facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 27 settembre 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

MOURINHO: "Devo ringraziare i tifosi per l'accoglienza eccezionale. Mi sento in debito" (VIDEO)

LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI JOSE' MOURINHO: "Non sono qui in vacanza. Qui per la passione dei Friedkin. È la sfida più importante della mia carriera, ho già dovuto cambiare tre volte numero di telefono"
Giovedì 08 luglio 2021
Presso la terrazza Caffarelli di Roma, la presentazione alla stampa del nuovo tecnico giallorosso José Mourinho.

Prende la parola Tiago Pinto: "Buongiorno a tutti. Ecco Mourinho, credo che basti? Oggi è un giorno molto felice per noi. È il primo step di un cambiamento di mentalità. Aspettiamo tante cose buone nei prossimi tre anni. La carriera di Mourinho parla per lui. Ringrazio Dan e Ryan per averlo portato alla Roma. Ringrazio Mourinho per aver creduto nel nostro progetto. Dico ai tifosi che tutti noi siamo stati molto entusiasti di lavorare con Mourinho in questa prima settimana"

"Ho avuto subito la sensazione di non aver ancora fatto nulla e mi sono sentito in debito per l'accoglienza emozionante che ho avuto. E' la prima cosa che devo fare è ringraziarli. Ringrazio anche la proprietà, la famiglia Friedkin. Il modo in cui i tifosi mi hanno ricevuto a Roma è stato fantastico, mi ha colpito veramente. C'è una domanda che arriverà sicuramente, ma lo dico prima: perché sono qui? Perché sono vicino alla statua di Marco Aurelio. Nulla ritorna nel nulla. Ha un significato molto simile a quello che ho sentito quando ho parlato con la Roma e con Dan e Ryan. Quello che loro vogliono per questo club, il modo in cui hanno parlato con me: molto diretto e chiaro. Non dimenticare il passato fantastico di questo club, costruire il futuro. La parola tempo nel calcio non esiste, ma in questo caso esiste ed in modo fondamentale. La proprietà non vuole il successo oggi, ma domani, creando un sistema sostenibile per il futuro. Questa è la ragione principale per cui sono qui. Adesso è tempo di lavorare insieme ai miei. Il concetto dei miei è cambiato subito appena arrivato a Trigoria, ora sono tutti quelli che vogliono lavorare con noi, con la mentalità di lavoro. Questa città non è una delle ragioni per cui sono qui, non sono in vacanza. Il legame della Roma con la città è ovvio, il simbolo, i colori, il nome, sono legami incredibili. Si confonde con il club ed è una responsabilità che sento, ma non sono per turismo. Sono qui per lavorare. Allenamento alle 16 e arrivederci (Ride alzandosi dalla sedia, ndr)".

In Italia parliamo sempre di calcio. Qui ci sono almeno cinque radio che parlano tutto il giorno di Roma. Questa pressione e l'ambiente è stata decisiva per questa scelta? La eccita questa pressione?
"Ho dovuto cambiare telefono tre volte, perché trovano sempre il mio telefono (ride, ndr). E' fantastico e incredibile. Per chi ha già lavorato in Italia, quando non sei qui ti manca. Se lavori nel calcio e non lo fai, ti manca. C'è un lavoro da fare internamente. Noi dobbiamo concentrarci nel lavoro che abbiamo, voi avete il vostro. Non sono una persona simpatica quando lavoro, magari sarà un piacere lavorare con voi perché difendo il mio club. Quello che succede internamente rimane internamente. All'interno di Trigoria dobbiamo pensare così: c'è un lavoro da fare."

Parlate di cambio di mentalità. Mourinho è qui per cambiare il DNA della Roma? Come lo farà?
"Intanto li conoscerò. Non cambiamo delle cose quando non siamo ancora consapevoli di quello che c'è all'interno del gruppo. E' molto importante conoscerli. Ci sono principi non negoziabili, fondamentali. Oggi è il primo giorno di allenamento e capiranno subito il nostro modo di lavorare. Tutto ciò che non è al 100% non va bene ed è solamente allenamento. Io preferisco andare nella direzione di tutti noi, non solamente nei calciatori. La quarantena mi ha permesso di parlare e capire nelle persone dentro Trigoria ed ho visto una gioia incredibile di lavorare insieme e mettersi nelle condizioni di lavorare. Arrivare e capire subito che c'è gente di voler lavorare insieme è buono."




