facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 17 settembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

È il Mourinho day a Roma: "Sono vittima di quello che ho fatto". E chiede un terzino sinistro

La presentazione del nuovo tecnico della Roma a Terrazza Caffarelli, nel cuore della città. Conte paragonato a me? Quando parli di Inter non puoi paragonare nessuno a me e a Helenio Herrera. Nessuno"
Giovedì 08 luglio 2021
Mourinho day oggi a Roma, nella meravigliosa cornice della Terrazza Caffarelli, nel cuore della città. "Ecco Mourinho, credo che basti" l'ha presentato un Tiago Pinto raggiante.

LE PRIME PAROLE — Mourinho è presentato da Tiago Pinto, in prima fila il suo staff e il suo agente Jorge Mendes. Non ci sono i Friedkin, che Pinto ringrazia così come ringrazia Mou per aver avuto fiducia nel loro progetto. Poi tocca al portoghese (subito in tendenza anche sui social): "Voglio e devo ringraziare i tifosi per la reazione al mio ingaggio è stata eccezionale. Mi sono sentito subito in debito per questa accoglienza, davvero emozionante. Poi ringrazio il club e la proprietà, ma davvero i tifosi mi hanno colpito molto. Perché sono qui? Me lo chiederete e rispondo ora. Siamo vicini allo statua di Marco Aurelio, nulla viene dal nulla, come nulla ritorna nel nulla. E questo è molto simile a quello che io ho sentito quando ho parlato con i Friedkin. La parola tempo nel calcio non esiste, qui esiste ed è fondamentale. La società non vuole successo oggi e problemi domani, ma creare qualcosa di sostenibile nel futuro. Non sono qui per la città perché non sono in vacanza. Sento la responsabilità del legame con la città ma siamo qui per lavorare, quindi allenamento alle 16 e ciao a tutti". Risate (anche quando toglie un telone rumoroso), applausi. Poi iniziano le domande.

NUMERO NUOVO E CAMPIONATO — "Abbiamo il nostro lavoro da fare, so la passione che c'è qui, ho già cambiato tre volte telefono. Magari per voi non sarà piacevole parlare con me, per me è fondamentale che tutto resti dentro Trigoria. Abbiamo un lavoro da fare". E da dove iniziare? "Voglio conoscere il gruppo, è la cosa più importante. Ci sono principi fondamentali e non negoziabili. Voglio che i giocatori capiscano subito i miei principi. Tutto quello che non è al 100% non va bene. Dentro Trigoria ho visto una gioia terribile per lavorare insieme". Sulle telefonate fatte sul mercato: "Non ho parlato con nessun giocatore, poi potete pensare quello che volete ma è la verità. Parlo solo con Tiago e con le varie aree del club". Se può essere la sfida più importante della carriera? "La prossima lo è sempre e quindi questa lo è. Sul calcio italiano, stiamo parlando di una nazionale finalista europea con tutti giocatori tranne Verratti che giocano in Serie A. Se non è visto come un campionato principale dobbiamo tutti insieme dare qualcosa di più".

SU DZEKO & C. — Sui singoli, Dzeko e Pellegrini, e la fascia di capitano, Mou si chiude a riccio: "Sarò antipatico ma non condivido con voi quello che faccio all'interno. Ne parlo prima con i giocatori che con voi". Su Cristante e Spinazzola: "Siamo felici di avere due giocatori in Nazionale e in finale all'Europeo. Per noi è un orgoglio che possano tornare magari come campioni d'Europa. I miei giocatori sono i miei giocatori. Cristante dimostra il talento che c'è in questa Nazionale, Mancini lo rispetta molto, ogni volta nei momenti di difficoltà lo guarda. Ha una personalità di squadra fantastica e lo aspetto a braccia aperte. Spinazzola ha un'incredibile positività, non lo avremo a lungo, situazione dura per lui e per noi. Abbiamo Calafiori che deve lavorare tanto, ma abbiamo fiducia in lui. E però - scusi direttore - abbiamo bisogno di un terzino sinistro".

TIAGO E IL MERCATO — Sul mercato interviene Tiago Pinto: "Sappiamo quello di cui abbiamo bisogno, ma sappiamo che è un mercato particolare. Stiamo lavorando ogni giorno, alla fine del mercato avremo una squadra degna di Mourinho".

