facebook twitter Feed RSS
Domenica - 13 giugno 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

Totti: "Rispetto De Rossi per aver chiuso carriera al Boca ma se avessi giocato con altra maglia..."

"Se avessi giocato con un'altra maglia avrei cancellato tutto. Il giorno dell'addio non avrei salutato alcune persone"
Venerdì 03 aprile 2020
Francesco Totti è stato ospite di Sky Sport in videochiamata questo pomeriggio.

Come passi il tempo a casa?
"La giornata è lunga ma per fortuna ho una famiglia che mi sostiene e stiamo sempre dietro ai bambini, tra compiti, giochi, palestra il tempo passa".

C'è qualche film che ti piace particolarmente e che rivedresti?
"In questi 20 giorni abbiamo scaricato Netflix tra Serie Tv e film. La sera è l'unico modo per passare il tempo e da stasera inizierà la Casa di Carta".

Cosa state facendo per aiutare lo Spallanzani?
"Non ci saremmo mai aspettati di trovarci in queste condizioni, un problema reale, serio. Abbiamo comprato 15 macchinari, abbiamo raccolto quasi 350.000 euro che utilizzeremo nel migliore dei modi, prendendo autoambulanze, macchinari per salvare quante più persone possibili. Con i campioni del mondo 2006 abbiamo realizzato un'iniziativa con la Croce Rossa e abbiamo ottenuto una bella somma".

Domanda di Lippi: non credevi di poter recuperare per il mondiale 2006. Alla fine ci sei riuscito con una gran forza di volontà
"A febbraio ebbi quell'infortunio molto serio. La sera stessa Mariani mi operò per la frattura del perone e la rottura dei legamenti. Fu un intervento duro, mi passò in testa qualsiasi cosa, ero sicuro che non sarei riuscito ad andare ai mondiali. Mariani mi disse dopo l'intervento che aveva fatto tutto e che sarebbe toccato a me di recuperare. Il giorno dopo ebbi questa bellissima sorpresa con la visita di Lippi. Vidi la volontà, l'amore e la voglia che mi trasmise il mister con quel discorso. Mi diede la forza di uscire dal tunnel lungo e buio con la voglia di partecipare al mondiale. Sapevo sarebbe stato l'ultimo. Grazie al mister e ai compagni ho avuto la forza in più per partecipare e vincere il trofeo più importante si possa vincere".

Come mai hai lasciato presto la Nazionale?
"Era una decisione presa prima di farmi male. Ogni anno facevo quasi 60 gare e avevo un problema alla schiena e dovevo mettere da parte qualcosa. Non potevo mettere da parte la Roma, anche perché non giocando con la Roma non sarei potuto andare in nazionale. La Roma è stata tutto, la vita, il mio percorso più bello. Fortunatamente ho chiuso l'avventura in nazionale vincendo il mondiale".

Domanda di Del Piero: Siamo cresciuti insieme. Le nostre carriere sono simili. Come vedeva la figura mia e della Juve nei confronti della sua figura e di quella della Roma. Com'è stata vissuta nell'arco della sua carriera?
"Ci hanno messo sempre in competizione, hanno cercato di metterci contro ma vendo due caratteri quasi simili ci siamo uniti sempre di più. Ci siamo capiti l'un contro l'altro. Ognuno ha sostenuto l'altro. Avevamo e abbiamo un gran rapporto e nessuno ce lo toglierà".

De Rossi ha chiuso la carriera con un'altra maglia. Tu l'avresti fatto avendo l'opportunità?
"Rispetto ciò che ha fatto Daniele, ognuno è libero di fare le proprie scelte. Di opportunità ne ho avute a fine carriera, sia all'estero che in Italia ma ero dubbioso. Io volevo continuare, sentivo di poter dare ancora qualcosa ma alla fine un anno o due non avrebbe cambiato nulla. La mia scelta di vita era di indossare un'unica maglia e fare un anno fuori avrebbe cambiato tutto, avrei cancellato tutto".

Chi ti ha chiamato dall'Italia?
"La Samp mi voleva a tutti i costi, Ferrero ha un debole per me, è romano e romanista".

La Samp ti voleva anche all'inizio della carriera
"Se non ci fosse stato il torneo Città di Roma con Ajax e 'Gladbach io la settimana dopo sarei andato alla Samp. Il mister non mi vedeva bene ma quella serata cambiò tutto. Fortunatamente sono riuscito a rimanere in questa splendida città. Chi lo sa dove sarei andato".

Se non avessi fatto il calciatore, quale altro sport avrebbe fatto?
"Se non avessi fatto il calciatore avrei fatto qualsiasi sport. Ultimamente mi trovo bene con il padel, avrei giocato a tennis. Avrei fatto il benzinaio anche per l'odore della benzina".

