facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 14 maggio 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

SABATINI: "Dzeko? Gli va ridata la fascia. Felice che Pallotta abbia venduto la Roma"

"Fonseca fa un buon calcio. Quando me lo proposero dissi che poteva essere l'uomo giusto per la Roma. La mia migliore operazione è stata Alisson. Il mio maggior rimpianto Mkhitaryan. Massara è stato mandato via perché ha difeso Monchi"
Lunedì 08 febbraio 2021
Walter Sabatini, direttore dell'area tecnica del Bologna ed ex direttore sportivo della Roma, è intervenuto in collegamento con la trasmissione Al Circo massimo in onda su Teleroma56. Queste le sue parole:

Tiago Pinto?
"Non lo conosco, non ho avuto la possibilità di confrontarmi con lui, se lo hanno scelto devo pensare che sia bravo. Ormai il calcio vuole la presenza massiccia di dirigenti che riferiscono su algoritmi e scouting, c'è un ampio uso delle statistiche, lui è bravo in questo, fare il ds è tanto altro, non credo che lo abbia mai fatto, ora fateglielo fare."

Con le statistiche si possono trovare giocatori importanti?
"Un giocatore va annusato, sentito, devi sentire che ha dei comportamenti e le risposte tecniche e non solo. Per quello io non sono un grande ammiratore delle statistiche. Anche se ne riconosco l'utilità."

La Roma ha il dolore per la sconfitta? Perché non vince con le big?
"Io vedendo giocare la Roma, e lo faccio spesso, vedo che è una squadra che ha le idee chiare, con dentro buonissimi giocatori. Non solo i più rappresentativi, ma anche alcuni ragazzi arrivati, come Villar. E' stato stupefacente nel suo rendimento, ha una crescita esponenziale, può diventare un play di livello internazionale. Il lavoro dell'allenatore in campo si vede. Non è un calcio votato alla sconfitta. Quando la Roma tiene il campo come lo ha tenuto a Torino il risultato deve essere diverso, è vero che la finalizzazione è stata un po' pigra. Mkhitaryan al 70% vale tutta la Serie A italiana. Vedere trattato Dzeko con un'ironia grossolana... E' un professionista eccezionale, con una grande educazione. Non ha mai creato problemi e non può crearne. Se c'è stato un diverbio da spogliatoio non ci possono essere conseguenze così importanti. Ricordo che in due anni è stato ceduto quattro volte. E per quattro volte ha deciso di restare alla Roma. E' il capitano, ha realizzato oltre 100 gol, a che cosa tende questa storia di Dzeko? Perché ci deve essere un'autodistruzione di tutto l'ambiente per una presa di posizione di un allenatore? Seppur bravo. Gli allenatori a volte prendono queste decisioni per aumentare il loro carisma nello spogliatoio, ma le cose devono finire in fretta e bisogna tornare alla normalità. A meno che Dzeko non sia stato così sleale e cattivo da non poter tornare indietro. Io che conosco lo spogliatoio e il dopo-gara so che non può essere successo qualcosa di così grave da levare un giocatore così forte. Non pretendiate che sia immediatamente pronto dopo l'esclusione. Ha bisogno di giorni. Io poi sono di parte, perché l'ho preso."

Come lo hai preso?
"Quando è successo ho avuto un orgoglio interiore che è durato a lungo, incentivato da mio figlio, che era e ancora oggi è un ammiratore di Dzeko. Questa faccenda va risolta in maniera definitiva e gli va ridata la fascia. Non si degrada un capitano, a meno che non si commetta un omicidio."

Perché la Roma non ha scelto Massara?
"E' il mio orgoglio. La Roma ha sbagliato a lasciarlo andare, è un ragazzo di grande cultura ed educazione, ha un impegno incessante per il club, ha una forza lavoro incredibile, nonostante il fisico. Arrivava in ufficio alle 7.30 del mattino e se ne andava a notte inoltrata. E' stato un grave errore mandarlo via. Io so che non è stato confermato perché quando si è fatta una sparatoria senza riserve sulla figura di Monchi lui ha tentato di difenderlo. Certo Monchi ha fatto degli errori, ma ha portato anche Zaniolo alla Roma, in un'operazione remunerativo. Riky in quei frangenti si è schierato con Monchi e per lui è stato letale. Zaniolo l'aveva visto Massara, che lavorava con Monchi. Massara mi dà la stessa soddisfazione di Salah, si è affermato al Liverpool, come Alisson. Massara è il Salah dei dirigenti. Spero che vinca."

I Friedkin?
"Non li conosco per niente, non ho avuto mai contatti, neanche mediati. Credo che pensino ad un calcio, come tutti gli americani e i fondi, con i loro sistemi. Credo che vogliano lavorare bene, che è un presupposto per vincere."

Se ti avessero chiamato saresti tornato alla Roma?
"Io sono impegnato con il Bologna e Bologna."

Che pensa del mercato della Roma?
"Avete preso tanti buoni giocatori, io sarei orgoglioso dei giocatori che ha preso la Roma. Vedi i difensori, Villar, Carles Perez è un giocatore che ha dei colpi, deve essere decisivo e più dentro la partita, sposta la palla in una frazione di secondo. C'è Zaniolo pronto a recuperare. Io vedo un grande futuro per la Roma, ammesso che si accorga che è in lotta per la Champions e che metta a posto la situazione di Dzeko, che è il capitano. Il risultato Champions è minimale per la Roma. Anche se non sarà facile. Anche Borja Mayoral è un buon giocatore, ma se io devo combattere per andare in Champions la maglia numero 9 e la fascia le do a Dzeko."

