facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 2 agosto 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Roma, il ventennale Capello: "Lo scudetto più difficile della mia carriera"

Giovedì 17 giugno 2021
La Roma del terzo scudetto festeggia il ventennale. Fabio Capello, oggi apprezzato opinionista di Sky, ne era il tecnico. Toccò a lui rinverdire i fasti di Liedholm. Se il Barone aveva riportato il tricolore dopo 41 anni, lui ha impiegato meno. Un apporto decisivo: l'uomo giusto al momento giusto. Inutile girarci intorno: probabilmente senza il tecnico di Pieris, anche una squadra straordinaria come quella costruita da Franco Sensi, avrebbe faticato a vincere. Un friulano a Roma, sembra il titolo di una fiction. In realtà è la storia di un allenatore in una città che ha amato e ama tuttora ma che a volte ha faticato a comprendere. Quando andò via, disse che cinque anni nella Capitale lo avevano «stremato, ero esausto». Oggi il ricordo si è fatto più dolce.

Capello, sono trascorsi già 20 anni.
«Stiamo diventando vecchi...».

All'epoca si fece un bel regalo di compleanno.
«Certamente, compio gli anni domani (18 giugno, ndc). Fu molto gratificante».

Il primo ricordo che le viene in mente di quella stagione?
«L'invasione di campo a 15 minuti dal termine di Roma-Parma».

Non il gol di Montella a Torino o la doppietta di Batistuta al Tardini?
«Probabilmente quelli furono i momenti chiave, ai quali aggiungo la sconfitta a San Siro contro l'Inter, dove capii che avremmo vinto. Ma quando vidi all'improvviso tutta quella gente a bordo campo, le confesso che ho avuto paura. Stavamo perdendo uno scudetto senza motivo. Mancava un quarto d'ora, sarebbe bastata una semplice spinta, un calcio o un pugno ad un calciatore avversario e avremmo buttato via tutto. Ero lì che mi agitavo, urlavo. Se rivede le immagini di quel giorno ero molto arrabbiato».

In effetti la ricordiamo abbastanza inquieto.
«No, ero proprio incazzato. Ma lei si immagina? A 55 anni che correvo dietro a un tifoso che chiedeva una maglia, ad un altro che si voleva prendere la zolla d'erba...».

Tra gli scudetti vinti da tecnico, quello a Roma è stato il più difficile?
«Sì, senza dubbio. Perché c'era tanta competitività tra le squadre, non c'era nessuno che si staccava. Se pensa che l'ultima giornata inizia con tre squadre raccolte in 3 punti. E la conferma è che abbiamo vinto all'ultima partita. Ma Juventus e Lazio sono state lì sino all'ultimo».

Qualche rimpianto per aver vinto soltanto uno scudetto a Roma lo nutre?
«Guardi, se è stato difficile vincere un campionato, e la dimostrazione è che nella storia di questa società ne sono stati vinti appena tre, ancor più difficile è stato mettere la parola fine ai festeggiamenti. Sono durati 7 mesi e le assicuro che non esagero. L'anno dopo potevamo ripeterci ma abbiamo perso tanti punti con le piccole squadre. Senza contare quello che abbiamo combinato a Venezia, non vincendo contro una squadra già retrocessa. Anzi, recuperando da uno 0-2... Un vero peccato».

Aveva comunque a disposizione una squadra eccezionale.
«Eh sì. Cafu è stato uno dei terzini più forti della storia. Candela giocava terzino ma aveva una tecnica e una visione di gioco di un centrocampista. Dietro Samuel, in mezzo Tommasi e poi davanti avevo l'imbarazzo della scelta. Batistuta, Totti, Montella, Delvecchio...Mi faccia aggiungere una cosa».

Prego.
«Sono stato anche fortunato ad avere delle riserve rispettose. Se chi non gioca è scontento, per l'allenatore diventa un problema. E invece Mangone, Rinaldi, Lupatelli, Nakata, si sono sempre comportati bene».

Anche Montella?
«Siete ancora convinti che avessi qualcosa contro di lui? Ma non è vero. Perché entrava spesso in corsa o lo sostituivo? Francesco non lo toglievo mai perché non volevo privarmi di un'opportunità. Lui si poteva inventare qualcosa in qualsiasi momento, sempre. Un giocatore eccezionale. Batistuta le devo spiegare perché giocava? Gabriel era quello che ci mancava per vincere. Dei tanti gol che ha fatto, me ne ricordo uno al Verona su punizione, più o meno dai 25 metri. Un missile. La palla non si è mai abbassata. Ma anche in allenamento, spesso si fermava a calciare alla fine delle sedute e urlava "gol" ancora prima di toccare la palla. Delvecchio, invece, era l'unico che mi faceva le due fasi. E allora toccava a Vincenzo che rimane un grandissimo attaccante d'area di rigore. Senza il suo 2-2 a Torino...».

Un ricordo di Franco Sensi?
«Le confesso una cosa. Mi scelse dopo una chiacchierata. Bastò quello. Il giorno dopo aveva già preparato i documenti per farmi firmare».