Domanda di Mangiante: Sei amico con Federer. Cosa vi lega? Lui disse che tu sei stato una fonte di ispirazione per giocare fino a 40 anni. Sei andato anche a vederlo giocare nell'ATP Finals di Londra, com'è andata?
"Lui per me è il tennis, è un mio amico. Spesso ci sentiamo via messaggio. Lui non parla italiano, io non parlo inglese, con translate è più semplice. Purtroppo siamo lontani, lui è sempre in giro per il mondo, io prima giocavo e non potevo muovermi tanto. C'è stima reciproca, mi identifico tanto con lui. Quando lui fa punto è la normalità, come quando io facevo un passaggio di prima mentre per altri sarebbe impossibile fare queste cose. Lui è il tennis, un personaggio esemplare, positivo, lui è Federer".

Giannini?
"Avevo il poster suo nella casa a San Giovanni".

Domanda di Giannini: Ci sono tante cose che ci legano, i colori giallo e rosso, il numero e il pezzo di stoffa portato al braccio importantissimo. Quando vuoi ci sfidiamo a tennis
"Accetto la sfida volentieri. Lo ringrazio perché quando avevo 16 anni mi ha dato tanti consigli. Sono stato molto fortunato ad averlo vicino. Quel pezzetto di stoffa è diverso da tutto il resto: per noi romani significava tanto, portare più in alto possibile i colori della Roma. Essere capitano della Roma è un vanto, un privilegio, un onore che tutti i bambini vorrebbero realizzare".

Che emozioni ricordi di tre anni fa?
"È come se non fossero passati tre anni. Spesso e volentieri riguardo quella giornata indimenticabile, nella quale si racchiude tutto il mio amore per questa squadra, per i colori e per i tifosi. Ricordo tutto, speravo non arrivasse mai la fine. Quando ho fatto la passerella non avrei voluto salutare alcune persone, ma per quello che c'era intorno ho dovuto mettere tutto da parte. È un giorno bello e brutto allo stesso tempo. Brutto perché ho smesso di giocare, bello per l'amore che mi ha dato la gente quel giorno. Non pensavo si potesse piangere così, non ho retto nemmeno all'emozione. Sapevo cosa sarebbe potuto succedere in quella partita e li ringrazierò per sempre perché mi hanno dato e mi danno ancora tanto. Il campo per me era tutto, sapevo quello che potevo dare e contraccambiavo in campo lo facevo per far contento questo popolo che, per la Roma, farebbe qualsiasi cosa. So cosa significa essere romani e romanisti, cosa significa vedere la Roma dalla Curva o dalla Tribuna. I romani sono questi e sono fiero".

Quale partita vorresti rivedere tra Roma-Parma del 2001, Lazio-Roma 1-5, Roma-Juve 4-0 e Inter-Roma 2-3 con quel pallonetto?
"Tutte e 4 le gare hanno un sapore diverso. Il pallonetto è tra i più bei gol della carriera, con la Juve c'è sempre stata rivalità e fu una gara stratosferica. Nel derby ci fu la dedica a Ilary (Sei unica), magari se non avessi fatto quel gol non avrebbe mai visto quella e non l'avrei mai sposata. Roma-Parma è la gara dello scudetto, dico quella".

Domanda di Pizarro: tra il gol di San Siro e il gol contro la Samp quale scegli?
"Il Peq è il numero uno, un figlio di una buona donna (ride ndr). Veramente un simpaticone, fa scherzi quotidianamente. Quando gli rode è un permalosone. Comunque tra i due gol".

