facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 3 aprile 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Dissociazione Sportiva Roma

Domenica 16 febbraio 2020
La Roma di Fonseca ha due punti in meno rispetto a quella dell'ultimo Di Francesco, che tre settimane dopo sarebbe stato cacciato, e si trova a sei punti dalla Champions (sei più uno: l'Atalanta ha vinto entrambi gli scontri diretti). Da tre mesi vive sospesa tra il presente-passato e il futuro e se non avesse sprecato anche l'occasione fornitale dal mercato di gennaio potremmo concederle qualche attenuante. Purtroppo ha aggiunto errori a errori e, considerati i risultati ottenuti dalla ripresa del campionato a oggi (cinque sconfitte nelle ultime sette) è inevitabile e doveroso parlare di crisi profonda. A Bergamo aveva la possibilità di recuperare ritardi e un po' di entusiasmo ma il confronto con l'Atalanta è stato a tratti impietoso sul piano tecnico, tattico e atletico.

Dopo averne presi sette in due partite (Sassuolo e Bologna) e aver conosciuto le prime critiche, Fonseca ha provato a inseguire copertura e solidità, trascurando la costruzione, e si è inventato la Roma-mela. E la Roma-mela ha funzionato per un tempo: divisa in due metà, cinque difensori (Fazio reintegrato, Mancini prima protezione) e cinque offensivi ("emozionante" la coppia di mezzo, Pellegrini-Mkhitaryan), ha resistito agli assalti dell'Atalanta e al primo errore ha colpito con Dzeko. Nella ripresa sono però bastati pochi minuti a Gasperini per rimarcare le distanze.

Aspettando il signing e poi il closing di Friedkin e curioso di sapere chi sottoscriverà l'aumento di capitale, al gol di Pasalic, appena entrato, mi sono ritrovato a riflettere su un passato abbastanza recente. Non pensavo che un giorno avrei potuto scrivere ciò che sto per scrivere. Ma la vita è strana e il calcio lo è di più. In effetti oggi mi riesce naturale rivalutare la Roma, peraltro criticatissima, di Franco Baldini e Walter Sabatini (quest'ultimo portò Alisson, Benatia, El Shaarawy, Lamela, Nainggolan, Perotti, Pjanic, Salah, Strootman, otto su nove rivenduti per 300 milioni complessivi). La rivaluto perché i due sanno di calcio (sono contemporanei), il calcio è da sempre la loro lingua, il loro terreno naturale. I manager esperti di numeri e dinamiche relazionali sono una gran bella cosa ma solo se non operano nel calcio: si rivelano una iattura non appena si convincono di poter avere lo stesso impatto e lo stesso successo in un mondo irregolare, antipatico, talvolta sconveniente quale è quello del pallone; un non-sistema che pretende conoscenza/competenza di settore.

La Roma attuale non vale il nome che si porta addosso: in tanti anni ho visto anche piccole squadre in grandi società, ma mai grandi squadre in piccole società. Questa caccia De Rossi e in conferenza stampa l'ad dice di aver provato a trattenerlo. Petrachi attacca la stampa e la società si dissocia dalle parole del ds pur rispettandone il sentimento. A questo punto chiamiamola Dissociazione Sportiva Roma.

Guardiola non scappa
Le punizioni dell'Uefa (due anni fuori dalla Champions, Tas permettendo) avranno un effetto significativo sul futuro di Guardiola: se per caso Pep avesse soltanto ipotizzato di lasciare il City a fine stagione, ora che il club sta per andare incontro a pesanti sanzioni, ogni suo progetto di fuga rientra e il rapporto prosegue con un coinvolgimento emotivo addirittura superiore. Guardiola è fatto così: i suoi principi, il suo profondo senso di responsabilità, gli vietano di abbandonare chi è (o ha messo) in difficoltà, soprattutto poi se si tratta di persone amiche con le quali ha condiviso programmi, sforzi, obiettivi, successi e sconfitte.

