facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 16 giugno 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

PALLOTTA: "Mi sono fottuto da solo su Monchi, lui non sapeva chi fosse Zaniolo"

"Zaniolo lo abbiamo acquistato per merito di Baldini. Totti voleva allenare, ma ha desistito quasi subito"
Lunedì 05 aprile 2021
James Pallotta, ex presidente della Roma, è stato intervistato da The Athletic. Queste uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Sull'accordo con la Nike.
"Ci hanno detto che ci avrebbero trattato come il Barcellona, e se sei un idiota come me ci credi. Ma non fu così".

Sullo stadio.
"Avevamo molti grandi sponsor in attesa. Coca-Cola era uno di questi. Andai ad Atlanta. Avevamo una grande formazione di sponsor che volevano essere coinvolti. Fa male non avere lo stadio. Stavamo parlando dei naming rights per 15-20 milioni di euro. Ho ricevuto un centinaio di mail di persone che mi dicevano che non vedevano l'ora di vedere lo stadio costruito, che volevano sposarsi lì. Siamo arrivati al punto di ipotizzare di metterci anche una struttura per cremare, o un cimitero per le ceneri delle persone che volevano fossero sparse sul campo. Sarebbe stata la struttura più utilizzata nell'Europa del Sud. L'Olimpico non funziona per i concerti. Se vengono gli U2 - e hanno già suonato lì - o i Rolling Stones, il costo è proibitivo perché gli Stones verrebbero con 100 e più camion per il loro tour e non c'è modo di posizionarli allo stadio. Resterebbero fuori e tutto andrebbe collegato. Non ha senso. Non avremmo fatto pazzie per prezzi dei biglietti del nuovo stadio. Avremmo avuto box privati e cose del genere. Sapevamo di avere una enorme opportunità di generare ricavi e francamente sarebbero stati iniettati nella squadra".

Sui media a Roma.
"La mia frustrazione è che i tifosi ricevevano messaggi misti da radio e giornali, che erano semplicemente falsi. Dicevano che volessi costruire lo stadio per fare soldi per me stesso. Avevamo strutturato la holding per avere la squadra da una parte e lo stadio dall'altra, dovevamo farlo per evitare una possibile bancarotta nel caso fosse successo qualcosa. Tutto quello che abbiamo fatto per lo stadio sarebbe stato un benefit per la squadra, al 100%. Avrei potuto passare le mie giornate a smentire la m***a che usciva, praticamente tutti i giorni".

Sul caso Ciro Esposito.
"Feci un'intervista e dissi che avrei voluto che fosse tradotta perfettamente, perché so che a volte ci sono problemi con le traduzioni. Dissi che c'era un piccolo gruppo di fucking idiots - queste esatte parole - che danneggiavano tutti i tifosi della Roma e che era una cosa triste. E questo fu il caso".

Sul ritiro di Totti.
"È stato a Roma per 30 anni. Ogni giorno si alzava e andava a Trigoria. Accettammo di onorare l'impegno della proprietà precedente con un contratto da 6 anni come dirigente. Ebbi una discussione con lui, chiedendogli cosa avrebbe voluto fare nella vita dopo il ritiro. Rispondere era difficile per la Roma e lo era per lui. Una delle voci del suo biopic dice che non ci poteva credere e che avrebbe preferito pensare al passato piuttosto che al futuro".

Su Monchi.
"Ci incontrammo a Londra diverse volte. Il primo incontro fu con Franco Baldini: nella sua shortlist Monchi non c'era. Mi prendo tutta la colpa di essermi fottuto da solo. Ünder e Kolarov sono stati buoni acquisti, ma ci sono stati errori costosi. Io ero un buon trader perché facevo le cose con la mia testa, anche se i miei analisti dicevano qualcosa di diverso. Ho commesso alcuni errori ma l'obiettivo è fare bene più di quanto fai male. Ma dovevo fidarmi. Sono rimasto a guardare e fu un errore. Non accettava aiuti esterni, dopo un mese era chiarissimo. Sentiva di dover dimostrare che era Monchi, che non avrebbe ascoltato nessuno o considerato i nostri dati. Niente. Zero. L'altro errore che ho fatto è che, beh, avrei dovuto realizzare che si chiama da solo Monchi... è come chiamarsi da soli Madonna. Doveva essere un allarme. Piano B? Non puoi avere un piano B se non hai un piano A. E non penso che avesse un piano A".

