facebook twitter Feed RSS
Martedì - 1 dicembre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Ibanez: "Non pensavo di arrivare così presto in un top club come la Roma" (VIDEO)

Venerdì 09 ottobre 2020
Roger Ibanez ha rilasciato un'intervista al canale Yotube della Roma.

Avresti mai pensato a questo punto della tua carriera di giocare già in top club europeo?
"Non pensavo così presto. Ho lavorato duramente per questo ma non avrei mai pensato di arrivare così presto in un club come la Roma".

Raccontaci il tuo percorso
"Come hai detto, è stata abbastanza breve, sono stato alla Fluminense per un anno e mezzo. Prima ho giocato in squadre delle serie minori brasiliane. Una era collegata al mio procuratore e l'altra si trovava nel nord-est e si chiamava Sergipe. Ho giocato in queste due squadre prima della Fluminense, poi sono passato all'Atalanta e ora sono alla Roma".

Hai notato una differenza tra il campionato brasiliano e quello italiano?
"Molte. L'intensità è diversa rispetto al Brasile. Poi la tecnica, l'intelligenza, il ritmo dei giocatori, tutto molto diverso".

Più difficile, più facile o semplicemente diverso?
"Diverso. Un po' più difficile ma è semplice adattarsi".

Come nasce la passione per il calcio?
"Grazie a mio padre da piccolo. Quando ero piccolo, lui giocava, ha avuto la possibilità di diventare professionista ma era difficile al tempo e ha deciso di rimanere a casa per aiutare la famiglia".

Dopo essere arrivato a Roma, c'è stato il lockdown. Come ti sei ambientato a Roma?
"Sono arrivato e dopo poche settimane è iniziata la pandemia. Ha reso tutto più difficile. Ambientarsi è stato poi facile perché ci sono altri 3 brasiliani nel club. Sapevo un po' di italiano grazie all'esperienza a Bergamo. Anche quello ha aiutato. La squadra era e continua a essere fantastica. Mi hanno accolto a braccia aperte, è stato meraviglioso".

Devi esserti inserito bene visto che hai un tatuaggio sul braccio (un lupo ndr)
"No, l'ho fatto quando stavo alla Fluminense. Il mio secondo tatuaggio, il primo era un leone. Il lupo non sta mai da solo ma sempre in gruppo e questo mi motiva. La Roma è un club meraviglioso e lo stemma è bellissimo".

Grandi giocatori brasiliani sono passati da Roma lasciando un ricordo indelebile. Ti senti stimolato a seguire le loro orme?
"Falcao viene dalla mia terra, dal Sud. Ha giocato per l'Internacional ed è un idolo lì. Hanno fatto la storia lì, proverò a farla anche io a modo mio".

Giocatore che prendi da esempio?
"Ce ne sono ma preferisco non pensare a loro. Cerco di lavorare a modo mio e di dare il massimo in campo".

Sai già di essere una nuova stella? Cosa ne pensi?
"Sono contento che i tifosi mi trattino in questo modo e che mi abbiano accolto così. Farò di tutto per proseguire su questa strada. Do sempre il massimo e lavoro duramente ogni giorno".

Pensi che la disciplina sia importante per arrivare ai massimi livelli?
"La disciplina fa parte della quotidianità di ogni sportivo, non solo per l'alimentazione ma anche per il lavoro e la dedizione".

Ti tieni alla larga dai ristoranti?
"Cerco di mangiare a casa, perché il cibo dei ristoranti è meraviglioso ed è impossibile non mangiare la pasta".

C'è un posto a Roma che ti ha tolto il fiato?
"Il Colosseo. Ci sono stato da poco per fare delle foto assieme alla mia ragazza. Aspettiamo una bambina, quindi ci siamo fatti delle foto ed è stato bellissimo farle al Colosseo".

Non ha rapito solo il tuo cuore, ma anche quello della tua ragazza, quindi.
"Esatto".

Come chiamerete vostra figlia?
"Si chiamerà Antonella".

Un nome italiano
"Sì".

Quindi Roma vi ha davvero conquistati.
"È così".

C'è qualcosa della cultura brasiliana che porti sempre con te?
"Sì".

Ad esempio?
"Il chimarrao".