Il suo carisma è importante per attirare i calciatori?
"Io non ho parlato con nessuno. Potete pensare che non è vero, ma ti dico la verità. Io parlo con Tiago, con la proprietà, con le persone del club, ma di calciatori non parlo con nessuno."

E' venuto in Italia nel 2008, adesso abbiamo perso terreno rispetto agli altri tornei. Può essere la sfida più importante della sua carriera?
"E' una sfida importante, ma il calcio in generale. Se non è visto dall'estero come campionato principale è una nostra responsabilità. Io lavoro per la Roma e mi interessa questo, ma in modo indiretto anche per il calcio italiano e insieme dobbiamo fare qualcosa in più."

Lei ha avuto a che fare con grandi attaccanti. Ha parlato con Dzeko? Darà la fascia a lui o resta a Pellegrini?
"Non ti rispondo, non ti devo dire quello che faccio, con chi parlo e quando. Scusami. Sono antipatico, ma non voglio condividere quello che faccio all'interno. La società, sul capitano, lo dovrà sapere sempre prima di voi."

Il suo percorso è stato sempre "Veni, vidi, vici". Il suo percorso sarà questo?
"È un contratto triennale, spetterà alla società decidere il futuro ma in principio sono tre anni. Non possiamo sfuggire al fatto che non si vince da tanto, e che è arrivata a 16 punti dal quarto posto. Sono domande che devo farmi e trovare delle risposte. Il club e la proprietà conoscono le risposte meglio di me, sanno benissimo che c'è tanto lavoro da fare. Vogliamo arrivare a dei titoli. Vincere immediatamente non dico che non succederà mai, ma normalmente non accade."

Durante l'Europeo ha esaltato Spinazzola e Cristante. Ha qualcosa in mente per loro?
"Siamo felici di avere i calciatori in nazionale, che sta facendo molto bene ed ha il 50% di possibilità di tornare a casa come campioni d'Europa. Io non ho mai lavorato con loro e loro sono i miei calciatori. Cristante dimostra che è una nazionale piena di calciatori di talento. Mancini ne può mettere solamente undici e non può far miracoli, ma ha rispetto per lui perché in ogni momento di difficoltà delle partite Cristante è lì per aiutare. Lo aspetto a braccia aperte. Spinazzola è una triste situazione, ma lui è incredibile per la sua voglia di fare. E' arrivato positivo al centro d'allenamento ed aveva voglia di fare. Non lo avremo per tanto tempo, sarà dura per lui e per noi. Abbiamo Calafiori, che dovrà lavorare tanto ma abbiamo fiducia in lui, perché sarà in prima squadra. Scusami direttore, ma abbiamo bisogno di un terzino sinistro."

Undici anni dopo, con quali sentimenti torni in Italia? Di dare battaglia ed essere l'uomo del contropotere?
"Sono solamente l'allenatore della Roma, niente di più. Mi devo concentrare perché ci sarà molto da fare. Io lo sarò per 24 ore, tranne quando devo mangiare e dormire. Io se poi come club possiamo dare di più al calcio italiano, fantastico. Per difendere i miei farò di tutto. Per cercare io dei problemi, ovviamente no. Mi voglio divertire, ci possiamo divertire tutti. Non ho tempo per cercarli io. Per difendere la mia società ed i miei calciatori sono qui."

Dicono che lei è arrivato in una fase della sua carriera non più al top. Vuole rispondere?
"No. I miei ultimi tre club hanno vinto uno scudetto con il Chelsea, tre coppe con il Manchester United, una finale con il Tottenham. Quello che per me è un disastro, altri non lo hanno mai fatto nella vita. E' così, è colpa mia."

Sulla panchina della Roma che rumore sente dei nemici?
"Non voglio la Roma di Mourinho, ma dei romanisti. Io non sono nessuno, uno in più insieme a loro del Club e tifosi del mondo. Io sono solamente uno in più. Se vuoi parlare della Juventus di Allegri o degli altri, puoi farlo, La Roma di Mourinho non mi piace."

La Roma nel 2008 zero titoli. La Roma è già abbastanza forte per vincere?
"Non è un'ossessione per me pensare questo. Non possiamo scappare da certe cose però. Quest'anno 29 punti dietro lo scudetto e 16 dopo il quarto posto. Non possiamo scappare da questo. Prima di tutto dobbiamo capire perché, in che modo possiamo fare il progetto. Fino ad arrivare dove vogliamo. Stiamo parlando di tempo. E' stata una parola chiave quando ci siamo incontrati per la prima volta con la proprietà. Se possiamo accelerare il progetto, meglio. E' la mia natura e voglio che tutto il club abbia questa mentalità."

