facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 29 luglio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Bruno Conti, trent'anni dopo l'addio al calcio: "Vi racconto i segreti mezzo secolo di Roma"

Bruno Conti: "Da Liedholm a Mourinho, vi racconto 50 anni di Roma. Qui c'è bisogno d'amore, i Friedkin l'hanno capito"
Sabato 22 maggio 2021
«L'unica persona che mancava, perché tutto fosse perfetto, mio padre. Andrea. Che se n'è andato pochi mesi prima. Lui un riferimento per la famiglia, di sette fratelli e pochi soldi. Papà falegname, una vita di sacrifici. Quella sera volevo dirgli: "guarda, papà"». Piange, Bruno Conti nel ricordare il padre, che definisce un "eroe". Piange nel rivivere quel 23 maggio del 1991. Domani sono trent'anni, una vita. Una vita nella Roma, dal ‘73. «Siamo vecchi, porca miseria».

Quella sera mancava suo padre e anche Ottavio Bianchi.
«Beh, diciamo che di lui ho sentito meno la mancanza. L'avevo invitato, per correttezza. Aveva da fare con la dichiarazione dei redditi, col commercialista...».

Ricorda anche i particolari di quella notte.
«Tutto, ancora oggi mi emoziono. Da Liedholm che annunciava la formazione, dicendo che dovevo giocare per forza perché era la mia festa, fino al lancio dello scarpino in Sud. A proposito, il ragazzo che all'epoca lo raccolse, mi è venuto a trovare a pochi mesi fa. Ricordo Bearzot, i miei compagni dello scudetto, dal bomber Pruzzo a Di Bartolomei, Ancelotti, tutti tutti. C'erano i miei figli piccoli, l'emozione è stata enorme. La sera prima c'era stata la finale di Coppa Uefa persa contro l'Inter, confesso che per la mia festa ero preoccupato, non potevo prevedere la reazione dei tifosi. Invece, è stata magica: non c'era un buco libero tra gli spalti, c'era più gente della sera prima. Incredibile, non la dimenticherò mai».

Quel lancio dello scarpino è stato come chiudere un sipario.
«Alla Roma dal ‘73 fino al ‘91, a parte quei due anni al Genoa. Questa è la mia casa».

La lascerebbe?
«Per nulla al mondo. Eppure ci sono stati momenti in cui ho rischiato di andarmene, sarebbe stato un dolore. Chi non riesce ad andare via dalla Roma non deve essere biasimato, non si può spiegare. Totti aveva scelto questo, io anche. Devo morire così».

Da giocatore e da dirigente ha rischiato l'addio.
«Sì, con Viola c'erano problemi, Maradona mi lusingava. Una sera l'ingegnere disse a mio figlio piccolo, "Andrea, ma dove vuole andare papà?". "Da Maradona", gli rispose. Il giorno dopo avevo pronto il rinnovo con la Roma. Poi con Sensi sono stato a un passo dai saluti, forse non aveva gradito le avances della Figc, che mi voleva affidare il settore giovanile. C'erano state anche altre incomprensioni, pure a inizio mandato da responsabile del ragazzi. Rosella Sensi ha avuto un ruolo determinante, grazie a lei sono rimasto e ne sono stato felice».

E poi pure con Pallotta?
«Mi dissero che volevano cambiare. "Ma dove ho sbagliato?", chiedevo a Baldissoni, che era il dg. "In niente, è così", poi presero Tarantino, volevano gestire il tutto attraverso algoritmi. Mi rifugiai nell'Academy. Ci rimasi male, ma pur di restare...».

Da Anzalone ai Friedkin, passando per Sensi e Pallotta. Come è cambiato il calcio?
«E' tutto diverso, non so se peggio. Diciamo che all'epoca c'era più amore, divertimento, attaccamento. Oggi i calciatori scappano via. Si giocava al calcio senza essere aziende. Oggi è tutto molto più freddo, meno creativo. Le squadre erano famiglie, oggi c'è più di menefreghismo».

Anzalone cosa significa per lei?
«L'esordio nella Roma. Poi, per prendere Pruzzo mi mandò al Genoa. Mi diede una buonuscita, con cui ho aiutato la famiglia. Mio padre la prese malissimo, non voleva che andassi via dalla Roma. Non mi parlava».

Insomma, tra calciatore e dirigente, siamo a quasi cinquant'anni di Roma.
«Un percorso fantastico, ho fatto tutto, ho vinto. Ho conosciuto persone straordinarie. Calciatore, allenatore, capitano, dirigente, non posso lamentarmi. Una vita».

Domanda cattiva: Liedholm o Bearzot?
«Questa non me la merito. Non posso scegliere, Sono stati due padri. Liedholm mi ha trattenuto a Roma quando mi stavano "girando" al Pescara, ha creduto in me da subito».