Su Zaniolo.
"100% merito di Baldini. Franco chiamò l'Inter e disse loro che non avremmo ceduto Nainggolan se non in cambio di Zaniolo. Monchi chiese chi fosse".

Sull'addio di De Rossi.
"Cosa dovevo fare? Che c***o dovevo fare? Non avevo alcun vantaggio dal vedere ritirare due delle più importanti superstar di ogni tempo. Con lui e Totti abbiamo fatto quello che pensavamo fosse giusto per la squadra".

Su quello che Totti voleva fare dopo il ritiro.
"Totti voleva allenare. Gli dissi che doveva capire che per allenare non solo doveva studiare, ma farlo per 80 ore a settimana e che non capivo perché volesse fare quello. E allora gli abbiamo portato insegnanti e piuttosto rapidamente decise che allenare non fosse la cosa per lui. Gli dissi che aveva un bello stile di vita e che il contratto di 6 anni da dirigente, che per molte persone era un ottimo contratto per molti soldi, lo avrebbe abituato a uno stile di vita leggermente diverso. E abbiamo parlato di coinvolgerlo nel marketing e nello staff degli sponsor, in modo tale che avrebbe potuto aiutare a chiudere certi affari. Da possibile direttore tecnico aveva degli input, e noi veramente volevamo che ne avesse anche di più. Lo abbiamo invitato numerose volte a Boston per le riunioni, a Nantucket, a Londra".

Sugli attacchi ricevuti.
"Dal mio punto di vista, puoi volere attaccarmi. Ma quando cominci a chiamare pu***ne le mie sorelle, maiale mia madre e attaccare il loro ristorante e cose del genere, si va oltre. Non fa più per me. Quello era attaccare la mia famiglia e non era un solo tweet, è stato costante".

Sulla poca presenza a Roma.
"Qualcuno pensa che solo perché non ero allo stadio ogni settimana o a vedere gli allenamenti tutti i giorni non stessi lavorando per la Roma. Penso che se chiedi ai dirigenti che lavoravano per me, molti desideravano che mettessi meno le mani, ma non è una cosa per me. Mi chiedevo perché dovessi andare lì e sentire questa m***a? Non è piacevole. C'è stato un periodo in cui mi sono chiesto perché lo facessi. Ora rifletto sul mio periodo nel club e interagisco con i tifosi su Twitter. Una delle mie frustrazioni è che alcune persone non realizzano quanto io abbia amato la Roma, quanto duro abbia lavorato per portarla al successo e quanto tempo abbia speso per far funzionare le cose".
COMMENTI
Area Utente
Login

