facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 16 aprile 2021
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
CONFERENCE LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
FORUM
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
LAVORO
   
 

RANIERI: "A De Rossi andava detto in un'altra maniera. Fossi rimasto avrei chiesto di tenerlo"

SASSUOLO-ROMA LA CONFERENZA STAMPA DI CLAUDIO RANIERI: "Mi auguro che quanto successo possa essere uno stimolo positivo, ormai i giocatori sono abituati a tutto. Pellegrini dovrebbe farcela. Non so i progetti di Pallotta per il futuro. Tra due partite finirò il rapporto con la AS Roma"
Giovedì 16 maggio 2019
Claudio Ranieri, mister della Roma, è intervenuto in conferenza stampa a due giorni dalla partita contro il Sassuolo. Queste le sue parole:

E' stata una settimana diversa dalle altre. E' finita in secondo piano la partita col Sassuolo. Una settimana come questa potrebbe avere una conseguenza negativa o positiva sulla squadra, è più preoccupato o spera che possa essere uno stimolo per le prossime due partite?
"Io credo che debba essere uno stimolo positivo e propositivo. Ormai i giocatori sono abituati a tutto. Poteva essere uno stimolo negativo anche il fatto di tutte quelle le voci sull'allenatore del futuro, i ragazzi non hanno mai mollato. Mi auguro invece che questo fatto sproni a fare bene, ci sono due partite da completare, c'è ancora una piccola possibilità però dobbiamo avere la coscienza a posto di aver fatto il massimo che potevamo fare."

Come stanno i giocatori, in particolare Zaniolo e Pellegrini?
"Zaniolo riprende oggi, aveva il polpaccio indurito, ed oggi farà differenziato, mentre gli altri differenziato. Pellegrini ha una cosa che gli cresce, credo di averlo a disposizione sabato o al massimo per la prossima settimana."

Ieri si è parlato di "testa grigia" e così via. Volevamo verificarle...
"Non mi sembra di aver detto queste cose. Quando i nostri tifosi chiedevano spiegazioni della fine del rapporto di Daniele con la Roma ho detto sicuramente a Londra ed a Boston. Chi decide sono loro e la persona che gli sta più vicino è in Inghilterra."

Vuole rassicurare i tifosi per i progetti del futuro di Pallotta?
"Non li so, non ne possono aver parlato con me sapendo che tra due partite finisco il rapporto con la Roma. In ogni società di calcio ci sono ricambi, per cui ci sta. Lo abbiamo visto anche in Italia di squadre che hanno perso punti di riferimento. Forse a Daniele andava detto in un'altra maniera e dargli il modo di pensarla bene, ma non è stato dato. E' la legge del calcio: la società vuole cambiare e scegliere i giocatori, così come i giocatori scelgono società, queste scelgono allenatori, direttori sportivi. Hanno un amore sviscerato per la squadra, una considerazione più attenta avrebbe richiesto più attenzione."

Se le fosse stato offerto il ruolo da dirigente che cosa avrebbe fatto con De Rossi?
"Io avrei detto: 'Lo voglio perché so che capitano è, che uomo è'."

Quanto incide Baldini sul lavoro quotidiano?
"Con me non incide affatto. Non lo so che rapporti abbia con il presidente, qui non incide. In generale non lo so, non conoscendo quello che fa."

De Rossi nello spogliatoio fino a dove arriva?
"Si parla sempre di leader. Ci sono vari leader: per la società, per i giornalisti, per i tifosi o per i social. Ci sono anche i leader per l'allenatore. Lui è l'allenatore in campo, gli puoi parlare e ragiona con la mentalità fine alla squadra. Questi sono i leader che vogliono gli allenatori."

Si aspettava di trovare una situazione così diversa?
"Sapevo di trovare una squadra giù mentalmente, non fisicamente, e le mie forze sono state principalmente per questo e fargli ricredere nel senso della squadra. Queste cose non mi aiutano. Quanto possono aver inciso le chiacchiere nella partita di Genova? Non lo posso verificare. Avevo chiesto aiuto ai tifosi e ci hanno aiutato a vincere partite difficilissime, io posso solamente ringraziarle."

De Rossi ha parlato anche di Totti, dicendo che spera che incida di più in società. I tifosi dicono di lasciare la Roma. Che dice a Totti in questo caso?
"Ogni persona intelligente capisce che sono decisioni che deve prendere Francesco, non so quanto potere abbia. Io so che mi ha chiamato, quindi era uno che conta e che decide. Io non so quanto all'interno di questa crescita, visto che non può smettere di giocare e fare il dirigente, quanto sia felice e soddisfatto. Sono domande da rivolgere a lui e non a me."

