facebook twitter Feed RSS
Martedì - 22 giugno 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Pallotta, che rabbia quei tuoi rimpianti

Languori, carezze e ammissioni: soltanto cenere tossica su un amore mai nato
Mercoledì 07 aprile 2021
La confessione tardiva di James Pallotta ha qualcosa di surreale, di geniale e di perverso allo stesso tempo. Riapre in ogni caso una finestra sulla psiche certamente contorta del nostro personaggio. A farla da padrone sono i lampi luciferini, gli slanci e le repulsioni, più della razionalità. Tra il memoriale e il diario di bordo (o di guerra?) quello di James, rilasciato a "The Athletic", la rivista sportiva on line sua prediletta, è una tempesta a puntate, tra lo sfogo, il flusso di coscienza, la confessione spudorata e una dichiarazione di nostalgia feroce. Una resa dei conti. Nel senso del rendersi conto. «Mi rendo conto che quasi il 15% della mia vita è associato alla Roma... Mi rendo conto che la mia unica vera frustrazione è che alcune persone non hanno capito quanto amassi la Roma, quanto ho lavorato duramente per portarla al successo». Caro James, ci rendiamo conto più che altro di una cosa: nel tuo spartito c'è qualcosa che stona. Tempi sbagliati. Un "minimo" di asincronia.

Storia, dunque, che si aggiunge alle tante in letteratura del fallimento di un amore, di un amore quanto meno non corrisposto. Epistola, qua e là struggente in alcuni passaggi ma che, a sbirciare i social già sanguinari di loro, fa soprattutto incazzare la parte più sanguigna del tifoso, che di pollici versi ne hanno rovesciati a bizzeffe in nove anni di gestione bostoniana. Lo sfogo di Pallotta ricorda quello dell'innamorato che, dopo aver gettato la sua bella nelle braccia di un altro, comincia a riversare sull'amata, una volta perduta, "tutti i fiori che non ti ho dato", "tutte le parole che non ti ho detto" e "tutte le carezze che non ti ho dato". Languori tardivi, molto in voga anche nei funerali, sulla tomba del caro estinto, quando cioè è drammaticamente troppo vero che è drammaticamente troppo tardi. Fiori e parole tardive a cura dell'inconsolabile sposo, figlio, fratello o padre che sia. Torrenziali dichiarazioni d'amore che suonano come beffa alle orecchie della persona amata, viva, morta o agonizzante che sia, comunque perduta. La replica, a quel punto, sarebbe solo una, nello stile molto penetrante di James: «Brutto idiota, potevi pensarci prima a farmelo capire che eri così fottutamente romanista!».

Ci sono anche pagine strazianti, dove l'impulso è rialzare il pollice e stendere una mano solidale sulla nuca di James, come quando racconta dello stadio: «80 milioni buttati per avere nulla in cambio». Uno stadio più volte abortito. Il suo aver dovuto navigare, come il capitano Benjamin Willard di Apocalypse Now, nella palude infetta della burocrazia romana e delle sue faide, senza nemmeno poter realizzare alla fine di tanto calvario la missione che il Pallotta sicario avrebbe dovuto compiere su mandato dei suoi soci finanziatori. «Faceva male non avere uno stadio nuovo. Era necessario per restare stabilmente tra le prime dieci squadre al mondo.

Avevamo un sacco di grandi sponsor in attesa, la Coca Cola era uno di questi». Confidenze che entrano come pugnali nel costato del tifoso romanista, costretto a girarsi tra le mani i brandelli dell'ennesimo sogno infranto. «Non solo una casa per le partite della Roma, ma un polo d'intrattenimento che avrebbe portato a ricavi da 100 milioni l'anno nelle casse del club». Rimpianti che arrivano all'estremo, di quanto cioè può spingersi nel delirio lo script dello show americano, inclusi matrimoni, concerti (citati i Rolling Stones, a cui forse non sarebbero bastati i 100 camion e l'immortalità acquisita per arrivare a esibirsi nel nuovo stadio della Roma) e funerali. «Siamo arrivati al punto di pensare di metterci un impianto di cremazione o un cimitero per i tifosi che vogliono che le loro ceneri siano sparse sul campo».

