facebook twitter Feed RSS
Venerdì - 29 maggio 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Roma, senza Champions sarà rivoluzione. Ecco chi può partire

Mancando il quarto posto il club sarà costretto ad abbassare il monte ingaggi. Alcuni big potrebbero salutare
Domenica 17 marzo 2019
ROMA - «Senza la qualificazione alla Champions League in parecchi cambieranno aria, si avrebbe un ridimensionamento di tutto». Claudio Ranieri dopo la sconfitta contro la Spal è stato chiaro, senza quarto posto si andrebbe verso una vera e propria rivoluzione della rosa: «I calciatori guadagnano tanto e devono pensare anche a questo se non si raggiungono gli obiettivi». Il quinto posto negherebbe alla Roma i 40 milioni dell'accesso in Champions, di conseguenza ci sarebbero anche meno introiti dagli sponsor e dai diritti televisivi. E un monte ingaggi di 92,7 milioni di euro diventerebbe insostenibile per le casse giallorosse, costringendo il diesse (quale ancora resta un mistero) a vendere alcuni pezzi pregiati per creare plusvalenze e ridimensionare i costi del club.

MINACCIA BIG - Le big europee monitorano la situazione della Roma, pronte a sferrare l'assalto ai pezzi pregiati della rosa in caso di «svendita totale». Chi potrebbe andar via per ricavare un'ottima plusvalenza è Cengiz Under, ormai da due mesi lontano dai campi per infortunio. Il turco pagato due anni fa 13,4 milioni di euro potrebbe partire per 35-40 milioni di euro: Arsenal e Bayern Monaco sono interessate al giocatore. C'è la fila invece per Kostas Manolas, unico punto di riferimento della difesa colabrodo della Roma in questa stagione. Il greco ha una clausola rescissoria da 36 milioni di euro e un nuovo agente, Mino Raiola, pronto a scatenare un'asta per aumentargli lo stipendio. Edin Dzeko potrebbe salutare anche a causa del suo stipendio elevato. Il bosniaco guadagna 8,3 milioni di euro lordi a stagione, troppo per una squadra senza Champions League. Il suo contratto scade nel 2020, alcuni club di Premier League sarebbero interessati al giocatore, anche se non è escluso un ritorno in Bundesliga.

(IN)CEDIBILI - Tre giocatori sono a rischio cessione per plusvalenza, contratto e clausola rescissoria. Il primo è il pezzo pregiato della rosa della Roma, Nicolò Zaniolo. Il talentino ex Inter sarebbe contento di rimanere in giallorosso, i tifosi sono già affezionati a lui e il club non vorrebbe venderlo. Ma se arrivasse l'offerta indecente, quella che potrebbe sistemare una buona parte dei conti, tutte le certezze potrebbero essere spazzate via. Zaniolo ha il contratto in scadenza nel 2023 ed attualmente guadagna 1,3 milioni di euro lordi. Il suo rinnovo del contratto è stato posticipato da Monchi a fine stagione, il Real Madrid e la Juventus sarebbero pronti a fare follie: per 50 milioni di euro la Roma potrebbe considerare l'ipotesi cessione. Così come se arrivassero offerte importanti per Lorenzo Pellegrini e Stephan El Shaarawy. Il centrocampista può liberarsi pagando i 30 milioni di euro della clausola suddivisibili in due rate da 15 milioni, ma potrà farlo solo dal 1 luglio al 30 luglio e soltanto fino al 2020. L'esterno ex Milan come Zaniolo aspetta il rinnovo del contratto (in scadenza a giugno del prossimo anno) e al momento guadagna 3,7 milioni lordi a stagione. In caso di buona offerta, ma anche qui bisognerà aspettare l'ok del prossimo allenatore, potrebbe lasciare la capitale.

