facebook twitter Feed RSS
Sabato - 30 maggio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Conte disse a Totti: "Vengo, parliamone"

Dopo il no di Capello, Francesco l'aveva contattato. L'ex ct gli aveva detto sì, ma quando, al summit con Fienga, chiese una squadra da scudetto...
Domenica 16 giugno 2019
ROMA - Adesso diranno che Francesco se ne andava in vacanza nei momenti delicati per la società, che spesso era distratto dalle pubblicità, dalle serate mondane e dalle attività sul campo nelle sfi da tra ex, dove ancora mette in mostra il suo talento. Nel nuovo contratto da direttore tecnico che gli è stato proposto solo dopo che tutte le scelte erano state fatte non erano state inserite clausole. La rottura di Totti con la Roma parte da lontano, da quando Francesco, appena smesso di giocare, all'inizio di luglio 2017 andò a Londra accompagnato da Ilary ad incontrare prima Baldini e poi Pallotta con Baldini. La proprietà americana aveva deciso di spalmare il contratto da dirigente (allungandolo di un anno) che gli avevano fatto firmare i Sensi nel 2010, con efficacia immediata alla conclusione della sua carriera di calciatore. Quegli incontri, favoriti da Stefano Antonelli, procuratore, con un'amicizia con Totti alimentata sui campi di paddle, servirono per definire il ruolo da dirigente dell'ex numero dieci giallorosso. Subito dopo quegli incontri i rapporti con Baldini tornarono normali, Francesco mise da parte le bordate nei primi tempi della proprietà americana: «Totti pigro», «Detottizziamo la Roma», «Sterilizzare la Roma dai romani»

Quel no di Capello
Totti ha vissuto i primi tempi da dirigente cercando di studiare il ruolo, poi a marzo si sono create le condizioni per fare il grande salto. Quando è stato esonerato Di Francesco, Massara ha parlato con Capello offrendogli il ruolo di direttore tecnico. I due avevano lavorato insieme in Cina. L'allenatore lo avrebbe fatto Pecchia. Operazione ispirata da Baldini, che Capello rifiutò. Baldini aveva contattato Paulo Sousa già da settembre, quando spinse per l'esonero di Di Francesco. Il portoghese voleva almeno due anni di contratto e nei giorni dell'esonero di Di Francesco si accordò con il Bordeaux, addirittura per tre anni. Allora è stato Fienga a coinvolgere Totti, al quale aveva già promesso al momento del suo insediamento la qualifica di direttore tecnico. Totti chiamò Ranieri, convincendolo ad accettare un contratto di soli tre mesi. Mentre c'era Ranieri la Roma ha provato a contattare Conte e il primo ad andare in avanscoperta è stato Totti. I due hanno parlato di tutto. Avrebbero condotto la squadra in tre: Totti, Conte e il direttore sportivo, l'ex c.t. non avrebbe voluto nessun altro. All'incontro successivo è andato Fienga, in un blitz segreto nella sede di una banca a Siena. Quando Conte ha chiesto se gli avrebbero garantito la squadra per vincere lo scudetto la risposta è stata imbarazzata e l'allenatore ha sciolto il dubbio ed è andato da Marotta. Dopo quello di Conte la Roma ha incassato anche il no di Gasperini. A quel punto Francesco ha detto che Mihajlovic è un buon allenatore ma non va bene per l'ambiente, poi ha mandato un sms a Gattuso. Alla fine di maggio le candidature rimaste erano tre: Giampaolo, Fonseca e De Zerbi. Da Londra è partito l'input per il portoghese, senza tenere presente il parere di Totti, che non ha nulla di personale con il portoghese e neppure contro Petrachi, ma quello che contesta sono le modalità.
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Ven. 29 mag 2020 
Serie A, si riparte ufficialmente con i recuperi della 25a giornata
Il calendario sarà reso noto nei prossimi giorni
COVID-19 in Italia, diminuiscono attualmente positivi: -1811 (ieri -2980), 87 morti (ieri 70)
Prosegue il calo della pressione sulle strutture ospedaliere
Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore. Lazio, 16 nuovi casi e 18 decessi
Sono appene tre i nuovi casi positivi al coronavirus a Roma città (compreso il territorio...
Bustos e Gravenberch nel mirino della Roma: sono giovani e perfetti per Fonseca
L’attaccante del Talleres, 21 anni, e il centrocampista dell’Ajax, 18, sono gli obiettivi di Petrachi per il futuro
Villar: "Non vedo l'ora di tornare a giocare, speravo si potesse già dal 13 giugno"
"Prima del match col Cagliari ero tranquillo. Mi ispiro a Parejo e Frenkie de Jong"
SERIE A, la ripresa dovrebbe partire dai recuperi 25a giornata. Roma-Sampdoria il 23 o 24 giugno
È in corso l'Assemblea di Lega che stabilirà le sorti del campionato italiano, che...
COPPA ITALIA, 13-14 la semifinale, il 17 finale a Roma Stadio Olimpico
13-14 giugno semifinale di Coppa Italia 17 finale a Roma Stadio Olimpico. 20-21...
Spadafora: "Serie A? Pensavo di non farcela, ora incrocio le dita"
Il ministro dello Sport sulla ripresa del campionato: "Un segnale importante per l'Italia che sta ripartendo, lo sport e il calcio diventano protagonisti"
Incubo quarantena. Il protocollo passa l'esame. E ora si spera nella "curva"
Il CTS ribadisce le due settimane, ma se i contagi scendono...
L'offerta di Friedkin, ma Pallotta dice no
Il magnate texano propone 575 milioni, 135 in meno di dicembre, ma il presidente non accetta di uscire con una minusvalenza
Pastore shock: "Alla Roma servono soldi"
Un'intervista in Argentina mette in difficoltà il club che già aveva certificato il pesante rosso di bilancio
 Gio. 28 mag 2020 
La Serie A riparte il 20 giugno. Il campionato riparte anche in Italia.
La Serie A riparte il 20 giugno, la Coppa Italia il 13
Coronavirus, a Roma 11 nuovi casi, 21 in totale nel Lazio
D'Amato: «Nel Lazio per la prima volta guariti più dei positivi»
Ancora tamponi a Trigoria. E poi allenamenti... a due modalità
Fonseca (senza Zaniolo, Perotti e Pau Lopez) cerca di alternare sedute dure e intense ad altre più rilassanti, necessarie per allentare lo stress
KARSDORP:"La Roma? Strano non aver sentito nessuno, forse è un segnale. Farei di tutto per restarci"
Rick Karsdorp, terzino olandese della Roma, questa stagione in prestito al Feyenoord...
Dai gol in TV agli orari, la A aspetta il via libera
Il Governo ha intenzione di concedere il via libera alla ripresa dal 13/14 giugno.
Bologna, tampone negativo: nessuna quarantena
Il componente dello staff non ha il Coronavirus, non sarà necessario alcun ritiro blindato
I calciatori: "Noi giochiamo solo dalle 18"
La presa di posizione dei calciatori contrasta con l'idea di uno slot alle 17
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>