facebook twitter Feed RSS
Lunedì - 26 ottobre 2020
Mappa Cerca Versión italiana
RomaForever.it
HOME
   
NEWS
   
FORUM
   
SQUADRA
   
CAMPIONATO
   
CHAMPIONS LEAGUE
   
EUROPA LEAGUE
   
COPPA ITALIA
   
 
SHOP
   
AMICHEVOLI
   
CALCIOMERCATO
   
FORMAZIONI
   
PALMARÉS
   
SUPERCOPPA ITALIANA
   
CONTATTACI
   
LAVORO
   
 

Champions, Roma e Juventus: quei 180' che hanno rilanciato le squadre italiane

L'impresa dei giallorossi contro il Barcellona e quella quasi sfiorata dai bianconeri contro il Real Madrid restituiscono lustro alla Serie A. Un risultato che arriva nel giorno più nero per il nostro calcio: l'Italia è 20/a nel ranking per Nazionali, mai così in basso nella storia
Giovedì 12 aprile 2018
ROMA - È la Champions League più interessante degli ultimi anni, finalmente arrivano i colpi di scena e le sorprese, lo spettacolo dei pronostici rovesciati, dei re improvvisamente senza veli. Per la prima volta nella storia in semifinale ci sono un'italiana, una spagnola, un'inglese e una tedesca. E il merito è dell'Italia, proprio lei, la reietta, quella che ai Mondiali non ci sarà. La Roma che asfalta il Barcellona e cancella Messi, la Juve che sbanca il Bernabeu ma le manca un soldo o c'è un fischio di troppo per fare una lira, e intanto piomba in semifinale pure il Liverpool, arrivato fin qui quasi sempre grazie a Salah, una cessione obbligata della Roma, per qualcuno una concessione.

C'è ancora vita su Marte, anzi ce n'è moltissima, forse si manifesta con criteri carsici, si inabissa a lungo poi rispunta fuori con lampi accecanti e quando meno te lo aspetti, ma c'è, eccome. Il cuore del calcio italiano batte forte, anche se in Russia non si presenterà, e invia segnali chiari. Il re è nudo, sta dicendo questa Champions League, anzi lo urla dopo i 180 minuti dei quarti di finale: l'egemonia spagnola è in bilico. Dopo sette stagioni in cui la Spagna piazzava almeno due semifinaliste, questa volta è rimasto solo il Real Madrid, e per pochissimo, come dolorosamente sa la Juve. Il Barcellona è stato spazzato via dalla migliore Roma di sempre in Champions, dall'intelligenza strategica di Di Francesco, dalla capacità di spendersi per 180 minuti con l'intensità che la competizione richiede, dal fuoco, dall'orgoglio di chi è stato per troppo tempo con la testa sotto la sabbia e prima o poi può, deve riemergere, perché cent'anni di tradizione calcistica vorranno pur dire qualcosa.

Il Real Madrid si è salvato per il fischio provvido di un arbitro inglese al 92', che la Juve contesterà per tutta la vita, mentre il mondo del calcio, con una certa compattezza, sembra dar ragione alla decisione di mister Michael Oliver, ma non è esattamente quello il punto: il punto è che la Juventus di quell'altro mirabile stratega di Max Allegri, come la Roma col Barça anche già nell'1-4 del Camp Nou, ha giocato alla pari del Real Madrid sia all'andata sia al ritorno, lo 0-3 di Torino era scaturito comunque da una partita equilibrata, e occhi negli occhi è stata anche la sfida del Bernabeu, fino all'ultimo respiro, fino al 98', ed è stato necessario un rigore di Cristiano sotto l'incrocio dei pali per sfangarla, altrimenti Szczesny avrebbe parato. A Madrid insomma hanno deciso i dettagli infinitesimali, diciamo così, che hanno spostato ancora una volta la bilancia verso chi ha vinto tre delle ultime quattro Champions e che lo scorso anno, anche se in modo assai più vergognoso di mercoledì notte, ricevette cospicui aiuti arbitrali, quella volta fu l'ungherese Kassai (che infatti quest'anno neppure si è avvicinato ad arbitrare la fase a eliminazione diretta) che sollevò il Madrid oltre il Bayern, con decisioni pazzesche.

La Spagna è ancora potentissima dunque, e ostenta la sua grandezza politica ogni volta che si giocano queste sfide decisive, ma l'acciughino Allegri da Livorno e lo sgobbone Di Francesco da Pescara ci hanno spiegato che i mostri sono attaccabili, scalfibili e addirittura battibilissimi, basta studiarli per bene, basta essere capaci di infilarsi nelle pieghe dei loro difetti e delle loro insicurezze, perché tutti ne hanno. È stata una lezione di calcio all'italiana nella sua accezione più raffinata, questa tornata di quarti di finale di Champions. Abbiamo una tale fantastica tradizione culturale, fatta di conoscenze tattiche, di psicologia sportiva e di sapienza tecnica nei momenti che contano, che ci rende clienti intrattabili per chiunque, a patto che si arrivi all'appuntamento nel modo migliore, con la testa e con le gambe.