LA FRECCIATA — "Io sono l'allenatore della Roma non voglio essere niente di più. Non voglio la Roma di Mourinho, ma la Roma dei romanisti. Io non sono nessuno, sono uno in più. Niente di più. Lavorerò 24 ore, tranne qualche ora per riposare. Se come conseguenza del nostro lavoro possiamo dare qualcosa di più al calcio italiano bene. Io farò di tutto per difendere i miei giocatori e la mia società, non cercherò problemi. Mi voglio divertire e penso ci possiamo divertire tutti. Non ho tempo per cercare altro, ma se devo difendere i miei farò di tutto. Siamo qui". Su se stesso: "Io sono una vittima di come la gente mi guarda. Al Manchester 3 titoli ed è stato un disastro, al Tottenham non mi hanno fatto fare la finale e per me un disastro. Quello che per me è un disastro per gli altri è un successo". Il nostro obiettivo? "Vincere la prima partita ufficiale. Poi penseremo alla seconda. Questa società e questa squadra devono migliorare ogni giorno. C'è tanto lavoro da fare". Cosa rispondo a chi mi definisce "arrivato"? "scudetto con Chelsea, 3 coppe United, una finale con il Tottenham. Quello che per me è un disastro magari qualcuno non l'ha mai fatto nella vita". La Roma non vince dal 2008: "Non possiamo scappare da questo, è la verità. Così come è la verità che abbiamo chiuso 16 punti dietro il quarto e 29 dietro la prima. Vogliamo capire perché. Stiamo parlando di tempo, una parola chiave quando ho incontrato i Friedkin, ma se possiamo accelerare questo processo meglio. Voi parlate sempre di titoli, noi di tempo, progetto e lavoro. Poteva essere una promessa troppo facile, ma la realtà è un'altra roba. I titoli arriveranno, la proprietà vuole arrivare lì e restare lì. È facile vincere e poi magari non avere i soldi per gli stipendi". "Zaniolo talento fantastico, dobbiamo trovare per lui come per tutti il suo habitat naturale. Vogliamo un'idea di gioco in cui i giocatori possano essere felici con noi. Non vogliamo giocatori che giochino senza piacere, è il modo migliore per avere risultati. Durante la partita devi cambiare vari moduli, oggi è molto più difficile avere un modulo solo. Piano piano andremo in questa direzione". Sul documentario All or Nothing: "Era tutto vero, ma non diamo idee ai Friedkin". E chi propone un paragone con Conte... "Nella Roma si parla Liedholm e Capello e non sono paragonabili a nessuno. Nell'Inter nessuno può essere paragonato a me o a Herrera. Nessuno".

AL MUSEO — Al Campidoglio, a due passi da dove si trova la camera ardente di Raffaella Carrà, alle 13.30 ci sarà la conferenza di presentazione dell'allenatore portoghese. Mourinho, come documentato da lui stesso su Instagram, ha prima fatto un giro ai Musei Capitolini, facendosi immortalare con la Lupa e il Marco Aurelio.

