facebook twitter Feed RSS
Mercoledì - 19 febbraio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Roma, c'è la mano di Fonseca sul terzo posto

Lunedì 04 novembre 2019
Il salto in alto è stato improvviso. E, per certi versi, anche inaspettato, essendo arrivato subito dopo la peggiore prestazione stagionale (a Marassi contro la Sampdoria di Ranieri) e proprio nel momento in cui mezza rosa è uscita di scena. Fonseca, però, è tutt'altro che sorpreso dal raccolto della Roma da podio. Abbondante nei consensi, nelle idee e nelle giocate. E nei punti: +6, dopo 111 turni, rispetto a un anno fa, 2 gol segnati in più e 2 subiti in meno. Il portoghese, già prima di affrontare e battere il Napoli, è stato di una semplicità mostruosa: «La squadra gioca come piace a me». Affermazione che non è affatto banale. Perché, a leggerla poi in campo, è invece ricchissima: organizzazione, conoscenza, applicazione, convinzione, coraggio, personalità e tecnica. È l'impronta dell'allenatore. Che è riuscito, in pochi mesi, a portarsi i giocatori dalla sua parte. Lo seguono e si vede. «Non abbiamo ancora vinto niente» ha ripetuto pure domenica. Dimenticando, però, il suo successo. Personale, ma decisivo per la virata. Lo ha ottenuto dentro lo spogliatoio. Si fidano di lui. Che guarda dritto negli occhi e sceglie. Pure di lasciare fuori il capitano: Florenzi da 4 gare va in panchina. Guida sicura, insomma, per il ritorno in Champions.

FORMAZIONE BASE - L'interrogativo del momento galleggia nell'etere della Capitale. E si estende anche oltre il Grande Raccordo Anulare. C'è chi ha fretta di capire che Roma sarà quando rientreranno anche gli altri. Quei titolari che hanno permesso ai resti, riqualificati dal tecnico, di prendersi la scena e chissà ancora per quanto. Fonseca, però, si tiene stretto l'autentico paradosso che è poi la vela resistente della Roma, capace di viaggiare da 3 partite più forte delle migliori, cioè della Juve e dell'Inter (hanno preso 7 punti, non 9 come i giallorossi), e che risale al 3° posto dopo quasi un anno e mezzo (20 maggio 2018), mettendosi in scia di chi giocherà in questo torneo per lo scudetto. In piena emergenza, ecco l'evoluzione. Tattica, fisica e caratteriale. Verrebbe da tirare fuori il solito refrain, spot per la storia del calcio italiano: i nostri calciatori si esaltano e vanno al massimo solo nelle difficoltà. Qui, però, il discorso non regge. Allenatore appena arrivato e dall'Ucraina, diversi stranieri tra i titolari. C'è qualcosa di più semplice. Il portoghese ha avuto la possibilità di insistere e quindi di addestrare solo alcuni giocatori. Adesso saranno pure stanchi. Di sicuro sono più preparati. E il rendimento del collettivo e dei singoli è di conseguenza lievitato. Il turnover, ovviamente anche per mancanza di interpreti, è stato azzerato. Ma rinunciare forzatamente alla rotazione è oggi il segreto del coro più intonato della serie A. Guardate la formazione di partenza nei 3 successi consecutivi: solo 1 cambio contro il Milan, Perotti per Kluivert, dopo il pari contro il Borussia; 2 poi contro l'Udinese, Santon per Spiunazzola e Kluivert per Perotti, e contro il Napoli, Spinazzola per Santon e Cetin per Fazio.

DOUBLE FACE - I riferimenti sono lì, dentro al campo. Il portiere, Smalling, Kolarov e Dzeko. E con loro c'è la traccia a cui si dedicano Mancini, Pastore, Vertout, Zaniolo e, quasi sempre, Kluivert. Il centrocampo detta il ritmo e quindi il gioco. In alto e in basso. Sempre. Pressing, sacrificio, palleggio e ricamo. Il 4-1-4-1 camaleontico o ibrido che dir si voglia è difensivo e offensivo nella stessa partita. Dà equilibrio ed efficacia. Mancini stopper nella linea che diventa a 5 e regista quando c'è da ripartire in verticale (dal suo piede le azioni del 3° gol all'Udinese e del 1° al Napoli). Veretout che si alza sul centro sinistra, trequartista come Pastore sul centro destra. Dzeko non è mai solo, in area e fuori. Zaniolo e Kluivert si aprono e si stringono. A seconda dal compagno che si presenta alle loro spalle. O dell'avversario da sfidare a duello. Fonseca fa il suo gioco. Ma mirato a chi ha davanti. Studio e dialogo, con i giocatori informati e quindi complici.
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

