facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 30 marzo 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

FONSECA: "E' un momento difficile. La cosa più importante era vincere"

ROMA-GENT 1-0, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: "in questo momento non abbiamo la stessa fiducia di sempre"
Giovedì 20 febbraio 2020
FONSECA A ROMA TV

Era importante tornare a vincere...
"Sì, era la cosa più importante e anche non prendere gol. Non è facile in questo momento, ma i ragazzi hanno lavorato e lottato per cambiare questo momento. Se mi domanda se abbiamo la stessa fiducia, è chiaro che le dico di no. Ma i giocatori vogliono cambiare questo, oggi la cosa più importante era vincere."

Sulla posizione di Cristante...
"Noi abbiamo visto che al Gent piace pressare con due attaccanti. Abbiamo fatto bene la costruzione all'inizio, ma poi abbiamo poche linee di passaggio, dobbiamo rischiare di più dopo superata la prima linea di pressione."

Ci accontentiamo solo del risultato? La squadra non ha preso gol...
"Sì, è stato molto importante non prendere gol per la fiducia della squadra. Non posso dire che abbiamo fatto una grandissima partita perché non è vero. Ma vincere e non prendere gol era troppo importante. Credo che con i buoni risultati la qualità di gioco possa anche migliorare."

Cosa non le è piaciuto della squadra?
"Abbiamo tirato contro l'avversario, poi la squadra è migliorata. Adesso è importante che ritorni la fiducia nei giocatori, hanno provato a cambiare questo momento ma ora non abbiamo la fiducia necessaria per accelerare la partita nei momenti giusti. Io devo capire che adesso la cosa più importante sono le intenzioni della squadra, con questo risultato possiamo migliorare. Voglio dire una cosa ai tifosi: più di una volta sono stati fantastici, loro capiscono che la squadra ha bisogno di appoggio ed oggi sono stati fantastici. Voglio spendere una parola d'elogio per loro."

*** *** ***


FONSECA A SKY SPORT

Buoni il risultato e la prima mezz'ora. Poi la squadra si è fermata...
"La cosa più importante era vincere e non prendere gol. Non abbiamo fatto una partita di qualità, ma la squadra deve prendere fiducia. I giocatori oggi hanno lottato e hanno fatto di tutto per cambiare la situazione. Il Gent è forte."

È mancata qualità nell'uscita. Questo toglie fiducia?
"Sì non dobbiamo rischiare tanto in questo momento. La squadra abitualmente gioca così, ma senza fiducia non dobbiamo rischiare tanto perché le linee di passaggio non sono le stesse di un mese fa. I giocatori hanno provato a fare bene le cose. È stato molto importante vincere oggi."

Ha un'idea tattica molto chiara. Ma nei momenti di difficoltà si può cambiare qualcosa o si va avanti con la propria idea?
"No io non sono chiuso a cambiare, in questa stagione ho cambiato più che in tutta la mia carriera. Ma in questo momento non dobbiamo cambiare molto, ma dobbiamo migliorare quello che la squadra sa fare. È vero che anche io ho pensato di cambiare, ma non devo dare il segnale che questo possa aiutare. Ma non sono chiuso, se penso che vada cambiato il sistema non c'è problema."

Voi avrete beneficio quando riuscirete a tenere di più la palla e a gestire i ritmi del gioco. Allora difenderete anche meglio...
"È vero. Se non difendiamo bene non possiamo fare questo tipo di partita. Penso che il miglior modo di difendere sia avere la palla, ma per farlo i giocatori devono avere fiducia e voglia di avere la palla e questo non è il momento per fare questo tipo di partita. Non voglio avere la palla per averla ma per cercare di fare qualcosa. Oggi la squadra ha optato sempre per non rischiare, anche quando potevamo spingere e cambiare la partita. Abbiamo giocato molto con Pau Lopez, dobbiamo andare più avanti. Cerchiamo di scegliere situazioni sicure, ma Pau non ha le linee di passaggio per giocare come vogliamo."

Una nota positiva Carles Perez. Quanti gol ha nelle gambe? Può risolvere il problema dei pochi gol?
"Non è un goleador ma può fare molti gol. Oggi ha fatto una buona partita in un momento non facile, ha avuto sempre coraggio e voglia di avere iniziativa. Ha qualità."

Garcia consiglia di tapparsi le orecchie e continuare con le sue idee...
"È sempre buono sentire che i colleghi vogliono il nostro bene. Ho apprezzato il gesto di Garcia. Voglio terminare con una parola per i nostri tifosi, che hanno capito il momento della squadra."

I fischi a Pellegrini la hanno sorpresa?
"Penso che Pellegrini sia molto importante in questa squadra. Lui sente più degli altri questo momento. Ama la Roma come nessuno, ha sentito molto la responsabilità di questo momento."

Deve recuperare leggerezza?
"Sì, dobbiamo capire che è un giovane che sente la Roma e la responsabilità. Ha fatto molto per la Roma in stagione. Non possiamo dimenticare quanto sia importante per la Roma."