Quanto manca alla Roma attuale per tornare a vincere?
«Il primo passo lo ha fatto prendendo Mourinho. Ha personalità da vendere, conosce l'Italia, sa come si vince, legge bene le partite. Ma da solo non basta. Servono i grandi calciatori».
di Stefano Carina
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Allenamento - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 31 lug 2021 
Roma, Nuno Santos e il post per i portieri: "Sono fortunato"
La dedica del collaboratore di Mourinho sui social per i tre estremi difensori giallorossi
Mkhitaryan: "Scudetto? Ci siamo anche noi. Mou non molla mai"
Vivace, sveglio. Un cittadino del mondo cresciuto tra percorsi impervi e ostacoli....
 Ven. 30 lug 2021 
Roma, si ferma Villar: trauma distorsivo al ginocchio. Veretout in gruppo
Il centrocampista fermo per un problema al ginocchio sinistro. Parzialmente in gruppo il francese
Roma, allenamento in Portogallo: presenti anche Dan e Ryan Friedkin
I prorietari del club giallorossono sono sbarcati in Portogallo dopo qualche settimana di vacanza
 Mer. 28 lug 2021 
MANCINI: "Partita combattuta e allenante, ci siamo divertiti"
AMICHEVOLE - Porto-Roma 1-1, LE INTERVISTE POST PARTITA Sono allenanti partite come...
Florenzi-Roma: futuro incerto, per ora. Ma l'addio è l'opzione più probabile
Il campione d’Europa è legatissimo alla squadra della sua vita, ma non è convinto di restare e il club non è sicuro di riportarlo a casa
 Mar. 27 lug 2021 
Secondo allenamento dei giallorossi in Portogallo: individuale per Veretout
La squadra prosegue la preparazione estiva: domani il match contro il Porto
Roma, il ritiro in Portogallo: tutto sul resort, gli allenamenti e le amichevoli
È cominciata la seconda fase del ritiro, quella che ieri ha portato i giallorossi nella terra di Mourinho e Tiago Pinto
E Dzeko si riprese la Roma
Mourinho, volato ieri in Portogallo, se lo tiene stretto. Perché in giro, uno come...
 Lun. 26 lug 2021 
La Roma vola in Portogallo: ora il ritiro nel lusso a cinque stelle, spesi circa 400mila euro
La squadra questa mattina ha preso un volo per Faro, poi si sposterà nel resort Tivoli Carvoeiro
RITIRO ROMA, la squadra vola in Portogallo. Presente anche Tiago Pinto
La Roma chiude la prima fase del precampionato con la vittoria per 5-2 nell'amichevole...
 Sab. 24 lug 2021 
La squadra è molle, Mou alza la voce: "Fuori gli attributi"
L'aria deve cambiare, e in fretta, nello spogliatoio della Roma. José Mourinho non...
 Ven. 23 lug 2021 
Roma, altro stop per Veretout in allenamento. Zaniolo out: è papà
La squadra questa mattina è scesa in campo per la prima delle due sedute. Problema muscolare per il francese, il centrocampista out per la nascita del figlio Tommaso
Roma, Mourinho a Trigoria alle 7 del mattino: "Lavoriamo"
Lo Special One non perde tempo: oggi prevista doppia seduta
 Mer. 21 lug 2021 
Triestina-Roma 0-1 - Le pagelle
La formazione del primo tempo Fuzato 6: non deve fare niente, come previsto....
VINA: "È un sogno che si sta avverando. Sarà un onore essere allenati da Mourinho"
Matias Vina è praticamente un nuovo giocatore della Roma e, dal Brasile, arrivano...
 Mar. 20 lug 2021 
Roma, da oggi si allenano a Trigoria gli "esuberi": Pedro, Pastore, Nzonzi, Santon, Fazio...
Ingaggi pesanti, zero possibilità di rientrare nei piani di Mourinho. Con un'eccezione...
Calciomercato Roma, da Cafu a Vina 24 anni dopo. Ecco chi è il nuovo acquisto giallorosso
A distanza di tanti anni il club capitolino pesca di nuovo dal Palmeiras, questa volta per un terzino sinistro
Roma, c'è Vina dopo Spinazzola. Via libera per Xhaka
«Corsa e sacrificio». Somiglia allo slogan della nuova Roma di Mourinho. In realtà...
Mou fa lo psicologo per il bene della Roma
Due settimane esatte di lavoro. Tanto ci ha messo Josè Mourinho a cancellare la...
Droni, barriere e pugno duro: il segno di Mou
La curiosità è destinata a restar tale ancora un po'. Come stia vivendo le prime...
 Lun. 19 lug 2021 
Ancora Carles Perez, poi Kumbulla
Buona anche la seconda per la Roma. Con la Ternana il coefficiente di difficoltà...
 Dom. 18 lug 2021 
Rui Patricio, voglia di Roma: rinuncia alle vacanze e domani farà il primo allenamento
Rui Patricio ha voglia di Roma. Arrivato martedì nella Capitale, il portiere portoghese...
Un drone (giallorosso) per Mourinho: "Guardiamo gli errori"
La tecnologia è un'alleata preziosa per Mourinho, che, oltre ad avvalersi dell'ormai...
 Sab. 17 lug 2021 
Roma, domani l'amichevole contro la Ternana: Zaniolo osservato speciale
Domani ore 18 nel centro sportivo di Trigoria la Roma di José Mourinho giocherà...
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Alberto De Rossi rinnova il contratto da tecnico della primavera
Alberto De Rossi: "Amo il mio lavoro, lo svolgo con infinita passione. Lo faccio per la squadra della mia città, per la squadra del mio cuore"
Mourinho manda al tappeto anche Veretout
Allenamenti intensi, giocatori stremati ma tutti felici. Grande feeling tra il tecnico e Dzeko. Zaniolo va al massimo, Darboe è un pupillo dello staff e i portieri lavorano sodo
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>