Sono 11 anni che non si vince un trofeo alla Roma. Puoi dare un consiglio dall'alto della tua esperienza su come si può vincere?
"Io non so i programmi e mi è difficile rispondere alla domanda. Io credo che un fatto importante sia la costruzione dello stadio. Farlo per poi programmare una Roma grande. E' una mia considerazione che tiro fuori leggendo quello che scrivete voi. Io sto pensando solamente alla squadra, cercando di tirare fuori il massimo ogni partita. Mi sono messo l'elmetto per aiutare la squadra e tirare fuori il meglio."

Cosa direbbe ai tifosi della Roma?
"Il tifoso si sente partecipe in tutto e per tutto, è una piazza particolare. L'Olimpico pieno ti soffia dietro e ti permette cose che in altri stadi sono impossibili. Il tifoso dice spesso che il Presidente è distante e così via, ma io ho trovato poche volte il presidente vicino alla squadra. Al Leicester il vecchio presidente l'ho visto più volte adesso che prima. Abramovic credo di averlo visto io più di tutti, Sarri forse non l'ha mai visto. Tu lavori sul campo ed il resto non interessa, l'importante è che quando hai bisogno di qualcosa ci sia qualcuno, questo è importante, il resto non conta. Non è importante la presenza di un presidente, ma che tutto vada come deve andare."

Come ha visto De Rossi in questi giorni?
"Sembra strano ma ancora non ci siamo parlati (ride, ndr). L'ho visto bello e motivato come sempre. Dentro di sé sarà sconvolto, non dormirà la notte immagino. Chi ha dato tutto ed ha giocato anche non al 100% lo ha fatto per l'attaccamento alla maglia ed ai tifosi. E' normale, ma ancora devo parlarci."

Sarà una Roma col 4-3-3 o il 4-2-3-1?
"Sto studiando. Il Sassuolo è una squadra ben organizzata, ho visto la partita d'andata. Mi sto facendo un'idea, ma vediamo i prossimi due allenamenti e deciderò."

De Rossi giocherà contro il Sassuolo?
"Parlerò con lui e vedremo."

Che cosa consiglierebbe a De Rossi per la prossima avventura?
"Vuole continuare a giocare ed è giusto che sia così. Ha già la mentalità da allenatore, il padre lo è. E' un leader positivo, non pensa al suo ego ma al bene di tutti. C'è una visione d'insieme e non da singolo giocatore."

Chiude la conferenza Ranieri: "Mi auguro che l'ultima partita all'Olimpico sia una festa, ci sarà tempo per le contestazioni. L'ultima partita sarà una dimostrazione d'amore per Daniele che è la cosa più importante".
COMMENTI
Area Utente
Login