Come può conciliare il tempo e la voglia di vincere? E' positiva una stagione senza titoli?
"Parlate sempre di titoli. Io parlo di tempo, di progetto, di lavoro. Titolo non è una parola, è troppo facile. E' una promessa troppo facile, la realtà è un'altra cosa. Tu parli di titoli ed io di progetto, di lavoro. I titoli arriveranno. La proprietà capisce perché non vuole un successo isolato. Vogliono arrivare lì e rimanerci. Isolato è più facile. E' più facile se vinci e poi non hai soldi per gli stipendi. Noi vogliamo essere sostenibili. Lavoriamo che poi arriverà."

Come ha trovato Zaniolo? E' pronto a tornare protagonista in quale ruolo?
"Dobbiamo capire. Ho una squadra tecnica, che mi piace tanto. Con molto talento e passione. Abbiamo persone che hanno lasciato per lavorare con noi e per noi. Dobbiamo lavorare tanto. Zaniolo è un talento fantastico. Sapevo cos'era successo per gli infortuni, dobbiamo trovare un ruolo nelle dinamiche di gioco. Non solamente per lui, per tutti è necessario l'habitat naturale. E' importante un'idea di gioco dove il calciatore sia felice."

Volevo capire qualcosa di più del Mourinho umano. Ha già un'idea tattica per iniziare?
"La abbiamo, ma deve essere lavorata ogni giorno e dobbiamo capire come possiamo far esprimere i calciatori al massimo in una situazione di confort. Non voglio che giochino dove non gli piace. Il miglior modo per andare al massimo è quello di metterli nella loro posizione. E' difficile definire un modulo di gioco. Puoi giocare in un modo quando hai il pallone e in un altro quando non lo hai. Il documentario All or Nothing è reale. Le telecamere erano nascoste, all'inizio ci pensi, dopo non fai altro. Ti stai allenando, hai un microfono, ma per favore non dare idee a Friedkin per un altro documentario."

Le dispiacerà non incontrare Conte? L'hanno paragonata a lei...
"Ci sono allenatori con cui non devi mai fare paragoni. Liedhom e Capello non puoi paragonarli qui. All'Inter nessuno si può paragonare a me e ad Herrera."

Ronaldo deve preoccuparsi del suo ritorno?
"No, perché non gioco difensore centrale. Sono troppo scarso e troppo vecchio."

Come vede la Roma tra tre anni?
"Festeggiando, non so che cosa ma festeggiando."

Domanda del tifoso: "Lo sai che se si vince qualcosa i nuovi nati del 2022 i nati si chiameranno Josè?".
"Giuseppe (ride, ndr)."
COMMENTI
Area Utente
Login

