facebook twitter Feed RSS
Sabato - 31 luglio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Dimmi Josè, il ritratto di Mourinho fatto da chi lo conosce bene

Mercoledì 09 giugno 2021
Ai giornalisti ha mollato sberle e spintoni, non solo metaforici, ma possiamo giurare di aver visto Josè, una sera al "Mestalla" di Valencia, abbracciare un cronista italiano e sollevarlo da terra per la felicità, gridando "Amigooooo". Aveva appena battuto il Barça di Guardiola in finale di Copa del Rey, volo e colpo di testa di Cristiano Ronaldo al minuto 103, era d'aprile, 2011. Erano i giorni incarogniti dei quattro Clasicos in 18 giorni che triturarono i nervi della Spagna tutta, e quello fu l'unico che il Madrid di Josè Mourinho si aggiudicò, e pure l'unica finale importante persa da Guardiola fino alla Champions di dieci giorni fa. Era talmente euforico, Josè, che vide il cronista dei tempi dell'Inter e reagì di impeto, con un abbraccio violento e un mezzo giro di valzer, col giornalista ruotato in aria, e lui a ridere come un matto.

UN UOMO DI FEDE
Josè è tattile. Se è in buona ti accarezza addirittura, se non lo è, e capita quando perde o quando pareggia partite già vinte, meglio girare al largo, diventa una belva. Come quella sera a Bergamo dopo un 1-1 in rimonta dell'Atalanta: alla fine Josè è una furia, vede un giornalista troppo vicino al pullman dell'Inter per carpire informazioni, e lo spintona via, dicendo cosacce. La pagherà, con deferimento e multa da complessivi 30mila euro. Manesco, se capita: del dito nell'occhio a Tito Villanova sanno tutti, ma pure a Mario Balotelli una volta ha staccato la catenina dal collo durante un corpo a corpo ad Appiano, e un'altra, dopo un Rubin Kazan-Inter 1-1 in cui si era fatto espellere da fesso, Mario si sentì arrivare un tavolo di legno tra capo e collo, e non ebbe dubbi sull'identità del lanciatore. Quanta vita abbiamo passato dietro Josè. La prima volta a Montecarlo, dopo una Supercoppa vinta dal Milan sul suo Porto, 1-0 gol di Sheva: alla fine c'era questo portoghese che protestava in sala stampa, si parlava già bene di lui perché aveva appena vinto la Coppa Uefa da sconosciuto, ma già era famoso per il suo caratteraccio e infatti ce l'aveva con l'arbitro. L'anno dopo, Gelsenkirchen, finale di Champions, 3-0 del Porto al Monaco, trionfo. Lui scappa dal campo appena presa la medaglia, mistero. Josè, perché l'hai fatto? "Motivi miei". Pare l'avessero minacciato di morte alla vigilia, mah. In realtà stava scappando al Chelsea, e lui detesta gli addii. Come dopo la Champions interista, sua seconda e ultima: scappa dal Bernabeu in amore e dai suoi giocatori, nemmeno torna a Milano per la festa di popolo ma rimane a Madrid e va da Florentino Perez. Cinico senza cuore? Macché, l'uomo oltre che religiosissimo (a Roma andrà per chiese, vedrete), è di passioni e amori durevoli, per la sua famiglia e pure per il suo adorato cane, Leya, uno yorkshire che era come un figlio: per Leya a Londra si fece arrestare, perché i policemen volevano metterlo in quarantena, per Leya ha pianto in diretta tv, annunciandone la morte tempo fa.

