facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 25 settembre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Mancini: "All'inizio ho avuto difficoltà a Roma, Fonseca mi ha aiutato"

Martedì 04 agosto 2020
Il difensore Gianluca Mancini ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Cronache di Spogliatoio:

Sul numero di maglia:
«Mi sono tatuato il 23 proprio per Marco Materazzi. Successivamente mi sono fidanzato il 23 con quella che è attualmente mia moglie, e mi sono spostato il 23. Infine me lo sono messo sulla maglietta. Per Marco nasce nel mito di Michael Jordan, per me parte da lui. Sono nato in una famiglia di interisti e non facevo nemmeno il difensore, però quando lo vedevo giocare con cattiveria, agonismo, con un grande mancino, a me restava impresso. Per me lui è sempre stato il 23. È il primo tatuaggio che mi sono fatto. Mio papà era interista, per lui fare un tatuaggio su un giocatore dell'Inter era subito ok, quindi lo avevo fatto anche un po' a furbetto. Avevo 15 anni e ho convinto mio padre con il numero di Marco».

Sul suo idolo Materazzi:
«È stato un difensore che segnava molto. Quando sei ragazzino i difensori è difficile ammirarli, lui segnava, mi piaceva il mondo in cui giocava e poi dove l'ho ammirato tanto è stato a 10 anni, durante il Mondiale 2006. È entrato nella partita contro la Repubblica Ceca, ha segnato il primo gol. Poi lì inizi a capire qualcosina, perché a 10 anni sei sempre piccolo ma intravedi già qualcosina, e da lì è partita la scintilla. Mi sono guardato tutti i video, quando segnava, quando entrava duro. Ho avuto la fortuna di conoscerlo, ci sentiamo ogni tanto, chiedo consigli. Per me è l'idolo».

Sul cambiamento tattico con Fonseca:
«Ci sono state due chiamate per me importanti. La prima ha riguardato alcuni consigli extra calcio, però preferisco tenerli per me. A Perugia feci un'amichevole, ero arrivato a Roma da poco, avevo cambiato proprio tutto a livello tattico da Gasperini a Fonseca. Feci un'amichevole contro l'Athletic Bilbao e non giocai bene, secondo me. A Marco invece ero piaciuto in alcune situazioni, però in quella partita feci un passaggio sbagliato e fecero gol, oltre a procurare un rigore alla fine. Il giorno dopo lo chiamai e lui quasi si arrabbiò perché vedevo errori soltanto miei, com'è giusto che sia, però lui essendo un campione con un'esperienza grandissima mi aiutò a capire: "Guarda i tuoi errori però devi vedere altre situazioni", mi spronò a continuare a fare quello che chiedeva Fonseca. Mi caricò. Da lì stetti fuori alcune partite, poi giocai il derby e dal derby sono partito nella crescita. Quando un campione come Marco ti dà un consiglio, ti aggiunge delle robe assurde a livello personale».

Su Gasperini:
«Ho avuto la fortuna di essere allenato da Gasperini perché ti apre veramente un mondo totalmente diverso a livello di testa, di allenamenti, di tattica. Non avevo mai provato una cosa del genere e lui mi ha aiutato soprattutto mentalmente a diventare un giocatore veramente concentrato: in allenamento, in partita, su tutto. E poi a livello tattico ho sempre detto che un giocatore si vede se è bravo, cerco di farlo su di me. Se cambia un allenatore non devi trovarti male, devi essere bravo a capire quello che ti chiede. All'inizio, non lo nascondo, ho trovato tante difficoltà quando sono arrivato alla Roma. Facevo le cose che facevo con Gasperini e Fonseca ogni allenamento mi riprendeva, mi metteva da parte e mi spiegava. E allora lì ho iniziato a guardare i video, come faceva la difesa Fonseca allo Shakhtar. I video degli allenamenti me li riguardavo per capire quello che voleva, mi dicevo: "Se non faccio così, non gioco". Adattarsi penso sia una cosa bella, ricoprire e provare a fare tanti ruoli può essere anche un vantaggio, è un qualcosa che metti in più nel tuo bagaglio».

Sulla finale del 2006:
«Ero al mare a Follonica, in Toscana. Ero su un terrazzino, mi ricordo che feci la prova alla PlayStation con mio cugino prima della finale».

Sulla carica dei compagni prima delle partite:
«Una volta Edin, prima di Inter-Roma, mi prese in giro un po' per stuzzicarmi. Mi disse: "Occhio che domani Lukaku e Martinez ti fanno venire il mal di testa, non la vedi mai". Capisco che lo dicono per darti forza, però è un meccanismo dentro che ti scatta. Non ho bisogno di queste cose, ognuno prima della partita trova uno spunto per caricarsi. Qualche compagno ti può tirare frecciatine e questo ti può ancor più caricare».

Sulle differenze tra Gasperini e Fonseca:
«Sono due allenamenti diversi, come ha detto Marco. Con Gasperini sono allenamenti veramente intensi, dal martedì al sabato, anche il giorno della rifinitura galoppi. In allenamento faceva possesso con partita, con 10 allunghi prima della partita, facevo forza. Ho provato 2 anni con Gasperini e sono pronto a tutto. La domenica vai forte e io sono arrivato al 90′ che potevo giocare altri 90 minuti: vedevo gli avversari con il fiatone, l'attaccante che faceva fatica a rientrare e io invece mi sentivo bene. Con Fonseca facciamo partitelle a pressione, tanti possessi palla, tante partitine dove devi recuperare subito il pallone. Chiaramente gli allenamenti di Fonseca li preferisco di più perché giochi con la palla e fai fatica, perché fai fatica quando giochi con un possesso palla e non prendi mai il giro. Con gente che sa giocare a calcio corri ugualmente e fai la stessa fatica. Io, come ho detto prima, mi adatto a qualsiasi allenamento e ognuno ha le sue preferenze. L'importante è che ogni allenamento deve permetterti di rendere la domenica. Se mi alleno bene e vado a mille in settimana, è perché la domenica devo stare bene. Se la domenica non sto bene e vado più piano è perché ho sbagliato qualcosa in settimana».
COMMENTI
Area Utente
Login