*** *** ***


FONSECA IN CONFERENZA STAMPA

Cosa pensa dei fischi a Pellegrini?
"Lui sta bene. Ho parlato con lui a fine partita. Lorenzo è forte e adesso penso che tutti devono capire che è un giocatore che sente più la Roma e la responsabilità rispetto ad altri. In questo momento difficile ha sentito più la responsabilità dell'essere romano. È il giocatore che ama più la Roma in questo momento e non è stato facile. Non possiamo però dimenticare quanto sia stato importante in questi primi sei mesi della stagione. È un forte ragazzo e penso che recupererà velocemente la migliore forma. Io comunque non ho sentito nessun tifoso contro la squadra, hanno capito la squadra e hanno dato il loro supporto per tutta la partita. È un segno che sono al fianco della squadra".

Alcuni giocatori, nella corsa, sembrano pesanti: cosa può provare per rimotivare la testa dei giocatori?
"Quello che pesa è la testa. I giocatori hanno ritrovato subito l'equilibrio. Non c'è un problema fisico, sono sicuro di questo. In questo momento, per recuperare la fiducia, dobbiamo concentrarci solo su quello che dobbiamo fare. Dobbiamo tornare a credere in quello che abbiamo fatto fino a oggi. Questa è la stessa squadra che ha dominato anche contro squadre forti. È una questione mentale. Questo non è un momento per cambiare modulo o cambiare tatticamente. Quello che conoscono meglio, conforta i giocatori, anche in campo. È importante fare bene tutte le cose in tutta la partita. Oggi la squadra non ha rischiato molto, quando dovevamo andare avanti, abbiamo giocato la palla indietro. Anche Pau Lopez ha giocato tanta la palla. Oggi non abbiamo trovato la linea del passaggio e dobbiamo ritrovare questo che avevamo fatto bene in passato".

Pau Lopez ha giocato tanti palloni: potrebbe mettere come regola di passare la palla meno al portiere e guardare in avanti?
"Abbiamo giocato troppo con il portiere e dopo è difficile andare avanti perché l'avversario pressa meglio e occupa meglio lo spazio chiudendo la linea di passaggio. È un segnale del momento della squadra. La squadra non guarda avanti e gioca solo al sicuro all'indietro. Diventa tutto più difficile se giochiamo sempre all'indietro. Questo cambia con la fiducia. In passato abbiamo giocato molto con Pau Lopez trovando però poi la linea di passaggio. Penso che sia determinante il momento che stiamo attraversando".

Perez ha segnato alla prima da titolare: può diventare un punto fermo della squadra?
"Speriamo di sì. Carles ha sempre voglia di fare gol e stare vicino alla porta. Deve migliorare in molte cose ma ha giocato bene per essere la prima partita. Ha lavorato anche molto per la squadra ed è lo spirito che voglio vedere in tutti i giocatori".

Perché la Roma si è bloccata così da un momento all'altra?
"È la prima volta che mi succede. È facile spiegare questo momento: sono le sconfitte. Io ho giocato a calcio ed è facile capire il momento. È normale che dopo questi risultati i giocatori perdono la fiducia. Sono i risultati a determinare l'umore e il rendimento dei calciatori. Quando uno ha un incidente grave in macchina, riprendere la fiducia alla guida è difficile. Se abbiamo tre incidenti vicini, molte persone addirittura non vogliono più guidare ed è quello che ci sta succedendo: è la testa che ci sta bloccando".

La Roma di questa sera può bastare per passare il turno?
"Dobbiamo migliorare molto se vogliamo passare il turno. Dobbiamo giocare un altro tipo di calcio. Penso che dobbiamo capire questo momento. Io penso che oggi era importante vincere, forse abbiamo segnato troppo presto e la squadra ha sentito che non doveva subire alcuna rete. Dobbiamo migliorare molto e dopo questo risultato la fiducia può crescere e il livello del nostro calcio può tornare a quello che abbiamo visto nei primi sei mesi".

Cosa dire ai tifosi dopo i brusii di oggi?
"Onestamente non ho sentito molto cosa è successo fuori dal campo, ma ho sentito la vicinanza dei tifosi. Hanno capito che questo è un momento dove abbiamo bisogno di supporto. Sono sempre stupendi con la squadra ed è importante che continuino a credere nei giocatori perché è molto importante avere il loro appoggio per tornare al top. Io comunque li ho sempre sentiti vicini alla squadra, anche oggi".
COMMENTI
Area Utente
Login