HOLLYWOODIANO
Caro Josè, quanto ti piaceva e ti piace Los Angeles (e quanto detesta posti meno occidentali, come Riad o Pechino): il clima secco e perfetto, le strutture di Ucla ideali per allenarsi, quel glamour hollywoodiano che aderisce perfettamente al suo ego, quella profezia che da laggiù, in un aeroporto, fece ai suoi giocatori smarriti perché era appena andato via Ibrahimovic («Con Eto'o possiamo vincere la Champions», e così fu, 10 mesi dopo), gli incontri sempre interessanti, come quando al Beverly Hills Hotel spuntò Magic Johnson, o quando Charlize Theron presenziò a una partita dell'Inter. Le donne, già. Molte invaghite pazzamente, ree confesse come Alba Parietti, o più timide. Fuori dagli hotel dell'Inter ce n'era sempre qualcuna che tentava l'impossibile per avvicinare Josè, e una delle più intraprendenti (respinta come le altre) pare che ora sia la compagna di un uomo molto in vista, ma è passato tanto tempo, i ricordi si offuscano. Ricordare sempre che Josè è religioso, bacia il crocifisso appeso al collo e prega spesso, come quella sera a Madrid, semifinale di Champions 2012, rigori contro il Bayern, e lui in ginocchio sul prato in orazione muta: sbagliarono Cristiano, Kakà e Sergio Ramos, cioè i migliori, e Josè tornando a casa pianse. Quattro semifinali consecutive gli abbiamo visto perdere: col Barça, grazie a un arbitraggio maligno che scatenò il celebre "porqué porqué porqué", col Bayern, col Dortmund di Lewandowski che quella notte schiaffò 4 gol sul muso dell'allora tenerissimo Varane, con l'Atletico di Simeone.

L'ULTIMA VOLTA
L'abbiamo incrociato al Lowry Hotel di Manchester, dove ha vissuto per due anni e mezzo in una suite da 800 sterline a notte e dove anche per una birra aveva una saletta riservata e recintata. «Amigo, prendi qualcosa?». Erano già i suoi ultimi giorni, era in rotta col club: «Ma sai quanti soldi devono darmi per cacciarmi? Ah ah ah». Lo esonerarono lo stesso, ma sapeva anche quello. L'uomo è di tempra fortissima, di solito prevede ogni cosa, ha antenne speciali, Roma imparerà a conoscerlo e ad amarlo. Ed è forte anche fisicamente, pure se non sembra: quella notte, a Valencia, mi sollevò come un fuscello.
di Andrea Sorrentino
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 24 lug 2021 
Xhaka bloccato, Mourinho scalpita. In Portogallo si aggregheranno al gruppo Cristante a Florenzi
Rui Patricio parla e già parla, gli aspettano, Mourinho non vede l'ora di vederli...
La squadra è molle, Mou alza la voce: "Fuori gli attributi"
L'aria deve cambiare, e in fretta, nello spogliatoio della Roma. José Mourinho non...
Sarà Pellegrini 2026, il vertice è nell'aria
Primo contatto. Sfiorato, più che altro. L'avvistamento a Trigoria di Giampiero...
Darboe rinnova, Veretout si ferma. Ecco Rui Patricio: "Pronti a vincere"
Ebrima Darboe resterà alla Roma: il centrocampista esploso nel finale della scorsa...
Zaniolo, gioia di papà. Ora la Roma spera si concentri solo sul campo
Diventare padre, quando a 22 anni ti stai finalmente godendo le libertà concesse...
Raggi: "Con i Friedkin si fa lo stadio. Anzi, due. Le parole di Pallotta? Valgono quel che valgono"
La parola chiave è una: determinazione. Virginia Raggi la utilizza più volte per...
 Ven. 23 lug 2021 
Calciomercato Roma, Azmoun primo nome per l'attacco di Mourinho, ma la trattativa non è semplice
I giallorossi hanno messo nel mirino l'attaccante iraniano dello Zenit San Pietroburgo, sul quale c'è anche il Bayer Leverkusen
Calciomercato Roma, Xhaka più vicino. Frenata Lille per Olsen, Pedro piace in Spagna
La prossima settimana dovrebbe arrivare la fumata bianca per il centrocampista svizzero
Tifosi Roma, a Frosinone solo con il Green Pass
In quattromila sugli spalti per la gara tra la squadra guidata da Mourinho e il Debrecen. Scopri i dettagli
Calciomercato Roma, Thiago Pinto a colloquio con l'agente di Pellegrini
Primo approccio positivo tra Thiago Pinto e l'agente del giocatore che non sono però entrati ancora nel vivo della trattativa
RUI PATRICIO: "Orgoglioso di essere alla Roma. Tutti conoscono la grandezza di questo club"
LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DI RUI PATRICO: "Darò del mio meglio per aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi"
Spinazzola e l'affare saltato con l'Inter: "Fa male sentirsi dare dello zoppo, ma..."