C'erano solo tre giocatori italiani nella Juve del Bernabeu (Buffon, De Sciglio e Chiellini), appena due nella Roma del 3-0 al Barça (De Rossi e Florenzi). Ed è forse questa una delle cause della mancata qualificazione al Mondiale: nel giorno in cui il petto dei club italiani torna agonfiarsi nel palcoscenico più prestigioso, la Nazionale tocca il punto più basso della propria storia: l'Italia è 20/a nel ranking, retrocessa di sei posizioni dopo la sconfitta con l'Argentina e il pareggio contro l'Inghilterra nelle due amichevoli di marzo. Al comando resta la Germania davanti al Brasile, col Belgio che recupera due posti ed è terzo, scavalcando Portogallo e Argentina. La Polonia passa da sesta a decima e consente a Svizzera e Francia di salire di due posti mentre la Spagna è ottava, in calo rispetto al mese scorso. Gli azzurri sono stati addirittura superati dall'Arabia Saudita e dalla Tunisia: calcisiticamente parlando, un'eresia.

Adesso la Roma, vera mina vagante delle semifinali, affronterà una tra Real Madrid, Liverpool e Bayern Monaco. In tre hanno vinto 22 Coppe dei Campioni: Di Francesco sfiderà la vera aristocrazia del calcio mondiale. Ma senza alcun timore reverenziale. In 180 minuti ci siamo ripresi la credibilità internazionale, come in 180 minuti, quelli da incubo contro la Svezia, l'avevamo persa del tutto. Cosa sia veramente accaduto in quelle due terrificanti partite tra Solna e Milano, a novembre, forse non si saprà mai. Ma è certo che quello è stato l'anno zero, e da questa primavera di Champions è iniziata la ricostruzione. C'è ancora vita tra i marziani italiani. Che ne tengano conto tutti, e al Mondiale si divertano pure senza di noi: peggio per loro.
di Andrea Sorrentino
Fonte: La Repubblica
COMMENTI
Area Utente
Login