Inter - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 29 mar 2020 
Coronavirus, Tommasi: "Prendiamo atto: la stagione forse è finita"
"Dopo le parole del Ministro Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c'è. Sugli stipendi cerchiamo una soluzione comune”
La Lega replica al ministro Spadafora: "Non è il momento della demagogia"
Il presidente Dal Pino risponde al ministro dello sport che aveva attaccato i club: “Il calcio produce 3 miliardi di euro di ricavi e un indotto di 8”
Calciomercato Roma, dall'Inghilterra: Shaqiri ancora nel mirino
I giallorossi continuano a monitorare lo svizzero, che però in estate può scegliere il Siviglia
Nicchi: "Arbitri pronti a ripartire, non a rischiare la vita"
Presidente Aia "serviranno garanzie per tutti, anche per noi"
Coronavirus Lazio, 201 casi e 12 morti: trend per la prima volta sotto il 9%
«Oggi registriamo un dato di 201 casi di positività e un trend in decrescita per...
Calciomercato, dalla Germania: "Gotze in scadenza, la Roma ci prova"
ROMA - Stop al campionato, non al calciomercato. I club sono alla ricerca di...
CORONAVIRUS, Gravina ringrazia la Juve: "Un esempio per tutto il sistema"
Il presidente della Figc Gabriele Gravina è molto soddisfatto. L'accordo sul taglio...
Coronavirus, il vero numero dei morti a Wuhan: 45mila cremazioni a fronte di 3mila decessi ufficiali
Cina, gennaio-marzo 2020. Tremiladuecentonovantotto morti ufficiali a causa del...
Coronavirus Roma, troppi contagi tra medici e pazienti: inchiesta dei Nas in tutti gli ospedali
Di sicuro, giorno dopo giorno, l'intero sistema sanitario regionale si sta attrezzando...
Coronavirus, 229 turisti (3 infetti) portati a Roma: nessuno ha avvisato, la scoperta dopo 4 giorni
Bisogna tornare indietro a lunedì sera quando a Roma, in un hotel in zona Collatina...
AIC, Tommasi: "Il calcio ora non è una priorità. Vogliamo che venga preservato equilibrio economico"
Le dichiarazioni del presidente dell'AIC, Damiano Tommasi: "Siamo disponibili a...
Spadafora: "Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare..."
"Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco di tutte le competizioni sportive”
Roma, trattative in stand by: i dirigenti verso la conferma
Dovevano essere i giorni del cambiamento. Si stanno trasformando in quelli della...
In Francia tagli del 30% e in Spagna del 70
L'intero calcio europeo si sta muovendo di fronte alla crisi generata dal coronavirus....
La Juve taglia 90 milioni. Via libera al taglio degli stipendi dei calciatori
Gli stipendi sono il grande tema al centro del calcio in questi giorni. La Juventus...
 Sab. 28 mar 2020 
CONTE: "Subito 4,3 miliardi ai Comuni e fondi per aiutare persone in difficoltà"
Lʼannuncio del premier: "Vogliamo dare un segnale concreto della presenza dello Stato". Gualtieri: "Vogliamo dare ossigeno ai bilanci e aiutare le persone in difficoltà". Decaro: "Risposta veloce"
Coronavirus, a Roma 94 nuovi contagiati (-26) in un giorno: 11 guariti e 4 morti
Sono 2181 gli attuali casi positivi COVID-19 nella Regione Lazio, 124 sono i pazienti deceduti e 200 le persone guarite
Coronavirus a Roma, Di Rosa (Asl Rm 1): "Numeri in crescita, isolare subito cluster in case anziani"
Enrico Di Rosa, dirigente della Società italiana di igiene e direttore del Sisp,...
Liverpool, Klopp: "Ho pianto vedendo i medici cantare You'll never walk alone" (VIDEO)
L'allenatore dei Reds commosso da un video in un ospedale britannico: "Tra tanti anni ci ricorderemo di questo periodo per la solidarietà, l'amore e l'amicizia nel mondo"
CORONAVIRUS, in Russia test per diagnosi in 90 minuti
In Russia è stato messo a punto un test per la diagnosi del coronavirus che fornisce...
Coronavirus, i timori dei medici dello sport: "Test approfonditi per i positivi"
La federazione dei dottori dello sport pretenderà accertamenti per i giocatori contagiati: si temono possibili rischi all’apparato cardiaco
Ceferin: "Tre piani per il calcio. Nulla sarà come prima"
Aleksander Ceferin, presidente dell'Uefa, ha rilasciato un lunga intervista per...
Stipendi sospesi, la serie A si rifugia in corner
Giocare appena possibile, per concludere la stagione - assegnando lo scudetto e...
"Scudetto? No, grazie": Agnelli e quel like su Twitter...
Andrea Agnelli ha lasciato intendere quale sia il suo pensiero su un'annosa questione...
Coronavirus, il blocco anticontagio sarà prorogato oltre il 3 aprile
Il governo è intenzionato a proseguire il lockdown per altri 15 gg perché l’andamento del contagio di coronavirus non consente ancora la riapertura in sicurezza di scuole e attività
 Ven. 27 mar 2020 
Coronavirus, sui social si pianifica l'assalto ai supermercati: in campo polizia e carabinieri
Gruppi Facebook, messaggi audio su Messenger e Whatsapp. Centinaia di utenti che dicono di "essere ridotti alla fame" hanno avviato i contatti per programmare alcuni blitz. "Mettete cose imbottite e attenti ai manganelli. E' buono che chiedono pietà? Butta sangue e muori...
Coronavirus, sommossa nell'Hubei dopo la quarantena, a migliaia assaltano la polizia (VIDEO)
I disordini sul ponte che attraversa lo Yangtze al confine con la provincia dello Jiangxi. I residenti esasperati per le restrizioni agli spostamenti individuali che permangono dopo la fine dell'isolamento
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>