facebook twitter Feed RSS
Giovedì - 28 maggio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

"È una sconfitta di tutti"

Mercoledì 19 giugno 2019
«Non è vero che abbiamo voluto allontanare Totti». Parla da tifoso, Mauro Baldissoni, anche se deve smentire il Grande Accusatore. Lo chiama sempre o quasi Francesco perché «idolo della mia infanzia», quando cerca di fare chiarezza nell'intervista del day after a Sky. Senza mai affondare il colpo e con la voce meno sicura del solito, smonta ogni critica rivolta dall'ex dirigente, lunedì nel Salone d'Onore del Coni, alla proprietà Usa. Manca la domanda su Baldini, cioè la pietra dello scandalo. Ma fa parte del copione. Tanto al consigliere occulto, in ogni intervento, è Pallotta a concedere visibilità. In abbondanza. A ricomporre i cocci, insomma, non è Fienga, nonostante sia il ceo ad avere il quadro esatto dello strappo. E lo conferma proprio il vicepresidente esecutivo: «Io non lavoro nell'area tecnica e quindi non ho molti punti di confronto». Lo ripeterà più volte, rendendo di fatto parziale e non completa la ricostruzione. «Così non so se, come ci ha detto lui, alcune sue indicazioni sono state meno considerate». Sono bastate per rifiutare la carica di dt.

TUTELA CAPITALE - Baldissoni non nasconde «l'amarezza e il dispiacere» per l'addio di Totti, da ieri in vacanza. «È una sconfitta di tutti quando non si riesce a trattenere quello che è un grandissimo patrimonio per la Roma». Ma la storia della squadra deromanizzata non gli va giù: «Sarebbe totalmente sciocco e autolesionista». E' «la sua percezione». Che contesta: «Con i fatti. Francesco ha avuto due contratti da giocatore e uno da dirigente, con la proposta di diventare direttore tecnico. De Rossi due da calciatore, poi l'offerta di cominciare un percorso in società. Abbiamo riportato a casa Florenzi e Pellegrini». In più ricorda l'Hall Fame e il coinvolgimento degli ex Desideri, Nela, Rizzitelli e Righetti. E che nel cambio di status da giocatore a dirigente «abbiamo avuto pazienza, sperando che potesse crescere in quello che è un lavoro di squadra. Nessuno può decidere da solo». Il vicepresidente, tra l'altro, gli riconosce il merito di aver convinto Ranieri e trattato Conte.

DIFESA A OLTRANZA - «I principali tornei europei li hanno vinti il Liverpool e il Chelsea: andate a verificare quante volte Henry o Abramovic siano stati presenti nella sede della società». Non conta la presenza di Pallotta nella Capitale ma la sua ambizione: «Ha completato un risanamento e ha investito portando risultati piuttosto buoni: 5 qualificazioni consecutive in Champions, due ottavi di finale e una semifinale. Quest'anno abbiamo ammesso di aver sbagliato. Siamo, però, tra le 10 società che hanno speso di più in calciatori». Ribadisce che non c'è alcuna trattativa per la cessione del club. E nemmeno l'intenzione: «Il presidente è sempre stato chiaro: la Roma non è in vendita. Giusto che i mercati lo sappiano. Noi non potevamo fare a meno di notare il ripetuto riferimento di Francesco a un potenziale ritorno con una nuova proprietà. Abbiamo voluto ricordare che qualsiasi iniziativa deve essere condotta nei modi corretti- La nostra è una società quotata che deve rispettare le rigidissime e importantissime regole finanziarie». Il possibile reato è turbativa d'asta (art. 353 del codice penale». Nella nota della Roma di lunedì sera il riferimento è preciso: «Ci auguriamo che questa non sia un'anticipazione inopportuna di un tentativo di acquisizione: scenario che potrebbe essere molto delicato in considerazione del fatto che l'AS Roma è una società quotata in borsa». Pallotta, su Twitter, ha però smentito di poter adire le vie legali: «Falso». Probabilmente dimenticando quando inserito nel comunicato del giorno prima. Oppure, semplicemente, certificando di non aver partecipato alla stesura. Baldissoni chiude sullo stadio «amplificatore di ricavi, necessari per incrementare la capacità competitiva. Senza, sarà impossibile sfidare la Juve. Se alla lunga il presidente vedrà che non gli viene consentito di poter passare attraverso quello che è un investimento enorme, potrebbe pensare che forse non vale la pena farlo».
di U. Trani
Fonte: Il Messaggero
COMMENTI
Area Utente
Login

