo fa. C'è anche Yago, il golden retriever che sta spesso sdraiato vicino al difensore.

In campo a Wembley per prendere la sua medaglia e sulle spalle di De Rossi per salutare i tifosi. Come sta Spina?
«Distrutto. La gamba non c'entra. Sono state ore pesantissime. Emozione, ma anche tanta fatica. Sempre con le stampelle. Non so di quanti giorni ho bisogno per riprendermi. Non esco di casa, penso solo a riposarmi. Ma quel viaggio a Londra non potevo certo perdermelo e nemmeno il lunedì con il Quirinale, Palazzo Chigi e i festeggiamenti».

Ha rispettato la promessa fatta ai compagni. Disse che sarebbe tornato per la finale. Dove ha trovato questa sicurezza?
«A Coverciano. So come abbiamo lavorato. In ritiro e anche prima. La nostra nazionale ha giocato meglio delle altre dall'inizio del torneo, confermando le vittorie e soprattutto le prestazioni delle qualificazioni. Successo meritato, dunque. Lo hanno riconosciuto pure gli avversari».

Tra le bellissime immagini dell'Europeo c'è l'abbraccio di Mancini nel ristorante di Coverciano prima del suo ritorno a Roma per andare a operarsi in Finlandia. Una stretta intensa e significativa del ct. Che rapporto si è creato tra voi?
«Mancini è quello che avete visto in quella foto e in tante altre. È successo con me che ho partecipato a questa impresa, ma si è comportato così pure con chi ha dovuto lasciare Coverciano, uscendo dalla lista dei ventisei convocati. Lo stesso affetto il nostro ct lo ha dedicato a loro, rendendoli comunque partecipi».

Il legame con Mancini, ma anche quello tra voi giocatori. Scherzi, canti e vittorie. Come è stata la vita di gruppo, vista da dentro?
«Ho parlato del ct proprio per sottolineare l'importanza di aver creato l'ambiente ideale per arrivare al risultato. La nostra è una famiglia più che un gruppo. Legatissimi. In campo e fuori. Coinvolti pure quelli che sono rimasti a casa. Li abbiamo spesso sentiti, hanno tifato».

Bernardeschi, sul charter che vi ha riportato da Monaco a Firenze, ha preso il microfono e ha cominciato a intonare il coro «Spina-Spina». Che cosa ha provato?
«Sono state ore in cui la commozione è stata grande. Non mi ricordo se ho pianto. Ho finito le lacrime all'Allianz Arena».

Il suo Europeo è durato fino al 2 luglio, al minuto 32 della ripresa nel quarto contro il Belgio. Che cosa le viene in mente se ripensa a quell'ennesima corsa sulla fascia dopo aver tra l'altro evitato il pari di Lukaku con il salvataggio di coscia?
«La gravità dell'infortunio. Me ne sono subito reso conto. Ho pianto perché sicuro di dovermi arrendere sul più bello. Più del dolore mi ha fatto male sentirmi fuori dalla competizione. Ho continuato a piangere negli spogliatoi. E quando sono rientrati anche i compagni, hanno pianto con me invece che festeggiare la vittoria».

Poi che cosa è successo?
«Ho detto basta e ho sorriso. Del resto con l'allegria, dal primo giorno del ritiro, siamo arrivati al successo finale. Il nostro segreto per vincere il trofeo. È andata proprio così».

Nel messaggio che ha dedicato al gruppo dopo l'infortunio, ha scritto che avrebbe ripetuto quello scatto. Davvero così convinto?
«Sì, mi ripeto: lo farei altre centro volte per prendere un metro in più all'avversario. È lo spirito della nostra nazionale: bisogna dare l'anima per i tuoi compagni se si vuole arrivare fino in fondo».

Pensa che l'Europeo sia stato il momento chic della sua carriera?
«Il più bello sì, non il migliore. Da quando gioco, a cominciare dalla mia esperienza all'Atalanta, cerco di dare il massimo. In questo caso la differenza la fa il palcoscenico. Ho avuto più consenso a livello internazionale».

