facebook twitter Feed RSS
Sabato - 15 maggio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Musso: "Essere accostato alla Roma mi fa piacere e mi motiva molto. Il salto arriverà quando..."

"Il salto arriverà quando sarà necessario"
Lunedì 15 febbraio 2021
Juan Musso è stato recentemente accostato alla Roma. Il portiere dell'Udinese ha rilasciato un'intervista al quotidiano Olè. Tra i temi trattati l'interessamento della Roma, il momento di forma e la Nazionale. Queste le parole:

A proposito dello stato di forma..
"Questo è il momento più bello della mia carriera, ma ho degli obiettivi importanti. Sto arrivando al mio quarto anno in Serie A, contando anche l'Argentina. Mi sento rafforzato, ogni giorno imparo a conoscere meglio la posizione e il campionato italiano, uno dei più importanti. E come persona sono molto più maturo."

Che cosa ti ha portato a questa consapevolezza?
"Non mi sentirò mai completo; pensare che non si possa migliorare sarebbe un errore. Ho molta autostima e fiducia in me stesso. Questo mi fa amare questo sport, allenarmi al cento per cento e affrontare ogni partita come una finale. Non devo perdere la mentalità di voler migliorare. È un modo di guardare alla mia carriera e alla mia vita. Guardando sempre avanti, sapendo che tante cose sono state fatte bene e che c'è sempre spazio per crescere."

C'è stata una partita o una sequenza di partite che ha segnato la tua svolta positiva in Italia?
"Più che una partita, un periodo. Nel mio primo campionato qui ho giocato molto bene. In casa ce n'è stata una contro il Milan, molto completa sotto tutti i punti di vista. Dopo quella partita ho seguito la strada, insieme al mio allenatore dei portieri. Con lui (Alex Brunner) abbiamo fatto due chiacchiere e mi ha fatto vedere qualcosa che sentivo."

Cosa ti è successo?
"Ne parliamo in modo molto frontale. Mi ha chiesto che tipo di portiere volevo essere. Ha visto che avevo le condizioni per salvare al club che volevo, senza porsi limiti. Mi ha detto che, per quello, dovevo dimostrare lo stesso livello ogni domenica, al di là di uno più o di uno meno. Abbiamo parlato di trovare la giusta mentalità per ogni gioco. Soprattutto nella concentrazione."

È stato difficile per te sotto quell'aspetto?
"Sì. Ma ho imparato a essere sempre concentrato, su tutto il gioco. Nel mio primo campionato qui ho capito che: che dovevo cambiarlo. Ho cliccato sulla mia concentrazione a 90 o 95 minuti."

In quali situazioni ti sei deconcentrato, per esempio?
"In qualsiasi momento. È molto facile perdere la concentrazione, soprattutto quando sei in una squadra che non arriva così tanto. All'inizio era un'altra cosa: l'Udinese era una squadra in allenamento e venivano da me molto. Lì è stato obbligato a stare attento, anche se lì ha trascorso 15 minuti senza toccare la palla. Questa è la parte più difficile del portiere: in quattro partite possono raggiungerti due o tre volte, come mi sta succedendo adesso, e devo essere coinvolto per rispondere. È difficile rimanere senza azione per molto tempo."

Quando l'allenatore al tuo posto ti ha chiesto che portiere volevi essere, cosa hai risposto?
"Gli ho detto che volevo essere il miglior portiere possibile. E lì gli ho chiesto cosa pensava che mi mancasse per raggiungere il massimo. So di essere in un club di serie A e che, logicamente, il salto può arrivare se fai bene le cose tutte le domeniche ... Ma per questo devi faticare. Tutti gli arcieri hanno le condizioni e noi siamo qui per un motivo. La differenza la fa la regolarità, che è ciò per cui lavoro oggi."

Ti senti riconosciuto in Italia?
"Sì, mi sento ben visto e apprezzato. Non leggo tanto, ma molti vedono la regolarità che ho raggiunto e costruito in questi anni."

Nel mercato passato si parlava molto di club che ti volevano bene, compresa Inter o Roma, e non è successo. Ti ha frustrato?
"No, ferma tutto. Era qualcosa che mi piaceva, mi ha motivato molto perché significava che sto facendo qualcosa di buono. Sapevo che il portiere dell'Inter aveva ancora due anni di contratto (Handanovic), e forse quell'investimento si poteva fare in un altro momento. Ho sentito anche della Roma ... Ma tutto questo mi ha influenzato solo positivamente. Quel salto arriverà quando sarà necessario. Sono sicuro ... è quello che voglio. Voglio giocare in una squadra abituata a stare in Champions, che ha motivi per lottare per il titolo. Questo è ciò a cui aspiro. Se deve accadere, arriverà al momento giusto."