GLI ALTRI - Poi ci sono quei giocatori che hanno deluso, che guadagnano troppo rispetto al loro rendimento o che hanno giocato poco. È il caso di Ante Coric e Javier Pastore, ma con due situazioni molto diverse. Il primo è un giovane prospetto e andrà a giocare in prestito in qualche club di Serie A, il secondo invece è la delusione del mercato di Monchi. Pagato 24,7 milioni di euro dal Psg, il trequartista argentino guadagnerà 6,5 milioni di euro lordi a stagione fino al 2023. Cederlo è molto complicato, anche in virtù delle sue prestazioni e dei numerosi infortuni: sarà la vera sfida del prossimo direttore sportivo, magari cercando una soluzione cinese o araba. Potrebbe finire invece in argentina Diego Perotti. Poche partite giocate per infortuni e un contratto pesante da 5,2 milioni fino al 2022: El monito ha dichiarato più volte di voler concludere la carriera al Boca Juniors, a trent'anni potrebbe essere il momento giusto. Ne ha 33 invece Federico Fazio, altra possibile uscita in casa Roma. Contratto fino al 2020 e stipendio da quasi 4 milioni e mezzo a stagione, il centrale potrebbe interessare a club spagnoli e inglesi. Possibile ritorno in patria per Rick Karsdorp (il Feyenoord sarebbe disposto a riprenderlo), nessuna offerta al momento per Nzonzi. L'ultimo è Juan Jesus che guadagna leggermente meno del suo compagno di reparto, 4,1 milioni all'anno. Il difensore prelevato dall'Inter per dieci milioni di euro piace ad alcuni club italiani e turchi. A fine stagione il bilancio definitivo: non partiranno tutti i nomi menzionati, ma senza Champions sicuramente cambierà molto nella rosa della Roma.
di Jacopo Aliprandi
Fonte: Corriere dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Gio. 28 mag 2020 
La Serie A riparte il 20 giugno. Il campionato riparte anche in Italia.
La Serie A riparte il 20 giugno, la Coppa Italia il 13
Coronavirus, a Roma 11 nuovi casi, 21 in totale nel Lazio
D'Amato: «Nel Lazio per la prima volta guariti più dei positivi»
Ancora tamponi a Trigoria. E poi allenamenti... a due modalità
Fonseca (senza Zaniolo, Perotti e Pau Lopez) cerca di alternare sedute dure e intense ad altre più rilassanti, necessarie per allentare lo stress
KARSDORP:"La Roma? Strano non aver sentito nessuno, forse è un segnale. Farei di tutto per restarci"
Rick Karsdorp, terzino olandese della Roma, questa stagione in prestito al Feyenoord...
Dai gol in TV agli orari, la A aspetta il via libera
Il Governo ha intenzione di concedere il via libera alla ripresa dal 13/14 giugno.
Bologna, tampone negativo: nessuna quarantena
Il componente dello staff non ha il Coronavirus, non sarà necessario alcun ritiro blindato
I calciatori: "Noi giochiamo solo dalle 18"
La presa di posizione dei calciatori contrasta con l'idea di uno slot alle 17
OMS, rischio SECONDA ONDATA di CONTAGI sempre più alto, il COVID-19 può TORNARE in Ogni Momento
Da mesi, dopo il picco dei contagi registrato in Italia tra Marzo ed Aprile, si...
L'alternativa per il futuro si chiama Montiel
L'argentino piace ai giallorossi. In Sudamerica sicuri dell'offerta
Zappacosta accelera: deve prendersi la Roma
Il terzino ha giocato appena 12' ma vuole convincere Fonseca e il club a tenerlo. E punta pure alla Nazionale
Schick, gol e sirene dalla Premier
Il ceco a segno col Lipsia, ora piace ad Arsenal e Tottenham
 Mer. 27 mag 2020 
Tentazioni francesi, il Psg su Pellegrini e Calafiori
Il club parigino tenta il vice capitano giallorosso e la stella della Primavera
Figc, Gravina: "Se non si gioca il danno sarà di 500 milioni"
"Il calcio professionistico italiano dà 3,6 miliardi all'economia»
AG. VERETOUT: "Jordan sta bene a Roma e vuole restare, false le notizie su sua cessione al Napoli"
Secondo voci insistenti, il Napoli sta continuando il proprio corteggiamento verso...
Covid-19, problemi polmonari cronici per il 30% dei pazienti guariti
Guariti da Covid-19 ma con strascichi sulla salute che potrebbero protrarsi a lungo....
Serie A, Bologna: sospetta positività al coronavirus, stop agli allenamenti e rischio quarantena
Si tratta di un membro dello staff. Se fosse confermata tutto il gruppo dovrebbe andare in isolamento
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>