È stato inserito nella top 11 del torneo ed eletto in 2 delle 4 partite come man of the match. Sono solo premi di consolazione?
«Sono trofei personali che ho portato a casa con l'infortunio al tendine d'Achille. Non contano le mie prestazioni, ma il risultato della Nazionale. Che non è solo del ct e dei giocatori. Dai magazzinieri ai cuochi, il titolo è merito di tutti».

Quando va in ferie?
«Non credo prima di fine mese. Ancora non posso iniziare la fisioterapia. Devo aspettare una settimana, quando mi leveranno il gesso e i punti. Sono qui con me anche i miei bambini e mia moglie. Aspettano me per le vacanze, non mi togliete anche loro».

Come è andato il primo incontro con Mourinho?
«Mi ha fatto piacere conoscerlo. È stato carino, mi ha detto che lui e la squadra mi aspettano in campo. Gli ho risposto che dovrà avere pazienza, la stessa che ho io».
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

De Rossi - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 12 set 2021 
PRIMAVERA 1 - Roma-Sassuolo 1-0
Nella 2ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
 Mer. 08 set 2021 
Abraham-Boga, i destini incrociati dei baby Blues
Sei anni fa compagni nel Chelsea campione della Youth League, domenica si ritrovano da avversari in Roma-Sassuolo. Con un retroscena...
 Lun. 30 ago 2021 
Da Voelkerling a Rocchetti: c'è un altro poker
La Roma Primavera parte con il turbo. Al triplice fischio della prima giornata di...
 Dom. 29 ago 2021 
PRIMAVERA 1 - Torino-Roma 0-4
Nella 1ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
 Ven. 27 ago 2021 
Tra Tiago Pinto e l'entourage di Pellegrini il sì atteso per la settimana prossima
La priorità della Roma è Lorenzo Pellegrini. Ieri Mourinho è intervenuto sulla questione...
 Sab. 21 ago 2021 
Florenzi punge la Roma: "Mi hanno messo da parte dopo l'Europeo"
"Dietro alla scelta di 2 anni fa c’è altro”
 Ven. 20 ago 2021 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Providence al Club Brugge
Ruben Providence è ufficialmente un nuovo calciatore del Club Brugge. L'esterno...
 Dom. 15 ago 2021 
De Rossi, la Roma pronta a dargli la chance. Tra un anno la Primavera, poi...
La Primavera tra un anno, ma lui vuole una prima squadra "per essere davvero all'altezza"
 Sab. 14 ago 2021 
De Rossi: "La Roma una seconda pelle. La allenerò un giorno"
Daniele De Rossi è stato intervistato da Sportweek. Questo uno stralcio delle...
 Ven. 13 ago 2021 
Svolta De Rossi, lascia la Nazionale: "Allenare la Roma? Avverrà quando me lo sarò meritato"
Daniele De Rossi, dopo aver vinto l'Europeo da membro dello staff Azzurro, a malincuore...
 Mer. 11 ago 2021 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Podgoreanu ceduto allo Spezia
Suf Podgoreanu lascia la Roma. L'ormai ex attaccante della Primavera giallorossa...
 Mar. 10 ago 2021 
Pellgrini, rinnovo vicino: la Roma si aspetta la firma
L’azzurro è al centro del progetto dei Friedkin. E’ stato determinante il parere di Mourinho che lo considera importante in campo e fuori
 Lun. 09 ago 2021 
CALCIOMERCATO Roma, dalla Germania: lo Stoccarda pensa a Providence
Nuova indiscrezione di mercato, stavolta riguardante uno dei giovani della Roma....
 Ven. 06 ago 2021 
Bove e Zalewski hanno convinto Mourinho. E ora potrebbero non partire
Il primo è stato quasi sempre il migliore quando chiamato in causa. Il secondo ha mostrato piglio giusto e fantasia.
 Sab. 31 lug 2021 
