facebook twitter Feed RSS
Martedì - 14 luglio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

MONTELLA: "Per me non è una partita come le altre, a Roma ho il mio cuore, la mia casa"

FIORENTINA-ROMA, LA CONFERENZA STAMPA DI VINCENZO MONTELLA: "Chiesa? Vediamo come sta, ha preso una botta contro l'Inter e non ha chiesto il cambio. Roma di grande livello, con quelle forti ce la giochiamo alla pari. Mercato? Fatemi mangiare il panettone..."
Giovedì 19 dicembre 2019
Il tecnico della Fiorentina, Vincenzo Montella, sta parlando in conferenza stampa alla vigilia del match contro la Roma, in programma domani alle 20:45.

Come sta Chiesa?
"Alla fine del primo tempo contro l'Inter si stava formando un ematoma, lui ha dato disponibilità per continuare. Non mi ha chiesto il cambio perché voleva rimanere, ma l'ho tolto perché non stava bene."

Sono partiti i fischi quando l'hai cambiato...
"Fischi o non fischi l'ho tolto perché non stava bene. Ieri stava peggio del giorno precedente, ha fatto una risonanza. Oggi lo valutiamo e vediamo se riusciamo a recuperarlo."

Con la Roma che emozione ci metti dentro?
"Ci e mi manca la vittoria. Il morale contro l'Inter è aumentato. Affrontiamo un avversario di grande livello che fa grande possesso palla. E' la seconda miglior difesa della Serie A, ma con le grandi squadre ce la giochiamo alla pari. Sono speranzoso. Per me non è una partita come le altre, là ho il mio cuore, la mia casa. Abbiamo vinto in coppa in Europa League e in Coppa Italia, ce ne manca una in campionato."

Fonseca?
"Si è calato nel calcio italiano. Ha un'idea molto offensiva."

Florenzi alla Fiorentina?
"Speriamo che io mangi il panettone prima di pensare al mercato (ride, ndr). Non mi interessa ad oggi, sono concentrato su chi va in campo. Sono fatto così. Lo mangerò comunque il panettone perché mi piace (ride, ndr)."

Si sente più tranquillo dopo il pari con l'Inter?
"Non lo so, sono uno dei responsabili. Questa cosa mi sta gasando molto e mi fa rendere di più."

Come ha trovato la squadra dopo quel pareggio?
"Settimana atipica, corta. Ieri è stato il primo vero giorno di allenamento, oggi è il secondo. I ragazzi hanno recuperato, abbiamo qualche situazione da controllare, ma stanno bene i ragazzi."

Si può dire che contro l'Inter hai ritrovato la tua squadra o manca ancora qualcosa?
"Credo che al completo, ora quasi, siamo una squadra competitiva, l'abbiamo dimostrato. Non siamo una squadra completa, ma abbiamo dei valori. Il patrimonio individuale di ogni calciatore si è alzato e bisogna lavorare per migliorarsi come normale che sia."

È una partita che si deciderà sugli episodi?
"Credo che la maggior parte delle partite si sblocchi con l'episodio. È determinante. Averlo a favore dipende dalle qualità, dalla volontà e sicuramente non dalla fortuna".

Come sta Badelj dopo gli acciacchi dell'ultimo periodo?
"Milan da qualche settimana non sta molto bene fisicamente. Ha sempre dato la disponibilità per scendere in campo. Si è allenato, lo sto valutando come sto valutando la possibilità di far giocare Benassi".

La società ha chiesto maggiore tutela arbitrale, lei cosa ne pensa?
"Ci sono stati episodi dove siamo stati penalizzati e pochi dove siamo stati avvantaggiati. Domenica è stato fischiato un mezzo fallo su Eysseric mentre contro la Lazio un episodio simile ha segnato il nostro campionato".

Boateng?
"Boateng ha presenza, sa mandare dentro i compagni, non attacca da punta la porta, anche se glielo chiedo. È un giocatore di spessore che ci può dare una mano".

Zurkowski, come mai non gioca mai?
"SI sta allenando a fasi alterne per un colpo. Ha grande volontà. A Verona giocò Cristoforo perché avevo bisogno di maggiori geometrie, lui è più dinamico e fisico. Deve migliorare a livello tecnico-tattico".

Ha rivisto la partita vinta dai viola 7-1?
"Sono due situazioni diverse, completamente diverse".