Come riesci a fare il chimarrao qui? Hai trovato gli ingredienti?
"Abbiamo cercato di comprare le erbe in internet, ma tutto il resto l'ho portato dal Brasile. Ce l'ho sempre con me, ovunque vada".

C'è qualcosa della cultura italiana e romana che vorresti portare con te per tutta la vita?
"Sì".

E che cos'è?
"Il cibo è eccezionale, quindi direi la carbonara, perché so che è un piatto romano e mi piace molto".

Non è un segreto che i tifosi della Roma siano molto appassionati e adorino questa squadra
"Penso sia la migliore tifoseria in Italia, forse in Europa. Anche in Brasile ci sono tifoserie fantastiche, come quella della Roma".

Cosa pensi dei nostri tifosi? Come hai detto, sono molto caldi.
"Purtroppo, non ho ancora potuto giocare davanti a loro, ma quando sono arrivato qui, ho potuto vedere il derby tra Roma e Lazio. È finito 1-1 ma i tifosi sono stati incredibili. Erano davvero fantastici".

Come ti hanno accolto, ad esempio, quando sei arrivato all'aeroporto?
"C'erano moltissimi giornalisti e anche alcuni tifosi. Mi stavano vicino e mi dicevano di dare tutto, cosa che faccio sempre".

Sei d'accordo se dico che la Roma ha i tifosi migliori d'Italia?
"Sono d'accordo. Fanno il tifo per me! Sono d'accordo, sono eccezionali".

Quando ti sei reso conto di aver coronato uno dei sogni più importanti della tua vita da calciatore?
"Ci ho pensato quando ho esordito da professionista con la maglia della Fluminense. Lì ho capito di avere tutte le carte in regola e stava a me continuare a lavorare sodo".

Qual è il prossimo passo? Qual è il tuo prossimo sogno?
"Il mio prossimo sogno è fare parte della nazionale maggiore. È il mio obiettivo e sto lavorando per quello".

Pensi che ci riuscirai?
Penso di sì, ma devo lavorare duramente ogni giorno Per far sì che questo accada".

Roger, hai qualche episodio della tua carriera che ha segnato anche la tua vita?
Ce ne sono stati due nella mia carriera: una è la semifinale di Copa Sudamericana e la Taça Rio vinta con la maglia della Fluminense. Com'è stato? La semifinale di Copa Sudamericana era contro il Nacional e siamo andati a casa loro dopo aver pareggiato 1-1 all'andata. Dovevamo vincere per passare il turno e lo abbiamo fatto. Ma fuori dallo stadio, ci stavano aspettando i tifosi avversari. O mio Dio! Ci hanno lanciato vetri e pietre.. Hanno distrutto il nostro pullman. Mi è rimasto impresso perché abbiamo vinto e sentire quella tensione e quella paura ci ha reso ancora più pronti".

Grazie della disponibilità, Roger. In bocca al lupo e... Forza Roma!