Da anni il Manchester City è "més que un club" anglo-arabo: ha acquisito un dna catalano. Il catalano è infatti la lingua parlata dal suo management: Txiki Begiristain e Ferran Soriano compongono con Pep e Pere Guardiola, il fratello-agente, un gruppo di lavoro estremamente solido, unito e battagliero. Nel calcio tutto può succedere, ma se Guardiola abbandonasse il City dopo ciò che è accaduto, la più sorpresa sarebbe certamente la sua coscienza.
di Ivan Zazzaroni
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Atalanta - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 02 apr 2020 
Lukaku: "Per fermare il calcio è stato necessario che fosse positivo uno della Juve"
L’attaccante dell’Inter sull’emergenza coronavirus: “Il calcio mi manca, ma la salute è davanti a tutto. Perché dobbiamo giocare se nel mondo c’è gente che rischia la vita?”
Cellino: "Non schiero il Brescia, questa stagione non ha più senso. Lotito pensa vincere scudetto"
Il Presidente del Brescia, Massimo Cellino, ha rilasciato questa mattina un'intervista...
 Mer. 01 apr 2020 
CONTE: "Misure prorogate fino al 13 aprile. Vietati tutti gli allenamenti delle squadre"
Le parole del premier in conferenza stampa: "Invito tutti a rimanere ancora a casa...
CORONAVIRUS, l'idea di alcuni club europei: Apertura e Clausura per i campionati sino al 2023
La rivoluzione per ripartire dopo il Coronavirus. È questa la proposta di diversi...
FIGC rende noti i compensi erogati ad Agenti Sportivi: Roma terza in Serie A con 23 milioni spesi
La FIGC ha reso noti i corrispettivi comunicati dalle Società di Serie A ed erogati...
Serie A, ecco le date per la ripartenza: allenamenti a metà aprile, campionato il 24 maggio
La serie A intravede uno spiraglio di luce. O meglio, il verde dell'erba del campo....
 Mar. 31 mar 2020 
COVID-19, un giovanissimo tifoso mette all'asta la sua maglia autografata da Mancini
Iniziativa benefica molto toccante che proviene dal Roma Club di Bergamo. Il piccolo...
La Fifa studia un piano Marshall da 2,5 miliardi per salvare il calcio
La confederazione mondiale metterà mano alle riserve per aiutare le singole federazioni a superare la crisi dovuta alla diffusione del coronavirus
Coronavirus, la Serie A propone la sospensione di 4 mensilità, l'Aic di una
Prove di accordo sugli stipendi dei calciatori
Coronavirus, il giorno zero del calcio: nessuna partita sul pianeta nemmeno per scommessa
Oggi non si giocherà nessun incontro ufficiale. Gli appassionati potranno puntare solo su due gare amichevoli
Lazio, Lotito forza la mano: squadra in ritiro la prossima settimana
La battaglia continua. Non s'arrende, Lotito, è pronto a sfidare...
Lazio, ancora Diaconale: "Alla Juve lo scudetto dell'etica? Sento odore di ipocrisia"
Il direttore della comunicazione biancoceleste è tornato ad attaccare i bianconeri sulla questione del taglio degli stipendi: "I bianconeri curano solo i propri interessi"
Tare: "La stagione di A va finita"
L'emergenza continua, il pallone è lontano dai pensieri della gente. Ma i club devono...
 Lun. 30 mar 2020 
CELLINO: "Chiusura calcio è indispensabile. Questa stagione è andata, speriamo di riuscire a..."
Massimo Cellino, Presidente del Brescia, ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui...
Diaconale, frecciata alla Juve: "Vogliono lo scudetto d'ufficio per dedicarsi solo alla Champions"
Il direttore della comunicazione della Lazio parla ancora sulla questione campionato. E attacca Spadafora: “Non conosce il ruolo del calcio nell’economia e nell’immaginario collettivo del Paese”
Una Serie A cicala che chiede l'obolo
Cari presidenti di Serie A, il momento è difficile e vi capiamo; ma mentre siete...
Gli Ultras della serie A ai club: "Se giocate, noi diserteremo"
Per le curve il campionato è già finito. Nel mezzo della pandemia, in cui la serie...
 Dom. 29 mar 2020 
Coronavirus, Tommasi: "Prendiamo atto: la stagione forse è finita"
"Dopo le parole del Ministro Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c'è. Sugli stipendi cerchiamo una soluzione comune”
Nicchi: "Arbitri pronti a ripartire, non a rischiare la vita"
Presidente Aia "serviranno garanzie per tutti, anche per noi"
AIC, Tommasi: "Il calcio ora non è una priorità. Vogliamo che venga preservato equilibrio economico"
Le dichiarazioni del presidente dell'AIC, Damiano Tommasi: "Siamo disponibili a...
Spadafora: "Riprendere le partite il 3 maggio è irrealistico. Domani proporrò di prorogare..."
"Domani proporrò di prorogare per tutto aprile il blocco di tutte le competizioni sportive”
Roma, futuro in cammino. La difesa è da ristrutturare
Le indicazioni per il futuro in casa Roma sono chiare: abbassare il monte ingaggi...
 Sab. 28 mar 2020 
Ceferin: "Tre piani per il calcio. Nulla sarà come prima"
Aleksander Ceferin, presidente dell'Uefa, ha rilasciato un lunga intervista per...
"Scudetto? No, grazie": Agnelli e quel like su Twitter...
Andrea Agnelli ha lasciato intendere quale sia il suo pensiero su un'annosa questione...
 Ven. 27 mar 2020 
Gravina: "Vogliamo finire i campionati ma lavoriamo su ipotesi alternative. Nuova stagione non..."
"Nuova stagione non può iniziare oltre la metà di agosto"
 Gio. 26 mar 2020 
Spadafora: "È molto difficile che il campionato possa riprendere"
"Previsione ottimistica che la Serie A riparta il 3 maggio"
Gravina: "Non chiediamo soldi al Governo. Poco credibile ipotesi di fare un campionato a 22 squadre"
"Coverciano a disposizione per i posti di terapia intensiva. Potremmo arrivare al 30 luglio, vogliamo finire il campionato"
Cairo: "Prima la salute. Se il campionato potrà ripartire, va finito entro il 30 giugno"
Il presidente del Torino interviene sui temi in discussione: "Giusto il taglio degli ingaggi, tutti dobbiamo fare dei sacrifici. Gli allenamenti vanno ripresi insieme"
Campionato e coppe in estate: ecco come sarà il calcio post coronavirus
Un calcio d'estate, dunque. Quello vero, non le solite amichevoli di lusso, ritiri...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>