De Rossi e i suoi ragazzi da oggi lavorano a Cascia
Archiviati i primi giorni dedicati ai tamponi, ai test fisici e agli allenamenti...
 Mar. 27 lug 2021 
Il premio di Tripi: sempre titolare in ritiro con José
Tripi gioca sempre. È una delle certezze della prima Roma di Mourinho. In che posizione...
 Sab. 24 lug 2021 
La Under 14 affidata a Mattia Scala, la 17 a Ciaralli
Ristrutturazione completata. La Roma ha riempito tutte le caselle del settore...
 Ven. 23 lug 2021 
Roma: da Tripi a Bove, da Zalewski a Ciervo, quanti giovani in rampa di lancio
Alberto De Rossi, fresco di rinnovo, li ha formati, ora Mourinho li valuta per la prima squadra. Partendo dal suo motto: “Se uno è bravo gioca, non conta l’età”
Mou in difesa, l'attacco è in rodaggio
Per ricostruire la fase difensiva di una squadra - che nell'ultimo biennio ha subito...
 Mer. 21 lug 2021 
I giovani che non ti aspetti: con Bove e Zalewski la Roma vince ancora
Contro la Triestina terza vittoria in altrettante partite per la squadra di Mourinho. Decisivi i due Primavera, bene Zaniolo
 Sab. 17 lug 2021 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Alberto De Rossi rinnova il contratto da tecnico della primavera
Alberto De Rossi: "Amo il mio lavoro, lo svolgo con infinita passione. Lo faccio per la squadra della mia città, per la squadra del mio cuore"
Cristante: "E adesso una festa con la Roma"
Intervista all'azzurro fresco vincitore dell'Europeo con l'Italia di Mancini: «Abbiamo fatto felici gli italiani, però non deve finire qui: questa Nazionale non ha smesso di crescere. Ma anche al club manca un trofeo da troppo tempo. I Friedkin e Josè vogliono vincere»
 Mer. 14 lug 2021 
Italia, De Rossi riflette: addio a Mancini? Vuole fare l'allenatore
L'ex giallorosso punta a diventare tecnico: il ruolo in azzurro può aiutarlo
 Mar. 13 lug 2021 
Roma, leader Cristante: da Mancini a Mourinho lo amano tutti
Riservato ma sempre più protagonista. Dal trionfo azzurro al giallorosso: lo Special One lo aspetta
Il tuffo di De Rossi e la Nazionale dei riti (VIDEO)
Un simpatico retroscena sul video di Daniele De Rossi che tanti sorrisi ha strappato...
 Dom. 11 lug 2021 
Dzeko-Pellegrini, capitani in scadenza. Totti: "Con Mourinho grandi acquisti"
Due capitani, entrambi in scadenza tra un anno, entrambi in attesa di capire il...
 Mer. 07 lug 2021 
Luis Enrique: "Brava Italia, in finale faccio il tifo per te"
Luis Enrique accetta con molta sportività la sconfitta e l’eliminazione della Spagna ai rigori. Non gli sono bastati schierare un ‘falso 9’ e la qualità di Dani Olmo per battere l’Italia. “Avevo visto la partita contro il Belgio e cosa era successo con Lukaku”, spiega. Poi con molto fairplay ammette: “Faccio i complimenti agli Azzurri e spero che possano fare un’altra bella prestazione in finale, cercando di vincere il trofeo”.
 Gio. 01 lug 2021 
Jesus: "Sono stato bene alla Roma. Lascio ai tifosi quello che sono, non quello che ho vinto"
“Sono rimasto a Roma per la mia famiglia. Potevo dare di più”
 Lun. 28 giu 2021 
Sabatini: "Roma mia, con Mourinho e Zaniolo hai tutto: credi nello scudetto"
"I Friedkin non hanno bisogno di consigli. Mourinho? È troppo furbo e intelligente"
 Ven. 25 giu 2021 
Calciomercato Roma, accordo con il Cittadella per Antonucci, pronto un triennale
La Roma vicina a completare un'operazione in uscita. Aspettando di piazzare gli...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>