facebook twitter Feed RSS
Sabato - 30 maggio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

La seconda vita di De Rossi

Giovedì 09 aprile 2020
Il mondo ha problemi più importanti da risolvere. Ma tra bollettini di guerra, paure e speranze ci sono storie di vita - e in questo caso di calcio - che si sono interrotte in un momento chiave. Prendiamo il caso di Daniele De Rossi, reduce dall'esperienza al Boca Juniors piena di «passione pura e disinteressata» per usare le sue recenti parole, l'appendice di una carriera da calciatore vissuta tutta nella Roma e il preludio a un libro tutto nuovo da scrivere: la seconda vita da allenatore.

La bandiera giallorossa ha deciso di tornare in Italia per stare vicino alla figlia più grande, sta vivendo la quarantena in famiglia a Roma e vede allontanarsi l'inizio di un futuro che, da come parla, lo vedrà impegnato con la stessa forza e convinzione dei suoi contrasti a centrocampo. Il biondo di Ostia era pronto ad iscriversi al corso da allenatore «Seconda Categoria Uefa A» che gli avrebbe consentito di ottenere l'abilitazione per guidare ad esempio una squadra Primavera o una in Serie C. La sua idea, quindi, sarebbe di studiare, partire dal basso e calarsi subito nella nuova veste dopo aver rubato i segreti del mestiere dai tanti allenatori con cui ha lavorato in carriera, per poi salire su un gradino più alto iscrivendosi qualche mese dopo, come da regolamenti, al Master di Coverciano (Uefa Pro).

Ora, ovviamente, è tutto fermo. Per De Rossi e chiunque altro sia pronto a studiare e cimentarsi quanto prima sul campo. Tra le ipotesi allo studio, c'è quella di ridurre i tempi quando sarà possibile ripartire con le lezioni. E consentire magari a De Rossi o chi per lui di ottenere il «patentino» valido anche per la Serie A in tempi più brevi.

Ma dove allenerà? L'ipotesi Roma non può che far parte delle opzioni, a maggior ragione se il papà Alberto decidesse davvero di chiudere il suo lungo cammino al timone della Primavera. Al momento, però, non risultano contatti tra Daniele e la dirigenza di Trigoria, con la quale si è lasciato non esattamente tra baci e abbracci: De Rossi ha accettato la scelta del club di non rinnovargli il contratto da calciatore, ma non l'ha condivisa. Detto questo, nulla vieta di sedersi a parlare non appena le condizioni lo consentiranno e trovare magari una via per ripartire insieme. Dipenderà anche dalle evoluzioni societarie della Roma, tuttora sospesa tra la gestione Pallotta e il possibile arrivo di Friedkin, non più sicuro come lo era prima dell'esplosione della pandemia. De Rossi non faticherà comunque a trovare porte aperte nel calcio. Mancini, la sua, l'ha sempre lasciata spalancata per una collaborazione in nazionale, come ribadito dallo stesso ct qualche giorno fa. E in tanti, anche tecnici illustri, lo prenderebbero volentieri come vice. Ma con tutto il rispetto per Coverciano o altre panchine, la vera casa di De Rossi resta Trigoria. Dove manca come l'aria.
di A. Austini
Fonte: Il Tempo
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 29 mag 2020 
Serie A, si riparte ufficialmente con i recuperi della 25a giornata
Il calendario sarà reso noto nei prossimi giorni
COVID-19 in Italia, diminuiscono attualmente positivi: -1811 (ieri -2980), 87 morti (ieri 70)
Prosegue il calo della pressione sulle strutture ospedaliere
Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore. Lazio, 16 nuovi casi e 18 decessi
Sono appene tre i nuovi casi positivi al coronavirus a Roma città (compreso il territorio...
Bustos e Gravenberch nel mirino della Roma: sono giovani e perfetti per Fonseca
L’attaccante del Talleres, 21 anni, e il centrocampista dell’Ajax, 18, sono gli obiettivi di Petrachi per il futuro
Villar: "Non vedo l'ora di tornare a giocare, speravo si potesse già dal 13 giugno"
"Prima del match col Cagliari ero tranquillo. Mi ispiro a Parejo e Frenkie de Jong"
SERIE A, la ripresa dovrebbe partire dai recuperi 25a giornata. Roma-Sampdoria il 23 o 24 giugno
È in corso l'Assemblea di Lega che stabilirà le sorti del campionato italiano, che...
COPPA ITALIA, 13-14 la semifinale, il 17 finale a Roma Stadio Olimpico
13-14 giugno semifinale di Coppa Italia 17 finale a Roma Stadio Olimpico. 20-21...
Spadafora: "Serie A? Pensavo di non farcela, ora incrocio le dita"
Il ministro dello Sport sulla ripresa del campionato: "Un segnale importante per l'Italia che sta ripartendo, lo sport e il calcio diventano protagonisti"
Incubo quarantena. Il protocollo passa l'esame. E ora si spera nella "curva"
Il CTS ribadisce le due settimane, ma se i contagi scendono...
L'offerta di Friedkin, ma Pallotta dice no
Il magnate texano propone 575 milioni, 135 in meno di dicembre, ma il presidente non accetta di uscire con una minusvalenza
Pastore shock: "Alla Roma servono soldi"
Un'intervista in Argentina mette in difficoltà il club che già aveva certificato il pesante rosso di bilancio
 Gio. 28 mag 2020 
La Serie A riparte il 20 giugno. Il campionato riparte anche in Italia.
La Serie A riparte il 20 giugno, la Coppa Italia il 13
Coronavirus, a Roma 11 nuovi casi, 21 in totale nel Lazio
D'Amato: «Nel Lazio per la prima volta guariti più dei positivi»
Ancora tamponi a Trigoria. E poi allenamenti... a due modalità
Fonseca (senza Zaniolo, Perotti e Pau Lopez) cerca di alternare sedute dure e intense ad altre più rilassanti, necessarie per allentare lo stress
KARSDORP:"La Roma? Strano non aver sentito nessuno, forse è un segnale. Farei di tutto per restarci"
Rick Karsdorp, terzino olandese della Roma, questa stagione in prestito al Feyenoord...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>