Trigoria - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mar. 24 ago 2021 
Abraham ha terminato l'isolamento. Oggi primo allenamento col gruppo
Il centravanti ha terminato la quarantena di cinque giorni dopo lo sbarco da Londra
Effetto Mou
Primi per parate effettuate dal proprio portiere (7 di Rui Patricio) e per fuorigioco...
Roma, ciclone Abraham: i tifosi lo vogliono in coppia con Shomurodov. E Dzeko è già dimenticato
I suoi scatti verso la porta. E quelli dei fotografi che non lo fanno mai uscire...
Roma, manca un centrocampista: ecco il piano per sognare
Lo ha detto fino a stancarsi: «Manca qualcosa». Un centrocampista centrale. Un leader...
 Lun. 23 ago 2021 
TRIGORIA 23/08 - Smalling e Spinazzola proseguono il loro percorso riabilitativo
All'indomani della vittoria della Roma sulla Fiorentina, Mourinho e il suo staff...
CALCIOMERCATO Roma, domani la conferenza di presentazione per Vina e Shomurodov
Nella giornata di domani 24 agosto saranno presentati i due nuovi acquisti della...
Bianda al Nancy. Adesso Riccardi, Bouah e Milanese
Un altro giovane saluta Trigoria. Si tratta di William Bianda (21 anni), ceduto...
Nzonzi rifiuta le offerte e blocca Pinto
Il concetto ormai è chiaro: prima di comprare c'è bisogno di vendere. Ma a complicare...
 Dom. 22 ago 2021 
TRIGORIA, ripresa degli allenamenti martedì alle 10:00 in vista della partita contro il Trabzonspor
Dopo la bella vittoria per 3-1 contro la Fiorentina, Mourinho ha concesso un giorno...
 Sab. 21 ago 2021 
Mou studia e spera. Mercato chiuso se non parte uno tra Villar e Diawara
La vittoria contro il Trabzonspor ha messo in risalto pregi e difetti della Roma...
 Ven. 20 ago 2021 
Abraham si allena a Trigoria: la situazione per la Fiorentina
Il centravanti inglese è sbarcato mercoledì sera nella capitale dopo aver ottenuto il visto di lavoro
Roma, riecco Villar. Abraham in panchina contro la Fiorentina
Morale alto dopo la vittoria in Conference League contro il Trabzonspor. Boom di richieste per la maglia di Shomurodov
ROMA-FIORENTINA, Sabato la conferenza stampa di Mourinho
Domani alle 13:00, presso la sala Champions di Trigoria, il tecnico della Roma José...
 Gio. 19 ago 2021 
MOURINHO: "Partita difficile, la squadra mi è piaciuta dopo il gol subito. Mercato? Manca qualcosa"
CONFERENCE LEAGUE 2021-22, TRABZONSPOR-ROMA 1-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA, MOURINHO: "Siamo stati squadra anche nella difficoltà e nella stanchezza. Ci manca ancora qualcosa e spero che possa arrivare dal mercato"
ABRAHAM arriva l'ok della ASL: oggi allenamento a Trigoria, domenica può giocare con la Fiorentina
Tammy Abraham vede più vicino l'esordio con la Roma. Rientrato ieri da Londra, l'attaccante...
Tiago Pinto deve sfoltire la rosa giallorossa
Via alle cessioni. Dopo l'arrivo di Abraham, Tiago Pinto adesso è al lavoro per...
Adesso si fa sul serio: stasera Roma in Turchia con il Trabzonspor
È arrivato il momento di fare sul serio. Alle 19.30 la Roma di José Mourinho scende...
 Mer. 18 ago 2021 
MOURINHO: "Non importa la competizioni, vogliamo vincere. La rosa non è perfetta, ma serve tempo"
Mourinho: “La società ha fatto uno sforzo economico enorme. Ci sono ruoli dove penso che la rosa non sia perfetta, ma sono contento del lavoro della proprietà. Contento degli attaccanti, ma nessun paragone. Domani gioca Ibanez"
Roma, il mercato non è chiuso: dubbi Ibanez-Diawara. Se partono, altri acquisti
Per la retroguardia Tiago Pinto segue Lenglet del Barcellona. Se Diawara va via arriva un regista
Florenzi verso il Milan, ma non basta per acquistare il regista: gli esuberi bloccano la Roma
Florenzi, atto terzo. Anche stavolta però non c'è certezza che sarà quello decisivo....
 Mar. 17 ago 2021 
Calciomercato Roma, dal Portogallo: Jorge Mendes propone Sergio Oliveira
Il Porto chiede 20 milioni per il cartellino del giocatore che ha rifiutato già altri club che non saranno impegnati in Champions League
Abraham a Londra per ottenere il visto lavorativo. La Roma lo inserisce in lista Uefa
Tammy Abraham, il nuovo attaccante della Roma annunciato ufficialmente nella giornata...
MOURINHO: "Soddisfatto di questi primi 40 giorni di lavoro. Ho trovato in tutti grande voglia"
"La situazione di Dzeko ha preoccupato i giocatori. Con Betis colpa dell'arbitro e mia. Mi è piaciuta la rissa col Porto"
In vendita c'è l'esercito degli esuberi: Florenzi sì al Milan, Nzonzi da Blanc
Zakaria e Anguissa rimangono i nomi più papabili
CONFERENCE LEAGUE - Trabzonspor-Roma, il programma della vigilia
Attraverso una nota sul sito ufficiale, il Trabzonspor ha pubblicato il programma...
Roma, aspettando Abraham ballottaggio Mayoral-Shomu
Toccata e fuga per Tammy Abraham a Roma, mentre Mourinho sta studiando il ballottaggio...
Mourinho vuole Abraham già domenica: corsa per il visto e la quarantena
E' iniziata l'avventura di Abraham con la maglia della Roma. Costerà di stipendio...
Tammy più Eldor, attenti a quei due
Compatibili o alternativi? Il futuro della Roma griffata Mourinho passerà molto...
Nessuna offerta per Diawara e Nzonzi. Oggi possibile chiusura per Florenzi al Milan
Il giocatore più vicino a lasciare Trigoria è Florenzi, che da giorni ha detto sì...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>