Sassuolo-Roma - News

 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
 Gio. 06 feb 2020 
Fonseca, quel no a Petrachi nello spogliatoio del Mapei ha cementato il gruppo
Le quattro sconfitte nelle sei gare disputate nel 2020 (contro Torino, due volte...
 Mer. 05 feb 2020 
Fonseca, terapia di gruppo. Petrachi affronta Dzeko
Tempi supplementari di Sassuolo-Roma. A Trigoria, però: Fonseca ha parlato con la...
 Mar. 04 feb 2020 
Sassuolo-Roma 4-2, Le Decisioni del Giudice Sportivo
DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
La Roma dopo il ko con il Sassuolo. Lo scaricabarile non è la via d'uscita
Poca qualità dei giocatori? I giovani? Il mercato? Tutto e il contrario di tutto. Ma l’unico modo per uscire dal buco nero è che tutti si assumano le proprie responsabilità
Retroscena Dzeko, ecco cosa non gli piace della Roma
Le frasi dopo il Sassuolo ("Ci sono troppi giovani") hanno aperto il caso: il club ha preso tre ‘98 a gennaio...
 Lun. 03 feb 2020 
Roma, retroscena Petrachi: una furia nello spogliatoio
Il ds giallorosso furibondo alla fine del primo tempo con il Sassuolo. Nessuno riesce a spiegarsi ciò che è successo
Le parole di Dzeko e le scelte di Fonseca infiammano la Roma in crisi
I veri gol della Roma li hanno segnati Criscito e Sanabria. Il 2-2 del Genoa sull'Atalanta...
E ora Bruno Peres scala posizioni: è un opzione in più
Dal suo ritorno a gennaio, è sceso in campo 4 volte su 6. Bruno Peres, pian piano,...
Annus horribilis. Nel 2020 già 4 sconfitte in 6 partite: la Roma di Fonseca non fa più male
Il giorno della marmotta, secondo la tradizione americana, decide quanto sarà lungo...
Pairetto: i cartellini segnale di debolezza
Deludente tecnicamente e da rivedere caratterialmente. Questa la sintesi di Pairetto,...
 Dom. 02 feb 2020 
Roma, tutti da Dzeko per fare gruppo e uscire dal tunnel
Dopo due sconfitte e un pareggio, squadra riunita alla festa della figlia del bomber. Domattina alla ripresa Fonseca parlerà ai giocatori dopo il k.o. di Reggio Emilia Chiara Zucchelli
VILLAR: "Non dimenticherò mai questo giorno. Spero sia la prima di tante partite con questa maglia"
Nella disfatta della Roma contro il Sassuolo, una delle pochissime buone notizie...
KLUIVERT: "La mia fase difensiva era terribile, ma sto migliorando"
Una prestazione tutt'altro che indimenticabile quella di Justin Kluivert contro...
Sassuolo-Roma 4-2, Dzeko e Fonseca a colloquio a fine gara: ecco cosa si sono detti
Il tecnico giallorosso ha confessato in conferenza stampa cosa ha detto il capitano: “Non era un bel momento, mi ha consigliato di non parlare con l’arbitro. Abbiamo perso per causa nostra, ma vorrei sapere perché così tanti cartellini verso di noi”. Dzeko: “Il primo tempo? Non siamo stati degni della Serie A”
Allarme difesa: la Roma deve guardarsi le spalle
Là dietro la Roma ha un problema. Serio. Lo dicono i numeri che non mentono quasi...
CoRomavirus
Atri undici casi di Coronavirus a Roma: tutti con la maglia giallorossa. E l'unica...
Non basta Dzeko a 100 gol, Roma in bambola col Sassuolo
Tre gol in trenta minuti, non accadeva dal 2012, sono la sintesi di una sconfitta...
Edin e Paulo d'accordo: gruppo con poca qualità
Fonseca non se lo spiega, Dzeko parla di mancanza di qualità: Edin e Paulo convergono...
Inizio 2020 orribile: quarto ko in 7 partite e la difesa incassa gol da sette gare di fila
Peggio della sfida di Coppa Italia alla Juventus, quando la Roma arrivò all'intervallo...
Fonseca disarmato e paralizzato davanti allo scempio del Mapei
La prima senza Florenzi, subito titolare a Valencia, oppure la prima con Dzeko capitano...
Disastro Roma. Quaterna choc
Crollo inaspettato quello dei giallorossi a Reggio Emilia, alla prima sconfitta...
Sassuolo-Roma 4-2, Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: SASSUOLO-ROMA 4-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Sab. 01 feb 2020 
TOP&FLOP Dzeko segna e lotta, ma in difesa Mancini è sempre in sofferenza. Che Caputo!
Il giovane difensore colpisce un palo ma entra in negativo in quasi tutti i gol del Sassuolo, centesimo gol in A per il bosniaco
Il bel derby ha fatto male alla Roma
REGGIO EMILIA Ma vuoi vedere che quel derby, così ben giocato, ha fatto più...
DZEKO: "Nel primo tempo nessuno di noi era al livello della Serie A. Speriamo non lasci strascichi"
SASSUOLO-ROMA 4-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA DZEKO A ROMA TV Partita molto diversa...
FONSECA: "Non abbiamo preparato mentalmente bene la gara"
SASSUOLO-ROMA 4-2, LE INTERVISTE POST-PARTITA, PAULO FONSECA: "Primo tempo inamissibile, impossibile vincere se si difende così. E’ difficile spiegare la differenza tra il derby e questa partita”
Sassuolo-Roma 4-2, Le Pagelle
Le pagelle della Roma - Mancini e Cristante da incubo, si salva solo Dzeko
Il Sassuolo è uno spettacolo: poker alla Roma, brusca frenata per Fonseca
Show della squadra di De Zerbi, che chiude un primo tempo da urlo sul 3-0 (doppio Caputo e Djuricic). Poi la Roma segna due gol con Dzeko e Veretout, ma Boga chiude i conti. Espulso Pellegrini
 
 <<    <      1   2   3   4   5   6       >   >>