Sembri convinto che questo passaggio arriverà ...
"Si certo. Senza quell'illusione sarebbe molto difficile per me andare avanti. Uno ha bisogno di quel tipo di obiettivi, traguardi ... Come la squadra nazionale e avere una posizione lì. Questo per me è fondamentale. Ma non significa che sono ansioso. Le cose, molte volte, accadono quando meno te le aspetti. In Racing ho lavorato a lungo per essere il portiere titolare, ed è successo quando meno me lo aspettavo: quando hanno portato Agustín (Orion). Non si sa mai."

Hai appena parlato di Racing. Da quel Musso a questo quanto sei cambiato?
"Uno sta diventando più consapevole dei pericoli di un gioco che può sembrarti tranquillo, e un altro che può sembrare difficile e poi non è stato poi così male. Il portiere fa i gol, le partite. Cerco di non sbagliarmi due volte sulla stessa cosa. Il mio primo anno nelle corse, in una squadra gigante in Argentina ... Non ti aspettano. Quando entri, le persone si aspettano che tu sia migliore di come eri. Questo è stato il mio processo in Racing. Non c'è rimpianto per niente. È stato un anno che mi ha insegnato molto, mi ha segnato e ha dato le linee guida su che tipo di portiere voglio essere."

Quali portieri ti piacciono?
"Dall'Europa, quelli che mi piacciono di più con Oblak (Atlético Madrid), Neuer (Bayern Monaco), Ter Stegen (Barcellona) ... Sono completi, affidabili, regolari. È pieno di bravi arcieri. E in Serie A tutte e 20 le squadre hanno un buon portiere. Mi aiuta a tirar fuori qualcosa da loro, ma cerco sempre di essere fedele al mio stile, senza imitare nessuno. È molto difficile trovare due portieri simili."

Nella tua ultima chiamata nella Nazionale ti sei rotto un menisco. Cosa ricordi di questo?
"Allora ho avuto un po ‘di paura perché il mio ginocchio era molto gonfio e non sapevano cosa fosse. Più tardi, quando ho visto la risonanza magnetica e c'era la possibilità che mi sarei ripreso in pochi giorni, mi sono calmato. Ero stato in tutte le citazioni e questo mi spinge a dare il massimo. Non penso solo a quello che faccio all'Udinese: voglio essere portiere e titolare della Nazionale. Per questo, devo essere all'altezza del compito in ogni partita."

Dici di voler diventare il portiere della nazionale. Quanto vedi dalla proprietà?
"Non lo vedo né lontano né vicino. È un sogno da quando ero bambino. È stato il mio turno per l'Under 15. Per me la Nazionale è la migliore. È più alto di qualsiasi club, di qualsiasi altra cosa."

Pensi di aver meritato di essere il capo della Nazionale?
"Ho fatto i miei meriti, così come quelli che vanno. Essere tra quelli citati per fermarne uno è già tanto e vado con la più grande felicità del mondo. È una bellissima competizione che può solo generare cose buone per te."

Ti vedi in Copa América?
"Sono emozionato. Anche perché abbiamo una squadra che lavora sempre meglio e, ovviamente, sarà candidata a vincerla. Sono rimotivato e mi sento come se avessi la possibilità di andare."

E poi il Mondiale ...
"Mi manca molto e nel calcio tutto può cambiare in sei mesi, immagina in due anni. Ho sempre quel pensiero nell'angolo della testa, quel desiderio di essere. Lo staff tecnico guarda tutti. E lo so: fanno spettacoli per te. In quel senso sono calmo perché dipenderà dal livello che ho. E sono convinto che lo farà."

E come definiresti Juan Musso come portiere?
"Un portiere che si assume responsabilità e rischi ... che cerca sempre la soluzione migliore per ogni gioco. Con il potere, mi sento molto bene fisicamente. Questi sono i miei punti di forza."