Con l'esplosione di alcuni giovani, si può dire che sono le note più positive del bilancio stagionale?
"Per fare dei bilanci bisogna andare a ritroso e capire gli obiettivi. Come patrimonio i calciatori si sono valorizzati nonostante la classifica. Nonostante qualche punto meritato sul campo ci manchi. Consapevoli che dovevamo fare meglio nell'ultimo periodo. Abbiamo però dato la Serie A a dei ragazzi che non erano abituati a vederla, come Dragowski e Vlahovic. Abbiamo dato lustro a Castrovilli arrivato anche in Nazionale. Abbiamo dato spazio alla fiorentinità con Ranieri e Venuti. Io credo che qualcosina sia stato fatto. Se avessimo avuto qualche trentenne in più avresti avuto più punti ma meno futuro. Sono convinto che così la società e i tifosi abbiano più futuro e mi dispiacerebbe se di questa semina ne beneficiasse qualcun altro".

Boateng può fare il centrocampista?
"Può fare la seconda punta come domenica e penso che sia quella la sua posizione. Non può più fare il centrocampista".

Avete preso una decisione su Pedro?
"Sinceramente non devo decidere io, lo devo valutare. Ha grandi qualità, si deve abituare al ritmo. Sa giocare con i compagni e vede la porta ma deve migliorare. La Serie A ti mette di fronte a tante difficoltà. C'è bisogno di un periodo di adattamento. Se abbiamo tutti pazienza può diventare un giocatore importante".

Come ha visto Vlahovic dopo la prima rete importante della sua carriera?
"Abbiamo vissuto tutti forti emozioni. Credo però che lui sta già pensando al prossimo gol. Ha talmente voglia di emergere che sta pensando al prossimo rispetto a quello che gli è successo".

Le assenze hanno pesato e quanto?
"Abbiamo dei giocatori cardine che sono stati appoggiati ai ragazzi. Se ti mancano, mancano le basi. Se ti mancano Pezzella o Ribery, come spessore, cambia molto. Questo è il discorso. Hanno storia, esperienza, personalità: il calcio si gioca anche in questo modo in mezzo al campo".

La squadra non al completo è l'unica giustificazione al rendimento un po' altalenante?
"Io penso che la verità sta nel mezzo. Abbiamo fatto qualcosa in più in gran parte della stagione e nell'ultima parte qualcosa in meno. Ci sono tante cause ma non perché la squadra non sia allenata. La nostra squadra ha finito bene sia con il Torino che soprattutto contro l'Inter di Conte. Non è un discorso fisico. È psicologico probabilmente, non tecnico. Quando c'è un nuovo percorso, il momento peggiore è la seconda fase. Adesso c'è un assestamento che dobbiamo trovare. Dobbiamo trovare il nostro equilibrio".

Kalinic?
"Non mi sono spiegato bene: escono tanti nomi ma il mercato non lo faccio io, che devo fare altro. Non si è lasciato bene a Firenze e il fatto che non siano graditi i ritorni è un altro dato di fatto che sto pagando anche io. Fatemi mangiare tranquillamente il panettone".