Inter - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 24 set 2020 
Calciomercato, Allegri alla Roma: chiede un giocatore dell'Inter
Allegri-Roma, matrimonio possibile. Per il centrocampo, il tecnico livornese chiederebbe Marcelo Brozovic che è in uscita dall’Inter
Roma-Juve con il pubblico: ufficiale, mille tifosi all'Olimpico
Il presidente della Regione Lazio ha firmato l'ordinanza con cui si consente la partecipazione del pubblico alla sfida tra giallorossi e bianconeri e alla partita tra Lazio e Inter
CALCIOMERCATO Roma, offerto Mitroglou per l'attacco
C'è anche la Roma tra i club che in queste ore hanno ricevuto l'autocandidatura...
Designazioni Arbitrali 2ªgiornata di Serie A
Si rendono noti i nominativi degli Arbitri, degli Assistenti, dei IV Ufficiali,...
ZINGARETTI: "Escludo si possa tornare allo stadio in questo momento. Dobbiamo evitare assembramenti"
Nonostante fosse trapelata l'apertura per quanto concerne l'ingresso negli stadi...
Caso Suarez: nelle telefonate per l'esame di italiano spunta il nome di Fabio Paratici
La richiesta di risolvere il problema dell’esame di italiano di Luis Suarez sarebbe arrivata direttamente dal direttore sportivo della Juventus. Indaga anche la giustizia sportiva
Clamoroso Allegri: è pronto a dire sì alla Roma!
Fonseca rischia, decisiva la partita con la Juve. Max disponibile a valutare il progetto dei Friedkin
Friedkin passa all'azione
Un errore che ha accelerato un processo iniziato già negli scorsi giorni. Nel loro...
Per far tornare Smalling serve un bel rilancio
La difficoltà nell'operare in uscita continua a bloccare il mercato della Roma in...
Rivoluzione d'ottobre. Il caso Diawara scatena Friedkin: Totti numero 2 e Allegri più vicino
Dan, Max e Francesco ovvero Friedkin, Allegri e Totti. La nuova Roma guarda al domani...
 Mer. 23 set 2020 
Calciomercato, incontro tra il Tottenham e l'entourage di Milik. Esito positivo
Riunione positiva oggi tra gli emissari del Tottenham e gli intermediari di Arkadiusz Milik: le parti si riaggiorneranno da domani
Caso Diawara, fonte vicino al gruppo Friedkin: "In arrivo cambiamenti strutturali"
A confermare l'aria di cambiamenti in casa Roma, con la nuova proprietà di Dan e...
Crescono le adesioni alla class action contro Sky
Procede a pieno ritmo la class action avviata dalle associazioni dei consumatori...
Rocchi e la lite col Napoli: "Non era di mia competenza"
Continua la battaglia legale tra Roma e Napoli
Roma, arriva la Juve: Fonseca e i giallorossi sono ancora nel vicolo Dzeko
Domenica c'è la squadra alla quale ha segnato il suo primo gol indossando la maglia...
 Mar. 22 set 2020 
Dzeko-Fonseca, un feeling da ritrovare. Con l'ombra di Allegri sulle spalle...
Nessuno scontro tra i due, ma rapporti raffreddati rispetto a un anno fa. Ora palla alla società, che in settimana parlerà con entrambi per ricucire...
Totti e futuro alla Roma: "Farò delle cose carine"
Ex capitano giallorosso al Tg3: 'Con la Lazio è sempre derby'
COMUNICATO AS ROMA - La società presenterà ricorso per la sconfitta a tavolino con il Verona
Oggi il Giudice Sportivo ha diramato le decisioni relative alla prima giornata della...
Calciomercato Roma, un terzino dal Psg: preso Louakima
Il ragazzo di diassette anni era seguito anche dall'Inter: si aggrega all'Under 18 giallorossa
Dzeko, gelo con Fonseca. E c'è un casting per sostituire il tecnico
Da superare il litigio dopo il ko con il Siviglia. L'allenatore per ora non rischia, ma presto si farà un primo bilancio
Stop: niente Roma e Juventus. Milik e Dzeko, che fate?
Non siamo ancora allo scontro totale, ma il caso Milik-Napoli seguirà con giorni...
Gravina lancia l'allarme: "Il calcio verso il default"
Arriva l'eco all'appello lanciato da Gravina qualche giorno fa. Il presidente della...
 Lun. 21 set 2020 
Arias alla Roma? L'Atletico Madrid: "Stiamo parlando"
Il ds Andrea Berta ha confermato l’interesse del club giallorosso per il terzino colombiano: “In corsa anche l’Everton di Ancelotti e il Psg”
Roma, che pasticcio con Diawara: rischia lo 0-3 a tavolino col Verona
Nella lista ufficiale dei 25 giocatori consegnata dalla Roma, il 23enne centrocampista è stato inserito negli under 22 e non tra gli “over”
Per Milik è ancora rimpallo con De Laurentiis
Un weekend interlocutorio, che non ha fatto registrare passi avanti nell'operazione...
Rivoluzione Friedkin: Rangnick, Allegri o Sarri, la Roma è già nel futuro
La Roma di oggi, con Fonseca in panchina e Fienga dirigente plenipotenziario, non...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>