Quali sono i tuoi sogni?
"Vinci una Champions League e una Coppa del Mondo."
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Ven. 14 mag 2021 
I club di A chiederanno il taglio di due mesi di stipendio ai giocatori
L'assemblea di Lega ha votato all'unanimità la proposta avanzata dall'Inter e che verrà presentata al Consiglio Federale di lunedì
Roma-Lazio, terminati i ticket. All'Olimpico sarà sold out virtuale
"Tutto esaurito" allo stadio Olimpico grazie all'iniziativa "Inside the Derby". La società giallorossa ringrazia i propri sostenitori
Olimpiadi: Ibanez e Luiz Felipe convocati dal Brasile
I difensori di Roma e Lazio, domani impegnati nel derby della capitale, saranno a Tokyo con la nazionale verdeoro
Roma, febbre da Mourinho: nasce anche una via per lo "Special One!"
Pino, grande tifoso giallorosso, ha voluto dedicare una via al portoghese: ecco la nuova strada per José
SNEIJDER: "Mourinho è unico, un valore aggiunto per la Roma"
Tra i protagonisti del triplete dell'Inter nel 2010 spicca sicuramente Wesley Sneijder....
Roma-Lazio, è derby anche tra Dzeko e Immobile
Le quote, 1,95 contro 2,40, vedono avanti il biancoceleste ad un solo gol di distanza dal record di Piola nelle stracittadine
PRIMAVERA 1 - Torino-Roma 2-3
Nella 23ª giornata della Prima Fase - Girone Unico "all'italiana" del Campionato...
Roma-Lazio, Le Probabili Formazioni
37ªGiornata di Serie A
TEMPESTILLI: "Tornerei alla Roma senza Fienga e altri personaggi squallidi"
Antonio Tempestilli, ex giocatore, della Roma, ha parlato ai microfoni di Non è...
FONSECA: "Nel derby serve equilibrio, lascio con orgoglio"
ROMA-LAZIO, LA CONFERENZA STAMPA DI PAULO FONSECA: “Difesa contro Inter? Non abbiamo reagito bene quando abbiamo perso la palla”
INZAGHI: "Domani sfida particolare e sentita. I ragazzi devono mettere umiltà e determinazione"
ROMA-LAZIO, LA CONFERENZA STAMPA DI SIMONE INZAGHI: "Il derby che ricordo con più piacere da giocatore è quello vinto 2-1, anno dello scudetto. Mourinho valore aggiunto per la Roma”
COMISSO: "Devo imparare dai Friedkin? Ma che hanno fatto alla Roma? Peggio dell'anno prima"
Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, è intervenuto in conferenza stampa...
Designazioni arbitrali 37ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 18ª Giornata di ritorno
Roma, campo intitolato ad Amadei. E il nipote scoppia a piangere vicino a Dzeko
Presenti all'inaugurazione il general manager Tiago Pinto, Edin Dzeko e la famiglia dello storico giocatore giallorosso
Zaniolo torna con Mourinho. Niente Europeo, resta con la Primavera
Club e giocatore hanno deciso di non correre rischi: recupero più lungo e ritorno in campo con lo Special One. Per ora continua a lavorare con i ragazzi di De Rossi, aspettando il consulto con il prof. Fink
Mancini-Acerbi: i leader delle retrovie anche in chiave azzurra
Francesco Acerbi e Gianluca Mancini sono stati a lungo in contrapposizione durante...
La Primavera oggi con il Torino non può sbagliare
La Roma apre la ventitreesima giornata del campionato Primavera 1 (ore 15, diretta...
Roma, il derby degli addii: Fonseca a secco di vittorie
Poco ma sicuro, quello di domani sera sarà l'ultimo derby per Paulo Fonseca. Fin...
Derby, Karsdorp-Lazzari: si gioca tutto sugli sprint
Manca ormai poco al derby tra Roma e Lazio, che andrà in scena domani alle 20.45...
Derby, bonifica intorno all'Olimpico: possibili cortei verso lo stadio
"Basta baci e abbracci - recita la scritta -, sabato piamoli a carci". È questo...
Borja o Dzeko? Il duello che non finisce
Sorprese in vista, possibilità nuove. Paulo Fonseca ha incassato con il consueto...
Blitz dei Friedkin da Mourinho: la Roma riflette su Mkhitaryan e Dzeko
I Friedkin volano a Londra dal proprio allenatore per cercare di accelerare i tempi...
Aldair: "Mourinho viene a Roma per vincere"
I tifosi della Roma sono tornati a sognare dopo l'annuncio di Mourinho, sperano...
 Gio. 13 mag 2021 
Derby con vista sull'Europa: Inzaghi ne ha vinti 7 su 24, Fonseca nessuno. Ma come pesa questo...
L'ultimo per Strakosha, Lulic e Parolo? Sarà il primo per Fuzato, Kumbulla e Darboe... Quanti della Roma resteranno con Mou? La Lazio per l'ultima speranza Champions, la Roma per non farsi sfuggire il settimo posto
Pedro: "Felice alla Roma, ora spero di vincere il derby"
o spagnolo: "Voglio battere la Lazio, ma senza i tifosi non è la stessa cosa"
LAZIO-TORINO, respinto il ricorso dei biancocelesti: si gioca il 18 maggio
Il Collegio di Garanzia dello Sport presso il CONI chiude la querelle legata a Lazio-Torino,...
Coronavirus, finale Champions con 12mila tifosi. Coppa Italia al Mapei col pubblico
Champions, la UEFA cambia la sede della finale: Man City-Chelsea a Porto. Con 12mila...
Mourinho da Londra studia la Roma, il primo visionato è a sorpresa (VIDEO)
Lo Special One ha pubblicato un post mentre studia la rosa giallorossa e visiona filmati dei giocatori
TRIGORIA 13/05 - Individuale per Spinazzola, Veretout, Smalling, Diawara e Calafiori
ALLENAMENTO ROMA - Scarico in palestra per chi ha giocato contro l'Inter.
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>