COMMENTI
Area Utente
Login

Montella - Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 18 giu 2020 
Manolas: "Finalmente ho vinto". E Totti e De Rossi mettono il like
Lama nel cuore per i tifosi della Roma. Mettendo in ordine l’elenco di tutti coloro che dall’estate 2011 ad oggi (prima Made in Usa) hanno vinto si potrebbero mettere in campo due formazioni
 Mer. 17 giu 2020 
Capello ricorda lo scudetto: "Batistuta la ciliegina di una squadra costruita per vincere"
Fabio Capello, allenatore della Roma che il 17 giugno del 2001 vinse lo scudetto:...
Dzeko vuole diventare il bomber dei record e tornare in Champions
Centoventidue giorni senza un gol. Non era mai successo nella carriera di Edin Dzeko....
 Sab. 13 giu 2020 
Roma sulle spalle: Dzeko è pronto
Tra i calciatori che scalpitano in vista della ripresa del campionato va sicuramente...
 Mer. 03 giu 2020 
Vent'anni fa l'acquisto di Batistuta
Un sogno di inizio estate destinato a tramutarsi nella pazza gioia di uno scudetto...
 Mer. 27 mag 2020 
Montella, un pallonetto da Scudetto
19 anni fa, in occasione di Roma-Milan 1-1, Vincenzo Montella segnava con uno splendido pallonetto, avvicinando lo Scudetto ai giallorossi
 Mar. 28 apr 2020 
I flop e i top dei centravanti giallorossi
Argentini, italiani, tedeschi e un bosniaco: tanti sono i...
 Sab. 18 apr 2020 
Roma 1982/83-Roma 2000/01 1-2: Falcao illude, poi la coppia Montella-Totti esalta Capello
Il centrocampo “pensante” di Liedholm e la spinta di Nela mettono in crisi Samuel & co. Nella ripresa, l’ingresso dell’Aeroplanino segna la svolta
 Ven. 03 apr 2020 
Mancini: "Sono orgoglioso della Roma. Indossare questa maglia mi provoca emozione"
Dopo gli interventi di Nicolò Zaniolo e di Lorenzo Pellegrini, è il turno di Gianluca...
 Mar. 31 mar 2020 
Candela intervista Totti: "Nessuno leverà mai la Roma dal mio cuore. È la mia seconda pelle"
Vincent Candela ha parlato nel corso di una diretta su Instagram. Qual è...
 Mer. 18 mar 2020 
Stadio della Roma, in quarantena si scrivono le delibere
Accordo finale definito, i tecnici a lavoro sui testi da votare in Campidoglio
 Mer. 04 mar 2020 
Fonseca pensa al Siviglia
Il primo allenamento di una settimana quasi surreale, con notizie che sì rincorrono...
 Mar. 25 feb 2020 
Roma, fiducia dai senatori: Smalling, Kolarov, Mkhitaryan e Dzeko per riprendere quota
Smalling, Kolarov, Mhkitarian e Dzeko, citati secondo il sistema di gioco di Fonseca,...
 Lun. 24 feb 2020 
Sorrisi e poker. La Roma si ritrova
E' vero, il Lecce non è test probante per pensare di aver messo alle spalle la crisi,...
 Dom. 23 feb 2020 
Dzeko, 102 gol con la Roma. Il bosniaco raggiunge Montella e punta il podio
Il Cigno di Sarajevo continua a scalare la classifica all-time dei bomber romanisti
Dzeko un valore aggiunto anche per i compagni. Pellegrini "depotenziato"
Il meglio e il peggio della serata della Roma: non solo gol e assist per l'attaccante, che sa giocare come pochi. Per il centrocampista quanto pesa l'affaticamento all'adduttore?
Fonseca cala il poker sul Lecce: la Roma riparte dopo tre sconfitte
Chiuso il periodo nero con il netto successo sui salentini firmato Under, Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov. I pugliesi venivano da tre vittorie consecutive
 Lun. 10 feb 2020 
Crisi giallorossa. La prima mossa di Friedkin: basta film horror
Aspettando il nuovo proprietario per interrompere la replica infinita
 Lun. 27 gen 2020 
Rimpianto Dzeko. Lo squillo atteso ma non il n° 100
A quasi quattro anni di distanza, dal 3 aprile 2016, Dzeko torna a segnare in un...
 Ven. 03 gen 2020 
Florenzi capitano ritrovato: in campo e sui social
Superato il momento di difficoltà quando Fonseca gli preferiva Spinazzola e Santon, accantonata l’idea di lasciare i giallorossi, il solitamente riservato Alessandro posta su Instagram la sua felicità
Calciomercato Roma, un altro Dzeko: si tratta per Mariano Diaz
Petrachi sta cercando di piazzare Kalinic anche in Premier. Non è detto tuttavia che il croato accetti la proposta del Newcastle
 Sab. 28 dic 2019 
Dal gol di De Rossi al poker con la Fiorentina: le 5 partite più importanti del 2019
Ranieri, De Rossi, Fonseca e la rivincita contro il Napoli: queste le gare più importanti dell'anno
 Gio. 26 dic 2019 
Roma, le facce del decennio: 9 tecnici, 200 giocatori, 5 d.s.
A Trigoria sono passati venti calciatori in più ogni anno dal 2010 ad oggi, con cinque diversi direttori sportivi e decine di dirigenti
 Sab. 21 dic 2019 
Pellegrini e Zaniolo tesori d'Italia
Basta ricordare quanto accadde su questo stesso campo un anno fa per capire cosa...
Calciomercato Fiorentina, UFFICIALE: esonerato Montella
A Vincenzo Montella è stata la fatale la sconfitta per 4-1 contro la Roma. La Fiorentina...
È Roma show, Montella verso l'esonero: i sostituti
Tra i possibili sostituti, i nomi di Spalletti, Prandelli, Di Biagio Iachini e Ballardini
 Ven. 20 dic 2019 
MONTELLA: "I giallorosso hanno meritato, si è vista differenza in campo"
FIORENTINA-ROMA 1-4, LE INTERVISTE POST-PARTITA, VINCENZO MONTELLA: “Numericamente la sconfitta non ci sta. La Roma ha meritato, ma ci abbiamo provato fino alla fine”
Dzeko e Zaniolo devastanti: gran poker della Roma, la Fiorentina non vince più
Bella prova dei giallorossi, in gol con il bosniaco, Kolarov, Pellegrini e il giovane azzurro. Per i viola gol di Badelj
Fiorentina-Roma 1-4, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Zaniolo si vendica. Pellegrini segna e incanta
Roma, la notte della verità
Vincenzo Montella, ex giallorosso (centravanti e allenatore), si gioca il posto...
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>