Napoli - News

 
 <<    <      3   4   5   6   7    
 
 Gio. 14 nov 2019 
Florenzi per Hysaj: scambio fra Roma e Napoli
Ipotesi di mercato per gennaio, ma De Laurentiis chiede 25 milioni per l'esterno albanese
La Roma è green: per l'attacco è tempo di Kean
(...) In una Roma che cerca una punta utile ad alleviare le fatiche di Dzeko, uno...
Mandzukic, Kessie, Politano & Co.: tanti i partenti per sistemare i conti
Perin; Demiral, Rugani, Juan Jesus; Florenzi, Kessie, Emre Can, Ghoulam; Politano,...
Da Ibra a Vidal: le grandi manovre
Rafforzare, prima di ritoccare e programmare. Le priorità di gennaio sono ormai...
 Mer. 13 nov 2019 
Ibrahimovic dice addio ai L.A. Galaxy: "Tornate a guardare il baseball". La serie A lo sogna
L'attaccante svedese saluta la Mls su Twitter evocando Giulio Cesare: "Sono venuto, ho visto, ho vinto". Anche il suo club ufficializza la separazione: piace a tanti per gennaio, tra cui Bologna, Milan e Napoli
Calciomercato Roma, Hysaj come Smalling
Mancano 50 giorni all'inizio del calciomercato e la Roma si sta già muovendo. Il...
Under a mille: "Adesso tocca a me"
Under è alla caccia di un rilancio personale con la nazionale turca, in un 2019...
 Mar. 12 nov 2019 
Calciomercato Roma, Mertens in partenza dal Napoli: anche i giallorossi su di lui
Il caos che sta sconvolgendo il Napoli in questi giorni potrebbe avere dei risvolti...
Petrachi a caccia di affari low cost, ma il sogno resta sempre Hysaj
Il ds sta cercando un centravanti e un terzino: gli occhi puntati sulla Premier e in Bundesliga
Ora prepariamoci a una lunga volata
Sarà un cammino lungo, difficile e faticoso. Ma non solo per la Roma. [...] Non...
 Dom. 10 nov 2019 
Dzeko, l'uomo assist va di corsa ma ora vuole tornare a fare centro
È a secco da tre partite (Udinese, Napoli e Moenchengladbach). E cosa più strana,...
Roma, resistenza per la Champions
Ci siamo, ecco la sosta. Stavolta arriva nel momento migliore e non conta l'amara...
 Sab. 09 nov 2019 
L'oro da fermi: Roma, una miniera di gol
La Roma ha giocato 15 partite: ebbene, in questo spicchio di stagione ha già mandato...
 Ven. 08 nov 2019 
Italia, i convocati di Mancini per Bosnia e Armenia
Ultimi due impegni per gli Azzurri nelle European Qualifiers: prima chiamata per altri tre giovani, tornano Mandragora e Berardi. In palio punti utili per essere teste di serie al sorteggio del 30 novembre
Roma, a Moenchengladbach pagato il conto della clamorosa svista di Collum all'andata
Soltanto adesso, cioè dopo il fischio finale al Borussia Park, si ha l'esatta percezione...
Roma, in Coppa un'altra beffa è servita
Il Manzano si adegua a Collum e la Roma, penalizzata dalla decisioni arbitrali in...
 Gio. 07 nov 2019 
Monchengladbach-Roma 2-1, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Fazio segna nelle due porte. Zaniolo sottotono
Fonseca: "Questa Roma andrà lontano. Inaccettabile non avere il Var in EL"
"Il Borussia è imprevedibile. Della mia Roma mi piace l'atteggiamento"
Designazioni arbitrali 12ª giornata di Serie A
SERIE A TIM - Designazioni Dodicesima Giornata di Andata
 
 <<    <      3   4   5   6   7