Le parole dell'esterno della Roma, che torna sul suo mancato approdo in nerazzurro nel gennaio del 2020
Roma: da Tripi a Bove, da Zalewski a Ciervo, quanti giovani in rampa di lancio
Alberto De Rossi, fresco di rinnovo, li ha formati, ora Mourinho li valuta per la prima squadra. Partendo dal suo motto: “Se uno è bravo gioca, non conta l’età”
Roma, altro stop per Veretout in allenamento. Zaniolo out: è papà
La squadra questa mattina è scesa in campo per la prima delle due sedute. Problema muscolare per il francese, il centrocampista out per la nascita del figlio Tommaso
Roma, Mourinho a Trigoria alle 7 del mattino: "Lavoriamo"
Lo Special One non perde tempo: oggi prevista doppia seduta
Calciomercato Roma, incontro a Trigoria tra Pinto e l'agente di Darboe: prove di rinnovo
Il club giallorosso vuole tenere il ragazzo: offerta di un quadriennale con base sui 500mila euro
Zona gialla, regole da 1 agosto: nuovi parametri regioni
Il colore cambia in relazione a terapie intensive e ricoveri
Mou in difesa, l'attacco è in rodaggio
Per ricostruire la fase difensiva di una squadra - che nell'ultimo biennio ha subito...
Mourinho: "L'inno della Roma tutte le settimane. Anche da avversario mi piaceva ascoltarlo"
Josè Mourinho sempre più romanista. Il nuovo tecnico giallorosso parla attraverso...
Zalewski, il polacco di Tivoli strega Mou: "Mi manda Boniek"
C'è chi è scappato dalla guerra come Darboe, chi studia Economia alla Luiss come...
Exploit di casi a Roma, si muove la Prefettura: i tifosi saranno denunciati
La festa a piazza del Popolo di mercoledì per i 94 anni della Roma rischia di accendere...
Calciomercato Roma, smentite Pedro-Genoa: l'ostacolo è l'ingaggio
È tra gli esclusi di lusso della Roma di Mourinho ed è finito tra gli esuberi che...
Calciomercato Roma, attacco all'uzbeko: Shomurodov nel mirino per il reparto avanzato
Un nome nuovo per la Roma. Arriva dall'Uzbekistan, si é fatto apprezzare in Italia...
 Gio. 22 lug 2021 
Calciomercato, Roma-Viña, piccolo rallentamento: la situazione
Piccola frenata tra la Roma e il Palmeiras nella trattativa per Vina: la società giallorossa punta a risolvere tutto entro 48 ore
Calciomercato Roma, Vina e Xhaka in arrivo. Bene i giovani, ma il mercato non decolla
Che i giovani della Roma siano elementi interessanti è fuori dubbio. E non è stata...
Tor di Valle, la Raggi esulta sui social. Pallotta: "Ero pronto a spendere 750 milioni"
A 24 ore dalla revoca della pubblica utilità al progetto. La sindaca: "Ora possibile un nuovo stadio e rilancio della città". Il veleno dell'ex presidente della Roma: "Vi prego di nominare un nuovo sindaco competente"
Falli e gossip, Zaniolo è nervoso. Ma Mourinho lo protegge
In campo un po' di paura, legittima, dopo il brutto infortunio, fuori la sua vita privata viene passata al microscopio: l'allenatore portoghese fa quadrato intorno a lui
Allo stadio solo con il green pass: sarà necessario anche per palestre e piscine
La conferma della cabina di regia che anticipa il il Consiglio dei ministri: per accedere ai grandi eventi all’aperto bisognerà mostrare la certificazione verde. Da definire gli effetti sulla percentuale di ingressi consentiti negli impianti
Calciomercato Roma, ecco il primo nome di Tiago Pinto per sostituire Pedro
Lo spagnolo da una settimana si allena a Trigoria individualmente e non partirà per il ritiro in Portogallo: il trentatreenne sta cercando un'altra squadra
VAIA (dir. Spallanzani): "Tifosi Roma? Atto di irresponsabilità, così torniamo indietro"
Eventi come il raduno di migliaia tifosi della Roma per festeggiare i 94 anni del...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>