Deliri a parte, onesta e persino masochistica l'ammissione dei tanti errori. La scelta di Monchi un chiodo fisso, uno dei peggiori sulla croce della sua storia romanista. Che parte con una rivelazione che non stupisce più di tanto. «All'inizio non conoscevo il calcio, guardavo le partite e non capivo perché venivano annullati i gol per fuorigioco...». L'accordo con la Nike e la delusione. «Mi aveva promesso che ci avrebbe trattato come il Barcellona. Se sei un idiota come me, credi che lo faranno davvero». L'addio di Totti e poi quello di De Rossi. Due lutti enormi per il tifoso romanista, anche questi finiti sul libro nero di Pallotta, ormai definitivamente Calimero. «La prima idea di Francesco era di allenare. Gli abbiamo portato chi poteva insegnargli, ma lui ha deciso abbastanza rapidamente che non faceva per lui...». Il fallimentare tentativo di coinvolgerlo prima come dirigente («... hai un contratto molto soddisfacente, ti dovresti solo abituare a uno stile di vita leggermente diverso») e poi nella ricerca di nuovi talenti («vi immaginate un ragazzo di 14 anni che si vede arrivare a casa una leggenda come Francesco? Tutto inutile, Francesco voleva solo una cosa, continuare a giocare»). Impeti che lo hanno spesso spinto a buttarsi là dove non era il caso di farlo, con risvolti fantozziani, incluse piscine di Trigoria e fontane di Roma. «La prima volta che sono andato a Trigoria ho radunato tutti e mi sono buttato all'indietro in piscina, senza sapere che non fosse riscaldata. Era il mio modo per far capire che le cose con me sarebbero cambiate».

Zero titoli non ha certo aiutato, ma il capitolo dell'odio, definitivo, arriva da altro, l'incontinenza fumantina di Pallotta. Tanti passaggi critici e poi, lo shock, la frattura insanabile. Lo striscione della Sud contro la madre di Ciro Esposito e i "fucking idiots", i fottuti idioti. Da lì in poi non sarebbero bastate tonnellate di ramoscelli d'ulivo, né acquisti eclatanti, coppe o scudetti. Niente di niente. Il destino di Pallotta a Roma era segnato. «... A livello personale posso prendermi gli insulti e restituire. Se vuoi picchiarmi, provaci e fai del tuo meglio. Quando hanno iniziato a chiamare le mie sorelle "puttane" e mia madre "maiale", allora è stato davvero troppo...».