Domanda di Bergomi: Quanto ti piaceva giocare qui a San Siro, quali emozioni ti dava?
"La scala del calcio, dopo l'Olimpico lo stadio più significativo, min dava emozioni, lì tra Inter e Milan ho fatto tanti gol per fortuna, con prestazioni ad alto livello. Lì erano abituati a vedere i campioni. Uno stadio dove ti veniva voglia di giocare".
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Sab. 12 giu 2021 
Eriksen crolla in campo in Danimarca-Finlandia: "È sveglio ed è stato stabilizzato"
Il calciatore dell'Inter è svenuto improvvisamente al 43' del primo tempo: i medici intervengono con il massaggio cardiaco
Turchia-Italia, indovina risultato e marcatori: la Uefa lo incorona!
Ha condiviso sui social il pronostico della gara inaugurale di Euro 2020, il tweet è diventato virale e il massimo organo di governo nel calcio applaude
Totti: "Sono orgoglioso di quello che ho fatto con la Roma, un sogno giocare con un'unica maglia"
L'ex capitano della Roma Francesco Totti ha rilasciato una speciale a Robinson,...
FLORENZI, contrattura al polpaccio: salta la Svizzera
Alessandro Florenzi salterà la gara contro la Svizzera, seconda sfida del girone...
Calciomercato Roma, Mourinho tenta di convincere Sergio Ramos. Ma arrivano smentite su fattibilità
Nome grosso quello che circola sulle frequenze dell'emittente radiofonica Tele...
Roma, complimenti a Spinazzola e Cristante. I tifosi: E Florenzi?
Ieri sera il club giallorosso si è fatto sentire sui social, nel post spiccava l'assenza dell'esterno
Stadio, tifosi: ecco il piano di Costanzo
Maurizio Costanzo è pronto a cominciare il suo lavoro nella nuova Roma di Dan e...
Xhaka e Rui Patricio alla Roma: primi colpi di Mourinho
Il centrocampista firmerà un quadriennale a 2,5 milioni a stagione più bonus: si aspetta solo l'annuncio ufficiale. Il portiere ha la fiducia del tecnico che lo conosce benissimo
Belotti e Isak, Roma al bivio
In attesa di ufficializzare la conferma di Edin Dzeko, la Roma prova a non abbandonare...
Calciomercato Roma, Mou dà il via ai casting degli esterni
Tanti. Troppi. Mourinho non è dogmatico e preferisce ragionare sul materia che ha...
Rudi Garcia: "I Friedkin invece di parlare fanno i fatti. Certo che tornerei alla Roma"
"Ho un debole per Pellegrini, giocatore fantastico.
MASCHERA DI PROTEZIONE BRANDIZZATA ROMAFOREVER
Mascherina filtrante tessuto 100% Cotone brandizzata RomaForever, lavabile a mano quante volte vuoi. (Made in Italy)
Pellegrini, lo stop in azzurro accelera i tempi per il rinnovo
Arrabbiato e deluso. Perdere un Europeo, dopo averlo rincorso un anno, fa male....
Belotti parla già da romanista
Difficile che abbia parlato a caso. L'idolo? Totti. Gli amici in nazionale? Pellegrini...
 Ven. 11 giu 2021 
EURO 2020, Turchia-Italia 0-3, Le Pagelle
Le pagelle dell'Italia - Spinazzola alla Grosso. Berardi-Immobile-Insigne: che meraviglia!
EURO 2020, Turchia-Italia 0-3
Primo tempo bloccato, poi nella ripresa l'autogol di Demiral e le reti di Immobile e Insigne
Totti all'Olimpico quattro anni dopo. I tifosi: "Quanto ci manchi"
Aveva partecipato all'addio di De Rossi ma da bordocampo, nell'inaugurazione è tornato sul campo che per oltre venticinque anni è stato la sua casa
Calciomercato Roma, parla Xhaka: "Futuro? saprete tutto dopo l'Europeo"
Il centrocampista svizzero: "Non voglio parlare di calciomercato, mi distrarrebbe dall'Europeo". Tiago Pinto intanto vuole chiudere con l'Arsenal
Mou scherza con Ronaldo: "Vai via dall'Italia e lasciami in pace"
Il futuro allenatore della Roma ha scherzato su CR7, che si troverà davanti come avversario in Serie A: “Continuiamo a dire che non ha più 25 anni, ma lui non smette di segnare”
Pruzzo: "Roma, mi piacerebbe Son. Sognare è lecito, con lui si alza il livello"
Tanti temi nella chiacchierata col bomber Roberto Pruzzo. A partire dalla Roma....
Kumbulla: "Stagione emozionante, con la Roma sogno traguardi importanti"
Il centrale albanese: "Ci sono state tante cose positive che porto con me. Quelle negative, invece, mi sono servite molto per imparare"
Zevi: "Alla Roma l'Olimpico, alla Lazio il Flaminio"
Il candidato alle primarie di centrosinistra: "Non sarebbe una cosa così impossibile da realizzare"
Superlega, Ceferin: "La giustizia è lenta, ma arriva sempre"
Il presidente della UEFA poi si sofferma anche su Euro 2020, ma non sposa l'idea di farlo itinerante
Europei, gran cerimonia d'apertura con Totti, Nesta e Bocelli
All'Olimpico questa sera lo spettacolo inizierà prima del fischio d'inizio del match inaugurale Turchia-Italia
Nuno Campos e Fonseca si separano: "La Roma è stata l'ultima tappa di un viaggio di 15 anni"
Paulo Fonseca e Nuno Campos si separano. È lo stesso ex viceallenatore della Roma...
Xhaka, frecciata all'Arsenal prima della Roma: "Ci sono stati molti problemi"
Il centrocampista: "È stato un buon anno per me, ho sempre giocato, ma il piazzamento a fine stagione è ovviamente molto amaro e deludente"
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>