Buffon - News

 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >> 
 
 Mer. 16 mag 2018 
L'Italia di Mancini riparte da De Rossi
Sorrisi, ricordi, flash, progetti, speranze e inevitabili slogan. Il primo giorno...
 Mar. 15 mag 2018 
Addio Buffon, parla l'agente: "Non sarà in stile Totti. Quelle celebrazioni appartengo ai romani"
Le parole di Martina: “Sotto la Mole mi aspetto piuttosto un saluto simile a quello di Del Piero”
 Lun. 14 mag 2018 
Nedved: "Siamo animali. Le polemiche ci hanno caricato"
Il vicepresidente della Juventus racconta le difficoltà di inizio stagione: «Il Napoli ci ha dato una motivazione in più, vincere così tanto è disumano»
La Roma sicura della Champions, una partita senza fuoco
Passerà alla storia questa serata romana in cui la Juve festeggia il suo settimo...
Roma-Juventus 0-0: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: ROMA-JUVENTUS 0-0 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Dom. 13 mag 2018 
DE ROSSI: "Qui a Roma di mercato se ne parla tutto l'anno e si tende a dare la colpa a quelli nuovi"
ROMA-JUVENTUS 0-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA DANIELE DE ROSSI: "Fatto qualcosa di miracoloso in Champions ma lo scudetto resta l'obiettivo più alla portata. Si tende a dare la colpa a quelli nuovi, quando invece tanti giocatori hanno bisogno di tempo e di essere aspettati e poi magari dopo un paio di stagioni valutati
CHIELLINI: "Oggi siamo qui a festeggiare... VAR-arbitri? Per noi è linfa vitale, energia"
ROMA-JUVENTUS 0-0 LE INTERVISTE POST-PARTITA CHIELLINI A MEDIASET PREMIUM L'annata?...
Olimpico, casa Juve. Il vestito della festa per chiudere i conti
Che Allegri abbia iniziato a lasciarsi tentare dall'idea di vincere il quinto scudetto...
 Sab. 12 mag 2018 
Roma-Juventus: i convocati di Allegri
I convocati per la trasferta dell'Olimpico
ALLEGRI: "Chiudiamo il discorso scudetto"
ROMA-JUVENTUS LA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI: "Giocheremo di fronte a un pubblico meraviglioso. La Roma ha fatto una grandissima Champions, Di Francesco tra i giovani più bravi"
Alisson e il gemello diverso
La vita, quando vuole, sa essere alquanto curiosa. Prendete ad esempio i casi di...
 Ven. 11 mag 2018 
Buffon, l'Uefa apre due procedimenti disciplinari
Il capitano della Juventus era stato espulso per proteste in Real Madrid-Juventus di Champions. A fine gara le sue parole hanno fatto il giro del mondo
Roma-Juve, un tempo nemiche: tra vendette e voglia di rivincita
Sul campo basterà un punto ad entrambe, ma per i tifosi non sarà mai una sfida come le altre. E Nainggolan già a Cagliari aveva suonato la carica
 Gio. 10 mag 2018 
Benatia: "Dicevano che ero scarso..."
Il difensore decisivo contro il Milan aspetta il match dell’Olimpico: «Giocare contro la Roma è sempre speciale per me, adesso andiamo a prenderci lo scudetto»
Juve, tra vittorie e addii. Milan, flop da 230 milioni. Ma...
Da una parte il ciclo pazzesco dei bianconeri che forse si avvia alla chiusura per questioni anagrafiche (Buffon, Barzagli, Chiellini). Dall'altra un progetto, quello rossonero, bocciato alla prova del campo. E ora? Facciamo il punto
 Lun. 07 mag 2018 
Addio al calcio di Pirlo, la "Notte del Maestro": ecco i convocati
Svelati tutti i nomi, sarà una parata di stelle. Da Ronaldo a Totti, da Shevchenko...
Cagliari-Roma 0-1: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: CAGLIARI-ROMA 0-1 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI...
 Sab. 05 mag 2018 
Pallotta, l'indagine Uefa che Buffon ha schivato
Un " vaffa" a caldo a un delegato pesa più delle critiche distribuite a beneficio...
Pallotta-Uefa: accuse e veleni
Questa Uefa è proprio «insensibile», le battute si sprecano a Trigoria e dintorni....
 Ven. 04 mag 2018 
"Troppo potere ai fischietti. Collina e Uefa fuori dal tempo"
Imprescindibile Var. Al termine di una settimana ricca di polemiche scaturite dalla...
 Gio. 03 mag 2018 
Roma-Liverpool 4-2: Le Pagelle dei Quotidiani
CHAMPIONS LEAGUE: ROMA-LIVERPOOL 4-2 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI...
 Mar. 01 mag 2018 
ALISSON: "Salah vale Messi. Ma all'Olimpico questa Roma può fare la storia"
Sul quotidiano sportivo ha parlato in esclusiva il portiere brasiliano della Roma,...
 Dom. 29 apr 2018 
Alisson, il bonus nei guantoni. Porta inviolata 15 volte
Il portiere brasiliano della Roma sta vivendo una stagione da top player, per la gioia non solo della Roma ma anche dei fantallenatori che hanno creduto in lui.
 Dom. 22 apr 2018 
Juventus-Napoli 0-1: Koulibaly al 90', delirio azzurro allo Stadium
La squadra di Sarri vince allo scadere grazie a un colpo di testa del difensore senegalese. Ora la distanza in classifica con i bianconeri è di un solo punto
 Mar. 17 apr 2018 
Bufera Benatia-Crozza: "Ti aspetto a Vinovo, testa di c..."
Il difensore della Juventus replica su Instagram alle dichiarazioni del comico: «Imbecille, non fai ridere nessuno»
Perotti: "Voglio rispettare il contratto con la Roma, poi l'idea è di tornare al Boca"
Diego Perotti, attaccante della Roma, ha rilasciato un'intervista ai microfoni di...
 Lun. 16 apr 2018 
Lazio-Roma 0-0: Le Pagelle dei Quotidiani
SERIE A: LAZIO-ROMA 0-0 LE PAGELLE DEI MAGGIORI QUOTIDIANI NAZIONALI ITALIANI
 Dom. 15 apr 2018 
Real-Juve, minacce alla moglie di Oliver: polizia britannica apre inchiesta
Sui social della donna volgari accuse sessiste e non solo
 Sab. 14 apr 2018 
Bruce Grobbelaar "La danza dello spaghetto? Sono ancora qui che rido"
"Che noia il Barcellona, contento della sua eliminazione"
 Ven. 13 apr 2018 
Juventus, Buffon chiude il 20 maggio: l'ultima contro il Verona
La carriera del fuoriclasse terminerà a 40 anni. L’annuncio dell’addio nella notte di Madrid: «Mi dispiace lasciare questi ragazzi, spero di aver dato loro qualcosa»
 
 <<    <      2   3   4   5   6   7       >   >>