La verità è che non è mai stata una storia d'amore tra l'Americano con la faccia da lupo e i Lupi con la voglia dell'americano. Anche quando, da Boston, le dichiarazioni d'amore, non richieste, impollinavano la città. Convivere era diventata una condanna. Necessario recidere un cordone diventato malsano. Attaccato al suo tram che si chiama desiderio, se desiderio è sempre di ciò che ci manca (guardatevi il magnifico etimo della parola), James Pallotta ha cominciato a desiderare "fottutamente" la Roma da quando gli manca. Così sembra. Diffondere oggi il sospetto che sarebbe stato un grande presidente (io l'ho avuto a lungo) è solo una superflua crudeltà. Altra cenere tossica su questa infelice, magnifica piazza. A rimetterci, come sempre, è il tifoso romanista, passato dall'assenza verbosa di Pallotta alla presenza silente dei Friedkin. Mai un americano semplice, lineare, stile vecchia frontiera. Per il resto, la storia di Pallotta alla Roma, una gigantesca, fottuta occasione perduta.
di Giancarlo Dotto
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Totti - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Lun. 21 giu 2021 
Pellegrini, il suo rinnovo ha un doppio valore
Come Totti e De Rossi prima di lui, anche Pellegrini è finito al centro dell'attenzione...
 Dom. 20 giu 2021 
Totti e Ilary Blasi, anniversario in una location da favola
L'ex capitano della Roma ha festeggiato l'anniversario di matrimonio con Ilary Blasi: cena suggestiva insieme ai figli
 Ven. 18 giu 2021 
Del Vecchio: "Con Mourinho, torniamo a sognare venti anni dopo"
Venti anni dopo, e siamo ancora qua. «Un po' più vecchi, ma sempre giovani». Marco...
Maksimovic finisce nel mirino di Pinto
Spinazzola, c'è il Real
 Gio. 17 giu 2021 
Fienga: "Mourinho? Ci insegnerà a vincere. Totti? Non torna"
Il CEO giallorosso: "Vogliamo costruire lo stadio vicino ai tifosi, deve servire tutta la settimana"
Scudetto del 2001, Totti: "L'emozione è indescrivibile, viverlo con voi è stato ancora più bello"
Oggi, vent'anni fa, la Roma vinceva il terzo scudetto. Un'annata straordinaria quella...
Roma, il ventennale Capello: "Lo scudetto più difficile della mia carriera"
La Roma del terzo scudetto festeggia il ventennale. Fabio Capello, oggi apprezzato...
Roma, il ventennale. La lunga cavalcata nel segno di Batigol
In 13 mila nella curva Sud dell'Olimpico per lanciare subito la sfida alla Lazio...
Rosella Sensi: "Vedo ancora gli occhi di mio padre pieni di amore per noi e la sua gente"
Anniversario ingombrante. E magico. «Sono tanti vent'anni. Sinceramente troppi per...
 Mer. 16 giu 2021 
Candela e Cafu, lo scudetto 20 anni dopo: "Quel giorno a Roma scoprimmo il paradiso"
Marcos Cafu e Vincent Candela. Uno sempre sorridente, l'altro guascone. Uno a destra,...
 Mar. 15 giu 2021 
Capello e quel tricolore: "La Roma 2001 sarebbe da scudetto anche 20 anni dopo. Ora punto su Mou"
Fabio Capello, allenatore della Roma nell'anno dell'ultimo scudetto vinto dai giallorossi,...
 Dom. 13 giu 2021 
Totti: "Prima o poi qualcuno prenderà la 10 della Roma"
A Mosca Francesco Totti, ex capitano e dirigente della Roma, è stato intervistato:...
 Sab. 12 giu 2021 
Totti: "Sono orgoglioso di quello che ho fatto con la Roma, un sogno giocare con un'unica maglia"
L'ex capitano della Roma Francesco Totti ha rilasciato una speciale a Robinson,...
Belotti parla già da romanista
Difficile che abbia parlato a caso. L'idolo? Totti. Gli amici in nazionale? Pellegrini...
 Ven. 11 giu 2021 
EURO 2020, Turchia-Italia 0-3, Le Pagelle
Le pagelle dell'Italia - Spinazzola alla Grosso. Berardi-Immobile-Insigne: che meraviglia!
Totti all'Olimpico quattro anni dopo. I tifosi: "Quanto ci manchi"
Aveva partecipato all'addio di De Rossi ma da bordocampo, nell'inaugurazione è tornato sul campo che per oltre venticinque anni è stato la sua casa
Europei, gran cerimonia d'apertura con Totti, Nesta e Bocelli
All'Olimpico questa sera lo spettacolo inizierà prima del fischio d'inizio del match inaugurale Turchia-Italia
Costanzo: "Roma, con Mou ci annuseremo. E chiamerò Totti"
La Roma ha scelto Maurizio Costanzo come advisor per le strategie di comunicazione...
 Gio. 10 giu 2021 
Calciomercato Roma, i tifosi divisi sull'addio di Pellegrini: "Non ci sono più i Totti e i De Rossi"
Il Barcellona ha presentato un'offerta a Tiago Pinto, i tifosi: "Delusi, ma non ci strappiamo i capelli in caso di cessione"
La Roma vuole Maurizio Costanzo come consulente
Dopo Mou, Mau. In questo caso, però, non è Maurizio Sarri, ma Maurizio Costanzo....
 Mar. 08 giu 2021 
Euro 2020, Totti e Nesta daranno il calcio d'avvio alla cerimonia di apertura
I due ex giocatori saranno protagonisti il prossimo 11 giugno prima deella sfida tra Italia e Turchia
Totti in Olanda, lo sfottò continua: "scuse o cucchiaio?" (VIDEO)
L'ex numero 10 della Roma ha accettato l'invito di De Boer ed è andato ad Amsterdam
 Lun. 07 giu 2021 
Ilary Blasi tra le capre, Spalletti e Mou: "Se viene lui o Peppino Di Capri per me è la stessa cosa"
Alla vigilia della finale dell’Isola dei Famosi la conduttrice e moglie di Totti si racconta “Fq Magazine”: "Di calcio non capisco niente, già lo seguivo poco quando giocava Francesco, ora poi..."
 Sab. 05 giu 2021 
Lazio, Nesta: "Volevo portare Totti a Miami. Mio figlio tifa..."
L’ex capitano biancoceleste ha raccontato qualche aneddoto della sua vita calcistica e non solo: “Con Francesco non potevamo uscire”
Il Trastevere sogna in grande, vuole riportare Totti: la smentita del club
Il presidente Pier Luigi Betturri è convinto che possa ancora fare la differenza. E gli offrirebbe anche un ruolo da dirigente
 Lun. 31 mag 2021 
Balbo: "Che colpo Mou, ora i Friedkin faranno una grande Roma"
Tra i numeri nove che hanno segnato la storia della Roma c'è senza dubbio Abel Eduardo...
 Dom. 30 mag 2021 
Calciomercato Roma, da Florenzi a Kluivert, il futuro degli esuberi
La lista ha iniziato a sfoltirsi, ma resta lunga. Tra chi torna e chi resta, per l'ex capitano c'è l'ipotesi Inter
 Sab. 29 mag 2021 
Calciomercato Roma, il messaggio polemico di Juan Jesus: "Presto la verità"
Il brasiliano irritato per come è andata a finire col club giallorosso: "Neanche un secondo in campo nella mia ultima partita. Non ho mai detto niente per il bene del gruppo"
Coppa Italia, domani la finale: la Femminile può fare la storia
La Roma femminile ha due giorni per entrare nella storia. Oggi a Sassuolo il primo...
 Ven. 28 mag 2021 
Totti, quattro anni fa l'ultima partita: "Un giorno che non dimenticherò mai"
Il 28 maggio 2017 l'ex capitano della Roma giocava la sua ultima partita all'Olimpico: "Venticinque anni passati insieme"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>