L'EVENTO — In tutto sono circa 70 i giornalisti accreditati, un terzo dei quali stranieri provenienti da Francia, Svizzera, Turchia, Albania, Regno Unito, Grecia, Portogallo, Iran, Polonia, Brasile, Cina e Stati Uniti. La conferenza sarà distribuita live in 50 paesi del mondo.
di Massimo Cecchini - Chiara Zucchelli
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 18 ago 2021 
MOURINHO: "Non importa la competizioni, vogliamo vincere. La rosa non è perfetta, ma serve tempo"
Mourinho: “La società ha fatto uno sforzo economico enorme. Ci sono ruoli dove penso che la rosa non sia perfetta, ma sono contento del lavoro della proprietà. Contento degli attaccanti, ma nessun paragone. Domani gioca Ibanez"
Roma, il mercato non è chiuso: dubbi Ibanez-Diawara. Se partono, altri acquisti
Per la retroguardia Tiago Pinto segue Lenglet del Barcellona. Se Diawara va via arriva un regista
Florenzi verso il Milan, ma non basta per acquistare il regista: gli esuberi bloccano la Roma
Florenzi, atto terzo. Anche stavolta però non c'è certezza che sarà quello decisivo....
 Mar. 17 ago 2021 
Calciomercato Roma, dal Portogallo: Jorge Mendes propone Sergio Oliveira
Il Porto chiede 20 milioni per il cartellino del giocatore che ha rifiutato già altri club che non saranno impegnati in Champions League
Abraham a Londra per ottenere il visto lavorativo. La Roma lo inserisce in lista Uefa
Tammy Abraham, il nuovo attaccante della Roma annunciato ufficialmente nella giornata...
MOURINHO: "Soddisfatto di questi primi 40 giorni di lavoro. Ho trovato in tutti grande voglia"
"La situazione di Dzeko ha preoccupato i giocatori. Con Betis colpa dell'arbitro e mia. Mi è piaciuta la rissa col Porto"
In vendita c'è l'esercito degli esuberi: Florenzi sì al Milan, Nzonzi da Blanc
Zakaria e Anguissa rimangono i nomi più papabili
CONFERENCE LEAGUE - Trabzonspor-Roma, il programma della vigilia
Attraverso una nota sul sito ufficiale, il Trabzonspor ha pubblicato il programma...
Roma, aspettando Abraham ballottaggio Mayoral-Shomu
Toccata e fuga per Tammy Abraham a Roma, mentre Mourinho sta studiando il ballottaggio...
Mourinho vuole Abraham già domenica: corsa per il visto e la quarantena
E' iniziata l'avventura di Abraham con la maglia della Roma. Costerà di stipendio...
Tammy più Eldor, attenti a quei due
Compatibili o alternativi? Il futuro della Roma griffata Mourinho passerà molto...
Nessuna offerta per Diawara e Nzonzi. Oggi possibile chiusura per Florenzi al Milan
Il giocatore più vicino a lasciare Trigoria è Florenzi, che da giorni ha detto sì...
 Lun. 16 ago 2021 
Mourinho, relax nella Capitale: la cena con vista Colosseo
Lo Special One si è concesso una serata libera dopo il duro lavoro a Trigoria
Abraham, niente quarantena e ritorno a Londra: ecco perché
L'attaccante inglese è sbarcato ieri nella Capitale e ha sostenuto le visite mediche di idoneità sportiva
 Dom. 15 ago 2021 
De Rossi, la Roma pronta a dargli la chance. Tra un anno la Primavera, poi...
La Primavera tra un anno, ma lui vuole una prima squadra "per essere davvero all'altezza"
Adesso Mourinho attende Abraham. Pinto pensa alle uscite
Novanta minuti in panchina a guardare il suo Chelsea battere il Crystal Palace,...
Assist, gol, fascia di capitano: Mancini consolida la leadership
Un gol e un assist, ma soprattutto la fascia da capitano legata attorno al braccio...
 Ven. 13 ago 2021 
Roma, bella sorpresa: Viña stupisce Mou
Radici e ali, il resto è solo zavorra. Per Matias Viña è una filosofia di vita....
 Gio. 12 ago 2021 
PASTORE: "Nessuna offerta per me. Non ho mai parlato con Mourinho. La Roma vuole cedermi, ma..."
Javier Pastore è destinato a lasciare la Roma in questa finestra di mercato. Il...
Mourinho soddisfatto della squadra: "Intensità a 38 gradi, sono al top"
Il tecnico contento dei progressi della squadra in allenamento
TRIGORIA 12/08 - Palestra, lavoro atletico e torello
ALLENAMENTO ROMA - Ancora lavoro personalizzato per Pellegrini
Quasi la vera Roma al test Olimpico
Manca sempre meno all'esordio ufficiale della Roma di Mourinho, tra sette giorni...
Roma-Abraham, faccia a faccia
Non c'è più tempo, dentro o fuori: è il giorno di Tammy Abraham. Il general manager...
 Mer. 11 ago 2021 
I dubbi di Abraham, la telefonata di Mou... Pinto vola a Londra per il "sì"
L’attaccante è sempre tentato dall’Arsenal, il club giallorosso proverà a spiegargli de visu il progetto di Mourinho: per l’acquisto del cartellino c’è una cifra intorno ai 45 milioni, tra bonus e parte fissa
La metamorfosi Ibanez: era titolare, ora è un jolly
Se avesse accettato l'invito della nazionale olimpica brasiliana, adesso Roger Ibañez...
Adesso a centrocampo risale Anguissa. E si lavora anche sul rinnovo di Darboe
Quella di liberarsi degli esuberi presenti in rosa continua ad essere una priorità...
Pellegrini, coscia destra ko: a riposo due giorni
Ci sono stati momenti di spavento, durante l'allenamento di ieri pomeriggio, per...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>