News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Dom. 17 mag 2020 
Fase 2, a Trastevere c'è l'aperitivo a San Calisto: in piazza senza mascherine
E' una fase speciale, quella iniziata nelle ore scorse a Trastevere, cuore della...
COVID-19, allo Spallanzani 55 (ieri 57) contagi totali, 9 (ieri 9) con supporto respiratorio
L'Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ha diffuso il bollettino odierno riguardo...
Pallotta: "Non ci sono sempre stato a supporto della Roma?"
Il presidente della Roma pronto a versare 50 milioni nelle casse del club
Roma, ciao Smalling
Fonseca vorrebbe tenere il difensore inglese ma le esigenze di bilancio impediscono il riscatto
Roma e Lazio restano in attesa
I calciatori hanno seguito le norme previste e svolto il tampone, risultato negativo
Zaniolo a rischio cessione
L'altra possibile plusvalenza: Pellegrini ha una clausola da 30 milioni di euro ed è finito nel mirino del Psg
Pallotta ci mette 50 milioni: "Io ci sono". Ma per vendere lo sconto ora è impossibile
Dopo la pandemia è probabile che Friedkin torni alla carica per rilevare la società, ma con un taglio dell'offerta del 30%
Schick al Lipsia. C'è l'accordo per 25 milioni
Concesso uno sconto di 4 milioni ai tedeschi. Nel 2017 il ceco ne era costati 42 a Pallotta
Perez punto fermo, prova a convincere pure Firpo e Todibo
Con gli addii di Kluivert, Under e Perotti, l'ex Barca è in ascesa
Roma, dietro è rivoluzione. Akpoguma nome nuovo
Petrachi segue da tempo il centrale dell'Hoffenheim
Lo voglio gratis: caccia grossa allo svincolato
Che sfide per i parametri zero! Inter e Roma le più attive
Tor di Valle, Raggi aspetta la Roma: il progetto stadio non è una priorità
Le voci a palazzo Senatorio rimanderebbero il discorso stadio più avanti
 Sab. 16 mag 2020 
Conte: Aspettiamo tutte le garanzie per far ripartire il campionato
Il premier in conferenza stampa da Palazzo Chigi: "Da lunedì entriamo a pieno regime nella fase due. Affrontiamola con voglia di ricominciare, ma con prudenza"
COVID-19 in Italia, diminuiscono attualmente positivi: -1883 (ieri -4370), 153 morti (ieri 242)
Covid-19, i casi in Italia 16 maggio ore 18 - Prosegue il calo della pressione sulle strutture ospedaliere
Ostia, riaprono le spiagge. Raggi firma l'ordinanza: "Ma solo per le passeggiate"
Da lunedì, spiagge di nuovo aperte a Ostia: «ma solo per passeggiate e jogging»....
Coronavirus a Roma 15 nuovi positivi (ieri 10). Anche nel Lazio aumentano i contagi (32)
Quindici nuovi casi di coronavirus a Roma, la maggior parte dei quali si registrano...
GIANLUCA MANCINI diventa papà
Gianluca Mancini diventa papà: la moglie Elisa, tramite il suo profilo Instagram,...
COVID-19, allo Spallanzani 57 (ieri 58) contagi totali, 9 (ieri 8) con supporto respiratorio
L'Ospedale Lazzaro Spallanzani di Roma ha diffuso il bollettino odierno riguardo...
Roma, ristoranti e parrucchieri, dimezzate le distanze. Bar, no ai buffet in piedi
Capitolo ristoranti e distanze di sicurezza: si cambia ancora e i limiti si riducono....
UEFA, Ceferin: "Non credo a un boicottaggio dell'Italia. La questione quarantena è fondamentale"
Il presidente dell'UEFA, Aleks Ceferin, ha rilasciato un'intervista a Il Corriere...
Vertonghen, Bonaventura e Pedro: ci siamo, determinante la figura di Baldini
Per il difensore belga potrebbe essere determinante la figura di Baldini
E Friedkin detta le condizioni per tornare al tavolo
Le condizioni del texano: riduzione della pretesa della controparte, certezza sullo Stadio a Tor di Valle e riduzione monte ingaggi del 25%
Stadio Roma, Raggi: "Un cantiere come gli altri. Vorrei ricordare che è intervenuta la Procura"
Il sindaco: "A breve scioglieremo le riserve. Intanto grandi imprese internazionali stanno investendo a Roma"
La Roma a picco, servono almeno 94 milioni
L'indebitamento finanziario netto ha superato ormai il tetto record dei 278 milioni
Chiesti 25 milioni per Tomiyasu
Il club emiliano valuta 20-25 milioni il terzino giapponese.
E' già SOS infortuni
Problemi muscolari per l'argentino. Dal cda 278 di debiti. Monte ingaggi da ridurre
Lesione al bicipite per Perotti, si ferma anche Fuzato
Perotti ha subito il decimo infortunio in due anni, Fuzato è tornato a lavorare sul campo
Roma, senza certezze niente rischi per la salute
Dzeko e compagni temono che un nuovo stop vanifichi tutti gli sforzi
 Ven. 15 mag 2020 
Fase 2 Roma, stop aria condizionata e shopping assistito: le regole per riaprire
L'ultima parola arriverà oggi con l'ordinanza della Regione che seguirà l'incontro...
Veretout: "Nainggolan è un esempio. Bello vedere Zaniolo correre"
Queste le parole del centrocampista francese: ”Contento di lavorare con Fonseca, crescerò tanto con lui. Ho avuto problemi alla caviglia, ma ora sto bene”
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>