Di Bearzot era il cocco, la faceva fumare dentro il pullman.
«Non lo nego. Era uno che ti capiva, anche nell'errore. Di notte non riuscivo a dormire e nei ritiri disturbavo il mio compagno Giovanni Galli. Una volta, dopo aver fumato una sigaretta, rientro in stanza e, con la luce spenta, prendo in pieno un comodino. Mi faccio male e sveglio Giovanni. Bearzot invece di punirmi mi dà una stanza tutta per me. Nel pullman, qualche tiratina di sigaretta per smorzare la tensione. Liedholm mi ha cresciuto, mi ha lanciato, mi ha messo in mezzo ai big, quando ancora ero un ragazzo. Mi fece vedere da Trebiciani quando in spiaggia giocavo a calcio con Di Chiara, Di Bartolomei e Giordano. Che tempi».

Eriksson non l'ha capita.
«Sven è un signore, pur non avendo avuto con lui grande spazio».

Le tolse la "7".
«Quello mi ha fatto male, la diede a Berggreen. Però erano problemi tattici, con Bianchi invece siamo andati sul personale, era un rapporto negativo tra uomini. Per farmi fare cinque minuti ci voleva l'urlo dell'Olimpico. Ricordate Roma-Bordeaux? L'ho anche invitato alla mia festa di addio. Non è venuto, pace».

Ha fatto l'allenatore, ma il meglio lo ha dato da responsabile del settore giovanile.
«Ma quando devi chiamare una famiglia per dire che il ragazzo non è stato preso o confermato, diventa difficile. Per il resto è un lavoro bellissimo, il mio mondo. La vittoria per me non è lo scudetto, ma De Rossi, Aquilani, Florenzi... cento milioni di plusvalenze».

Ha vissuto tanti presidenti, che ricordi ha di tutti e come considera i Friedkin?
«Guardi, sono sincero: mi ricordano molto Viola e Sensi, che si occupano da vicino della Roma. Sono presenti, lavorano, poi hanno capito come calarsi tra la gente, hanno individuato che il sentimento passa da lì. Hanno capito che la Roma è anche amore, oltre al business».

Hanno preso Mourinho, poi.
«Personaggio grandissimo, allenatore straordinario. Parlano i numeri. Una grande operazione tecnica e d'immagine. Da tifoso sono orgoglioso, esaltato».

Il suo personaggio del cuore?
«Senza dubbio Agostino. Il mio grande capitano. Se si poteva salvare? L'avevo sentito pochi giorni prima per una gara di beneficenza, non c'era nessun sentore. Gesto improvviso. Manca a tutti. Poi vorrei citare Aldo Maldera, il caballo, un uomo di una bontà ed eleganza infinite. Ho avuto vicino gente che insegnava la vita. Ho negli occhi pure il sorriso elegante di donna Viola».

Ma è vero che non andava d'accordo con Falcao.
«Ci hanno sempre messo contro. Ma avevo un ottimo rapporto con lui».

Il suo gioiello da talent scout?
«De Rossi. Si capiva subito che aveva un'altra marcia. Totti? E' stata un'intuizione di Gildo Giannini».

