facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 26 luglio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Roma, il ventennale Capello: "Lo scudetto più difficile della mia carriera"

Giovedì 17 giugno 2021
La Roma del terzo scudetto festeggia il ventennale. Fabio Capello, oggi apprezzato opinionista di Sky, ne era il tecnico. Toccò a lui rinverdire i fasti di Liedholm. Se il Barone aveva riportato il tricolore dopo 41 anni, lui ha impiegato meno. Un apporto decisivo: l'uomo giusto al momento giusto. Inutile girarci intorno: probabilmente senza il tecnico di Pieris, anche una squadra straordinaria come quella costruita da Franco Sensi, avrebbe faticato a vincere. Un friulano a Roma, sembra il titolo di una fiction. In realtà è la storia di un allenatore in una città che ha amato e ama tuttora ma che a volte ha faticato a comprendere. Quando andò via, disse che cinque anni nella Capitale lo avevano «stremato, ero esausto». Oggi il ricordo si è fatto più dolce.

Capello, sono trascorsi già 20 anni.
«Stiamo diventando vecchi...».

All'epoca si fece un bel regalo di compleanno.
«Certamente, compio gli anni domani (18 giugno, ndc). Fu molto gratificante».

Il primo ricordo che le viene in mente di quella stagione?
«L'invasione di campo a 15 minuti dal termine di Roma-Parma».

Non il gol di Montella a Torino o la doppietta di Batistuta al Tardini?
«Probabilmente quelli furono i momenti chiave, ai quali aggiungo la sconfitta a San Siro contro l'Inter, dove capii che avremmo vinto. Ma quando vidi all'improvviso tutta quella gente a bordo campo, le confesso che ho avuto paura. Stavamo perdendo uno scudetto senza motivo. Mancava un quarto d'ora, sarebbe bastata una semplice spinta, un calcio o un pugno ad un calciatore avversario e avremmo buttato via tutto. Ero lì che mi agitavo, urlavo. Se rivede le immagini di quel giorno ero molto arrabbiato».

In effetti la ricordiamo abbastanza inquieto.
«No, ero proprio incazzato. Ma lei si immagina? A 55 anni che correvo dietro a un tifoso che chiedeva una maglia, ad un altro che si voleva prendere la zolla d'erba...».

Tra gli scudetti vinti da tecnico, quello a Roma è stato il più difficile?
«Sì, senza dubbio. Perché c'era tanta competitività tra le squadre, non c'era nessuno che si staccava. Se pensa che l'ultima giornata inizia con tre squadre raccolte in 3 punti. E la conferma è che abbiamo vinto all'ultima partita. Ma Juventus e Lazio sono state lì sino all'ultimo».

Qualche rimpianto per aver vinto soltanto uno scudetto a Roma lo nutre?
«Guardi, se è stato difficile vincere un campionato, e la dimostrazione è che nella storia di questa società ne sono stati vinti appena tre, ancor più difficile è stato mettere la parola fine ai festeggiamenti. Sono durati 7 mesi e le assicuro che non esagero. L'anno dopo potevamo ripeterci ma abbiamo perso tanti punti con le piccole squadre. Senza contare quello che abbiamo combinato a Venezia, non vincendo contro una squadra già retrocessa. Anzi, recuperando da uno 0-2... Un vero peccato».

Aveva comunque a disposizione una squadra eccezionale.
«Eh sì. Cafu è stato uno dei terzini più forti della storia. Candela giocava terzino ma aveva una tecnica e una visione di gioco di un centrocampista. Dietro Samuel, in mezzo Tommasi e poi davanti avevo l'imbarazzo della scelta. Batistuta, Totti, Montella, Delvecchio...Mi faccia aggiungere una cosa».

Prego.
«Sono stato anche fortunato ad avere delle riserve rispettose. Se chi non gioca è scontento, per l'allenatore diventa un problema. E invece Mangone, Rinaldi, Lupatelli, Nakata, si sono sempre comportati bene».

Anche Montella?
«Siete ancora convinti che avessi qualcosa contro di lui? Ma non è vero. Perché entrava spesso in corsa o lo sostituivo? Francesco non lo toglievo mai perché non volevo privarmi di un'opportunità. Lui si poteva inventare qualcosa in qualsiasi momento, sempre. Un giocatore eccezionale. Batistuta le devo spiegare perché giocava? Gabriel era quello che ci mancava per vincere. Dei tanti gol che ha fatto, me ne ricordo uno al Verona su punizione, più o meno dai 25 metri. Un missile. La palla non si è mai abbassata. Ma anche in allenamento, spesso si fermava a calciare alla fine delle sedute e urlava "gol" ancora prima di toccare la palla. Delvecchio, invece, era l'unico che mi faceva le due fasi. E allora toccava a Vincenzo che rimane un grandissimo attaccante d'area di rigore. Senza il suo 2-2 a Torino...».

Un ricordo di Franco Sensi?
«Le confesso una cosa. Mi scelse dopo una chiacchierata. Bastò quello. Il giorno dopo aveva già preparato i documenti per farmi firmare».