Pastore?
"Non gli va mancato di rispetto. Senza guai fisici è l'incanto del calcio. Spero che riesca a tornare, ma quando un calciatore perde anni di attività è difficile tornare ad alti livelli. Quando ha giocato quei 10 minuti che è stato bene ha toccato la palla 2-3 volte in cui vi siete tutti resi conto chi è. Mi dispiace enormemente per questo ragazzo, avrebbe potuto deliziare i tifosi, è stata una sciagura. Roma ha questa sfiga sui grandi giocatori: gli infortuni di Mkhitaryan, il doppio infortunio di Zaniolo. Bisogna fare qualche rito."

Sei stato contento quando Pallotta ha venduto la Roma?
"Sì."

Chi manca più alla Roma Sabatini o Baldissoni?
"Baldissoni".

Il tuo rapporto con Pallotta?
"Un precipizio. Dovrò sempre ringraziarlo perché lavorare alla Roma è stata la cosa più bella della Roma, per me la Roma è stata una consapevolezza costante di chi ero".

Migliore operazione alla Roma e maggior rimpianto?
"Non mi piace parlare di migliore operazione, è irriverente verso gli altri giocatori. Dal punto di vista dei numeri è stato Alisson. Lì sono stato bravo con la sua gestione, lui era arrabbiato perché si aspettava di giocare subito ma ha fatto un anno da dodicesimo. Comunque non voglio parlare dei singoli".

L'operazione che non ha fatto alla Roma e che rimpiangi?
"Mkhitaryan, quando era allo Shakhtar".

Avevi preso Cuadrado?
"Si, non fatemi tornarci sopra".

Ti senti più amato dai romanisti da quando sei andato via?
"Forse si, ma non ho piena consapevolezza della situazione. Ogni tanto sento apprezzamenti".

Nainggolan?
"L'ho amato tantissimo sportivamente. Quando l'ho preso ho pensato di aver fatto il colpo della vita, si è ambientato subito".

L'infortunio di Strootman ha privato la Roma di un trofeo?
"Con Strootman al 100% avremmo vinto".
COMMENTI
Area Utente
Login

Serie A - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Lun. 08 mar 2021 
Roma-Genoa 1-0, Le Pagelle dei Quotidiani
26ªGiornata di Serie A
 Dom. 07 mar 2021 
Roma-Genoa, Le Formazioni UFFICIALI
26ªGiornata di Serie A
Da Destro a Strootman e Scamacca. Se rivedere i vecchi amici è un rischio
Più che un lunch-match Roma-Genoa rischia di diventare una rimpatriata. El Shaarawy...
Roma-Genoa, Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
26ªGiornata di Serie A
 Sab. 06 mar 2021 
Juventus-Lazio 3-1. La Juve di rimonta sulla Lazio: Morata mattatore
Correa porta in vantaggi gli ospiti, Rabiot firma il pari al 39’ pt. Nella ripresa si scatena lo spagnolo autore di due gol, il secondo su rigore. E al 69’ Pirlo lo sostituisce col portoghese
Roma-Genoa, i convocati
26ªGiornata di Serie A
Kumbulla il giocatore più costoso dell'era Friedkin, con Schick la plusvalenza più alta
Roma, bilancio in rosso al 31 dicembre 2020. Costi, ricavi, stadio, plusvalenze e contenziosi: tutti i dati
Karsdorp è tornato: re degli assist, pronto il rinnovo e spera nella nazionale
Il terzino olandese sta vivendo la sua miglior stagione da quando è alla Roma. Gli infortuni sono alle spalle, e lui adesso sogna la chiamata di de Boer
Riecco Strootman. Cinque anni intensi d'amore e di lacrime
Quando Kevin Strootman è tornato in Italia uno dei principali portali olandesi si...
 Ven. 05 mar 2021 
Amadou, il play con la valigia che segna solo al fotofinish
Diawara non te lo ricordi per i gol che segna, pochi, ma sono tutti decisivi e al...
 Gio. 04 mar 2021 
Designazioni arbitrali 26ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni 7ª Giornata di ritorno
Fiorentina-Roma 1-2, Le Pagelle dei Quotidiani
25ªGiornata di Serie A
 Mer. 03 mar 2021 
Fiorentina-Roma, Le Formazioni UFFICIALI
25ªGiornata di Serie A
Stadio della Roma, il Comune non cancella il progetto: decide il giudice
Il Comune non cancellerà (per ora) il progetto Stadio della Roma di Tor di Valle....
Mayoral ha pronto un altro colpo
Mayoral non sbaglia un colpo quando affronta le squadre che navigano da metà classifica...
Fiorentina-Roma, Le Probabili Formazioni dei Quotidiani
25ªGiornata di Serie A
 Mar. 02 mar 2021 
Calciomercato Roma, Vlahovic per il dopo Dzeko? Il corteggiamento continua, ma costa...
Ha carattere, è giovane e segna: 8 gol n 13 partite. L'identikit dell'attaccante della Fiorentina, che i giallorossi affrontano domani, è quello perfetto per le strategie dei Friedkin
Veretout (quasi) come Platini: dopo "Le Roi" nessuno come lui
Con il gol segnato domenica al Milan il tuttofare giallorosso è il secondo centrocampista della storia della Serie A ad andare in doppia cifra nel corso di un campionato
Fiorentina-Roma, i convocati
25ªGiornata di Serie A
Villar: "Gioco in un grande club. Mi piace gestire il pallone"
Il centrocampista, classe '98, Gonzalo Villar dell'AS Roma ha rilasciato una lunga...
 
 <<    <      3   4   5   6   7