COMMENTI
Area Utente
Login

Mercato - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 12 nov 2020 
Con Smalling è un'altra storia: un solo gol subìto in quattro gare
Fermata l'emorragia di reti, tre clean sheet di fila non capitavano dalla stagione 2017-2018
Dzeko punta già il Parma
"La Roma nel cuore, si parla di mercato ma alla fine sono sempre qui. Mai problemi con i tecnici"
Dzeko story: "Le bombe, i gol, l'Italia: la mia vita"
Edin si racconta in un documentario: "Sarajevo è bellissima, Roma un'altra casa"
Peres e Karsdorp, gli esterni smarriti e rigenerati da Fonseca
Anche Pau Lopez sembra recuperato, tra Europa League e la prova con il Genoa
 Mer. 11 nov 2020 
Roma, i risultati definitivi dell'Opa promossa da Friedkin
È fallita l'Opa di Dan Friedkin sull'As Roma. Ad ufficializzarlo un comunicato pubblicato...
CENGIZ UNDER: "Al Leicester mi sto trovando meglio di quanto mi aspettassi"
Cengiz Ünder si è trasferito nell'ultima sessione di mercato al Leicester in prestito,...
Calciomercato, Mazraoui sui taccuini della Roma
Il marocchino, classe '97, è attualmente in forza all'Ajax
 Sab. 07 nov 2020 
Fonseca, l'arte di rilanciarsi
Oltre al nuovo modulo, si è affidati ai più esperti per la gestione dello spogliatoio. E con Dzeko è tutto ok
 Gio. 05 nov 2020 
Ds della Roma, Campos full time ma solo da giugno: ecco le alternative
Il nuovo direttore sportivo comincerebbe a lavorare come consulente ma poi il club lo vorrebbe nella capitale
 Mer. 04 nov 2020 
Roma via dalla Borsa: ecco il piano di Friedkin per rilanciare il club
L’Opa deve raggiungere il 95% ma il delisting potrebbe scattare a prescindere. Mossa fondamentale per un nuovo piano strategico
Roma-Fonseca, punti per il ribaltone: dal possibile esonero alla gloria
Un'altalena. In alto, in basso, di nuovo in alto. Normale, tutto questo, nel calcio....
Mayoral cerca l'acuto
La terza può essere quella buona. Le prime due apparizioni da titolare con la maglia...
 Mar. 03 nov 2020 
Roma, l'Opa di Friedkin in dirittura d'arrivo: ecco perché ai soci conviene aderire
Pressing di Dan Friedkin sui soci-tifosi della Roma ad aderire all'opa entro la...
 Lun. 02 nov 2020 
È una Roma a doppia velocità: al top coi titolari, in affanno con le seconde linee
La partita contro la Fiorentina ha confermato che le alternative vanno portate a un livello più alto: ecco la prossima missione di Fonseca
 Dom. 01 nov 2020 
Il discorso sul d.s. diventa tabù. Fienga spinge per Sartori
"Di questo argomento non parlo più. José Boto? Non lavora con noi, per cui non ho...
Rogers lascia. Indebitamento a 365 milioni
I Friedkin continuano a sfogliare la margherita. Dopo la scelta di Boldt di rinnovare...
 Sab. 31 ott 2020 
AS Roma: gli sponsor tra passato e presente
Come è noto, il Decreto Dignità nella stagione 2019/20 ha causato parecchi problemi...
 Ven. 30 ott 2020 
Roma, i cinque "buchi" di un club che non ritrova anima e risultati
Friedkin è più presente di Pallotta, Fonseca non perde la calma, Smalling potrebbe essere un leader eppure il progetto di rilanciare una squadra ancora "orfana" di Totti non parte mai. Con Dzeko e Pedro troppo anziani per portare i compagni nel futuro
Troppa poca Roma
La Roma2 non basta per vincere in Europa League. Contro i modesti bulgari del Cska...
Primavera: la Roma blinda Ndiaye
La Roma Primavera - prima a punteggio pieno dopo cinque giornate - domenica scenderà...
 Gio. 29 ott 2020 
Roma, c'è il Cska: Fonseca dà fiducia alla formazione di riserva
In Svizzera, contro lo Young Boys, l'ha vinta con l'inserimento dei titolari dopo...
Smalling si riprende la difesa, tre mesi dopo
Novanta giorni per ritrovarsi. Tanto è passato dall'ultima partita di Smalling con...
ElSha ci riprova: Roma a gennaio
Stephan El Shaarawy sta vivendo un periodo un po' strano perché il campionato cinese...
 Mer. 28 ott 2020 
Ds Roma, ci siamo: Emenalo accetta. Ma Friedkin tentenna
Il dirigente nigeriano è pronto a trasferirsi nella Capitale. Dan e Ryan valutano anche altri profili: scelta vicina
 Mar. 27 ott 2020 
Petrachi chiede alla Roma 5 milioni di risarcimento danni. La prima udienza il 4 novembre
Nel bilancio pubblicato dalla Roma in 26 ottobre c'è un paragrafo in cui si affronta...
 Dom. 25 ott 2020 
Emenalo vicino. C'è l'incontro
Un incontro londinese con una sensazione: Michael Emenalo è salito nella classifica di gradimento dei Friedkin
 Ven. 23 ott 2020 
Roma, c'è una novità strategica: per questo i Friedkin consulteranno Totti
Anche ieri (per la quinta volta) hanno seguito i giallorossi in tribuna
 Gio. 22 ott 2020 
Calciomercato Roma, c'è Emenalo: ecco chi è il ds favorito dai Friedkin
A Trigoria c’è bisogno di un direttore sportivo che ci metta la faccia, un uomo di calcio del quale Fonseca ha avvertito l’assenza, come ha detto più volte recentemente
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>