Quanto manca alla Roma attuale per tornare a vincere?
«Il primo passo lo ha fatto prendendo Mourinho. Ha personalità da vendere, conosce l'Italia, sa come si vince, legge bene le partite. Ma da solo non basta. Servono i grandi calciatori».
di Stefano Carina
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 21 lug 2021 
L'ostruzionismo frena la revoca. Ma la Roma può ancora sperare
L'annuncio mattutino della Sindaca Raggi lascia ancora speranze alla Roma che deve...
Amichevole - Triestina-Roma, i convocati
Triestina-Roma, i convocati di Mourinho: assenti Rui Patricio, Veretout e Calafiori
VINA: "È un sogno che si sta avverando. Sarà un onore essere allenati da Mourinho"
Matias Vina è praticamente un nuovo giocatore della Roma e, dal Brasile, arrivano...
Roma, Mou ti mette le ali
A 32 giorni dall'inizio del campionato la Roma, come normale che sia, rimane un...
Totti e i Friedkin. Il feeling c'è... Ma idee differenti
Le idee suoi ruoli, per il momento, non sono coincidenti. Totti e la famiglia Friedkin...
Separati in casa. Da Pedro a Pastore: quelli con la valigia
Justin Kluivert non è nemmeno passato da Trigoria. La Roma lo ha esentato dalla...
Viva Vina. Fascia blindata. La Roma chiude per il terzino e aspetta Xhaka
"Il mercato va bene. Arriva Vina. Speriamo anche Xhaka, ma facciamo uno per volta",...
 Mar. 20 lug 2021 
Calciomercato Roma, UFFICIALE: Kluivert al Nizza
KLUIVERT CEDUTO A TITOLO TEMPORANEO AL NIZZA
Tutto fatto, Mourinho attende Xhaka: ecco quando può arrivare
Roma, è in arrivo pure Xhaka. Ecco quando può abbracciare Mourinho
STADIO ROMA, discussione sulla revoca del pubblico interesse: tutto rimandato a domani
La Roma ha ufficialmente comunicato di voler rinunciare al progetto di Tor di Valle...
Roma, da oggi si allenano a Trigoria gli "esuberi": Pedro, Pastore, Nzonzi, Santon, Fazio...
Ingaggi pesanti, zero possibilità di rientrare nei piani di Mourinho. Con un'eccezione...
Stadio Roma, Raggi: "Oggi in Aula la revoca della delibera. Incrociamo le dita"
La sindaca: "Revocare questa delibera significa aprire una nuova strada, portare nuovi progetti e investimenti a Roma, incrociamo le dita perché oggi pomeriggio ci dovrebbe essere il voto in Aula"
Smalling: "È stato orribile vedere il fallo di Chiellini a Saka"
Il difensore della Roma: "Con Mourinho ho già vinto, spero di tornare a farlo in questa stagione"
Tiago Pinto ai tifosi: "Arriva Vina, Xhaka vediamo. E su Icardi..." (VIDEO)
Prosegue il lavoro sul mercato di Tiago Pinto per rinforzare la rosa che José Mourinho...
Calciomercato Roma, da Cafu a Vina 24 anni dopo. Ecco chi è il nuovo acquisto giallorosso
A distanza di tanti anni il club capitolino pesca di nuovo dal Palmeiras, questa volta per un terzino sinistro
Allo stadio con il Green Pass. La chiave per avere più tifosi
Il calcio ha bisogno di ripartire e di farlo con il sostegno dei propri tifosi....
Sprint Zaniolo per la Roma di Mou. Ora le ginocchia sono a posto
Resettato, riprogrammato, riequilibrato. Nicolò Zaniolo è tornato al calcio per...
Calciomercato Roma, occhi sul centrale del Feyenoord, Marcos Senesi
Marcos Senesi può arrivare in caso di partenza di Smalling
Roma, c'è Vina dopo Spinazzola. Via libera per Xhaka
«Corsa e sacrificio». Somiglia allo slogan della nuova Roma di Mourinho. In realtà...
Mou fa lo psicologo per il bene della Roma
Due settimane esatte di lavoro. Tanto ci ha messo Josè Mourinho a cancellare la...
Droni, barriere e pugno duro: il segno di Mou
La curiosità è destinata a restar tale ancora un po'. Come stia vivendo le prime...
Il Tottenham in pressing su Pellegrini. Fatta per Viña
Pellegrini c'è. Anche se ancora non si vede. Nelle prime due amichevoli Lorenzo...
Calciomercato Roma, Pinto su Viña: ora è ai dettagli
Pian piano tutti i tasselli si stanno incastrando. Dopo le prime cessioni e l'arrivo...
 Lun. 19 lug 2021 
Calciomercato Roma, accordo raggiunto con il Palmeiras per Viña: le cifre
Domani la società giallorossa proverà a trovare anche l'accordo per il contratto
CALCIOMERCATO Roma, dall'Uruguay: tutto fatto per Vina in giallorosso
Dall'Uruguay arriva la notizia secondo cui sarebbe già chiuso l'affare tra Roma...
L'ex di Zaniolo lo accusa: "Figlio voluto da entrambi. Poi mi ha abbandonato"
La denuncia di Sara su Instagram dopo mesi di silenzio: “Il bimbo è stato cercato. Poi qualcosa è cambiato. Ho tentato a più riprese di coinvolgerlo invano, ha bloccato persino i canali social”
Serie A 2021/2022 - Anticipi, Posticipi è Programmazione Televisiva Gare 1ª Giornata - 2ª Giornata
La Serie A ha ufficializzato anticipi e posticipi delle prime due giornate della...
Nzonzi a Villa Stuart per le visite: gli indesiderati tornano ad allenarsi
I giocatori non convocati per il ritiro dai prossimi giorni si alleneranno a parte nel Fulvio Bernardini
CALCIOMERCATO Roma, Mourinho attende Xhaka: a giorni la firma con i giallorossi
L'arrivo di Albert Sambi Lokonga all'Arsenal potrebbe sbloccare l'affare tra i Gunners...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>