Lei ha il merito di aver portato Spalletti?
«Lo incontrammo di nascosto, eravamo innamorati della sua Udinese. Quella Roma è stata tra le più divertenti, e ha vinto. E ne sono orgoglioso».
di Alessandro Angeloni
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Formazione - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Mer. 28 lug 2021 
Roma, altro che amichevole: col Porto c'è anche una mega rissa
Mancini sblocca di testa a inizio ripresa su corner, poi un fallo di Pepe innesca 5' di grande nervosismo. I portoghesi pareggiano a due minuti dalla fine
AMICHEVOLE - Porto-Roma 1-1
Lunedì la Roma ha iniziato il ritiro in Portogallo - nella regione della Algarve...
 Mar. 27 lug 2021 
Pellegrini, capitan presente e il futuro blindato
Gli è venuta così. Un'esultanza sobria, istintiva, ma destinata a chi davvero aveva...
E Dzeko si riprese la Roma
Mourinho, volato ieri in Portogallo, se lo tiene stretto. Perché in giro, uno come...
 Lun. 26 lug 2021 
Zaniolo e Dzeko, la Roma va
La Roma ha ritrovato Zaniolo. La strada da fare è ancora lunga, ma il segnale più...
 Ven. 23 lug 2021 
Mou in difesa, l'attacco è in rodaggio
Per ricostruire la fase difensiva di una squadra - che nell'ultimo biennio ha subito...
 Mer. 21 lug 2021 
Triestina-Roma 0-1 - Le pagelle
La formazione del primo tempo Fuzato 6: non deve fare niente, come previsto....
L'ostruzionismo frena la revoca. Ma la Roma può ancora sperare
L'annuncio mattutino della Sindaca Raggi lascia ancora speranze alla Roma che deve...
 Dom. 18 lug 2021 
Amichevole, Roma-Ternana 2-0
Seconda vittoria in amchevole per la squadra di Mourinho. A segno Carles Perez e Kumbulla, nel secondo tempo il bosniaco ritrova la fascia dopo 184 giorni
USSI e FNSI contro la Roma: "Leso il diritto di cronaca"
"La Roma nega il diritto di cronaca. L'accesso alle fonti e il diritto al lavoro non vanno limitati"
Amichevole, Roma-Ternana dove vederla in TV: orario, canale e diretta streaming
Domenica 18 luglio, alle ore 18, nel centro sportivo di “Trigoria”, si affronteranno la Roma di Josè Mourinho e la Ternana di Cristiano Lucarelli, il match è valido come gara Amichevole.
 Mar. 13 lug 2021 
Roma, le amichevoli contro Montecatini e Ternana non saranno visibili in diretta
La Roma continua a lavorare sotto gli ordini di José Mourinho. Osservata una giornata...
 Dom. 11 lug 2021 
ITALIA CAMPIONE D'EUROPA!!!
Dopo soli due minuti segna Shaw, ma gli azzurri pareggiano con Bonucci al 67' e trionfano dopo i tiri dal dischetto. Mancini in lacrime, a Wembley la festa è tutta azzurra
 Mar. 06 lug 2021 
EURO 2020 - L'ITALIA E' IN FINALE: Spagna eliminata ai rigori
Nel secondo tempo la sblocca Chiesa, poi Morata entra e firma il pari. Dal dischetto gli azzurri conquistano la vittoria: domenica affronteranno la vincente tra Inghilterra e Danimarca
 Lun. 28 giu 2021 
Rui Patricio-Roma, l'accordo c'è. Resta la distanza con i Wolves
Il portiere, dopo l'eliminazione del Portogallo all'Europeo, pensa al futuro: il club giallorosso è una soluzione. Manca ancora, però, l'intesa con gli inglesi
 Mer. 16 giu 2021 
Baby a Bologna, De Rossi pensa già ai playoff
L'ultimo giro di giostra e poi inizia la corsa al titolo. La Primavera della Roma,...
 Mar. 15 giu 2021 
Xhaka si prepara all'Italia e alla Roma...da biondo
Il capitano elvetico sfoggia il suo nuovo look nell'allenamento al Tre Fontane in vista del match con gli azzurri di domani sera
 Sab. 12 giu 2021 
Stadio, tifosi: ecco il piano di Costanzo
Maurizio Costanzo è pronto a cominciare il suo lavoro nella nuova Roma di Dan e...
 Dom. 06 giu 2021 
Roma, 21 anni fa l'arrivo di Batistuta: la storia della firma e la presentazione
Il 6 giugno del 2000 sbarcava nella capitale il centravanti argentino: con lui il sogno scudetto diventò realtà
 Sab. 05 giu 2021 
Il Trastevere sogna in grande, vuole riportare Totti: la smentita del club
Il presidente Pier Luigi Betturri è convinto che possa ancora fare la differenza. E gli offrirebbe anche un ruolo da dirigente
 Ven. 04 giu 2021 
CALCIOMERCATO Roma, Cittadella interessato ad Antonucci
Dopo una stagione vissuta in prestito al Vitoria Setubal prima e alla Salernitana...
 Gio. 03 giu 2021 
Italia, Mancini: "Domani Pellegrini out, Spinazzola gioca. Per gli esclusi non è stato semplice"
Alla vigilia di Italia-Repubblica Ceca Roberto Mancini è intervenuto in conferenza...
Calciomercato Ufficiale, Simone Inzaghi è il nuovo allenatore dell'Inter
Il club nerazzurro ha ufficializzato il nuovo tecnico con un comunicato sul sito e sui social
 Mer. 02 giu 2021 
Roma Femminile, Bavagnoli lascia la panchina e diventa dirigente, Alessandro Spugna nuovo allenatore
Nel nuovo ruolo, Bavagnoli avrà la responsabilità di tutte le attività del calcio femminile del club giallorosso
Roma, presto la scelta del nuovo medico. Ieri corsi a Trigoria per i fisioterapisti
Il contratto del dottor Causarano non verrà rinnovato, i Friedkin vogliono trovare un nuovo responsabile del settore sanitario per scongiurare una nuova emergenza infortuni
 Lun. 31 mag 2021 
Europei, la Svizzera di Xhaka si allenerà a Trigoria
La Svizzera sarà la seconda rivale degli azzurri ad Euro 2020. Le due nazionali...
 Dom. 30 mag 2021 
FINALE COPPA ITALIA Femminile - Milan-Roma 0-0 (1-3 d.c.r.)
Atto conclusivo della Coppa Italia Femminile 2020/2021, che vede affrontarsi il...
 Sab. 29 mag 2021 
Calciomercato Roma, a centrocampo la rivoluzione di Mou
Parte dal centrocampo la rivoluzione di José Mourinho. È quello il reparto in cui...
 Gio. 27 mag 2021 
Roma, uno sceriffo per Mourinho: caccia al difensore leader
Per una volta, Mourinho parte avvantaggiato. Perché fare peggio dell'ultimo biennio,...
 Mar. 25 mag 2021 
Diritti d'archivio: i Friedkin in trattativa con Dazn
La Roma comincia ad adeguare la comunicazione alle novità in arrivo. La prima riguarda...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>