Mercato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Sab. 05 giu 2021 
Calciomercato Roma, il problema n.1 può risolverlo Lloris
C'è un problema numero alla Roma. Non il primo dei problemi, ma ancora non è stato...
Calciomercato Roma, per arrivare a Xhaka la chiave è Ünder
Il calciatore turco può essere l'uomo giusto per convincere l'Arsenal ad abbassare il prezzo del centrocampista svizzero, tanto voluto da Mourinho
Calciomercato Roma, le mosse per l'attacco: c'è Daka oltre a Belotti
Il centravanti del Torino è in pole. Lo zambiano del Salisburgo sarebbe complementare a Dzeko
 Ven. 04 giu 2021 
Tancredi: "Per giocare a Roma un portiere deve avere personalità e carisma"
L'ex portiere della Roma Franco Tancredi: Che qualità deve avere un portiere per...
CALCIOMERCATO Roma, Cittadella interessato ad Antonucci
Dopo una stagione vissuta in prestito al Vitoria Setubal prima e alla Salernitana...
Mancini, presto il rinnovo con la Roma. L'agente: "Lo ha chiamato Mourinho"
Il difensore centrale sta smaltendo al mare con la famiglia la delusione per l'esclusione dall'Europeo. La Roma è pronto a blindarlo
Calciomercato Roma, idea Nandez. Ma il Cagliari chiede 36 milioni
La clausola di rescissione è troppo alta per i giallorossi, che vorrebbero uno sconto. Xhaka resta il primo obiettivo. Villar intende restare, Mou gli darà una chance prima di decidere
Boateng cerca squadra: "Idee chiare per il futuro, sono ancora al massimo"
Il difensore tedesco ha rilasciato alcune dichiarazioni sull'immediato futuro lontano dal Bayern: "Sto bene, posso giocare ai massimi livelli per 2-3 anni"
CALCIOMERCATO Roma, l'Everton non riscatterà Olsen: tornerà in giallorosso
L'Everton, dopo l'addio di Ancelotti suo estimatore, non riscatterà Robin Olsen...
Mou ostaggio della rosa
Ventisei giocatori a libro paga, altri sedici di rientro dai prestiti, senza contare...
Via vai Florenzi: c'è l'idea Juve per arrivare a Szczesny
Mentre Florenzi è pronto ad iniziare il suo Europeo con l'Italia, il suo agente...
Il giro di Edin aspettando la Roma
Sarajevo, Dubai, Marmaris e infine Dubrovnik. Sono tutte le mete dell'estate itinerante...
Ibrahimovic su Mourinho: "Lui alla Roma è una bella sfida"
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, è stato intervistato ed ha parlato dell'arrivo...
Quattro baby alla corte di Mourinho
La nuova Roma di Mourinho sarà una squadra competitiva, sostenibile e con l'innesto...
Nuovo scout per il mercato sudamericano
Dopo Alisson il nulla. L'ultimo acquisto della Roma dal Sud-America è stato quello...
Calciomercato Roma, chi farà la squadra per Mourinho? La sfida è tra Mendes e Raiola
Il silenzio apparente che avvolge il mercato della Roma si sposa con quanto sta...
Calciomercato Roma, piace Daka del Salisburgo
La Roma sta cercando un attaccante titolare da affiancare al duo Dzeko-Mayoral....
 Gio. 03 giu 2021 
Calciomercato Roma, dai rigori ai viaggi: i segreti di Koopmeiners
Il centrocampista dell'Az Alkmaar è seguito attentamente da Tiago Pinto: in questa stagione da mediano ha realizzato 17 gol, adesso lui vuole una nuova avventura all'estero
Villar, Darboe e non solo: il futuro della Roma passa (anche) dai giovani
Il club nell'ultima stagione ha valorizzato tanti ragazzi, provenienti soprattutto dal settore giovanile come Calafiori. Mourinho valuterà su chi puntare e chi far maturare altrove
Koopmeiners, indizio social: Roma vicina?
Un compagno di squadra del centrocampista olandese ha acceso l'entusiasmo dei tifosi giallorossi: scopri perché
Calciomercato Roma, Bianda torna a Trigoria: niente riscatto dello Zulte Waregem
Un'altra grana per Tiago Pinto. Bianda, il difensore francese acquistato nel 2018...
Nasce la Roma di Mourinho: tutti gli obiettivi, le partenze e le sorprese sul mercato
La Roma di Mourinho: obiettivi, partenze e sorprese
Calciomercato, Quaison è in scadenza col Mainz: contatti con Roma e Fiorentina
Robin Quaison e un futuro ancora tutto da scrivere. In scadenza di contratto...
CALCIOMERCATO, l'agente di Ünder incontra il Milan
E' presente nella sede del Milan Fali Ramadani, procuratore, tra gli altri, di Cengiz...
Calciomercato Ufficiale, Simone Inzaghi è il nuovo allenatore dell'Inter
Il club nerazzurro ha ufficializzato il nuovo tecnico con un comunicato sul sito e sui social
Mou, chi l'ha visto? Un mese dopo di lui a Roma nessuna traccia. Ecco perché...
Detto che ogni giorno il portoghese viene avvistato un po’ ovunque, ecco i motivi per cui lo Special One non si è ancora palesato nella Capitale...
Calciomercato Roma, uno slovacco tra i pali: il talento Lukac in prova a Trigoria
Il portiere 2005 sosterrà un provino nel centro sportivo giallorosso: arriva dalle giovanili del Dunajská Streda
"Roma, corsa a due per Kluivert. lo vogliono Lipsia e Marsiglia"
L'attaccante olandese interessa ai due club: Tiago Pinto vuole 15 milioni per lasciarlo andare
Italia, da Donnarumma a Florenzi: tutti gli azzurri sul mercato
A poco più di una settimana dall’Europeo uomini chiave della Nazionale temono o sperano di cambiare maglia in vista della prossima stagione
Roma, il programma dell'estate: previste amichevoli con Benfica, Bayern Monaco ed un'altra big
I Friedkin, Tiago Pinto e José Mourinho pianificano la Roma del futuro. Aspettando...
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>