facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 30 marzo 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

ALISSON: "Salah vale Messi. Ma all'Olimpico questa Roma può fare la storia"

Martedì 01 maggio 2018
Sul quotidiano sportivo ha parlato in esclusiva il portiere brasiliano della Roma, Alisson Becker, della sfida in programma domani sera all'Olimpico, semifinale di ritorno di Champions contro il Liverpool. Da Roma a Salah, passando per il futuro e il Mondiale con il Brasile in Russia, questo uno stralcio delle sue parole:

La storia è adesso, e si chiama Liverpool. Domanda semplice: come si ferma Salah?

«È dura. Ha doti innate e ora ha una fiducia in se stesso incredibile, ma possiamo fermarlo giocando di squadra. Il Liverpool, d'altronde, ha qualità collettiva. Sono cattivi, furbi, veloci. Pensate a Firmino. È fenomenale. Non dà punti di riferimento e questo dà molto fastidio agli av- versari. Perciò occorrerà un la- voro di squadra e non solo di di- fesa».

(...)

Che sensazioni ha provato quando era sotto 5-0?

«Una delle peggiori della mia carriera. Avevo addosso un senso d'impotenza. Sono stato male due giorni. Per fortuna il calcio ti dà subito una chance e col Chievo è andata bene».

(...)

Perché quel crollo a Liverpool?

«C'è stato buon inizio, ma dopo il primo gol siamo calati mentalmente e fisicamente. Non siamo riusciti più a fermarli. Può essere che il sistema di gioco abbia con- tato, che un altro schema poteva dare una mano alla squadra, però quello che determina tutto è l'atteggiamento. In campo dobbiamo correre e stare attenti. Per fortuna abbiamo segnato due reti, così siamo ancora vivi».

Che percentuale dà alla Roma di arrivare in finale?

«Noi conosciamo la nostra vera forza, sappiamo che c'è il pubblico come dodicesimo giocatore, che in casa non abbiamo subito mai gol in Europa, che abbiamo battuto 3-0 il Chelsea e il Barcellona. E tutto questo ci dà fiducia. Abbiamo il 50% di possibilità di passare il turno».

Purtroppo, dopo i misfatti dell'andata, si giocherà in un clima militarizzato.

«Certa gente fa associare alla violenza il nome della Roma, ma anche il nostro. Ci mette tutti dentro questo bruttissimo episodio. Ha ragione Di Francesco: condanniamo queste azioni. Speriamo che la partita sia solo una festa».

(...)

Escludendo i romanisti, quali so-no in questo campionato i migliori nel ruolo di attaccante, difensore e portiere?

«Direi Icardi, Miranda e poi c'è il mio idolo, Buffon, ma visto che non ha giocato tanto, scelgo Handanovic».

Tutti interisti: le devo chiedere la differenza che ha trovato tra Di Francesco e Spalletti.

«Spalletti è bravissimo, però gli manca un po' di gestione positi­va nello spogliatoio. Per positiva intendo una gestione che faccia crescere la squadra. Guidare uno spogliatoio è difficile, ma a lui quella dote manca, mentre Di Francesco, che è cresciuto du­rante la stagione, invece ce l'ha».

(...)

Dal Real Madrid allo stesso Liver- pool, il suo nome è associato ai top club, ma adesso si dice che la Roma, grazie agli introiti arrivati dalla Champions, non abbia più bisogno di venderla. Ci sono al- meno il 50% di possibilità che lei resti alla Roma?

«Non so quello che succederà. Logico che l'interesse mi faccia piacere. Dico che non è solo una questione di avere bisogno. So il mio valore - non in soldi ma co­ me calciatore -, so quello che porto alla squadra, ma penso so­ lo al presente. Quello che succe­ derà dopo, lo lasciamo per dopo. Io sono qui, e per fare bene le co­ se devo concentrarmi su questo. Anche quando ero all'Internacional, avevo trattative con la Roma, ma pensavo solo a fare bene. Ho giocato sei mesi col contratto già firmato con i giallo­rossi, eppure ho vinto lo stesso».

(...)

Il Mondiale è alle porte: il Brasile di chi deve avere timore?

«Se vogliamo vincere occorre essere pronti a tutto. Ci siamo preparati benissimo. La qualità sappiamo di averla, ma i primi favoriti sono i tedeschi. La Spagna, poi, è sempre forte, e l'Argentina quando arriva il mo­ mento decisivo cresce. Mi di­ spiace che non ci sia l'Italia, ma per noi significa avere un av­ versario pericoloso in meno».

(...)

Se va a Kiev, che cosa è disposto a fare? Un tatuaggio, una notte alla Nainggolan?

«No, niente di tutto questo. Ho già un discorso con Dio. Un so­ gno grandissimo da realizzare. Non lo sa nessuno. Diciamo so­ lo che si tratta di beneficenza, ma la Parola spiega che non bisogna parlarne perché, se tu lo fai, la tua ricompensa sarà quel­la».
Fonte: Gazzetta dello Sport
COMMENTI
Area Utente
Login

Le Ultime News

 
    1   2   3   4   5   6       >   >> 
 
Notizie di Oggi
 Dom. 29 mar 2020 
Coronavirus, Tommasi: "Prendiamo atto: la stagione forse è finita"
"Dopo le parole del Ministro Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c'è. Sugli stipendi cerchiamo una soluzione comune”
"Tornerai alla Roma?". El Shaarawy risponde con un'emoticon
L'attaccante risponde ai tifosi su Instagram alle domande dei suoi fan: ecco come ha risposto su un possibile ritorno in giallorosso
La Lega replica al ministro Spadafora: "Non è il momento della demagogia"
Il presidente Dal Pino risponde al ministro dello sport che aveva attaccato i club: “Il calcio produce 3 miliardi di euro di ricavi e un indotto di 8”
Calciomercato Roma, dall'Inghilterra: Shaqiri ancora nel mirino
I giallorossi continuano a monitorare lo svizzero, che però in estate può scegliere il Siviglia
Nicchi: "Arbitri pronti a ripartire, non a rischiare la vita"
Presidente Aia "serviranno garanzie per tutti, anche per noi"
CORONAVIRUS, in Germania superati i 60.000 contagi, in Francia i 40.000
La Germania ha superato i 60.000 contagi, che nelle ultime 24 ore quasi 3.000 nuovi...
Coronavirus, in Germania ministro delle Finanze dell'Assia: "Angosciato per la pandemia"
Negli ultimi giorni aveva lavorato "giorno e notte" per aiutare le aziende e i lavoratori a gestire lʼimpatto economico della pandemia
PIRLO: "Ancora oggi piango per l'addio al calcio di Totti"
Fabio Cannavaro e Andrea Pirlo in diretta Instagram hanno parlato della finale del...
Coronavirus Italia, mappa contagio: i nuovi dati regione per regione
Il trend di crescita delle persone attualmente positive al coronavirus rimane stabile. Il totale delle vittime a 10.779. I guariti superano quota 13030
KLUIVERT ai bambini malati: "Situazione a Roma molto tranquilla adesso. Non so se tornerò in Olanda"
Durante questo periodo di emergenza il portale olandese Helden sta organizzando,...
Coronavirus, in Italia, 3.815 positivi (ieri 3.651), 756 morti (ieri 889)
Coronavirus, tornano a salire i contagi ma cala il numero di decessi
 
    1   2   3   4   5   6       >   >>